Società

di Mario Adinolfi

L’infamia della giornata mondiale sull’aborto

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Giovedì 28 settembre è data fissata per la surreale “giornata mondiale per l’aborto libero e sicuro”. Non bastano evidentemente i 56 milioni di aborti all’anno censiti dall’Organizzazione mondiale della Sanità. Serve una giornata mondiale per chiedere “l’aborto libero”. Il modello che gli organizzatori hanno in mente è l’aborto a nascita parziale, procedura per fortuna illegale nella totalità degli Stati, ma praticato in alcune cliniche Planned Parenthood degli Stati Uniti sotto l’egida legale della storica sentenza Roe vs. Wade del 1973 della Corte Suprema, nonostante interventi normativi che dal 2003 hanno provato a limitarlo se non a vietarlo.

Cos’è il “partial birth abortion”, la nuova frontiera dell’aborto “libero” che viene richiesta dalla giornata mondiale dell’aborto del 28 settembre? Semplice, è la possibilità per la donna di prendere la decisione di abortire sino alle ultime settimane di gravidanza. Ad oggi le varie legislazioni nazionali permettono l’interruzione volontaria di gravidanza fino al quinto mese in genere, l’Italia è più restrittiva e si ferma al terzo mese, anche se con il trucco dell’aborto “terapeutico” si finisce molto più in là. L’interpretazione della sentenza della Corte Suprema americana consegna però uno scenario infame secondo cui il nascituro non avrebbe diritti e sarebbe parte del corpo della donna che potrebbe farne quello che vuole fino al momento della nascita. In base a questa interpretazione la pratica dell’aborto a nascita parziale prevede l’induzione del parto anche al nono mese di gravidanza, un parto che viene indotto in posizione podalica stando attenti a mantenere la testa del nascituro all’interno del grembo della donna che non riesco a definire materno, per poi introdurre uno speciale forcipe e schiacciare la testa del bimbo per provocarne la morte completando poi il parto con l’espulsione del corpicino ormai senza vita.

Parliamoci chiaro: aborto “libero”, in una condizione in cui tutte le altre modalità sono di fatto ormai praticate, significa via libera al partial birth abortion e all’idea che l’interruzione volontaria di gravidanza sia compiuta senza alcuna limitazione. Per questo sono in programma marcette di femministe, deliranti manifestazioni per abbattere il diritto all’obiezione di coscienza dei medici garantito dalla legge 194 (su questo fronte è vergognosamente attiva la Cgil, con dossier che falsificano i dati, non a caso bocciati in tutte le sedi compresa quella che doveva essere amichevole del Consiglio d’Europa) e vengono lanciati appelli come quello dell’associazione Luca Coscioni che chiede il via libera all’aborto farmacologico ambulatoriale: “La legge sull’interruzione volontaria della gravidanza ha bisogno di un tagliando”, dice la prima firmataria che è Emma Bonino. Emma Bonino. Se lo ricordi qualche prete che la invita a parlare dall’altare di una chiesa. Emma Bonino chiede l’ulteriore banalizzazione dell’aborto, non paga dei sei milioni di bambini uccisi dal 1978 ad oggi, non paga delle oltre duecentomila scatole di pillola dei cinque giorni dopo che sono state vendute nell’anno immediatamente successivo alla completa liberalizzazione come farmaco da banco acquistabile senza ricetta medica (per un banale antibiotico per gli stati febbrili ve la chiedono, per uccidere un embrione che sta per impiantarsi no, e così le scatole vendute diventano in un anno da tredicimila a più di duecentomila, per la gioia della Novartis che le produce).

Allora vogliono che i medici non abbiano diritto all’obiezione di coscienza, vogliono che i bambini possano essere abortiti “liberamente” fino al nono mesi di gravidanza “quando e come decide la donna”, vogliono che la cosa avvenga nella maniera più asettica possibile, senza assegnare minimamente alcun diritto al nascituro, ridotto a mera “cosa”, eliminabile con una pillola e in ambulatorio. Questa è la piattaforma delle richieste vergognose della “giornata mondiale per l’aborto libero e sicuro”.

Noi del Popolo della Famiglia rispondiamo con la proclamazione del Diritto universale a nascere, con la richiesta di trasformazione piena da oggetto a soggetto del nascituro, con la battaglia per il diritto dei più deboli, con il combattimento inesorabile per il suo diritto alla vita. E per il pieno sostegno ai diritti della donna-madre, che deve sapere che può far nascere il bambino senza dover per forza farsene carico e che deve essere sostenuta se in condizione di bisogno e, secondo la nostra proposta programmatica più rilevante, sempre e comunque con il reddito di maternità: mille euro al mese per ogni mamma che si occupa dei propri figli.

In questo momento tragico per i dati di natalità, che minano in maniera esplosiva il futuro del nostro paese, chi propaganda l’aborto è un criminale che vuole il male dell’Italia. Cgil, Emma Bonino, Radicali italiani, Aied, Non Una di Meno sono persone e associazioni che vogliono il male dei bambini e vogliono il male dell’Italia, indicando una strada perversa per le donne di questo paese. La “giornata mondiale per l’aborto libero e sicuro” è una vergognosa truffa contraria all’interesse nazionale, che è quello di veder risollevarsi i dati di natalità, non di avere anche l’anno prossimo altri centomila bambini uccisi prima d’esser nati per ragioni il più delle volte superficiali e risibili rispetto alla meravigliosa bellezza di una vita umana che comincia e si fa largo insieme alla pienezza della femminilità realizzata nella maternità.

Senza figli non c’è futuro, altro che “aborto libero e sicuro”. Troviamo incredibile che esponenti della maggioranza di governo partecipino alle iniziative di questa vergognosa “giornata mondiale” nella stessa data in cui l’esecutivo apre la Conferenza-farsa sulla famiglia. O meglio, sarebbe incredibile se non fosse uno stile ormai conclamato: provare a dare un contentino, mentre nella sostanza si procede con politiche contro la famiglia e contro la vita nascente, addirittura puntando a limitare la libertà dei medici che non vogliono essere complici delle mattanza dei bambini e rivendicano la loro obiezione di coscienza. Il Popolo della Famiglia contesta dunque a Paolo Gentiloni questa palese contraddizione ed invita il governo a salvare la faccia proclamando con nettezza la propria distanza dalle iniziative della Giornata mondiale per l’aborto libero e sicuro, nel giorno in cui apre la Conferenza sulla famiglia. Aborto e famiglia non sono parole che possono andare d’accordo, sono l’una l’esatto contrario dell’altra. Gentiloni e il suo esecutivo non possono omaggiare entrambe nelle stesse ore dello stesso giorno. Altrimenti si capisce che è tutta una presa in giro.

Viva il diritto universale a nascere, viva il reddito di maternità, viva il Popolo della Famiglia.L’INFAMIA DELLA GIORNATA MONDIALE SULL’ABORTO

di Mario Adinolfi

Giovedì 28 settembre è data fissata per la surreale “giornata mondiale per l’aborto libero e sicuro”. Non bastano evidentemente i 56 milioni di aborti all’anno censiti dall’Organizzazione mondiale della Sanità. Serve una giornata mondiale per chiedere “l’aborto libero”. Il modello che gli organizzatori hanno in mente è l’aborto a nascita parziale, procedura per fortuna illegale nella totalità degli Stati, ma praticato in alcune cliniche Planned Parenthood degli Stati Uniti sotto l’egida legale della storica sentenza Roe vs. Wade del 1973 della Corte Suprema, nonostante interventi normativi che dal 2003 hanno provato a limitarlo se non a vietarlo.

Cos’è il “partial birth abortion”, la nuova frontiera dell’aborto “libero” che viene richiesta dalla giornata mondiale dell’aborto del 28 settembre? Semplice, è la possibilità per la donna di prendere la decisione di abortire sino alle ultime settimane di gravidanza. Ad oggi le varie legislazioni nazionali permettono l’interruzione volontaria di gravidanza fino al quinto mese in genere, l’Italia è più restrittiva e si ferma al terzo mese, anche se con il trucco dell’aborto “terapeutico” si finisce molto più in là. L’interpretazione della sentenza della Corte Suprema americana consegna però uno scenario infame secondo cui il nascituro non avrebbe diritti e sarebbe parte del corpo della donna che potrebbe farne quello che vuole fino al momento della nascita. In base a questa interpretazione la pratica dell’aborto a nascita parziale prevede l’induzione del parto anche al nono mese di gravidanza, un parto che viene indotto in posizione podalica stando attenti a mantenere la testa del nascituro all’interno del grembo della donna che non riesco a definire materno, per poi introdurre uno speciale forcipe e schiacciare la testa del bimbo per provocarne la morte completando poi il parto con l’espulsione del corpicino ormai senza vita.

Parliamoci chiaro: aborto “libero”, in una condizione in cui tutte le altre modalità sono di fatto ormai praticate, significa via libera al partial birth abortion e all’idea che l’interruzione volontaria di gravidanza sia compiuta senza alcuna limitazione. Per questo sono in programma marcette di femministe, deliranti manifestazioni per abbattere il diritto all’obiezione di coscienza dei medici garantito dalla legge 194 (su questo fronte è vergognosamente attiva la Cgil, con dossier che falsificano i dati, non a caso bocciati in tutte le sedi compresa quella che doveva essere amichevole del Consiglio d’Europa) e vengono lanciati appelli come quello dell’associazione Luca Coscioni che chiede il via libera all’aborto farmacologico ambulatoriale: “La legge sull’interruzione volontaria della gravidanza ha bisogno di un tagliando”, dice la prima firmataria che è Emma Bonino. Emma Bonino. Se lo ricordi qualche prete che la invita a parlare dall’altare di una chiesa. Emma Bonino chiede l’ulteriore banalizzazione dell’aborto, non paga dei sei milioni di bambini uccisi dal 1978 ad oggi, non paga delle oltre duecentomila scatole di pillola dei cinque giorni dopo che sono state vendute nell’anno immediatamente successivo alla completa liberalizzazione come farmaco da banco acquistabile senza ricetta medica (per un banale antibiotico per gli stati febbrili ve la chiedono, per uccidere un embrione che sta per impiantarsi no, e così le scatole vendute diventano in un anno da tredicimila a più di duecentomila, per la gioia della Novartis che le produce).

Allora vogliono che i medici non abbiano diritto all’obiezione di coscienza, vogliono che i bambini possano essere abortiti “liberamente” fino al nono mesi di gravidanza “quando e come decide la donna”, vogliono che la cosa avvenga nella maniera più asettica possibile, senza assegnare minimamente alcun diritto al nascituro, ridotto a mera “cosa”, eliminabile con una pillola e in ambulatorio. Questa è la piattaforma delle richieste vergognose della “giornata mondiale per l’aborto libero e sicuro”.

Noi del Popolo della Famiglia rispondiamo con la proclamazione del Diritto universale a nascere, con la richiesta di trasformazione piena da oggetto a soggetto del nascituro, con la battaglia per il diritto dei più deboli, con il combattimento inesorabile per il suo diritto alla vita. E per il pieno sostegno ai diritti della donna-madre, che deve sapere che può far nascere il bambino senza dover per forza farsene carico e che deve essere sostenuta se in condizione di bisogno e, secondo la nostra proposta programmatica più rilevante, sempre e comunque con il reddito di maternità: mille euro al mese per ogni mamma che si occupa dei propri figli.

In questo momento tragico per i dati di natalità, che minano in maniera esplosiva il futuro del nostro paese, chi propaganda l’aborto è un criminale che vuole il male dell’Italia. Cgil, Emma Bonino, Radicali italiani, Aied, Non Una di Meno sono persone e associazioni che vogliono il male dei bambini e vogliono il male dell’Italia, indicando una strada perversa per le donne di questo paese. La “giornata mondiale per l’aborto libero e sicuro” è una vergognosa truffa contraria all’interesse nazionale, che è quello di veder risollevarsi i dati di natalità, non di avere anche l’anno prossimo altri centomila bambini uccisi prima d’esser nati per ragioni il più delle volte superficiali e risibili rispetto alla meravigliosa bellezza di una vita umana che comincia e si fa largo insieme alla pienezza della femminilità realizzata nella maternità.

Senza figli non c’è futuro, altro che “aborto libero e sicuro”. Troviamo incredibile che esponenti della maggioranza di governo partecipino alle iniziative di questa vergognosa “giornata mondiale” nella stessa data in cui l’esecutivo apre la Conferenza-farsa sulla famiglia. O meglio, sarebbe incredibile se non fosse uno stile ormai conclamato: provare a dare un contentino, mentre nella sostanza si procede con politiche contro la famiglia e contro la vita nascente, addirittura puntando a limitare la libertà dei medici che non vogliono essere complici delle mattanza dei bambini e rivendicano la loro obiezione di coscienza. Il Popolo della Famiglia contesta dunque a Paolo Gentiloni questa palese contraddizione ed invita il governo a salvare la faccia proclamando con nettezza la propria distanza dalle iniziative della Giornata mondiale per l’aborto libero e sicuro, nel giorno in cui apre la Conferenza sulla famiglia. Aborto e famiglia non sono parole che possono andare d’accordo, sono l’una l’esatto contrario dell’altra. Gentiloni e il suo esecutivo non possono omaggiare entrambe nelle stesse ore dello stesso giorno. Altrimenti si capisce che è tutta una presa in giro.

Viva il diritto universale a nascere, viva il reddito di maternità, viva il Popolo della Famiglia.

27/09/2017
1512/2017
Beata Maria Vittoria de Fornari Strata

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Bagnasco e l’impegno dei cattolici

La prolusione del Cardinale Angelo Bagnasco al Consiglio permanente della Cei è stata di impressionante nettezza. Il richiamo alla «famiglia come baricentro esistenziale da preservare» è stato condito da una serie di affermazioni che tracciano la strada all’impegno dei cattolici italiani

Leggi tutto

Società

Planned Parenthood, così il cerchio si stringe

Pare che quel David Daleiden sia veramente riuscito a scagliare un sasso fatale per il gigantesco Golia degli aborti: i sondaggi mostrano una popolazione americana inorridita davanti ai video e questo fa sì che sempre più ingenti si facciano le forze politiche interessate a recidere le risorse vitali dell’industria abortista. Giovedì pomeriggio hanno testimoniato in udienza, per più di quattro ore, un medico ex abortista, una ex dipendente di Planned Parenthood, una sostenitrice “pro choice” e una donna con tre aborti alle spalle

Leggi tutto

Media

Libri e bimbi

La casa editrice EDB (Centro editoriale dehoniano) esiste dal 1956 e pubblica solo libri, saggi e riviste di argomento religioso cattolico, in tutti gli ambiti, dalla ricerca accademica ai sussidiari per bambini.
Il cuore della sua vocazione è promuovere il rinnovamento post conciliare: sul sito leggiamo: «Della Chiesa del post-concilio ha sempre accompagnato i dinamismi: il rinnovamento nella catechesi; la riforma liturgica – non solo come riforma “dall’alto”, ma quale progressiva presa di coscienza del ruolo di attori da parte dei fedeli –; il rinnovamento della spiritualità, che si è via via incentrata sui testi sacri e sulla Bibbia; il rinnovamento pastorale e la formazione dei membri del popolo di Dio. Il nostro lettore è in genere sensibile ai temi emergenti e alle problematiche intraecclesiali: non a caso uno dei nostri principali referenti è il laico cattolico che vive coscientemente il proprio ruolo nella Chiesa».

Leggi tutto

Politica

Giornate dense

Il Popolo della Famiglia prosegue la sua opera per cambiare la società e la gente lo segue

Leggi tutto

Storie

Manuel Agnelli, Jax Fedez e le parole false

Fedez, compagno di merenda lautamente pagata da Sky Italia nei “live” di XFactor, seduto allo stesso banco di Agnelli si è illuminato e ha esultato quando ha sentito il cantante leader degli Afterhours insultare il mio nome. Già, perché lo stesso Fedez insieme a JAx, sempre leggendo in maniera imbarazzante un testo scritto da altri, nel corso della trasmissione le Iene qualche mese fa si era reso protagonista di un altro vergognoso insulto, con tanto di gestualità, rivolto a me come personificazione di tutte le famiglie che avevano partecipato ai Family Day.

Leggi tutto

Società

Come cambia il volantone di Comunione e Liberazione

Non è ancora stato pubblicato sui siti ufficiali di Comunione e Liberazione, ma poiché pare che il nuovo “volantone” sia stato presentato all’ultima scuola di comunità da don Julián Carrón non ci si aspettano (ulteriori sorprese): l’immagine scelta non poteva che sollevare un polverone, in quanto rappresenta una famiglia di migranti in atteggiamento e contesto che ricordano quelli della Sacra Famiglia. E insorgono ex ciellini. Difficile mantenere l’equilibrio.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2017 La Croce Quotidiano