Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Liberato padre Tom

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Padre Tom Uzhunnalil, il sacerdote rapito per 18 mesi in Yemen e liberato poche ore fa, rimarrà in Vaticano per essere sottoposto a cure mediche, ospite della casa salesiana nel territorio della Santa Sede. In un comunicato dell’agenzia dei salesiani si afferma che la sua Congregazione “ha preso tale decisione ritenendola il luogo più adatto per assicurare la sua tutela e permettere un suo completo recupero”. Il sacerdote ritornerà in India quando i medici lo riterranno opportuno.

Padre Tom era stato rapito il 4 marzo 2016 nella casa per anziani delle suore di Madre Teresa ad Aden. Nell’attacco di probabili qaedisti, sono state uccise quattro suore e altre 12 persone.

Padre Tom, appena giunto a Roma, si è recato in Vaticano dove ha potuto incontrare Papa Francesco.

Secondo le usanze indiane, padre Tom si è chinato fino a terra per baciare i piedi del pontefice, che lo ha subito aiutato a rialzarsi, gli ha baciato le mani e lo ha benedetto. Un gesto istintivo seguito da un abbraccio e la promessa da parte del Pontefice che quelle stesse preghiere che lo hanno accompagnato per i 18 lunghi mesi di prigionia proseguiranno anche adesso che ha riguadagnato la sua libertà. Da parte sua, il religioso 57enne ha confidato al Vescovo di Roma di aver «pregato ogni giorno per lui, offrendo le sofferenze proprio per la sua missione e per il bene della Chiesa». Il sacerdote ha anche detto che al Pontefice che durante il periodo del suo sequestro non ha mai potuto celebrare la Messa, ma che “ogni giorno ripetevo dentro di me, nel mio cuore, tutte le parole della celebrazione”.

Il cardinale Oswald Gracias di Mumbai, che lo ha accompagnato dal Papa, ha detto che le condizioni di salute di padre Tom sono buone e che “nel periodo di prigionia non ha avuto particolari problemi ed è
stato trattato bene”.

Le foto diffuse dall’agenzia di notizie salesiana Ans, mostrano un padre Tom sereno, con la barba rasata e in clergyman, che guarda commosso verso il Papa. Una immagine ben diversa da quella diffusa nelle scorse ore dove il religioso appariva con la barba incolta, il volto provato, vestito con abiti tradizionali. Come non ricordare l’immagine con quel terribile screenshot postato anonimamente sulla pagina Facebook del salesiano nel luglio 2016 che ritraeva un uomo dall’aria sofferta, con i capelli e la barba piuttosto lunghi, le mani incrociate sul petto in segno di una ‘supplica’ di cui una didascalia annunciava l’imminente
pubblicazione lasciando presagire ad una richiesta di riscatto o, peggio, ad un ultimo saluto.

Nulla di tutto questo. Anzi, padre Tom “nel periodo di prigionia non ha avuto particolari problemi ed è stato trattato bene”, ha sottolineato il cardinale Gracias. Certo la solitudine e l’ansia continua di non riuscire a vedere il giorno successivo non hanno contribuito a giovare le sue condizioni di salute che, comunque, a detta del porporato, risultano ‘buone’.

Il resoconto dell’Ans afferma che “don Uzhunnalil è apparso tranquillo e disponibile, e senza soffermarsi sui dettagli ha risposto alle domande dei confratelli. Ha confermato che quando gli assalitori lo hanno
rapito si trovava nella cappella della comunità delle Missionarie della Carità di Aden; quindi ha raccontato che dopo il sequestro non è mai stato maltrattato e che a seguito del suo rapido dimagrimento i rapitori hanno anche iniziato a fornirgli i farmaci per il diabete di cui aveva bisogno”.

Durante tutto il periodo della prigionia ha avuto addosso gli stessi vestiti e con i suoi rapitori – che parlavano arabo – comunicava con un po’ d’inglese; e durante il sequestro è stato trasferito due o tre volte, ma
in tali circostanze era sempre bendato. Nel periodo del sequestro, i rapitori hanno diffuso due video, nel dicembre 2016 e un altro pochi mesi fa.

Il missionario ha dichiarato di non aver “mai pensato di poter essere ucciso” e che “ogni giorno, ho sentito Gesù accanto a me, ho sempre saputo e sentito nel mio cuore che non ero solo”.

La dinamica della sua liberazione, come pure l’identità di chi lo ha rapito rimangono oscure. Si sa soltanto che il sacerdote ha potuto essere ritrovato e liberato grazie all’impegno del sultano dell’Oman, a cui
sono giunti i ringraziamenti del Vaticano, del Vicario apostolico dell’Arabia del sud e della comunità salesiana.

In un messaggio del Rettore maggiore dei salesiani, don Ángel Fernández Artime, si afferma: “Molte sono le cose che noi stessi non sappiamo. È certo che la liberazione e la consegna sono avvenute attraverso un
operatore umanitario, in comunicazione e connessione con il Sultanato di Oman”.
Il padre Artime aggiunge che “alla Congregazione Salesiana non è stato chiesto il pagamento di nessun riscatto, e non abbiamo notizia che sia stato effettuato nessun pagamento”.

Padre Tom ha domandato di poter celebrare la Messa ma in attesa delle necessarie visite mediche è stato costretto a rimandare. Ha chiesto però di essere confessato, cosa che non faceva dal giorno del suo rapimento.

Importante anche l’impegno personale di Papa Francesco, che ha speso tutta la sua influenza. Come non ricordare l’accorato appello lanciato il 10 aprile 2016 – circa un mese dopo il rapimento- durante il Regina Coeli in piazza San Pietro, dove Francesco ha chiesto “la liberazione di tutte le persone sequestrate in zone di conflitto armato e in particolare desidero ricordare il sacerdote salesiano Tom Uzhunnalil, rapito ad Aden nello Yemen il 4 marzo scorso”.

Una buona notizia che non può far dimenticare il dramma delloYemen dove, anche a causa di una guerra che va avanti dal 2015, il Paese è sempre più al centro di una crisi umanitaria senza pari nel mondo, con
un’epidemia di colera tra le più gravi mai registrate e un flusso di profughi che attraversa lo Yemen dal Corno d’Africa per raggiungere i ricchi Paesi del Golfo.

Gran parte della comunità internazionale appoggia il presidente Abd Rabbih Mansour Hadi, sostenuto da una coalizione militare guidata dall’Arabia Saudita che controlla lo spazio aereo del Paese, mentre i
ribelli sciiti Houti, fedeli all’ex presidente Ali Abdullah Saleh e fiancheggiati dall’Iran, occupano il nord e la capitale Sana’a.

Nel mezzo una popolazione di oltre 20 milioni di persone, abbandonate a loro stesse senza più infrastrutture o un’autorità riconosciuta. Lo Yemen si sta disintegrando sotto lo sguardo passivo del resto del mondo, per i colpi inferti dalla guerra condotta dall’Arabia Saudita e dai suoi alleati, e per la guerra civile in cui la prima vittima è come sempre la popolazione civile. La situazione è così grave che si è formata una coalizione di 57 organizzazioni non governative internazionali tra le più importanti per chiedere alle Nazioni Unite di aprire un’inchiesta internazionale indipendente sugli abusi compiuti in questo paese dalle diverse fazioni. Così la lotta per il potere nello Yemen, conseguenza di una rivoluzione incompiuta, è servita da pretesto a formare, nel marzo del 2015, una coalizione condotta dalla vicina Arabia Saudita. Riyadh voleva dare una dimostrazione di forza all’Iran, accusato di essere dietro i ribelli houthi, e uno dei protagonisti della crisi yemenita.
Riyadh ha deciso di intervenire dopo che gli houthi, alleati dell’ex presidente Ali Abdallah Saleh, hanno occupato la capitale yemenita Sanaa e Aden, la capitale del sud.

Nonostante la sua inesperienza, il giovane principe Mohamed bin Salman, appena nominato ministro della difesa dell’Arabia Saudita, voleva mostrare il “risveglio sunnita” nei confronti di quella che Riyadh considera
l’affermazione dell’influenza iraniana in una parte del mondo arabo (Libano, Siria, Iraq, Yemen), e al tempo stesso una dimostrazione di forza personale nei giochi di potere della monarchia wahhabita.

Non a caso nel giugno scorso Mohamed bin Salman è diventato il principe ereditario dell’Arabia Saudita cambiando l’ordine di successione in suo favore.

Da qui i bombardamenti, tutt’altro che mirati, che hanno riportato il paese indietro di decenni con la distruzione delle città e delle infrastrutture. Inoltre, la guerra è stata seguita dalla carestia e da epidemie
su vasta scala (sei milioni di persone rischiano di morire di fame) che trovano le organizzazioni umanitarie per lo più impotenti.

Il think tank Crisis group, con sede a Bruxelles, afferma che la fame di cui soffre il 60 per cento degli yemeniti non è affatto dovuta a cause naturali ma all’azione “voluta” dei belligeranti di “criminalizzare
l’economia”.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

15/09/2017
1907/2019
Sant'Arsenio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Papa Francesco e la Bibbia da usare come il cellulare

Qualcuno ha detto: cosa succederebbe se trattassimo la Bibbia come trattiamo il nostro telefono cellulare? Se la portassimo sempre con noi, o almeno il piccolo Vangelo tascabile, cosa succederebbe?; se tornassimo indietro quando la dimentichiamo: tu ti dimentichi il telefono cellulare - oh!, non ce l’ho, torno indietro a cercarlo; se la aprissimo diverse volte al giorno; se leggessimo i messaggi di Dio contenuti nella Bibbia come leggiamo i messaggi del telefonino, cosa succederebbe? Chiaramente il paragone è paradossale, ma fa riflettere. In effetti, se avessimo la Parola di Dio sempre nel cuore, nessuna tentazione potrebbe allontanarci da Dio e nessun ostacolo ci potrebbe far deviare dalla strada del bene; sapremmo vincere le quotidiane suggestioni del male che è in noi e fuori di noi; ci troveremmo più capaci di vivere una vita risuscitata secondo lo Spirito, accogliendo e amando i nostri fratelli, specialmente quelli più deboli e bisognosi, e anche i nostri nemici.
La Vergine Maria, icona perfetta dell’obbedienza a Dio e della fiducia incondizionata al suo volere, ci sostenga nel cammino quaresimale, affinché ci poniamo in docile ascolto della Parola di Dio per realizzare una vera conversione del cuore.

Leggi tutto

Politica

Ogni vuoto viene riempito

O capiamo che dobbiamo tornare ad occupare tutti i nostri spazi valoriali, ritornando pienamente alla nostra identità prima di tutto cristiana e ricordando sempre il nostro status di paese ospitante, o moriremo travolti dalla loro inestinguibile volontà di potenza, nonché dai loro denari. Si sono presi con i petrodollari le nostre più iconiche squadre di calcio (Paris Saint Germain e Manchester City, ma anche il Trohir già presidente dell’Inter ringraziò Allah dopo la prima vittoria dei suoi nerazzurri), ora con la Qatar Charity Foundation finanziano le scuole coraniche e le moschee in Sicilia (2.5 milioni di euro) dopo che con un più ingente pacchetto di 25 milioni di euro hanno fatto costruire 43 moschee su tutto il territorio italiano, secondo quanto riferito dall’imam fiorentino Izzedin Elzir. Qualcuno si è posto un problema dopo aver letto che la Qatar Charity Foundation attraverso il suo già presidente Abdullah Mohammed Yussef finanziava Al Qaeda, secondo quanto riportato da un documento ufficiale del Dipartimento di Stato americano? No, nessuno se l’è posto, siamo andati bellamente felici da italiani a tagliare il nastro alle inaugurazioni delle moschee volute dai quatarini amici di Bin Laden in tutto il paese. Il governo kuwaitiano intanto si occupa di sovvenzionare i musulmani albanesi, mentre il Marocco sostiene le moschee indipendenti attraverso i danari della Missione culturale della sua Ambasciata a Roma. I Fratelli Musulmani invece girano soldi direttamente all’Ucoii, mentre ovviamente molto attiva è anche la monarchia wahabita dell’Arabia Saudita. New entry tra i finanziatori dell’islam in Europa occidentale e anche in Italia, il presidente turco Erdogan, quello che ha ordinato ai due milioni e mezzo di cittadini turchi residenti in Europa (ventimila in Italia) di “fare ognuno cinque figli, così il futuro sarà vostro”.

Leggi tutto

Chiesa

La Riforma e le Riforme nella Chiesa

Come indicato direttamente dall’autore, il volume entra nel dibattito sull’interpretazione del Concilio Vaticano II, che è uno dei temi ai quali monsignor Marchetto ha dedicato una parte importante della sua vita. Cercare di comprendere meglio il Concilio significa, infatti, disporsi ad accoglierne la grazia e il dono, per la Chiesa e per il mondo.
Il Concilio Vaticano II è stato un grande dono di Dio alla Chiesa e, come tutti i doni, va rettamente compreso per potere essere valorizzato fino in fondo. Per esempio, posso regalare a un amico un computer, ma se lui non lo sa usare… è un regalo, per così dire, dimezzato. In effetti, l’interpretazione del Concilio è una questione disputata di questo nostro tempo, nella costante tensione tra i due fuochi di una medesima ellisse ermeneutica. Da un lato il fuoco della novità, dall’altro quello della tradizione, da un lato quello della riforma dall’altro quello della conservazione.

Leggi tutto

Società

10 figli e molte famiglie guardano a Raffaella

È un’appassionata sostenitrice del ruolo del Consulente Familiare, è stata per sei anni presidente dell’Associazione Nazionale Famiglie Numerose e sa di cosa parla, avendo messo al mondo dieci figli. «Tutte le famiglie numerose vivono una sorta di riprovazione sociale – dice – e mancano sia riforme fiscali che incentivino la prolificità sia un giusto riconoscimento della maternità»

Leggi tutto

Politica

L’Argentina e l’aborto

Sembra provvidenziale questa retiterata volontà del Presidente argentino Macri di impedire la legalizzazione dell’aborto nel Paese sudamericano. Infatti, negli stessi giorni in cui il Capo di Gabinetto del Presidente della Repubblica Marcos Peña dichiara ufficialmente che, la depenalizzazione dell’omicidio del concepito nel grembo materno, «non è nei programmi» del Governo (cfr. Marcos Peña: “No está en agenda avanzar” con la legalización del aborto, “La Nación”, 22 de noviembre de 2016), il Nobel per la Letteratura Daniel Mantovani (“El ciudadano ilustre”), descrive un Paese alla ricerca delle proprie «radici europee» e «di una forte e coesiva identità nazionale» (cit. in L’Argentina, un Nobel in ritardo e la ricerca dell’identità nazionale, “Il Corriere della Sera”, 23 novembre 2016, p. 41). E quali possono essere queste “radici europee” se non quelle dell’umanesimo cristiano? Nella vigente Costituzione argentina del resto il Parlamento è chiamato fra l’altro a «dettare un regime di sicurezza sociale speciale» per il bambino anche «durante la gravidanza» (art. 75, co. 23). Per l’ordinamento nazionale appunto l’aborto è ammesso solo in caso di pericolo di vita, stupro o grave pregiudizio per la salute fisica della donna.

Leggi tutto

Chiesa

Amo la Madonna che è madre. Sintesi del viaggio papale a Fatima

Le solite strumentali polemiche, che sempre accompagnano un viaggio apostolico, sono piovute stavolta – mosse insieme da circoli laicisti e da un’autoproclamata intellighentia cattolica – sulle dichiarazioni di Papa Francesco circa i fenomeni di Medjugorie. Spieghiamo per bene che cosa è accaduto.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano