Media

di Claudia Cirami

Educatori si nasce o si diventa?

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

La capacità di educare è innata o può essere acquisita? Se ancora, dopo secoli (o millenni) di storia, abbiamo necessità di scrivere e di leggere sulla relazione tra gli educatori e coloro di cui hanno la responsabilità educativa significa che ci troviamo di fronte ad un ambito vitale sempre suscettibile di approfondimento e crescita. Un mondo che merita di essere esplorato ancora una volta, tanta è la ricchezza umana – al di là di ogni rappresentazione mitica – che è possibile esperire. È dunque interessante sfogliare il libro “Educatori si nasce o si diventa? Vivere la sfida educativa tra passione, competenza e profezia” di Lorenzo Ferraroli, edito dalle Edizioni San Paolo (208 pagine, 12.00 euro). Perché su questa relazione c’è ancora molto da sapere, scoprire, imparare, mettere in pratica. Se guardiamo ad un classico della letteratura come Il Piccolo Principe di Antoine de Saint Exupery, alla fine, ciò che permane di tutto il libro è il modo in cui la volpe sapiente insegna all’ingenuo principe come entrare fruttuosamente in relazione con l’altro (“creare dei legami”, nel linguaggio del capolavoro francese). Se poi, in una prospettiva cristiana, andiamo ai Padri della Chiesa e alla loro definizione del Cristo come Pedagogo, è facilmente intuibile che l’educazione nasce dall’incontro di due interiorità (ed è riflesso di quella relazione primigenia che lega Dio all’uomo). Nel caso di un rapporto educativo, dunque, non si può prescindere dal creare un ponte tra persone, l’educatore e coloro che gli sono affidati. Perché siamo esseri in relazione.

Il testo ha origine esperienziale: Ferraroli è un educatore salesiano che ha vissuto in prima persona i processi educativi e la relazione, a volte alchemica, a volte difficile, che si stabilisce con le persone che siamo chiamati ad “educare” (ma è risaputo che anche l’educatore viene a sua volta educato nel rapporto con coloro di cui ha la responsabilità educativa). Psicoterapeuta e psicologo, Ferraroli si occupa di ragazzi in difficoltà in un centro specifico e insegna, come professore invitato, Psicopedagogia della Rieducazione dei Minori alla Pontificia Università Salesiana di Roma. Il connubio tra teoria e prassi trova così modo, in queste pagine, di restituirci la vitalità di processi educativi che, altrimenti, rimarrebbero astrazioni. Si evince il sottinteso di una storia di carne e sangue, una passione coinvolgente nei confronti del ruolo ricoperto in questi anni, la capacità di andare oltre le difficoltà incontrate sul proprio cammino, stimolato dal raggiungimento di obiettivi di maturità umana. Altresì si intuisce la professionalità e la competenza di chi non si è soltanto trovato coinvolto nel rapporto educativo ma lo ha anche analizzato in tutte le sue dinamiche. Non possono ovviamente mancare i riferimenti a San Giovanni Bosco, splendida figura di santo educatore, formatore eccezionale capace di motivare ragazzi difficili, il quale ha definito l’educazione come “cosa del cuore”, come è ricordato anche nel retro di copertina del libro.

L’opera di Ferraroli si presenta come un viaggio all’interno dell’universo educativo, i cui spazi si dilatano continuamente. Sono prese in considerazione tutte le dimensioni relative all’educazione: dalle caratteristiche psicologiche e doti naturali possedute da un (buon) educatore alla descrizione dei ragazzi contemporanei (che, come nativi digitali, presentano delle peculiarità diverse da quelle delle generazioni che l’hanno precedute), dalle fatiche del rapporto alle strategie perché la relazione sia efficace, dalla gestione dell’affettività al ruolo della comunità educativa. Ferraroli, muovendosi con cognizione di causa, smonta alcune false concezioni che abbiamo dell’educazione e dell’educatore, che spesso si vede come un salvatore (senza porsi il problema se gli altri vogliono essere salvati e, ancora, salvati proprio da lui). Queste concezioni, spesso, proprio perché più simili a proiezioni mentali che alla realtà, finiscono per penalizzare la stessa relazione educativa. L’educatore viene deluso dagli atteggiamenti ribelli o indifferenti degli educandi senza saperli “leggere” in modo adeguato, moltiplicando la sua frustrazione.

La peculiarità del testo, nato dal sitz im Leben dell’autore, è poi l’attenzione alla dimensione religiosa, di solito messa da parte nei testi originatisi in contesti laici, spesso segnati da indifferentismo religioso, quanto non da anticlericalismo. Eppure uno sguardo laico veramente tale – e non pregiudizievole – non può ignorare che una delle dimensioni della persona è proprio quella religiosa, che non può essere misconosciuta, ma deve essere presa in considerazione e valorizzata perché si approdi ad una maturità autentica dell’essere. Una dimensione religiosa che riguarda, in particolar modo, gli educatori cristiani perché l’Incarnazione del Figlio di Dio diviene «modello operante che si manifesta ogni volta che stiamo con i ragazzi con umiltà e con rispetto […] Ogni volta che riteniamo che la loro persona è uno spazio sacro abitato da Dio, e che i loro pantani possono ridiventare terreno sacro, anche grazie alla nostra umile presenza» (p.146). I due modelli proposti, mutuati da Anselm Grün (noto monaco benedettino e autori di diversi testi a metà strada tra psicologia e spiritualità) ma riletti in modo originale, appaiono attenti a far operare un salto di qualità alla relazione educativa e alle persone coinvolte, sia educatori che ragazzi.

I destinatari del libro sono, come leggiamo nella quarta di copertina, «genitori, docenti, educatori, catechisti, animatori, allenatori». Tutti coloro che, in contesti diversi e con ruoli differenti (ma con delle similitudini), si trovano ad affrontare la difficile sfida di esplicitare l’arte educativa nelle situazioni quotidiane. Il saggio si rivela una lettura utile e scorrevole, su cui tornare a più riprese per meditare, al fine di capire il come e il dove, tante volte, anche senza intenzioni malevoli, vengono commessi errori che finiscono per inficiare il processo educativo. La cui debolezza – per il fatto che mette in relazione due differenti “fragilità” (quella dell’educatore, perché non è onnipotente, e quella di chi gli è affidato, perché si pone come soggetto da educare) – può diventare una “forza” che aiuta entrambi i protagonisti se questa relazione si sviluppa in un modo autentico ed equilibrato. Senza nascondersi le difficoltà, ma riflettendo su di esse e lavorando perché non diventino ostacoli insormontabili. A cominciare dal prendere consapevolezza del fatto che l’educatore ha una propria umanità: il suo vissuto entra in gioco nella relazione e spesso determina scelte differenti da quelle che potrebbero essere compiute senza questo condizionamento. Attraverso le pagine del testo, ogni educatore, in atto o potenziale, è chiamato a mettersi in discussione in modo salutare. Non si tratta, infatti, di essere messi sul banco degli imputati, ma di capire che una situazione fallimentare è dovuta ad un insieme di motivi, alcuni dei quali non sono immediatamente intellegibili se l’educatore non ne è consapevole e non fa nulla per diventarlo. San Giovanni Bosco non sbagliava: se l’educazione è “cosa di cuore”, il cuore ci chiede di non prendere le distanze. Non è l’organo della freddezza, ma dell’amore.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

19/10/2017
1904/2019
Santa Emma

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Charles: cent’anni di vita nascosta a Nazaret

Esattamente un secolo fa moriva fratel Carlo di Gesù (al secolo Charles de Foucauld). Figura romanzesca di splendido don Chisciotte cristiano, abbandonò la vita agiata del viscontino d’Alzazia per rifugiarsi nel Sahara e in Palestina e ancora nello Hoggar. “La vita nascosta di Gesù” fu il suo ideale, l’ultimo dèmone fu la frustrazione, morì per mano di uno da lui nutrito

Leggi tutto

Società

Jacques Attali e la legalizzazione dell’eutanasia in Occidente

Attali è un «enarca», fa parte cioè di quella élite dalla mentalità ingegneristico-sociale uscita dall’École nationale d’administration (Ena), la scuola dove la République francese plasma la propria classe dirigente (e i cui membri sono soprannominati «enarques»). Nel 1981 viene nominato consigliere speciale della presidenza Mitterrand, diventando una specie di eminenza grigia del leader socialista. Terminato il suo incarico all’Eliseo nei primi anni Novanta viene messo a capo della European Bank for Reconstruction and Development (Banca Europea per la ricostruzione e lo sviluppo), l’organismo finanziario internazionale nato dopo la fine dell’Urss dalla volontà dei governi occidentali di accompagnare i paesi orientali nella transizione verso un sistema di libero mercato.

Leggi tutto

Società

L’aborto non è un diritto

Monica Cirinnà ha istericamente attaccato il manifesto prolife dell’associazione di Antonio Brandi. Tracotanza infinita. Ma noi non ci fermiamo perchè le battaglie siamo abituati a vincerle!

Leggi tutto

Chiesa

Sacerdoti oggi

Vi sembrerà impossibile, lo so. Anche a me oggi, a 45 anni, fa ancora lo stesso effetto. A volte mi sveglio di notte da incubi spaventosi e mi domando: ma è stato tutto vero o me lo sono inventato io? Durante l’esperienza del liceo e poi dell’università ci ho provato a staccarmi. Per fortuna allora non esistevano i cellulari. Ma vi posso assicurare che la sua presenza era totalizzante anche a distanza. Non esagero se vi dico che ci sono state settimane e mesi nelle quali mi arrivano non meno di trenta telefonate al giorno tutte sue. Ero suo e non era immaginabile che io prendessi il volo per sempre. Mi controllava. Durante la fase della tesi di laurea ho iniziato a soffrire di attacchi di panico. Quest’anno festeggio i 22 anni di convivenza con questa brutta bestia che ti schianta il cuore e il fisico. La vita è sempre stata una vista passata a scappare. A fare non-scelte. Compresa quella di entrare in seminario dopo la laurea in filosofia. E ne ero convinto in un certo senso, ero convinto di avere la vocazione. In realtà non era così: scappavo ancora una volta dal mostro. A venticinque anni che cosa potevo fare nella vita? Non ero capace di fare niente. E allora perché non entrare in seminario? Il prete sapevo farlo, figuriamoci, con tutta l’esperienza di anni e anni passata a fare ogni cosa in parrocchia ed in oratorio! E poi, forse, se fossi diventato prete avrei finalmente avuto la scusa giusta per allontanarmi dal mostro. Il Vescovo mi avrebbe spedito a chilometri di distanza dal prete-mostro e allora la mia prigione sarebbe finita. In seminario ci sono restato 9 mesi. Il periodo più importante e decisivo per la mia vita. Decisivo per affrontare di petto per la prima volta chi ero davvero e che cosa volevo davvero diventare.

Leggi tutto

Società

VEGETALI TERMINABILI, ADESSO NEL REGNO UNITO I MEDICI SARANNO ANCHE GIUDICI

Lady Black, della Corte Suprema dell’UK, ha decretato che non sarà più necessario rivolgersi alla Corte di Protezione per togliere cibo e acqua ai malati

Leggi tutto

Politica

Difendo i miei figli dal gender nelle scuole: ministro Giannini, arresti me

L’esponente del governo accusa di “truffa culturale” i genitori preoccupati dall’ideologia che avanza nelle aule e minaccia denunce

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano