Società

di Raffaele Dicembrino

Scialpi divorzia dal suo finto marito

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

“Io e Roberto Blasi non siamo più marito e marito; sulla carta lo siamo ancora, ma lui, da quasi un mese, è andato via di casa”, inizia così il lungo sfogo di Giovanni Scialpi. Il cantante ha stabilito un doppio record: era stato il primo artista italiano a sposare un altro uomo (due anni fa negli Stati Uniti,ndr) e oggi è il primo a separarsi.

Il cantante racconta in una lunga intervista ad un settimanale italiano, la fine del suo matrimonio durato soltanto 2 anni.

“Ci siamo lasciati dopo una litigata cominciata in modo banale e finita malissimo. Eravamo in macchina, io gli ho detto che non mi sentivo parte della famiglia, gli ho detto che lui di famiglia parlava solo sui
giornali. Lui ha iniziato ad alterarsi, gli ho preso il cappellino e gliel’ho lanciato fuori dal finestrino, mai più mi sarei aspettato la reazione violenta che ha avuto.

Posso dire che ero innamorato e che non conoscevo davvero Roberto. Siamo stati insieme sei anni e l’amore fino a un certo punto basta a se stesso, ma lui in sei anni non ha mai detto grazie e non mi ha mai chiesto scusa. E ora se n’è andato senza dirmi che andava via. Perché stava con me?
Questo me lo chiedo anch’io, magari per avere visibilità... Lo sa che lui senza dirmi niente ha accettato di fare un duetto con un’altra cantante (Viola Valentino) E poi ha fatto un’intervista da solo per un giornale senza dirmi nulla?”.

Giovanni Scialpi ha inoltre rivelato di essere “una cocorita, sono un uccellino pieno di piume colorate, infatti sono gay, ma sono inseparabile”.

Alla fine dell’intervista, Scialpi ha spiegato che per divorziare dovrebbe andare in America, “ma non ci vado: lui è sparito, non mi parla, si comporta un po’da vile, spero che un giorno sia lui a innamorarsi,
se ne è capace, e a quel punto dovrà venire a chiedermi il divorzio”.

Ma ricostruiamo la ‘dolorosa’ vicenda: Sui social il cantante aveva scritto: “adesso cambia tutto. Cambia perché ci siamo dati un ruolo riconosciuto nella società .
E poi, da questo momento, il gioco è diventato ufficiale, non siamo più una coppia di fidanzati, siamo una famiglia”. Certo, noi un menage familiare ce l’avevamo già. Ma c’è in più quella grandissima soddisfazione di poter dire “è mio marito”. E questa è una emozione che io non avevo mai provato prima nella vita. È importante per una persona poterlo dire, con fierezza e con amore, e trovare così il proprio posto nel mondo. È una battaglia che abbiamo combattuto e, ufficializzando la nostra unione (spero) abbiamo vinto: abbiamo superato i pregiudizi delle famiglie ci siamo esposti dal punto di vista mediatico.
Facendolo non hai la certezza che la gente possa capire, magari ti dicono: “Lo state facendo apposta, lo state facendo per fare notizia”. E noi, dalla nostra abbiamo solo una cosa: la verità”. L’altro sposo, Roberto Blasi, aveva aggiunto: “Il nostro matrimonio è importante anche per ragioni oltre che emotive, anche molto pratiche. Perché abbiamo intenzione di trasferirci qui in America per aprire un’attività alberghiera. Io in Italia ho avuto un hotel per dodici anni. Ora vogliamo aprire a Los Angeles un piccolo hotel. E qui essere sposati ha valenza piena, ci sono tante di quelle tutele che in Italia purtroppo mancano”.

Il 24 agosto i due sono partiti di buon’ora verso l’America, e hanno pubblicato una foto che li immortalava su quello che sembra il pullman interno di un aeroporto, quello che dal gate trasporta i passeggeri verso il velivolo. Quattro giorni di silenzio, poi un selfie di Scialpi scattato in strada: “non confuso ma felice!”. Qualche ora dopo, un’altra foto, questa volta con “il nostro ricordo del matrimonio agli invitati”: delle caramelle su cui sono stampati i volti e i nomi dei due sposi, la scritta “Just Married”, il tutto in una confezione su cui è scritto “Together Forever”, ossia “Per sempre insieme”. Altri tre giorni di silenzio, poi una foto del memoriale del World Trade Center con l’hashtag #viaggiodinozze. Infine, un selfie in aeroporto datato 31 agosto 2015 con la didascalia che recita: “Oggi torniamo da marito e marito”.

Ma ora qualcosa si è rotto, ora quella che appariva come l’aver raggiunto l’impossibile non è più così importante. Si chiude e ci si separa come fanno ormai un numero innumerevole di marito e moglie. Anche marito
e marito dimostrano come senza amore, impegno, Dio, e dedizione per l’altro nulla è per sempre.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

25/10/2017
0912/2022
San Siro vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Giovanni Paolo I e l’aborto

Su Rai Storia lo speciale dedicato a Papa Luciani a cura di Paolo Mieli con la consulenza del vaticanista Andrea Tornielli

Leggi tutto

Politica

ALTRIMENTI CI INCENERISCA

La linea politica dell’autonomia del Popolo della Famiglia, ribadita all’assemblea nazionale del 28 gennaio al teatro Eliseo, sta facendo crescere davvero un “bambino” libero che sta imparando a camminare con le proprie gambe. Non era facile, non era scontato, la tentazione del vendersi al migliore offerente in politica è sempre dietro l’angolo, ma tra noi (con l’eccezione di alcuni sporadici casi) quella tentazione non ha attecchito. Siamo legati alla nostra idea di autonomia perché sappiamo che solo questa autonomia ci consentirà di difendere davvero la vita, la famiglia naturale, i soggetti più deboli, i principi non negoziabili ribaltando le priorità di una politica che nel centrodestra come nel centrosinistra sembra aver dimenticato la cura del bene comune, puntando su uno sciocco principio di autodeterminazione che è solo libertà fuori dalla verità, dunque libertà zoppa e malsana.

Leggi tutto

Chiesa

Obbedienza e virtù

La nostra civiltà complessa è fatta di corpi intermedi che si reggono sul principio di autorità. E ciò esige che le decisioni siano centralizzate, e che la struttura organizzativa abbia una funzione esecutiva. Ma per eseguire non occorre pensare. Per fabbricare bombe al fosforo non occorre pensare. Basta eseguire i compiti assegnati. Sicché, se Eichmann fu colpevole, furono colpevoli allo stesso modo tutti coloro che resero possibili, con la loro obbedienza acritica, quelli e/o altri crimini.

Leggi tutto

Società

Anche Michela è stata uccisa dal porno

Come Tiziana Cantone, peggio di Tiziana Cantone: per la giovane barista di Porto Torres alla vergogna si è aggiunto anche l’esplicito ricatto, e se i suoi aguzzini devono ora vedersela con un’accusa
di tentata estorsione, a lei resta perfino meno. Emerge ancora una volta l’incapacità della società di raffrontarsi a una questione dalle profonde implicazioni etiche e morali: inermi di fronte al vuoto.

Leggi tutto

Politica

Il programma del PdF per te

Il 4 Marzo si avvicina e con esso anche la possibilità di cambiare l’Italia. Il Popolo della Famiglia è pronto a prendersi questo impegno ed in questo programma impregnato di sostanza e Fede trovate le risposte a come è possibile farlo!

Leggi tutto

Media

Cambridge Analytica & Facebook: pasticcio enorme

In Europa a maggio entrerà definitivamente in vigore il GDPR, cioè il nuovo regolamento sulla protezione dei dati. Esso ha come finalità quella di tutelare i dati personali delle persone fisiche, chiarendo la catena delle responsabilità nel passaggio di informazioni e ribadendo alcuni concetti chiave non da poco, come il principio della trasparenza e del rispetto delle finalità esplicite per le quali sono stati acquisiti i dati.
Certo che se continueremo a mettere spunte disinteressate su informative approssimative, senza nemmeno leggerle, e se compileremo tutti i più assurdi questionari su internet, non potremo poi versare lacrime di coccodrillo.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano