Politica

di Mario Adinolfi

Da oggi si marcia verso le politiche

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Ci lasciamo alle spalle l’ultimo test amministrative al municipio Roma X e con questo chiudiamo la lunga fase di avvicinamento del Popolo della Famiglia alle elezioni politiche che pare saranno fissate per l’11 marzo, per singolare coincidenza il giorno in cui il Pdf compie due anni: nascemmo infatti al Palazzetto delle Carte Geografiche di Roma dove l’11 marzo 2016 si ritrovò la nostra assemblea costituente. Il Popolo della Famiglia si misurò poco più di un mese dopo alle amministrative di Bolzano, ottenendo il primo consigliere eletto, Giovanna Arminio. Da lì una corsa attraverso trentacinque città in due tornate elettorali prevalenti (giugno 2016 e giugno 2017), infine questo ultimo test romano dove abbiamo cancellato la “sindrome dello zerovirgola” che ci prendeva nelle grandi aree metropolitane, dove è più difficile il contatto diretto con un elettore sempre più sfiduciato. Nonostante tutte le difficoltà abbiamo fatto segnare un netto progresso passando dallo 0.6% all’1.4% (1.37 per i puristi attenti a ogni dettaglio). Ormai è un dato di fatto che ovunque si presenti il Popolo della Famiglia come minimo ottiene un risultato tra l’1 e il 2 per cento, con le punte che conosciamo in città come Verona e addirittura la doppia cifra a Riolo, Goito, Avola. Abbiamo testato la nostra presenza su territori che raggruppano ormai quasi dieci milioni di abitanti, possiamo certamente affermare di aver costruito un movimento politico nazionale non inconsistente. Il tutto senza un euro, senza copertura mediatica, con l’ostilità feroce dei nemici e anche più feroce di alcuni “amici”, candidando sempre persone sostanzialmente alla prima esperienza salvo rari casi. Il Popolo della Famiglia è, in questo senso, nato veramente dal basso.

Ho sentito qualcuno dire che il risultato di Ostia è insoddisfacente e “hai visto Casa Pound?”. Devo spiegare (ma davvero devo?) che tutti i movimenti politici che nascono dal basso su una spinta “emergenziale” hanno bisogno di tempo per strutturarsi. Questa è la storia comune di ogni vicenda analoga nella storia d’Italia, dalla Lega Nord (elezioni politiche 1987 0,9% e solo Bossi eletto al Senato, elezioni europee 1989 1,8%) al M5S che si presentò per la prima volta 10 anni fa alle comunali a Roma prendendo il 2%, alla stessa Casa Pound che si candidò alle comunali che elessero Ignazio Marino prendendo lo 0.59%, poi tre anni dopo a quelle di Virginia Raggi prendendo l’1.2% e ora facendo l’exploit ad Ostia. Sono tutti percorsi che durano molti anni e pretendono la massima determinazione, vorrei dire persino ostinazione. Chi crede che tutto arrivi immediatamente perché siamo i più bravi è completamente fuori strada. Serve tanto, tanto lavoro e durerà anni. Noi abbiamo la fortuna di poter osservare un trend ascendente e non discendente dei consensi che il Popolo della Famiglia è in grado di raccogliere. Questo è un bene prezioso che premia il lavoro che stiamo compiendo in ogni angolo d’Italia.

Chiaramente oggi comincia la campagna elettorale del Popolo della Famiglia per le elezioni politiche e comincia sotto la buona stella del risultato ottenuto da GIovanni Fiori che con la sua squadra ha raddoppiato i nostri voti su un territorio difficilissimo dove non si votava da due anni e mezzo perché il precedente consiglio municipale era stato sciolto per mafia, ricordiamolo sempre. Abbiamo lavorato in un territorio minato e anomalo, eppure riportando un risultato più che incoraggiante. Di più: le amministrative non sono il tipo di elezione più adatta per far valere i nostri argomenti, più squisitamente valoriali e politici. Eppure non abbiamo mai rinunciato a misurarci, anche per apprendere meglio in migliaia di militanti le technicalities della burocrazia elettorale e per rendere concreto il nostro programma cristianamente ispirato. Questo lavoro così faticoso è servito a costruire le precondizioni affinché la battaglia per le politiche abbia reali possibilità di successo.

C’è qualcosa che manca e che anche questa tornata di Ostia ha messo in evidenza? Certo, manca moltissimo per far sì che un movimento consolidato tra l’1 e il 2 per cento dei consensi possa essere un movimento che supera lo sbarramento del 3. Ma voglio fin d’ora rendere chiaro che il Popolo della Famiglia non è un’esperienza transitoria: abbiamo costruito qualcosa destinato ad essere permanente, crocevia politico fondamentale. Avrete notato che ormai ogni duello si risolve in un testa a testa nello strano tripolarismo italiano. Anche le elezioni del 5 novembre 2017 non fanno eccezione: testa a testa in Sicilia, testa a testa a Ostia. Questo vuol dire che già oggi il Popolo della Famiglia, con il suo 1-2% dei voti, detiene la golden share in grado di determinare vincitori e sconfitti di questo sistema dove è fondamentale detenere una quota di consenso anche piccola ma capace di essere determinante. È la storia di questa legislatura con il ruolo (pessimo) svolto da Alfano con il 2% dei voti e addirittura da Verdini con solo una pattuglia di 5 senatori, senza i quali ad esempio la legge Cirinnà non sarebbe mai diventata norma dello Stato. I radicali non hanno praticamente mai superato la soglia del 2% dei voti (tranne con il singolare exploit della Lista Bonino in una tornata europea) eppure la loro capacità di elaborazione è stata drammaticamente incisiva sulla nascita di leggi per noi odiose, dovute alle doti carismatiche di Marco Pannella nella gestione dei rapporti con le altre forze politiche quando era parlamentare. Insomma, aver già costruito un movimento politico capace di aggirarsi sempre, quando si presenta in qualsiasi zona d’Italia, almeno tra l’1 e il 2 per cento dei voti è un patrimonio che assolutamente non verrà disperso, anche se questa dovesse essere la nostra consistenza alle politiche.

Se però metteremo in pratica cinque semplici attività, in realtà il nostro consenso si avvicinerà e auspicabilmente supererà il traguardo del 3% medio nazionale. Questa è la lezione pratica che otteniamo dal risultato di Ostia.

1. FARE BRANDING DEL SIMBOLO DEL PDF. Stando per strada per sostenere Giovanni Fiori abbiamo capito quanto debole sia il livello di conoscenza del simbolo del Popolo della Famiglia. Forse il 10% della cittadinanza ci conosce e non a caso una percentuale consistente di chi ci conosce, ci vota. Il margine di miglioramento è dunque enorme. Al momento in cui il 100% della cittadinanza dovesse conoscerci, i livelli di consenso al Pdf andrebbero a doppia cifra.

2. USCIRE DAL VIRTUALE, INCONTRARE LE PERSONE. I social network sono una splendida opportunità di comunicazione a costo zero, ma rischiano di esaurire la nostra esperienza di socialità finalizzata a far conoscere il Popolo della Famiglia. Dobbiamo invece come militanti pidieffini battere il territorio palmo a palmo, verrebbe da dire casa per casa, per far conoscere chi siamo, il nostro simbolo, le nostre idee, il nostro programma. Partendo da piccoli cenacoli casalinghi con amici, arrivando alle “gazebate” in piazza, dobbiamo guardare negli occhi più elettori possibile in questi quattro mesi che ci separano dalle politiche, in modo che sappiano misurare la nostra splendida sincerità.

3. NON AVERE PAURA. Chi si espone per il Popolo della Famiglia paga prezzo. Più di tutti lo sa chi vi scrive, ma ogni dirigente del Popolo della Famiglia ha già sulla pelle la sua quota di cicatrici dovute alle ferite da maldicenza. Eppure, come un boomerang, insulti e attacchi tornano a nostro vantaggio e non bisogna averne paura. Mai farsi intimidire, anche se la violenza (talvolta del fuoco amico) fa paura. Non bisogna averne. Niente come l’aggressione subita a Novara ha reso visibile a molti chi sono i pagliacci violenti e chi i miti, nella dialettica falsa in cui vorrebbero cacciarci. Se pure dicono male di noi, se pure ci insultano o ci maltrattano, essere nella sequela di Cristo dovrebbe renderci edotti del rischio che quotidianamente corriamo. E nulla è efficace come la dimostrazione che tali assalti non ci intimidiscono, anzi sono comunicativi essi stessi e a nostro favore. Il problema è se ci ignorano, non se ci attaccano.

4. COSTRUIRE UN RAPPORTO CON I MEDIA. A Ostia abbiamo vissuto il consueto oscuramento mediatico pre-elettorale, che alle politiche per fortuna sarà evitato per legge per via della normativa sulla par condicio che ci offre spazi obbligatori in televisione che sapremo adeguatamente sfruttare. Sul piano locale bisogna però infittire i rapporti con quotidiani, siti, radio e tv locali facendo arrivare loro almeno tre comunicati a settimana sulle nostre iniziative territoriali in modo che l’attività del Popolo della Famiglia sia mediaticamente coperta, non ci interessa se in modalità antipatizzante o meno, basta che sia portata all’attenzione dei cittadini.

5. ESSERE PREPARATI AL DIBATTITO. I nostri sono argomenti che sanno avviare subito una fiammata nella discussione pubblica, dobbiamo saperla gestire con il massimo della competenza, offrendo dati e non prediche. O capiamo o moriamo è stato scritto con questa intenzione, offrire un manualetto di 207 pagine che contenesse tutti gli argomenti della nostra Proposta per l’Italia, spiegati analiticamente con cifre e link a supporto. Abbandonando atteggiamenti bigotti che non ci appartengono e scegliendo il piano della razionalità per il confronto con gli argomenti dei nostri avversari, non possiamo che prevalere. Bisogna arrivare preparati al dibattito di questi ultimi quattro mesi di campagna elettorale.

Il lascito dell’esperienza sul municipio Roma X è anche un “disgelo” del mondo ecclesiale, abbiamo volantinato ogni domenica davanti alle 22 parrocche del territorio accolti spesso con curiosità e qualche volta con simpatia. Nel giro dei prossimi due mesi più di una tappa dell’OCOM tour vedrà sul palco i vescovi di diocesi che vogliono esprimere incoraggiamento al Popolo della Famiglia e alla sua battaglia. Una battaglia che non deve essere impaziente. Dice un proverbio anglosassone trasformato in orecchiabile canzoncina dai Morcheeba “Rome wasn’t built in a day”, Roma non è stata costruita in un giorno. Servono fatica, costanza, determinazione al limite con l’ostinazione, tempo. La nostra strada ci dice che la costruzione procede di buona lena e il primo importante traguardo di verifica dello “stato di avanzamento lavori” è da qui a quattro mesi. Comunque andrà, siamo nati per restare. Del Popolo della Famiglia questo sistema non potrà agevolmente liberarsi, perché noi facciamo tutto questo che se non ce ne addossassimo il carico noi, nessun altro lo farebbe. Sullo sfondo c’è un tempo in cui potrebbero essere approvate norme devastanti e mortifere, noi impediremo che avanzi e proporre un governo ragionevole della comunità che parta dalla vita e dalla famiglia naturale. Saremo i “radicali” del ventunesimo secolo, dureremo decenni dunque abituatevi alla nostra crescita lenta ma costante. E preparatevi davvero a questi cento giorni di battaglia, elmetto in testa. C’è molto da fare, c’è bisogno di tutti e gli obiettivi sono lì, destinati a chi avrà la determinazione per volerli raccogliere. Con la benevolenza di Maria Vergine, che protegga sempre il nostro cammino e ci aiuti come ha fatto fino ad oggi.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

07/11/2017
1311/2019
San Diego

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Che spreco terribile è questo popolo che si disperde

Oggi più che mai siamo tutti chiamati ad essere i nuovi intellettuali, ad esercitare cioè la libertà di ragione e di coscienza, contribuendo tutti a ricostruire un pensiero pubblico che sappia e odori di umano. Non siamo chiamati a giocare tra chi pensa di essere il depositario esclusivo della Verità: siamo chiamati a metterci sulle spalle la croce della pazienza, della sapienza e della lungimiranza. Abbandonando le aspirazioni personali, le pretese e tutto ciò che fa parte del fardello dell’uomo fragile.

Leggi tutto

Storie

STORIA DI UN AMORE, SBECCATO MA UTILE A TUTTI

Dopo aver ri-costruito attraverso questo percorso davvero tortuoso una mia condizione familiare, Dio ha voluto che spendessi tutto me stesso per testimoniare la bellezza della famiglia e anche di questo devo dire grazie a Silvia. Voglio La Mamma nasce nel 2013 perché ho visto Clara con Silvia e Silvia con Clara. Da ragazzino quando nacque Livia, la mia carissima primogenita, ero troppo preso da me per avere lo sguardo davvero sull’altro, poi intervennero subito tragedie da togliere il fiato e nessuna bellezza poteva essere anche solo immaginata dal mio sguardo. Vent’anni dopo la oggettiva e prepotente bellezza di Silvia riverberata in Clara sembra essere immagine stessa della bellezza della condizione familiare. Dentro questa parola (“bellezza”) io inserisco anche l’enorme fatica dell’essere famiglia, i vincoli che impone, i limiti dell’altro che devi imparare ad accettare e Silvia ne ha, cavoli se ne ha, ma i miei sono infinitamente maggiori e talvolta davvero insopportabili, quindi ho imparato quell’indulgenza che è anticamera necessaria dell’amore.

Leggi tutto

Storie

LGBT, come ti “proteggo” l’abusato

La Yorkshire Mesmac è ufficialmente un’associazione filantropica del terziario dedicata alla protezione di quanti hanno subito violenze sessuali e/o hanno contratto malattie sessualmente trasmissibili. Il caso scoppia perché viene fuori che la policy dell’associazione non sa dire una parola chiara sui rapporti sessuali tra i propri volontari e i propri utenti. Insomma, in tempo di guerra…

Leggi tutto

Chiesa

La Riforma e le Riforme nella Chiesa

Come indicato direttamente dall’autore, il volume entra nel dibattito sull’interpretazione del Concilio Vaticano II, che è uno dei temi ai quali monsignor Marchetto ha dedicato una parte importante della sua vita. Cercare di comprendere meglio il Concilio significa, infatti, disporsi ad accoglierne la grazia e il dono, per la Chiesa e per il mondo.
Il Concilio Vaticano II è stato un grande dono di Dio alla Chiesa e, come tutti i doni, va rettamente compreso per potere essere valorizzato fino in fondo. Per esempio, posso regalare a un amico un computer, ma se lui non lo sa usare… è un regalo, per così dire, dimezzato. In effetti, l’interpretazione del Concilio è una questione disputata di questo nostro tempo, nella costante tensione tra i due fuochi di una medesima ellisse ermeneutica. Da un lato il fuoco della novità, dall’altro quello della tradizione, da un lato quello della riforma dall’altro quello della conservazione.

Leggi tutto

Storie

Gente che è stata muta

Meno sbarchi significa oggettivamente meno morti in mare e meno business sulla pelle dei migranti.  questo governo come Popolo della Famiglia non abbiamo mai fatto sconti, ma nel caso specifico il comportamento è quello corretto e chi protesta e fa sceneggiate è attivato dallo stesso cinismo, fa solo campagna elettorale. A noi interessa parlare di bene comune in materia di immigrazione e lo si fa solo tornando a istituire i flussi, trattandoli per quote a livello europeo, facendo arrivare i migranti integrabili per via aerea o con i corridoi umanitari, spazzando via il business dei mercanti di uomini in Africa e anche in Italia. Salvando così davvero migliaia di uomini, donne e bambini da morte certa nel Mediterraneo e ancora di più nel deserto che molti non riusciranno mai ad attraversare. E andando a prelevare dai Paesi africani migranti che siano veramente in stato di bisogno, perché quattromila euro a uno scafista li può dare solo chi appartiene al “ceto medio” africano e per questo il 90% di chi sbarcava sulle nostre coste negli anni passati era composto da maschi adulti. Troppi dei quali capaci poi di delinquere anche in forma organizzata (la mafia nigeriana è solo uno degli esempi, la fitta rete degli spacciatori tunisini, algerini e marocchini ne è un altro) in collaborazione con le forme nostrane di criminalità specie nel Sud Italia ma non solo.

Leggi tutto

Media

O capiamo o moriamo

Ho scelto una tonalità da romanzo in un saggio, in cui cerco di far comprendere che quanto affermava il cardinale Biffi sull’Europa che se non sarà ricristianizzata sarà definitivamente islamizzata è totalmente vero. L’arma non sarà il terrorismo, ma la demografia che è scienza inesorabile come la matematica: se negli ultimi due anni sono morti seicentomila italiani più di quanti ne siano nati e gli islamici con il 7% della popolazione residente hanno fatto il 25% dei figli, la fine è scritta. Saremo la generazione responsabile della fine di una civiltà (lo scrive Onfray) e la Sharia “addolcita” che sostituirà gli ordinamenti giuridici fondati sulla radice giudaico-cristiana piacerà alle élites, come profetizzato in “Sottomissione” di Houellebecq, con il suo mix di poligamia legalizzata e autoritarismo.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano