Chiesa

di Mario Adinolfi

Perego il vescovo pilota

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

L’arcivescovo di Ferrara-Comacchio, Gian Carlo Perego, è giovane e forte: appena 57 anni, arriva a sostituire Luigi Negri e pare subirne con invidia il carisma. Pare ossessionato dalla necessità di “de-negrizzare” la sua diocesi. Oh, nessun accenno razzista nell’espressione, anzi: Perego è un vescovo politico che tifa esplicitamente per lo ius soli, fa pressione sulle Camere affinché sia subito approvato, così come nei nove anni alla guida della fondazione Migrantes ha sempre fatto propaganda per la migrazione indiscriminata e un distorto concetto di “accoglienza”. Proprio il contrario di mons. Negri, che in linea con il magistero sottolineava sempre che il primo diritto di una persona, quello da salvaguardare prioritariamente, è quello a “non emigrare” dalla sua terra, insistendo poi sul tema dell’accoglienza sostenibile partendo da un rafforzamento identitario. Perego è legittimamente su una posizione opposta, ha voglia di fare politica e di essere gradito al colore politico che domina nella sua diocesi e fin qui nulla quæstio. Più fastidioso è però che voglia fare il vescovo pilota. Papa Francesco ha spiegato bene che non è più quel tempo.

Insomma l’arcivescovo non ama il Popolo della Famiglia. Il 2017 sarà ricordato come l’anno in cui alcune diocesi hanno fatto parlare dall’altare non solo Matteo Renzi, sostenitore della legge Cirinnà e di quella sull’eutanasia, ma persino Emma Bonino che si è fatta accompagnare per l’occasione da Silvio Viale, tanto per sottolineare l’ideologia abortista che ha attraversato tutta la sua vita politica. In questo tempo in cui davanti al Santissimo parlano Renzi e Bonino, l’arcivescovo di Ferrara rimprovera un sacerdote che ha concesso una sala parrocchiale al Popolo della Famiglia. Attenzione, non è un rimbrotto in privato. Prende la carta intestata, scrive una reprimenda pubblica e la stampa sul settimanale diocesano in bella vista. La motivazione è scritta bella in corsivo: “Il Popolo della Famiglia”.

Da presidente nazionale del Popolo della Famiglia che gira in lungo e in largo l’Italia posso testimoniare direttamente l’affetto e l’accoglienza che riceviamo da parte delle parrocchie e delle comunità religiose. Domani sarò in un monastero a presentare O Capiamo o moriamo, la settimana prossima farò una tappa con al fianco il vicario di una diocesi e ho appena ricevuto la telefonata di un vescovo coetaneo di Perego che ha chiesto di poter fare analoga presentazione insieme a me sul palco. Sono innumerevoli, si contano a centinaia, le sale e i teatri parrocchiali in cui ho parlato negli ultimi anni. Perego no, vuole fare il vescovo pilota che fa politica e considera il Popolo della Famiglia un avversario politico cui negare addirittura il diritto di parola. Accoglienza è la parola più amata da Perego, ma per tutti tranne il Pdf.

Credo che l’arcivescovo sbagli con questo atteggiamento e sbagli a scegliere la strada dello scontro frontale con un movimento politico che tra qualche mese dimostrerà di essere la scelta preferenziale per centinaia di migliaia di cattolici, perché tra l’uno e il due per cento anche il più duro degli ostili al Pdf comunque ci colloca. Il due per cento sarebbero settecentomila cattolici. Se riuscissimo ad arrivare al tre, al milione di voti, ci batteremmo in Parlamento contro l’approvazione dello ius soli. Capisco che l’arcivescovo voglia impedirci di raggiungere questo traguardo, ma così scopre che i suoi intendimenti sono politici. E un vescovo non deve fare politica. Umilmente e da figli della Chiesa glielo ricordiamo, pronti a dare battaglia per i nostri spazi di agibilità e a difesa dei sacerdoti coraggiosi che ci ospitano perché credono che con le nostre parole sia resa testimonianza alla verità, anche se è una verità scomoda.

Gli arcivescovi che si piegano alle mode del mondo e concedono alle Emma Bonino di parlare dall’altare compiono le loro scelte legittime, sul piano pastorale. Ma sono scelte sbagliate. La nostra coscienza ci obbliga a dirlo, anche davanti alla carta intestata utilizzata con intenti intimidatori sul settimanale di una diocesi. Perego, non è più il tempo dei vescovi pilota. Noi, nella nostra responsabilità di laici, ci battiamo per ciò che consideriamo il bene e esigiamo solo il banalissimo rispetto, non la condivisione.

Chiederò personalmente all’arcivescovo Perego un incontro a Ferrara per spiegargli le ragioni del Popolo della Famiglia. Conto di essere accolto insieme a Mirko De Carli e agli altri militanti del territorio che si sono sentiti feriti per la reprimenda subita dal coraggioso sacerdote che ha semplicemente aperto le porte di una sala ad un’iniziativa di pubblica presentazione delle nostre idee. Non si possono serrare le porte a noi e concedere gli altari a Renzi e alla Bonino. Noi dall’altare non vogliamo parlare, ma se in una sala parrocchiale si può discutere anche di quel tema alto che è la politica, noi riteniamo ingiusto che lo spazio ci venga precluso. Perego rifletta e ci incontri, noi gli parleremo senza pregiudizi, non ne abbia lui nei nostri confronti.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

10/11/2017
0712/2021
Sant'Ambrogio vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Ddl Cirinnà, ora serve una mobilitazione della Chiesa italiana

Il 7 maggio scade il termine per la presentazione degli emendamenti a una legge che introdurrebbe di fatto il matrimonio gay e legittimerebbe l’utero in affitto. Se saremo silenti, sarà approvata.

Leggi tutto

Chiesa

Perdono, genocidio e misericordia

San Giovanni Paolo II, più volte, aveva parlato prima delle tensioni nel paese e, fin dall’Aprile del 1994, non mancò di appellarsi al ritorno della pace: «Le tragiche notizie che giungono dal Ruanda suscitano nell’animo di tutti noi una grande sofferenza. Un nuovo indicibile dramma: l’assassinio dei capi di Stato di Ruanda e Burundi e del seguito; il capo del Governo ruandese e la sua famiglia trucidati; sacerdoti, religiosi e religiose uccisi. Ovunque odio, vendette, sangue fraterno versato. In nome di Cristo, vi supplico, deponete le armi, non rendete vano il prezzo della Redenzione, aprite il cuore all’imperativo di pace del Risorto! Rivolgo il mio appello a tutti i responsabili, anche della comunità internazionale, perché non desistano dal cercare ogni via che possa porre argine a tanta distruzione e morte» (Regina Coeli 10 Aprile 1994). Qualche settimana dopo, la voce del Papa si fa ancora più sofferente e vibrante: «Vi invito accoratamente, ad una preghiera sofferta e fervorosa per il Ruanda. La tragedia di quelle popolazioni sembra non voler arrestarsi: barbarie, vendette, uccisioni, sangue innocente versato, ovunque orrore e morte. Invito quanti detengono responsabilità ad una azione generosa ed efficace perché si arresti questo genocidio. È l’ora della fraternità! È l’ora della riconciliazione!» (Udienza Generale 27 aprile 1994).

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco e gli esercizi spirituali ad Ariccia

“Come possiamo aiutare i cristiani del nostro tempo a non perdere la fede, a riprendere coscienza della propria fede, quella di cui si parla nel Nuovo testamento, la fede gioiosa, totalizzante, l’adesione alla persona di Gesù, come possiamo fare perché non avvengano più questi suicidi?”.

Leggi tutto

Società

Con la Fedeli la notte è dopo gli esami

La scuola di Valeria Fedeli, la maturità di questo ministro che non l’ha mai dovuta affrontare, non possono essere celebrate, neanche con la consueta retorica del rito abituale di inizio estate. Tutti promossi equivale a nessun promosso, siamo dentro al blob che uniforma tutti per consegnarli alla mediocrità e all’impossibilità di competere, in un orizzonte avaloriale che purtroppo è quello dei sessantottardi tristi e delusi per il mancato compimento della loro sciatta rivoluzione. Non devono essere i nostri figli, però, a patire il cinismo derivato dalla loro disillusione. Mai come oggi diventa fondamentale la battaglia per la scuola libera, per il diritto della famiglia di scegliere in quale istituto formare i propri figli, perché il patto tra la famiglia e questa formula di scuola statale è saltato anche per il lassismo che ha caratterizzato l’attività dell’ultimo ministro della Istruzione, Università e Ricerca Scientifica.

Leggi tutto

Politica

Caso Riso, Cirinnà in modalità Goebbels

Un regista omosessuale picchiato, dicono “da omofobi”. La manganellata gli è arrivata però dall’autrice delle unioni civili.

Leggi tutto

Media

Il manuale d’imperfezione e resistenza firmato Costanza Miriano

Spiritualità nell’era del web, comunione dei santi all’età della connessione perpetua, digiuno e preghiera. I temi dell’ennesimo libro della giornalista perugina cadono sul mercato come una doccia nel deserto, raccogliendo i lettori in quella grande famiglia che l’autrice stessa chiama “compagnia dell’Agnello”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano