{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} Vogliono tornare all’EIAR

Media

di Mario Adinolfi

Vogliono tornare all’EIAR

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Articolo tratto dalla versione per abbonati, sostieni LA CROCE

abbonandoti qui : http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Conosco personalmente Massimo Giletti, Massimo Giannini, Giovanni Floris. Non sono un loro amico, non la penso come loro, ma sono stato ospite o intervistato nelle loro trasmissioni in Rai. Non conosco Milena Gabanelli, non sempre ho amato i toni di Report, ma senza dubbio la trasmissione era più che interessante. Cos’hanno in comune i quattro giornalisti che ho citato? Lavoravano in Rai e ora, perché sgraditi a Matteo Renzi, non ci lavorano più. La Gabanelli, ultima in ordine di tempo, si è autosospesa perché il direttore generale Mario Orfeo, già direttore del Tg1 mandato da Renzi e Berlusconi a normalizzare viale Mazzini in vista delle elezioni, la voleva mandare a fare il condirettore di un sito da neanche centomila visitatori. Manco il direttore, il condirettore. E senza risorse per poterlo rilanciare.

Orfeo adotta questa tattica, offre qualcosa di talmente intollerabile da costringere a andarsene con le sue gambe. Con Massimo GIletti è andata così: la domenica pomeriggio conduceva l’Arena, sono stato ospite molte volte di quel format, faceva ascolti pazzeschi, quattro milioni di media e batteva regolarmente la concorrenza di Barbara D’Urso. Il format aveva un problema: parlava di politica e non con tono filogovernativi. Non era un covo di eversivi, c’era una bella dose di conformismo da Raiuno. Ma “la domenica la gente vuole stare tranquilla” ha sentenziato (m)Orfeo prima di buttare nel cesso e tirare la catena su quattro milioni di telespettatori e relativi ricchi contratti degli sponsor.

Oh, Orfeo è contemporaneamente quello dei 930mila all’anno appena elargiti a Bruno Vespa, gran cerimoniere mai sgradito ai larghintesisti Renzi e Berlusconi, ancor più è quello degli undici milioni di euro dati a Fabio Fazio che ora agitano i sonni persino di Raffaele Cantone. Ma Fazio invita Renzi a presentare ogni suo libro e ogni sua campagna elettorale, senza mai fare una domanda che possa essere irritante per il suscettibile ex premier, dunque daje de milionate di euro. Giletti no, non è che sia un watchdog della democrazia, ma insomma s’è permesso di interrompere Berlusconi e di dirgli che lui non è Barbara D’Urso e le domande le fa, Berlusconi ha minacciato di andarsene (poi è rimasto, quattro milioni di italiani sono quattro milioni di italiani, il buon Silvio non è fesso). Ma gli italiani vogliono stare tranquilli la domenica. Renzi e Berlusconi sono due italiani, no?

Prima di Orfeo il buon Matteo Renzi aveva messo sulla tolda di comando di viale Mazzini il suo sodale oratore alla Leopolda, Antonio Campo Dall’Orto. Che per compiacere l’amico aveva fatto fuori il povero Massimo Giannini, che il suo 5% medio su Raitre lo faceva con Ballarò e in una bella puntata mi permise persino un importante scambio di opinioni su temi religiosi con l’Imam Pallavicini mentre la regia inquadrava il rosario colorato con cui cercavo di darmi parole e coraggio. Insomma, quella trasmissione era luogo del pluralismo. Un po’ troppo pluralismo. Via il direttore di Raitre, via Massimo Giannini ed ecco arrivare per volere del nuovo direttore, altra renziana militante con curriculum di interviste-spot a Matteo, Daria Bignardi, il soldato Gianluca Semprini da Sky. Asettico, filogovernativo, un po’ noioso. Invita Matteo Orfini a fare i monologhi, a Renzi piace. Alla gente no, la trasmissione che sostituisce Ballarò si chiama Politics e viene cancellata dopo tre mesi per assenza di telespettatori. Il soldato Semprini legge le news di notte in qualche canale sperduto. E mi dispiace davvero per lui, a Sky s’era dimostrato capace. Ma la Rai ti stritola.

Ho lavorato per molti anni in Rai e ne conosco bene il terribile sport che accomuna l’ipertrofica pianta organica dei dipendenti e dirigenti dell’azienda: fiutare il vento e piazzare la vela in conformità. Per chi ama la libertà delle idee è qualcosa che ti fa mancare l’aria, io mi dimisi addirittura da un contratto a termine, comprendo perfettamente la decisione di Milena Gabanelli di autosospendersi davanti all’umiliazione, come quella di Giletti e Floris (altro sgradito, molto sgradito a Renzi) di andarsene a La7.

Ma il problema è che in Rai sanno far di conto. Mancano centottanta giorni alle elezioni politiche italiane più importanti del secolo, che determineranno gli equilibri di potere per decenni a venire: vinceranno le larghe intese Renzi-Berlusconi o i barbari grillini. A centottanta giorni, forse meno (nel 2013 si votò il 24 febbraio) Renzi e Berlusconi si cautelano. Mettono alla direzione generale un esecutore materiale di ordini politici, che si occupa di fare il lavoro sporco e mettere la mordacchia a qualsiasi voce che disturbi il manovratore. Renzi si ricorda troppo bene l’imitazione devastante di Francesco Rutelli fatta da Corrado Guzzanti a pochi giorni dalle elezioni 2001 quando il leader della Margherita era candidato premier, non vuole scherzi del genere. E così oggi in Rai non c’è neanche una trasmissione che oserà essere critica verso il governo del Pd, verso Renzi e verso Berlusconi. Neanche una. Via l’Arena, via Ballarò, via persino Politics, via Michele Santoro, via Nicola Porro, autosospesa la Gabanelli, Crozza da mo’ che se ne è andato, di geniacci alla Corrado Guzzanti poi manco l’ombra. La satira Orfeo la fa fare a Luca e Paolo con Camera Caffè, sai come tremano i politici. Rivediamoci quel Rutelli d’annata va. Che poi faceva tanto, tanto ridere, prima che la Rai ridiventasse l’Eiar. (dettaglio: di Guzzanti trovate su YouTube tutti gli spezzoni dei suoi spettacoli Rai, ma non il video di quella immortale imitazione pre-elettorale in cui il Rutelli antesignano delle larghe intese implora Berlusconi con lo straordinario “so’ cinque anni che te portamo l’acqua co’ le orecchie, che ce volevi pure la scorza de limone?”). Normalizzare la tv pubblica e metterla sotto stretto controllo politico affinché non emergano possibili voci critiche verso il ceto dominante si chiama regime. E vabbè, siamo in Italia: “Berlusco’, ricordati degli amici”. (della citata imitazione di Guzzanti abbiamo rintracciato solo un audio, riascoltatela prima che cancellino pure questo…ecco, di attacchi di questo genere al centrosinistra governativo e al centrodestra larghintensista nella Rai di Mario Orfeo non ce ne saranno più).

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

08/09/2017
1902/2019
San Corrado da Piacenza

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Renzi fa campagna per il SÌ ed il centro-destra è allo sbando

Che significa identità? Di quale identità stiamo parlando? Mi sembra che Galli della Loggia colga nel segno quando scrive: “In realtà, se oggi la Destra italiana si ritrova priva di una sua specifica immagine, priva di riconoscibilità, è anche perché essa sconta un vuoto storico della propria identità: vale a dire l’assenza di una vera, effettiva, cultura conservatrice

Leggi tutto

Politica

Ora estirpiamo le colonie del male

Non ci piace essere velleitari, l’Unar è istituito da legge dello Stato in recepimento di una direttiva comunitaria, non può essere chiuso. Va sterilizzata la sua funzione di stanziatore di denaro pubblico a favore della lobby lgbt. Dopo la vicenda di Francesco Spano per qualche tempo si asterrà dal farlo, ma dobbiamo tenere la vigilanza alta. E spiegare alla Boschi e a Gentiloni perché non devono più neanche lontanamente immaginare di finanziare con i quattrini delle famiglie italiane quelle associazioni con circoli dove si pratica la prostituzione e si spaccia droga, truffando lo Stato anche sul piano fiscale.

Leggi tutto

SocietĂ 

I nodi dell’alternanza scuola-lavoro

L’Occupazione di ottobre è ormai un rito (in)civile a cui le istituzioni non si sentono di sottrarsi, pena l’apparire “fasciste”. Quest’anno la scusa è data da “La buona scuola”, che ha trasformato
nominalmente tutte le scuole superiori in licei e fattivamente tutti i licei in scuole professionali.
Salvo che – per forza di cose – oltre a non insegnare più il sapere non insegnano neppure il fare.

Leggi tutto

Media

La censura degli indegni

Censurandoci da persone indegne quali siete, cari noti lobbisti, ci avete fatto prendere gusto allo stare per strada, sul territorio, a incontrare le persone. I giornali e le tv locali raccontano le nostri iniziative, persino Repubblica ha raccontato che è stato il Pdf con Mirko De Carli a prendere le difese del sacerdote bolognese che ha giustamente interrogato l’Italia sulle responsabilitĂ  di chi ha ucciso con l’aborto e sul paragone da fare con chi ha ucciso per logica mafiosa. Domani alle 9.45 la nostra campagna di comunicazione per far conoscere il Pdf continua da Canale 5, dove sarò ospite per parlare di temi analoghi. Non ci fermerete, non potete accanirvi su di noi persino nel momento del dolore e pensate che questo popolo non reagisca con tutta la determinazione di cui è capace e cioè mettendo ancora piĂą impegno per vivere i valori in cui sono cresciuti Gianfranco e Massimiliano Amato grazie all’insegnamento del loro papĂ .

Leggi tutto

Politica

BASTA FAKE NEWS SUL PDF

Alla fake news piĂą surreali (tipo “non siete contro l’aborto”) neanche si risponde perchĂ© a chi ti dice che c’è l’asino che vola si rivolge solo uno sguardo di compatimento. La proposta la chiamerò “moratoria delle fake news” anche se vorrei chiamarla “moratoria delle cazzate”. Ognuno faccia la sua campagna elettorale senza affaticarsi a denigrare l’altro. Avremmo potuto citare i sondaggi della Ghisleri che dicono che il mondo Lgbt tifa Giorgia Meloni, ma io lo ripeto: i sondaggi sono oroscopi. Si lavori a far crescere il campo che si preferisce senza dire che chi coltiva l’altro è meritevole di biasimo. Poi alla fine le urne emetteranno una sentenza, tra appena cinque settimane, quindi tutte le chiacchiere se le porterĂ  via il vento insieme alla dignitĂ  di qualcuno che alle fake news resterĂ  legato come immagine a lungo.

Leggi tutto

Politica

Come Ponzio Pilato

I giudici costituzionali hanno solo pavidamente dato un calcio alla palla facendola rotolare in tribuna. Davvero sembra incredibile che di fronte a una domanda semplice (”è incostituzionale l’articolo 580 del codice penale?”) non si sia proceduto con l’ovvia sentenza di rigetto dell’istanza. Ora il presidio, evidentemente, diventa politico.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano