Politica

di Mario Adinolfi

Volete o non volete cambiare il Paese?

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Basta chiacchiere, ora si fa sul serio. Il governo ha varato la sua brava manovra elettorale con spiccetti a pioggia agli amici e niente alla famiglia, Renzi parte con il suo treno “Destinazione Italia” a fare propaganda, Berlusconi annuncia che il suo nome sarà sul simbolo anche se è incandidabile, Grillo tra una bestemmia e un sindaco indagato prova a convincere il Paese che davvero il meglio è fare Luigi Di Maio presidente del Consiglio. Si fa strada sui giornali persino CasaPound e le liti tra i vari cespuglietti a sinistra del Pd segnalano che davvero siamo entrati in clima caldo: insomma, è cominciata la campagna elettorale.

Le Camere verranno sciolte subito dopo il 15 dicembre, al voto si andrà con ogni probabilità il 4 marzo. Se passa il Rosatellum il Popolo della Famiglia deve raccogliere 48.750 firme in tutta Italia per presentarsi alle elezioni, se non passa le firme sono 150mila. Alla fine speriamo che passi, ci alleggerisce il lavoro preparatorio. Subito dopo lo scioglimento convocheremo l’assemblea nazionale e insedieremo un comitato per la scrittura del programma (in gran parte già delineato e contenuto in O capiamo o moriamo, nel capitolo intitolato Una proposta per l’Italia), mentre un altro comitato si occuperà della definizione delle candidature. Questo secondo aspetto è problematico per gli altri partiti, per noi per fortuna non abbiamo mai avuto una lite sulle candidature, sempre tutto molto chiaro e trasparente a partire dalla disponibilità delle persone. Anche questa volta faremo così. Cominciamo da oggi a raccogliere la disponibilità delle persone a candidarsi al Parlamento in rappresentanza del Popolo della Famiglia. Potete segnalarvi già qui nei commenti e poi inviarmi a [email protected] un curriculum breve e i riferimenti telefonici che poi utilizzeremo nel comitato candidature per stabilire le griglie nelle nostre liste. Cerchiamo 630 candidati per la Camera e 315 per il Senato, al Senato ci si può candidare solo se si ha più di 40 anni. Il 60% dei candidati devono essere maschi e il 40% donne, quindi, signore, non abbiate paura.

Queste sono le certezze. Non sappiamo ancora con quale sistema si andrà a votare. Quel che sappiamo è che se supereremo lo sbarramento decine di candidati diventeranno effettivamente parlamentari: almeno venti con il Rosatellum, almeno trenta con il Consultellum. Ovviamente presupposto per la candidatura in rappresentanza del Popolo della Famiglia è essere iscritti al Popolo della Famiglia. L’iscrizione al Popolo della Famiglia costa 50 euro per il 2017 (liberi di fare donazioni superiori, chi versa almeno 500 euro è socio sostenitore, ha priorità nelle candidature e ottiene in regalo l’abbonamento annuale digitale al quotidiano La Croce) e si regolarizza con un bonifico al conto intestato a POPOLO DELLA FAMIGLIA che ha il seguente IBAN: IT88M0103003241000000354618 del Monte Paschi Siena, agenzia Roma 41. Si può in alternativa inviare un vaglia postale a POPOLO DELLA FAMIGLIA piazza del Gesù 47 00186 Roma. Per chi vuole iscriversi on line è attivo il marketplace del quotidiano La Croce all’indirizzo web www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora utilizzando la carta di credito. Una volta completata l’iscrizione segnalarsi con una email al nostro coordinatore nazionale Nicola Di Matteo ([email protected]) ricordandosi di indicare l’indirizzo dove si vuole ricevere la tessera.

La disponibilità alla candidatura va evidentemente intesa in spirito di servizio, non siamo un partito che promette poltrone, noi siamo un movimento che promette battaglia su principi ben chiari. Per andare in battaglia servono soldati e i 945 nostri candidati alla Camera e al Senato saranno la nostra prima linea. Speriamo siano spinti da un milione di cittadini italiani fino al Parlamento. Sarà necessario per ogni candidato, fatelo anche commentando qui sotto se vi segnalate pubblicamente, indicare le aree geografiche in cui si è disposti a candidarsi segnalandone più d’una in modo che si possa comporre adeguatamente una presenza su tutto il territorio nazionale. Diciotto parlamentari verranno poi eletti dagli italiani all’estero e sarebbe molto importante avere nostri candidati anche tra le comunità italiane nei vari paesi del mondo.

Ogni candidato sul territorio dovrà collaborare con gli altri candidati e con i simpatizzanti del movimento per la raccolta firme, operazione necessaria per la presentazione della lista sul territorio stesso. Ci si muoverà organizzati in 65 collegi se passerà il Rosatellum e in 100 se dovesse restare in vigore il Consultellum. Se passerà il Rosatellum potranno vidimare le firme raccolte anche gli avvocati cassazionisti, quindi pensiamo subito a possibili studi legali che ci diano una mano, ricordando che il nostro segretario nazionale Gianfranco Amato guida anche i Giuristi per la Vita e dunque in loro si può trovare sponda sicura.

Se le Camere saranno sciolte attorno alla metà di dicembre, l’assemblea nazionale degli iscritti al Pdf si terrà il primo sabato successivo utile. La fase preparatoria di liste e programma occuperà anche le vacanze di Natale, una nuova assemblea nazionale sarà convocata a gennaio per la ratifica liste e l’avvio ufficiale della campagna elettorale. Entro il 4 febbraio si dovrà completare la raccolta firme e poi scatteranno i trenta giorni di campagna elettorale, che il Popolo della Famiglia chiuderà il 2 marzo sera a piazza San Giovanni (o se prenotata da altro movimento politico, al Circo Massimo). Poi il 4 marzo vedremo se i 945 soldati che hanno messo la propria faccia e la propria fatica a sostegno della vita e della famiglia, contro la cultura mortifera dei falsi miti di progresso, avranno ottenuto grazie a Dio la vittoria.

Saranno mesi entusiasmanti e dispendiosissimi, occorreranno soprattutto capacità organizzative e nervi saldi. Ma la sensazione che cresce attorno a tutti noi, che ci arriva anche dai nostri terminali territoriali come Mirko De Carli e Filippo Grigolini, Massimiliano Amato e Raffaele Adinolfi, è che l’impresa possa essere compiuta.

La domanda è secca: vuoi essere uno dei 945 candidati del Popolo della Famiglia al Parlamento, assumendoti i relativi oneri e onori? Chi risponde sì cominci a segnalarsi qui nei commenti o scrivendo una email. Il battaglione dei soldati deve cominciare a comporsi, da oggi parte la chiamata alle armi. Anche per il Popolo della Famiglia è tempo di campagna elettorale concretamente avviata e serviranno fatti, disponibilità personali e risorse. Con le chiacchiere si va poco lontano.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

18/10/2017
0808/2022
San Domenico

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

I Millennials lo fanno, si ma senza un perchè

Tanta “informazione” si perde alla fine nel bicchiere di progetti astrusi che non guardano alle domande dei ragazzi

Leggi tutto

Media

O capiamo o moriamo

Ho scelto una tonalità da romanzo in un saggio, in cui cerco di far comprendere che quanto affermava il cardinale Biffi sull’Europa che se non sarà ricristianizzata sarà definitivamente islamizzata è totalmente vero. L’arma non sarà il terrorismo, ma la demografia che è scienza inesorabile come la matematica: se negli ultimi due anni sono morti seicentomila italiani più di quanti ne siano nati e gli islamici con il 7% della popolazione residente hanno fatto il 25% dei figli, la fine è scritta. Saremo la generazione responsabile della fine di una civiltà (lo scrive Onfray) e la Sharia “addolcita” che sostituirà gli ordinamenti giuridici fondati sulla radice giudaico-cristiana piacerà alle élites, come profetizzato in “Sottomissione” di Houellebecq, con il suo mix di poligamia legalizzata e autoritarismo.

Leggi tutto

Politica

Strage di Bologna: Mambro, Fioravanti e l’Italia che non sa

Non sono un giustizialista, non proverei libidine nel vederli ai ceppi. Ma un po’ il mondo l’ho girato e mi rendo conto che una storia come questa possiamo raccontarla solo noi in Italia. Mettono una bomba nella sala d’aspetto di una stazione, uccidono nella maniera più vigliacca possibile una valanga di bambini, donne, anziani. Non in un grado di giudizio, non un solo giudice, ma una marea di giudici fino alla Cassazione indicano in Francesca Mambro e Giusva Fioravanti gli esecutori materiali della strage. Il 23 novembre 1995 la Repubblica italiana certifica con il terzo grado di giudizio la sentenza definitiva di colpevolezza, nel 1998 la Mambro è già in semilibertà, Fioravanti poverino deve aspettare il 1999. Lo sapevate? Ve l’hanno mai detto? Ve lo immaginate che possa accadere negli Stati Uniti d’America o in qualsiasi paese civile che i condannati per la strage più grave della storia di quel paese, a tre anni dalla sentenza definitiva possano camminare liberi per il centro della capitale? Il tutto, attenzione, senza mai aver collaborato con la giustizia, avendo mantenuto sempre orgogliosamente le bocche cucite e forse il premio è arrivato proprio per questo.

Leggi tutto

Politica

Un caso per riflettere sulla dignità

Neanche una domanda puntuta all’aspirante paladina dei diritti femminili fuori tempo massimo. Il caso Bianca Berlinguer, Asia Argento

Leggi tutto

Società

Come cambia il volantone di Comunione e Liberazione

Non è ancora stato pubblicato sui siti ufficiali di Comunione e Liberazione, ma poiché pare che il nuovo “volantone” sia stato presentato all’ultima scuola di comunità da don Julián Carrón non ci si aspettano (ulteriori sorprese): l’immagine scelta non poteva che sollevare un polverone, in quanto rappresenta una famiglia di migranti in atteggiamento e contesto che ricordano quelli della Sacra Famiglia. E insorgono ex ciellini. Difficile mantenere l’equilibrio.

Leggi tutto

Storie

L’Ungheria del dopo voto raccontata da chi la conosce vermente

Un lettore marito di una donna ungherese racconta dal suo privilegiato punto di vista sui magiari l’elezione di domenica

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano