Politica

di Mario Adinolfi

Volete o non volete cambiare il Paese?

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Basta chiacchiere, ora si fa sul serio. Il governo ha varato la sua brava manovra elettorale con spiccetti a pioggia agli amici e niente alla famiglia, Renzi parte con il suo treno “Destinazione Italia” a fare propaganda, Berlusconi annuncia che il suo nome sarà sul simbolo anche se è incandidabile, Grillo tra una bestemmia e un sindaco indagato prova a convincere il Paese che davvero il meglio è fare Luigi Di Maio presidente del Consiglio. Si fa strada sui giornali persino CasaPound e le liti tra i vari cespuglietti a sinistra del Pd segnalano che davvero siamo entrati in clima caldo: insomma, è cominciata la campagna elettorale.

Le Camere verranno sciolte subito dopo il 15 dicembre, al voto si andrà con ogni probabilità il 4 marzo. Se passa il Rosatellum il Popolo della Famiglia deve raccogliere 48.750 firme in tutta Italia per presentarsi alle elezioni, se non passa le firme sono 150mila. Alla fine speriamo che passi, ci alleggerisce il lavoro preparatorio. Subito dopo lo scioglimento convocheremo l’assemblea nazionale e insedieremo un comitato per la scrittura del programma (in gran parte già delineato e contenuto in O capiamo o moriamo, nel capitolo intitolato Una proposta per l’Italia), mentre un altro comitato si occuperà della definizione delle candidature. Questo secondo aspetto è problematico per gli altri partiti, per noi per fortuna non abbiamo mai avuto una lite sulle candidature, sempre tutto molto chiaro e trasparente a partire dalla disponibilità delle persone. Anche questa volta faremo così. Cominciamo da oggi a raccogliere la disponibilità delle persone a candidarsi al Parlamento in rappresentanza del Popolo della Famiglia. Potete segnalarvi già qui nei commenti e poi inviarmi a [email protected] un curriculum breve e i riferimenti telefonici che poi utilizzeremo nel comitato candidature per stabilire le griglie nelle nostre liste. Cerchiamo 630 candidati per la Camera e 315 per il Senato, al Senato ci si può candidare solo se si ha più di 40 anni. Il 60% dei candidati devono essere maschi e il 40% donne, quindi, signore, non abbiate paura.

Queste sono le certezze. Non sappiamo ancora con quale sistema si andrà a votare. Quel che sappiamo è che se supereremo lo sbarramento decine di candidati diventeranno effettivamente parlamentari: almeno venti con il Rosatellum, almeno trenta con il Consultellum. Ovviamente presupposto per la candidatura in rappresentanza del Popolo della Famiglia è essere iscritti al Popolo della Famiglia. L’iscrizione al Popolo della Famiglia costa 50 euro per il 2017 (liberi di fare donazioni superiori, chi versa almeno 500 euro è socio sostenitore, ha priorità nelle candidature e ottiene in regalo l’abbonamento annuale digitale al quotidiano La Croce) e si regolarizza con un bonifico al conto intestato a POPOLO DELLA FAMIGLIA che ha il seguente IBAN: IT88M0103003241000000354618 del Monte Paschi Siena, agenzia Roma 41. Si può in alternativa inviare un vaglia postale a POPOLO DELLA FAMIGLIA piazza del Gesù 47 00186 Roma. Per chi vuole iscriversi on line è attivo il marketplace del quotidiano La Croce all’indirizzo web www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora utilizzando la carta di credito. Una volta completata l’iscrizione segnalarsi con una email al nostro coordinatore nazionale Nicola Di Matteo ([email protected]) ricordandosi di indicare l’indirizzo dove si vuole ricevere la tessera.

La disponibilità alla candidatura va evidentemente intesa in spirito di servizio, non siamo un partito che promette poltrone, noi siamo un movimento che promette battaglia su principi ben chiari. Per andare in battaglia servono soldati e i 945 nostri candidati alla Camera e al Senato saranno la nostra prima linea. Speriamo siano spinti da un milione di cittadini italiani fino al Parlamento. Sarà necessario per ogni candidato, fatelo anche commentando qui sotto se vi segnalate pubblicamente, indicare le aree geografiche in cui si è disposti a candidarsi segnalandone più d’una in modo che si possa comporre adeguatamente una presenza su tutto il territorio nazionale. Diciotto parlamentari verranno poi eletti dagli italiani all’estero e sarebbe molto importante avere nostri candidati anche tra le comunità italiane nei vari paesi del mondo.

Ogni candidato sul territorio dovrà collaborare con gli altri candidati e con i simpatizzanti del movimento per la raccolta firme, operazione necessaria per la presentazione della lista sul territorio stesso. Ci si muoverà organizzati in 65 collegi se passerà il Rosatellum e in 100 se dovesse restare in vigore il Consultellum. Se passerà il Rosatellum potranno vidimare le firme raccolte anche gli avvocati cassazionisti, quindi pensiamo subito a possibili studi legali che ci diano una mano, ricordando che il nostro segretario nazionale Gianfranco Amato guida anche i Giuristi per la Vita e dunque in loro si può trovare sponda sicura.

Se le Camere saranno sciolte attorno alla metà di dicembre, l’assemblea nazionale degli iscritti al Pdf si terrà il primo sabato successivo utile. La fase preparatoria di liste e programma occuperà anche le vacanze di Natale, una nuova assemblea nazionale sarà convocata a gennaio per la ratifica liste e l’avvio ufficiale della campagna elettorale. Entro il 4 febbraio si dovrà completare la raccolta firme e poi scatteranno i trenta giorni di campagna elettorale, che il Popolo della Famiglia chiuderà il 2 marzo sera a piazza San Giovanni (o se prenotata da altro movimento politico, al Circo Massimo). Poi il 4 marzo vedremo se i 945 soldati che hanno messo la propria faccia e la propria fatica a sostegno della vita e della famiglia, contro la cultura mortifera dei falsi miti di progresso, avranno ottenuto grazie a Dio la vittoria.

Saranno mesi entusiasmanti e dispendiosissimi, occorreranno soprattutto capacità organizzative e nervi saldi. Ma la sensazione che cresce attorno a tutti noi, che ci arriva anche dai nostri terminali territoriali come Mirko De Carli e Filippo Grigolini, Massimiliano Amato e Raffaele Adinolfi, è che l’impresa possa essere compiuta.

La domanda è secca: vuoi essere uno dei 945 candidati del Popolo della Famiglia al Parlamento, assumendoti i relativi oneri e onori? Chi risponde sì cominci a segnalarsi qui nei commenti o scrivendo una email. Il battaglione dei soldati deve cominciare a comporsi, da oggi parte la chiamata alle armi. Anche per il Popolo della Famiglia è tempo di campagna elettorale concretamente avviata e serviranno fatti, disponibilità personali e risorse. Con le chiacchiere si va poco lontano.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

18/10/2017
0912/2022
San Siro vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Renzi fa campagna per il SÌ ed il centro-destra è allo sbando

Che significa identità? Di quale identità stiamo parlando? Mi sembra che Galli della Loggia colga nel segno quando scrive: “In realtà, se oggi la Destra italiana si ritrova priva di una sua specifica immagine, priva di riconoscibilità, è anche perché essa sconta un vuoto storico della propria identità: vale a dire l’assenza di una vera, effettiva, cultura conservatrice

Leggi tutto

Società

UNAR, TUTTO QUELLO CHE LE IENE NON VI HANNO DETTO

Il Popolo della Famiglia aveva denunciato questa situazione a Roma quasi un anno fa, in occasione della sua campagna elettorale nella Capitale in cui chiedeva di “estirpare le colonie del male”, indicando proprio in circoli e dark room come quelle finanziate dallo Stato i luoghi dove si sviluppava una cultura del sesso promiscuo che mescolato al consumo sistematico di droghe aveva portato a tragedie come quelle dell’omicidio di Luca Varani. Proprio per questa attività di indagine e denuncia che il Popolo della Famiglia a Roma porta avanti fin dalla sua fondazione nel marzo 2016, siamo in grado di fornirvi i dettagli che Le Iene hanno deliberatamente occultato, non indicando ad esempio il nome dell’associazione finanziata, l’importo complessivo del bando, il legame a doppio filo tra il direttore dell’Unar Francesco Spano e questa associazione ed altre questioni che qui riveleremo.

Leggi tutto

Storie

Il centenario di Fatima ed il PDF

Suor Lucia, la più longeva dei tre pastorelli che cent’anni fa videro la Vergine, scrisse al cardinale Carlo Caffarra che «lo scontro finale tra il Signore e il regno di Satana sarà sulla famiglia e sul matrimonio». Questo è il punto decisivo, spiegava la venerabile. Il Popolo della Famiglia no

Leggi tutto

Media

DIALOGO FRANCO TRA IL PDF E AVVENIRE

Ci siamo confrontati con molte difficoltà, ma non con quella di determinare il nostro orizzonte programmatico: siamo ispirati dalla dottrina sociale della Chiesa e ad essa facciamo diretto riferimento. Questo non fa del Popolo della Famiglia un movimento confessionale. Chi legge la nostra quotidiana elaborazione di contenuti, anche attraverso il quotidiano La Croce, sa che ad essa collaborano personalità provenienti non solo dal mondo cattolico, ma anche evangelici, persino islamici, così come agnostici e non mancano gli atei. Certo, l’ossatura del gruppo dirigente del Popolo della Famiglia è composta da cattolici, che danno il segno caratteristico a questo movimento politico nato dopo il tradimento delle ragioni del Family Day operato attraverso il voto favorevole alla legge Cirinnà di moltissimi parlamentari sedicenti cattolici che pure al Family Day erano presenti.

Leggi tutto

Storie

San Paolo ed il gender

Durante un convegno di Gianfranco Amato e Silvana De Mari a Bagheria il professor Luciano Sesta, docente cattolico di antropologia filosofica e
bioetica all’Università di Palermo, ha voluto prendere la parola, dichiarando a sorpresa che a suo avviso il primo manifesto “gender” si troverebbe
nella lettera ai Galati di san Paolo. Si trattò di una provocazione, che però merita di essere sviscerata adeguatamente e in modo esaustivo

Leggi tutto

Società

Alfie: se questo (non) è un bimbo

«Alfie non era più e forse non era mai stato un bambino»: tra le tante perle d’insulto mortale sciorinate sui media nelle ultime settimane questa di Laura Zambelli Del Rocino raggiunge una qualche posizione apicale. L’articolista parla della vicenda sanitaria del proprio padre senza vedere che proprio in quella sta la chiave – l’unica – per una sanità che non sia disumana.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano