Società

di Mario Adinolfi

L’infamia della giornata mondiale sull’aborto

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Giovedì 28 settembre è data fissata per la surreale “giornata mondiale per l’aborto libero e sicuro”. Non bastano evidentemente i 56 milioni di aborti all’anno censiti dall’Organizzazione mondiale della Sanità. Serve una giornata mondiale per chiedere “l’aborto libero”. Il modello che gli organizzatori hanno in mente è l’aborto a nascita parziale, procedura per fortuna illegale nella totalità degli Stati, ma praticato in alcune cliniche Planned Parenthood degli Stati Uniti sotto l’egida legale della storica sentenza Roe vs. Wade del 1973 della Corte Suprema, nonostante interventi normativi che dal 2003 hanno provato a limitarlo se non a vietarlo.

Cos’è il “partial birth abortion”, la nuova frontiera dell’aborto “libero” che viene richiesta dalla giornata mondiale dell’aborto del 28 settembre? Semplice, è la possibilità per la donna di prendere la decisione di abortire sino alle ultime settimane di gravidanza. Ad oggi le varie legislazioni nazionali permettono l’interruzione volontaria di gravidanza fino al quinto mese in genere, l’Italia è più restrittiva e si ferma al terzo mese, anche se con il trucco dell’aborto “terapeutico” si finisce molto più in là. L’interpretazione della sentenza della Corte Suprema americana consegna però uno scenario infame secondo cui il nascituro non avrebbe diritti e sarebbe parte del corpo della donna che potrebbe farne quello che vuole fino al momento della nascita. In base a questa interpretazione la pratica dell’aborto a nascita parziale prevede l’induzione del parto anche al nono mese di gravidanza, un parto che viene indotto in posizione podalica stando attenti a mantenere la testa del nascituro all’interno del grembo della donna che non riesco a definire materno, per poi introdurre uno speciale forcipe e schiacciare la testa del bimbo per provocarne la morte completando poi il parto con l’espulsione del corpicino ormai senza vita.

Parliamoci chiaro: aborto “libero”, in una condizione in cui tutte le altre modalità sono di fatto ormai praticate, significa via libera al partial birth abortion e all’idea che l’interruzione volontaria di gravidanza sia compiuta senza alcuna limitazione. Per questo sono in programma marcette di femministe, deliranti manifestazioni per abbattere il diritto all’obiezione di coscienza dei medici garantito dalla legge 194 (su questo fronte è vergognosamente attiva la Cgil, con dossier che falsificano i dati, non a caso bocciati in tutte le sedi compresa quella che doveva essere amichevole del Consiglio d’Europa) e vengono lanciati appelli come quello dell’associazione Luca Coscioni che chiede il via libera all’aborto farmacologico ambulatoriale: “La legge sull’interruzione volontaria della gravidanza ha bisogno di un tagliando”, dice la prima firmataria che è Emma Bonino. Emma Bonino. Se lo ricordi qualche prete che la invita a parlare dall’altare di una chiesa. Emma Bonino chiede l’ulteriore banalizzazione dell’aborto, non paga dei sei milioni di bambini uccisi dal 1978 ad oggi, non paga delle oltre duecentomila scatole di pillola dei cinque giorni dopo che sono state vendute nell’anno immediatamente successivo alla completa liberalizzazione come farmaco da banco acquistabile senza ricetta medica (per un banale antibiotico per gli stati febbrili ve la chiedono, per uccidere un embrione che sta per impiantarsi no, e così le scatole vendute diventano in un anno da tredicimila a più di duecentomila, per la gioia della Novartis che le produce).

Allora vogliono che i medici non abbiano diritto all’obiezione di coscienza, vogliono che i bambini possano essere abortiti “liberamente” fino al nono mesi di gravidanza “quando e come decide la donna”, vogliono che la cosa avvenga nella maniera più asettica possibile, senza assegnare minimamente alcun diritto al nascituro, ridotto a mera “cosa”, eliminabile con una pillola e in ambulatorio. Questa è la piattaforma delle richieste vergognose della “giornata mondiale per l’aborto libero e sicuro”.

Noi del Popolo della Famiglia rispondiamo con la proclamazione del Diritto universale a nascere, con la richiesta di trasformazione piena da oggetto a soggetto del nascituro, con la battaglia per il diritto dei più deboli, con il combattimento inesorabile per il suo diritto alla vita. E per il pieno sostegno ai diritti della donna-madre, che deve sapere che può far nascere il bambino senza dover per forza farsene carico e che deve essere sostenuta se in condizione di bisogno e, secondo la nostra proposta programmatica più rilevante, sempre e comunque con il reddito di maternità: mille euro al mese per ogni mamma che si occupa dei propri figli.

In questo momento tragico per i dati di natalità, che minano in maniera esplosiva il futuro del nostro paese, chi propaganda l’aborto è un criminale che vuole il male dell’Italia. Cgil, Emma Bonino, Radicali italiani, Aied, Non Una di Meno sono persone e associazioni che vogliono il male dei bambini e vogliono il male dell’Italia, indicando una strada perversa per le donne di questo paese. La “giornata mondiale per l’aborto libero e sicuro” è una vergognosa truffa contraria all’interesse nazionale, che è quello di veder risollevarsi i dati di natalità, non di avere anche l’anno prossimo altri centomila bambini uccisi prima d’esser nati per ragioni il più delle volte superficiali e risibili rispetto alla meravigliosa bellezza di una vita umana che comincia e si fa largo insieme alla pienezza della femminilità realizzata nella maternità.

Senza figli non c’è futuro, altro che “aborto libero e sicuro”. Troviamo incredibile che esponenti della maggioranza di governo partecipino alle iniziative di questa vergognosa “giornata mondiale” nella stessa data in cui l’esecutivo apre la Conferenza-farsa sulla famiglia. O meglio, sarebbe incredibile se non fosse uno stile ormai conclamato: provare a dare un contentino, mentre nella sostanza si procede con politiche contro la famiglia e contro la vita nascente, addirittura puntando a limitare la libertà dei medici che non vogliono essere complici delle mattanza dei bambini e rivendicano la loro obiezione di coscienza. Il Popolo della Famiglia contesta dunque a Paolo Gentiloni questa palese contraddizione ed invita il governo a salvare la faccia proclamando con nettezza la propria distanza dalle iniziative della Giornata mondiale per l’aborto libero e sicuro, nel giorno in cui apre la Conferenza sulla famiglia. Aborto e famiglia non sono parole che possono andare d’accordo, sono l’una l’esatto contrario dell’altra. Gentiloni e il suo esecutivo non possono omaggiare entrambe nelle stesse ore dello stesso giorno. Altrimenti si capisce che è tutta una presa in giro.

Viva il diritto universale a nascere, viva il reddito di maternità, viva il Popolo della Famiglia.L’INFAMIA DELLA GIORNATA MONDIALE SULL’ABORTO

di Mario Adinolfi

Giovedì 28 settembre è data fissata per la surreale “giornata mondiale per l’aborto libero e sicuro”. Non bastano evidentemente i 56 milioni di aborti all’anno censiti dall’Organizzazione mondiale della Sanità. Serve una giornata mondiale per chiedere “l’aborto libero”. Il modello che gli organizzatori hanno in mente è l’aborto a nascita parziale, procedura per fortuna illegale nella totalità degli Stati, ma praticato in alcune cliniche Planned Parenthood degli Stati Uniti sotto l’egida legale della storica sentenza Roe vs. Wade del 1973 della Corte Suprema, nonostante interventi normativi che dal 2003 hanno provato a limitarlo se non a vietarlo.

Cos’è il “partial birth abortion”, la nuova frontiera dell’aborto “libero” che viene richiesta dalla giornata mondiale dell’aborto del 28 settembre? Semplice, è la possibilità per la donna di prendere la decisione di abortire sino alle ultime settimane di gravidanza. Ad oggi le varie legislazioni nazionali permettono l’interruzione volontaria di gravidanza fino al quinto mese in genere, l’Italia è più restrittiva e si ferma al terzo mese, anche se con il trucco dell’aborto “terapeutico” si finisce molto più in là. L’interpretazione della sentenza della Corte Suprema americana consegna però uno scenario infame secondo cui il nascituro non avrebbe diritti e sarebbe parte del corpo della donna che potrebbe farne quello che vuole fino al momento della nascita. In base a questa interpretazione la pratica dell’aborto a nascita parziale prevede l’induzione del parto anche al nono mese di gravidanza, un parto che viene indotto in posizione podalica stando attenti a mantenere la testa del nascituro all’interno del grembo della donna che non riesco a definire materno, per poi introdurre uno speciale forcipe e schiacciare la testa del bimbo per provocarne la morte completando poi il parto con l’espulsione del corpicino ormai senza vita.

Parliamoci chiaro: aborto “libero”, in una condizione in cui tutte le altre modalità sono di fatto ormai praticate, significa via libera al partial birth abortion e all’idea che l’interruzione volontaria di gravidanza sia compiuta senza alcuna limitazione. Per questo sono in programma marcette di femministe, deliranti manifestazioni per abbattere il diritto all’obiezione di coscienza dei medici garantito dalla legge 194 (su questo fronte è vergognosamente attiva la Cgil, con dossier che falsificano i dati, non a caso bocciati in tutte le sedi compresa quella che doveva essere amichevole del Consiglio d’Europa) e vengono lanciati appelli come quello dell’associazione Luca Coscioni che chiede il via libera all’aborto farmacologico ambulatoriale: “La legge sull’interruzione volontaria della gravidanza ha bisogno di un tagliando”, dice la prima firmataria che è Emma Bonino. Emma Bonino. Se lo ricordi qualche prete che la invita a parlare dall’altare di una chiesa. Emma Bonino chiede l’ulteriore banalizzazione dell’aborto, non paga dei sei milioni di bambini uccisi dal 1978 ad oggi, non paga delle oltre duecentomila scatole di pillola dei cinque giorni dopo che sono state vendute nell’anno immediatamente successivo alla completa liberalizzazione come farmaco da banco acquistabile senza ricetta medica (per un banale antibiotico per gli stati febbrili ve la chiedono, per uccidere un embrione che sta per impiantarsi no, e così le scatole vendute diventano in un anno da tredicimila a più di duecentomila, per la gioia della Novartis che le produce).

Allora vogliono che i medici non abbiano diritto all’obiezione di coscienza, vogliono che i bambini possano essere abortiti “liberamente” fino al nono mesi di gravidanza “quando e come decide la donna”, vogliono che la cosa avvenga nella maniera più asettica possibile, senza assegnare minimamente alcun diritto al nascituro, ridotto a mera “cosa”, eliminabile con una pillola e in ambulatorio. Questa è la piattaforma delle richieste vergognose della “giornata mondiale per l’aborto libero e sicuro”.

Noi del Popolo della Famiglia rispondiamo con la proclamazione del Diritto universale a nascere, con la richiesta di trasformazione piena da oggetto a soggetto del nascituro, con la battaglia per il diritto dei più deboli, con il combattimento inesorabile per il suo diritto alla vita. E per il pieno sostegno ai diritti della donna-madre, che deve sapere che può far nascere il bambino senza dover per forza farsene carico e che deve essere sostenuta se in condizione di bisogno e, secondo la nostra proposta programmatica più rilevante, sempre e comunque con il reddito di maternità: mille euro al mese per ogni mamma che si occupa dei propri figli.

In questo momento tragico per i dati di natalità, che minano in maniera esplosiva il futuro del nostro paese, chi propaganda l’aborto è un criminale che vuole il male dell’Italia. Cgil, Emma Bonino, Radicali italiani, Aied, Non Una di Meno sono persone e associazioni che vogliono il male dei bambini e vogliono il male dell’Italia, indicando una strada perversa per le donne di questo paese. La “giornata mondiale per l’aborto libero e sicuro” è una vergognosa truffa contraria all’interesse nazionale, che è quello di veder risollevarsi i dati di natalità, non di avere anche l’anno prossimo altri centomila bambini uccisi prima d’esser nati per ragioni il più delle volte superficiali e risibili rispetto alla meravigliosa bellezza di una vita umana che comincia e si fa largo insieme alla pienezza della femminilità realizzata nella maternità.

Senza figli non c’è futuro, altro che “aborto libero e sicuro”. Troviamo incredibile che esponenti della maggioranza di governo partecipino alle iniziative di questa vergognosa “giornata mondiale” nella stessa data in cui l’esecutivo apre la Conferenza-farsa sulla famiglia. O meglio, sarebbe incredibile se non fosse uno stile ormai conclamato: provare a dare un contentino, mentre nella sostanza si procede con politiche contro la famiglia e contro la vita nascente, addirittura puntando a limitare la libertà dei medici che non vogliono essere complici delle mattanza dei bambini e rivendicano la loro obiezione di coscienza. Il Popolo della Famiglia contesta dunque a Paolo Gentiloni questa palese contraddizione ed invita il governo a salvare la faccia proclamando con nettezza la propria distanza dalle iniziative della Giornata mondiale per l’aborto libero e sicuro, nel giorno in cui apre la Conferenza sulla famiglia. Aborto e famiglia non sono parole che possono andare d’accordo, sono l’una l’esatto contrario dell’altra. Gentiloni e il suo esecutivo non possono omaggiare entrambe nelle stesse ore dello stesso giorno. Altrimenti si capisce che è tutta una presa in giro.

Viva il diritto universale a nascere, viva il reddito di maternità, viva il Popolo della Famiglia.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

27/09/2017
0812/2022
Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

PARAGUAY - Laici in cammino per la chiesa

Promuovere la formazione dei laici che partecipano attivamente alla vita e alla missione delle Chiese locali e delle comunità, come battezzati e figli di Dio

Leggi tutto

Storie

USA. 10.000 aborti legali in meno

Secondo quanto riportato da “FiveThirtyEight” infatti, negli Stati Uniti ci sono stati almeno 10.000 aborti legali in meno nei due mesi che hanno seguito il ribaltamento della sentenza Roe vs. Wade.

Leggi tutto

Storie

In migliaia alla marcia della pace in Congo

La marcia è stata promossa dai Vescovi cattolici congolesi per protestare contro le violenze nell’est del Paese

Leggi tutto

Società

Sposarsi in chiesa fa durare il matrimonio

I dati Istat dimostrano che le nozze celebrate con rito religioso hanno una tendenza a resistere maggiore rispetto alle unioni celebrate con rito civile

Leggi tutto

Politica

Dieci obiezioni confutate sul Popolo della Famiglia

Gianfranco Amato ribatte alle obiezioni giunte da più parti sulla decisione del Popolo della Famiglia di competere alle prossime elezioni amministrative

Leggi tutto

Storie

Santità, ma che Casina combinano al Pio IV?

È di questi giorni la notizia – rilanciata sia da Corrispondenza Romana che da La Nuova Bussola quotidiana – della partecipazione di Paul R. Ehrlich in un workshop che si terrà alla Casina Pio IV, dal titolo “Come salvare il mondo naturale da cui dipendiamo”, dal 27 Febbraio al 1 Marzo. Giustamente i sostenitori della vita nascente si sono subito messi in allarme. Ehrlich – per chi non lo sapesse – è autore, tra le altre pubblicazioni, di quel best seller intitolato The Population Bomb che, pur non essendosi rivelato un testo esattamente profetico, lo ha accreditato come esperto di fama mondiale su clima, ambiente, etc. Da allora il prof. non ha perso il vizio di essere profeta (?) di sventure perché – come si può leggere in un’intervista che ha concesso nell’Aprile dell’anno scorso allo svizzero Neue Zürcher Zeitung – prevede per la nostra civiltà il collasso in tempi brevissimi, massimo alcuni decenni. Come? La fantasia non gli manca: potrebbe avvenire a causa di una siccità, un’epidemia, una guerra atomica o, persino, un diluvio (?).

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano