Politica

di Mirko De Carli

Famiglia, la vaghezza di Paolo Gentiloni

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Oggi ha aperto i battenti la terza Conferenza Nazionale sulla famiglia presso la Sala della Protomoteca in Campidoglio a Roma. Discorso inaugurale del Presidente del Consiglio dei Ministri Paolo Gentiloni. Presenti tra i relatori Laura Boldrini, Presidente della Camera dei Deputati e Virginia Raggi sindaco di Roma. Da otto anni non si teneva nel nostro paese una conferenza dedicata al grande tema della famiglia e le attese, come avviene ormai da anni nei palazzi della politica italiana, sono state ampiamente deluse e disattese. E questa delusione la rintracciamo immediatamente nella pochezza di proposte e contenuto del discorso del Presidente del Consiglio.

“Parto dall’evoluzione, sociale e demografica, della famiglia”, così apre il suo intervento Gentiloni riaffermando l’importanza dei nuovi diritti (quali?) riconosciuti alle famiglie italiane (forse intendeva riferirsi alle unioni arcobaleno legiferate su proposta di Monica Cirinnà) e al ruolo cardine svolto dalle famiglie italiane come “tessuto della nostra società “. Parte appunto con “un omaggio alla famiglia in quanto principio costituzionale e fondamento della Repubblica” (a parole ma non nei fatti) e loda la famiglia ritenendola la vera artefice della “tenuta del paese e dell’economia” (non certo grazie al sostegno delle istituzioni repubblicane).

I passaggi successivi sono poi dedicati al crollo verticale della presenza dei cosiddetti “corpi intermedi”, affermando che è in atto una forte “lacerazione nelle comunità in quanto sono indebolite quelle trame che avevano nei corpi sociali dei punti di riferimento che sono andati via via dissolvendosi”. Gentiloni propone questa riflessione per arrivare a dire che “la società ha bisogno di ancoraggi fondamentali e il primo è la famiglia”. Vero, ma cosa hanno realizzato gli ultimi tre governi di questa legislatura per riconoscere alla famiglia quello che il premier definisce “il ruolo di supplenza e complemento allo Stato e alle istituzioni della Repubblica”? Nulla, solo false promesse e pie illusioni.

Nel proseguire la sua analisi Gentiloni arriva a dire che la famiglia è fattore di “coesione e identità” perché davanti alle derive più distorsive della globalizzazione l’Italia mantiene “un privilegio nella sua capacità di reggersi sulla famiglia attraverso coesione e identità culturale, nazionale e civica”. Tutto corretto e corrispondente al vero ma dove possiamo riscontrare coesione e unità nelle misure governative varate e nelle proposte di legge in questi anni di governo di centro-sinistra: unioni civili, divorzio breve, ius soli, 80 euro in busta paga e reddito d’inclusione sono le soluzioni per affrontare questa diagnosi? Credo proprio di no, visto che la crisi perdura e le famiglie sono ancora nella morsa più dura da qualche decennio a questa parte.

Il premier poi non esita ad analizzare, dal punto di vista sociologico, la crisi della struttura sociale italiana arrivando a definire la solitudine come uno dei fenomeni odierni più pericolosi, capace di generare paura all’interno delle comunità locali. Arriva a dire “per fortuna che c’è la famiglia” e io aggiungo “nonostante voi e i vostri malgoverni del paese”. La crisi dell’architettura del nostro paese che da sempre poggia sulla famiglia non è dovuta alla crescente solitudine: la solitudine è un sintomo, come la paura, della rottura di quell’equilibrio naturale tra generazioni che ha sempre poggiato sull’istituto della famiglia. Non investendo e non credendo più sulla famiglia descritta in maniera corretta dai nostri padri costituenti all’art.29 della Costituzione stiamo lentamente diluendo la base di cemento di armato su cui, da sempre, la nostra società ha eretto le proprie fondamenta.

Il fatto che Gentiloni non abbia nemmeno accennato ai falsi miti di progresso delle famiglie arcobaleno non può indurci a fare nostre le riflessioni di alcune porzioni del mondo cattolico che si ritrovano nella parole del Presidente del Forum delle Associazioni Familiari GianLuigi De Palo: “Insomma mi sembra un buon risultato: stiamo sul pezzo e gli estremismi si annullano da soli. Come dicevo ieri: cane e gatto litigheranno sempre e in mezzo c’è la stragrande maggioranza delle persone che, pur partendo a volte, da idee opposte, si ritrovano nella difficoltà nella concretezza delle proprie vite, nel lavoro gomito a gomito e nel buon senso che va oltre le ideologie”. Caro GianLuigi, le difficoltà di noi famiglie non le risolve la Conferenza Nazionale sulla Famiglia ma una proposta per l’Italia che mette in campo misure economiche per la famiglia e per la vita.

Queste misure sono il reddito di inclusione, la farsa del bonus bebè, i congedi parentali e la lotta contro le dimissioni in bianco esaltate dal Presidente Gentiloni? No, questi ad andar bene sono rattoppi. L’unica vera rivoluzione consiste nel l’introduzione del reddito di maternità e del fattore famiglia richiamato anche dal Card. Bassetti nella sua prima prolusione da Presidente della CEI.

Con le diagnosi, anche le più corrette e puntuali, si tenta di catturare consensi a ridosso delle elezioni, con le proposte numeri e dati alla mano si cerca di rendere onore a quelle famiglie che ogni giorno ti spronano a fare politica per servirle. E credetemi, c’è una bella differenza.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

29/09/2017
1909/2019
S. Gennaro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Cattolici: quantità e qualità

I due studi più recenti (Ipsos e Eurispes) concordano su un dato: si definiscono “cattolici” oltre il 70% degli italiani, per Ipsos sono il 74.4%, per Eurispes il 71.1%. Stiamo parlando di circa 45 milioni di persone, una enormità. E infatti se andiamo a cercare i dati sulla pratica religiosa, i cattolici praticanti, quelli che vanno alla messa domenicale sono molti di meno: circa un quarto degli italiani. Ipsos fa una interessante distinzione: l’11.2% lo definisce “cattolico impegnato”, cioè va a messa ed è attivo in parrocchia o nell’associazionismo; poi c’è un 15.8% di “assidui scarsamente impegnati” che dunque vanno a messa una o due volte al mese o anche tutte le settimane ma comunque non avvertono un coinvolgimento né nella dimensione ecclesiale né nell’associazionismo. Il rapporto Ipsos è del novembre 2017, dunque i dati sono recentissimi e sembrano fotografare una condizione di realtà. Volendo fare riferimento ai soli cattolici impegnati, stiamo parlando comunque di un popolo di poco inferiore ai sette milioni di italiani.

Leggi tutto

Società

Obiettivo 100 per cento medici obiettori

Silvio Viale si è vantato, “da medico”, di uccidere bambini. Un approccio contraddittorio consente la soppressione della vita umana nel grembo materno in nome di altri diritti. L’Italia in questo senso è un
avamposto: la stessa legge 194, all’articolo 9, riconosce il diritto all’obiezione di coscienza per il medico che non voglia praticare aborti. Già oggi per la maggioranza sono fedeli al giuramento di Ippocrate.

Leggi tutto

Politica

La strettoia del 26 Maggio

Arrivati a settanta giorni dalla fine della campagna elettorale per le europee, appuntamento decisivo in vista del ridisegnarsi della mappa della politica italiana nella sua transizione infinita verso una qualche forma di stabilità, sarà bene per i cattolici italiani avere chiaro il quadro delle forze in campo per poter orientare con intelligenza il loro voto. Sette milioni di cattolici praticanti un anno fa, il 4 marzo, hanno premiato secondo tre studi dei flussi di consenso insolitamente concordanti, principalmente Pd e M5S, che insieme a Forza Italia e Lega (rispettivamente terza e quarta forza tra coloro che vanno a messa tutte le domeniche) hanno ottenuto complessivamente oltre l’ottanta per cento dei voti. Il Popolo della Famiglia si è fermato al 3.3% dei voti dei cattolici praticanti il 4 marzo, il resto è stato suddiviso tra Fratelli d’Italia, Noi con l’Italia, Civica Popolare, Insieme, Italia agli Italiani con addirittura un piccolo segmento di consensi anche per +Europa, Casapound, Leu e Potere al Popolo.

Leggi tutto

Società

Odissea di un altro convegno a Milano

Non c’è pace per un convegno milanese sulla famiglia, che viene spostato di sala negata in sala negata. Alla fine si terrà nella sala consiliare di Seriate, vicino Bergamo.

Leggi tutto

Società

“Donazioni remunerate”, così si pagano i feti

«Tutto ciò che offriamo è roba fresca: tessuto cardiaco, occhi, tessuto neurale… la gente vuole spine dorsali… oh – termina con un sorriso – e le gonadi!». Così ha parlato la dottoressa Carolyn Westhoff, ignara di prestarsi all’obiettivo del Center for Medical Progress: dopo di lei Deborah VanDerhei spiega che «non c’è policy», perché se ci fosse «potrebbe distruggerci tutti»

Leggi tutto

Società

Marco Tarquinio parliamone….

Caro Marco, ci conosciamo da un quarto di secolo e i miei primi anni di vita professionale li ho condotti apprezzando le tue doti di collega accorto e ligio, aiutando credo in maniera decisiva la tua scalata alla direzione di Avvenire. Mi permetterò dunque la franchezza per una volta spoglia dalle ipocrisie del cattolichese, a cui il tuo giornale quotidianamente ci abitua. Il riferimento è alla lettera di Valeria Fedeli e alla tua risposta pubblicate il 20 dicembre 2016 sotto il titolo “Fedeli: il mio impegno per educare alla parità tra uomo e donna”. Il Popolo della Famiglia, movimento che presiedo, non chiama la signora ministro o ministra o che dir si voglia, è indegnamente seduta a viale Trastevere avendo mentito sui suoi titoli di studio, millantato una laurea mai posseduta, addirittura non ha mai sostenuto neanche l’esame di maturità. Abbiamo dimostrato questi fatti con evidenza, colei che noi chiamiamo “pinocchia” li ha candidamente ammessi, con arroganza non ha presentato le dimissioni che sarebbero state considerate naturali e ovvie in qualsiasi paese del mondo. Anzi, cerca legittimazione venendo a scrivere una lettera densa di bugie proprio al direttore di Avvenire, che non ritiene di menzionare l’incidente del titolo di studio inventato (per non dover menzionare il Popolo della Famiglia), mentre nello scritto della signora riscontra “lineare chiarezza

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano