Media

di Lucia Scozzoli

Torna “Sotto il cielo della Palestina” di Giorgio Ponte: secondo volume

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

È uscito da pochi giorni su e-book (ma è ora disponibile anche cartaceo) il terzo libro di Giorgio Ponte: dopo il romanzo scoppiettante “Io sto con Marta” e il racconto struggente “Levi, sotto il cielo della Palestina”, l’autore continua la serie narrativa di ambientazione storico-religiosa, dando alle stampe (per ora solo virtuali) un racconto scritto in realtà più di dieci anni fa, come egli stesso dice nei ringraziamenti finali. “Giairo” è la storia di un’amicizia profonda ed estrema, ma sbilanciata, tra un uomo sferzato dalla mala sorte e colpito da tanti lutti e dolori, Giairo, e il mite Nathanael, uomo dal destino comune, che però sceglie di fare dell’amicizia con Giairo una fratellanza estrema, fino al sacrificio di sé, nella condivisione delle sue sofferenze.

Il racconto prende spunto e confluisce nell’episodio evangelico degli indemoniati di Gadara, che Gesù libera da una legione di demoni mandandoli in una mandria di porci che poi si inabissa nel mare di Galilea. Giairo e Nathanael sono quei due uomini e Ponte immagina il tortuoso percorso che li ha condotti fino a lì, a quel destino orrendo di dolore e perdizione.

La prosa del libro scorre via fluida e rapida, in una tensione drammatica che non cede mai, non lascia al lettore il tempo di prendere fiato, costringe a proseguire, fino alla fine, per abbeverarsi a quella salvezza di cui non solo i protagonisti, ma anche noi abbiamo estremo bisogno.

Ponte, come già ci aveva abituato nei precedenti romanzi, eccelle nel tratteggio delle emozioni, rese sempre con estrema maestria, verosimiglianza e profondità, rivelandosi un grande esperto di umanità, con tutte le sue povertà e grandezze.

Il racconto trasuda dolore, a tratti fa persino paura, affondando il lettore nella torbida intuizione del mondo demoniaco, ma il tema centrale resta l’amicizia, che da sola non salva (ahimè), e solo grazie all’intervento divino alla fine trova un suo equilibrio e un suo significato.

L’autore stesso dichiara nei ringraziamenti la morale della storia: “A lungo ho creduto (o forse sperato) di ritrovarmi in Nathanael, l’amico che tra i due sa amare per primo e di più, qualsiasi cosa accada. Ma rileggendo a trentatré anni questa storia, mi rendo conto che molto più spesso nella vita mi sono ritrovato ad essere Giairo: quello che guarda il proprio bisogno e il proprio dolore e si dimentica dell’altro, dandolo per scontato. Credo che dentro ciascuno di noi ci siano un Giairo e un Nathanael che a turno si danno il cambio nel gioco dell’esistenza, e che non possono vivere l’uno senza l’altro”.

In quest’epoca traboccante facili vittimismi, è un insegnamento estremamente controcorrente questo di Giairo: il dolore non giustifica l’egoismo, si può sempre scegliere di vedere il buono che resta, anche quando molto è stato demolito. Non possiamo pretendere di restare al centro del mondo per ogni torto subito, perché tutti prima o poi siamo vittime, le avversità fanno parte della vita e da come reagiamo ad esse saremo giudicati.

Di contro, l’amore vero agisce senza un tornaconto, fa anche cose folli che finiscono per non giovare a nessuno. La gratuità però non va mai perduta, perché esiste Dio, che accoglie le preghiere di chi non si arrende e viene ad elargire la ricompensa ai giusti.

Anche in questo caso, come per “Levi”, il libro è autoprodotto e per il momento è disponibile solo in formato digitale su Amazon, Kobo e iTunes, ma presto uscirà anche cartaceo. Intanto ha già guadagnato la prima posizione della narrativa storica cristiana su Amazon, segno che chi ha iniziato il trittico “Sotto il cielo della Palestina” attendeva con ansia questo secondo capitolo.

Spesso di Giorgio Ponte si sente parlare per il suo impegno da omosessuale cattolico contro le semplificazioni omosessualiste di certe frange LGBT, soprattutto per la cagnara scomposta che gli indirizzano contro alcuni siti stile gayburg e compari, per le sue posizioni rispetto a temi difficili come la castità, l’origine dell’omosessualità e la fede. Non possiamo però concedere a costoro di incasellare la complessa figura di Ponte in questo unico argomento: egli è molto di più, ha qualcosa da dire sull’uomo di decisamente più vasto e profondo ed è soprattutto uno scrittore, da giudicare sui suoi libri.

08/11/2017
2202/2018
Cattedra di S. Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Cara senatrice Cirinnà, sabato lei mi ha offeso

“Eterosessuali attaccati ai loro privilegi”? La promotrice della legge-vergogna legga quello che le scrive un omosessuale che sabato ha fatto a sue spese mille chilometri, tra andata e ritorno, per essere in piazza. Legga e rifletta

Leggi tutto

Chiesa

Le parole della teologia sui confini della scienza

L’incompatibilità tra fede e scienza è una questione in cui si barcamenano quanti non possono ancora accedere a Il futuro dell’universo di Francesco Brancato: qui si esplorano piuttosto le questioni lasciate aperte dalla scienza, «che deve impegnarsi ancora molto nella ricerca degli elementi fondamentali per la comprensione dell’universo, della sua origine, della sua evoluzione, del suo destino». Scienza e fede s’incontrano al crocicchio tra poesia e metafisica

Leggi tutto

Società

Partendo da un fumetto di Zerocalcare

Abbandonare l’inconsistenza. Ecco l’obiettivo che dovremmo porci, noi tutti, ogni giorno. E dopo averlo posto, sforzarci di vederlo proposto agli altri, in particolare ai giovani che altrimenti vivranno sempre in condizione sradicata, da canne esposte ad ogni vento.

Leggi tutto

Società

TUTTI I GRADI DELLA SCALA #FAHRENHEIT – PRIMA DEL 451

Vi sono libri che, pur segnando un’epoca, superano le barriere del tempo e, pur appartenendo a un genere, ne travalicano i limiti per diventare un classico. Fahrenheit 451 è uno di essi: forse la massima espressione del genere distopico eppure ben più di questo, al punto che lettori freddi se non ostili nei riguardi della fantascienza non saprebbero non considerarlo un capolavoro. Del resto, solo di un capolavoro possono interessare le varianti o le versioni scartate: i prodromi di un libro mediocre sono mediocri scartafacci. Ecco perché, tra l’altro, dovrebbe avere valore intrinseco leggere i racconti preparatori di Fahrenheit 451 racchiusi nel volume Era una gioia appiccare il fuoco, usciti in Italia per gli Oscar Mondadori nel 2011 a seguito della raccolta americana A pleasure to burn: Fahrenheit 451 stories, edita appena l’anno precedente. Ma se l’interesse di questo libro fosse meramente filologico si potrebbe senza indugio soprassedere. Si tratta invece di schegge narrativa potentissime, capaci di condensare in poche pagine la visionarietà e la bruciante carica umanistica del messaggio di Bradbury.

Leggi tutto

Storie

Un pomeriggio a tu per tu con Rita Coruzzi

Non è facile raccontare in poche parole, chi sono. Lo hai visto, mi piace parlare, rischierei di non finire più! Vedrò di sintetizzare. Potrei iniziare narrando le gioie, i dolori, i desideri realizzati, i rimpianti, i sogni. Potrei dire che sono una ragazza come tante altre della mia età, ma non è così. Racconterò la mia storia dall’inizio. Era una giornata piovosa, quella del 2 giugno del 1986, quando volli nascere a tutti i costi, anche se era ancora troppo presto per farlo. Mia madre era ricoverata da tre giorni in ospedale, dove i medici cercavano di fermare le contrazioni. Già ti ho detto, che io ho sempre fretta a fare le cose, anche per nascere ho avuto fretta, cosi alla trentaquattresima settimana, ho deciso di venire al mondo. Io ho sempre fretta di fare tutto e subito, è la mia caratteristica.

Leggi tutto

Chiesa

La Riforma e le Riforme nella Chiesa

Come indicato direttamente dall’autore, il volume entra nel dibattito sull’interpretazione del Concilio Vaticano II, che è uno dei temi ai quali monsignor Marchetto ha dedicato una parte importante della sua vita. Cercare di comprendere meglio il Concilio significa, infatti, disporsi ad accoglierne la grazia e il dono, per la Chiesa e per il mondo.
Il Concilio Vaticano II è stato un grande dono di Dio alla Chiesa e, come tutti i doni, va rettamente compreso per potere essere valorizzato fino in fondo. Per esempio, posso regalare a un amico un computer, ma se lui non lo sa usare… è un regalo, per così dire, dimezzato. In effetti, l’interpretazione del Concilio è una questione disputata di questo nostro tempo, nella costante tensione tra i due fuochi di una medesima ellisse ermeneutica. Da un lato il fuoco della novità, dall’altro quello della tradizione, da un lato quello della riforma dall’altro quello della conservazione.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2018 La Croce Quotidiano