Chiesa

di Mario Adinolfi

Perego il vescovo pilota

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

L’arcivescovo di Ferrara-Comacchio, Gian Carlo Perego, è giovane e forte: appena 57 anni, arriva a sostituire Luigi Negri e pare subirne con invidia il carisma. Pare ossessionato dalla necessità di “de-negrizzare” la sua diocesi. Oh, nessun accenno razzista nell’espressione, anzi: Perego è un vescovo politico che tifa esplicitamente per lo ius soli, fa pressione sulle Camere affinché sia subito approvato, così come nei nove anni alla guida della fondazione Migrantes ha sempre fatto propaganda per la migrazione indiscriminata e un distorto concetto di “accoglienza”. Proprio il contrario di mons. Negri, che in linea con il magistero sottolineava sempre che il primo diritto di una persona, quello da salvaguardare prioritariamente, è quello a “non emigrare” dalla sua terra, insistendo poi sul tema dell’accoglienza sostenibile partendo da un rafforzamento identitario. Perego è legittimamente su una posizione opposta, ha voglia di fare politica e di essere gradito al colore politico che domina nella sua diocesi e fin qui nulla quæstio. Più fastidioso è però che voglia fare il vescovo pilota. Papa Francesco ha spiegato bene che non è più quel tempo.

Insomma l’arcivescovo non ama il Popolo della Famiglia. Il 2017 sarà ricordato come l’anno in cui alcune diocesi hanno fatto parlare dall’altare non solo Matteo Renzi, sostenitore della legge Cirinnà e di quella sull’eutanasia, ma persino Emma Bonino che si è fatta accompagnare per l’occasione da Silvio Viale, tanto per sottolineare l’ideologia abortista che ha attraversato tutta la sua vita politica. In questo tempo in cui davanti al Santissimo parlano Renzi e Bonino, l’arcivescovo di Ferrara rimprovera un sacerdote che ha concesso una sala parrocchiale al Popolo della Famiglia. Attenzione, non è un rimbrotto in privato. Prende la carta intestata, scrive una reprimenda pubblica e la stampa sul settimanale diocesano in bella vista. La motivazione è scritta bella in corsivo: “Il Popolo della Famiglia”.

Da presidente nazionale del Popolo della Famiglia che gira in lungo e in largo l’Italia posso testimoniare direttamente l’affetto e l’accoglienza che riceviamo da parte delle parrocchie e delle comunità religiose. Domani sarò in un monastero a presentare O Capiamo o moriamo, la settimana prossima farò una tappa con al fianco il vicario di una diocesi e ho appena ricevuto la telefonata di un vescovo coetaneo di Perego che ha chiesto di poter fare analoga presentazione insieme a me sul palco. Sono innumerevoli, si contano a centinaia, le sale e i teatri parrocchiali in cui ho parlato negli ultimi anni. Perego no, vuole fare il vescovo pilota che fa politica e considera il Popolo della Famiglia un avversario politico cui negare addirittura il diritto di parola. Accoglienza è la parola più amata da Perego, ma per tutti tranne il Pdf.

Credo che l’arcivescovo sbagli con questo atteggiamento e sbagli a scegliere la strada dello scontro frontale con un movimento politico che tra qualche mese dimostrerà di essere la scelta preferenziale per centinaia di migliaia di cattolici, perché tra l’uno e il due per cento anche il più duro degli ostili al Pdf comunque ci colloca. Il due per cento sarebbero settecentomila cattolici. Se riuscissimo ad arrivare al tre, al milione di voti, ci batteremmo in Parlamento contro l’approvazione dello ius soli. Capisco che l’arcivescovo voglia impedirci di raggiungere questo traguardo, ma così scopre che i suoi intendimenti sono politici. E un vescovo non deve fare politica. Umilmente e da figli della Chiesa glielo ricordiamo, pronti a dare battaglia per i nostri spazi di agibilità e a difesa dei sacerdoti coraggiosi che ci ospitano perché credono che con le nostre parole sia resa testimonianza alla verità, anche se è una verità scomoda.

Gli arcivescovi che si piegano alle mode del mondo e concedono alle Emma Bonino di parlare dall’altare compiono le loro scelte legittime, sul piano pastorale. Ma sono scelte sbagliate. La nostra coscienza ci obbliga a dirlo, anche davanti alla carta intestata utilizzata con intenti intimidatori sul settimanale di una diocesi. Perego, non è più il tempo dei vescovi pilota. Noi, nella nostra responsabilità di laici, ci battiamo per ciò che consideriamo il bene e esigiamo solo il banalissimo rispetto, non la condivisione.

Chiederò personalmente all’arcivescovo Perego un incontro a Ferrara per spiegargli le ragioni del Popolo della Famiglia. Conto di essere accolto insieme a Mirko De Carli e agli altri militanti del territorio che si sono sentiti feriti per la reprimenda subita dal coraggioso sacerdote che ha semplicemente aperto le porte di una sala ad un’iniziativa di pubblica presentazione delle nostre idee. Non si possono serrare le porte a noi e concedere gli altari a Renzi e alla Bonino. Noi dall’altare non vogliamo parlare, ma se in una sala parrocchiale si può discutere anche di quel tema alto che è la politica, noi riteniamo ingiusto che lo spazio ci venga precluso. Perego rifletta e ci incontri, noi gli parleremo senza pregiudizi, non ne abbia lui nei nostri confronti.

10/11/2017
2411/2017
San Colombano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

I figli non si pagano, gli uteri non si affittano

Raccogliamo firme “fisiche” per una moratoria Onu sull’utero in affitto che blocchi a livello mondiale questa pratica barbara

Leggi tutto

Chiesa

Una risposta a Melloni, inquisitore dei laicisti

In un disinvolto corsivo comparso ieri sulle colonne di Repubblica, lo storico bolognese del cristianesimo ha raccolto sotto i suoi consueti strali l’ormai crivellato padre Cavalcoli, Antonio Socci, Radio Maria e noi del Family Day. A questo punto è opportuno mettere in chiaro alcuni concetti

Leggi tutto

Politica

Unar, ecco perché i famosi libretti

Ora che tutta Italia ha visto dove va a parare l’oziosa tarantella del bullismo, degli atti omofobici e via dicendo, si può capire anche perché – da un lato – gli stessi interessati a vendere droga e
prostituzione si prodigassero tanto nell’assuefare i giovanissimi a un modello di sessualità rapace e consumistico; e si capisce pure – dall’altro – perché il Popolo della Famiglia si opponga al degrado

Leggi tutto

Politica

Il Popolo della Famiglia ed il voto

Il riepilogo dei risultati del 2016 ci ricorda che abbiamo superato lo sbarramento solo a Cordenons. L’obiettivo di queste elezioni del 2017 per il Popolo della Famiglia è intanto quello di superare lo sbarramento in più di un comune, oltre a quello di raddoppiare almeno la media nazionale del nostro consenso. Avere un Pdf che possa contare su altri eletti nelle amministrazioni locali, con una percentuale di voto nazionale oscillante tra il 2% e il 3% sarebbe un ottimo viatico per lo sforzo finale in vista delle politiche. In termini assoluti ai 52.824 voti raccolti dai candidati sindaco del Popolo della Famiglia nel 2016, ne vorremmo aggiungere altrettanti nonostante i votanti di questa tornata siano molti di meno e sia prevista anche un affluenza non altissima. Ma lo sforzo delle nostre candidate sindaco donne come Lucianella Presta e Manuela Ponti, dei nostri candidati sindaco brillanti come Lorenzo Damiano e Luca Grossi, come Maurizio Schininà e Mirko Ghirlanda, come Zecchinato Gallo e Pietro Marcazzan sarà premiato oltre le attese. Altri cinquantamila voti significherebbe avere costruito una forza politica che può contare, sugli appena 35 comuni in cui ha testato la propria presenza, su centomila simpatizzanti. Vi

Leggi tutto

Chiesa

Io prete disabile e felice

Un parto prematuro, una paresi spastica alle gambe, un handicap evidente e per certi versi umiliante. Così comincia la vita di quello che oggi è un sacerdote cattolico felice di poter dare la gioiosa testimonianza di una vita redenta. «Sono stato un girovago tra tante amarezze e false consolazioni», dice di sé, e «il Signore ha fatto di me un uomo nuovo». Come? Un po’ come con Mosè, la cui forza veniva da un bastone in cui si ricordavano le promesse

Leggi tutto

Chiesa

“Una sconfitta per l’umanità”

Il cardinale Parolin commenta il referendum irlandese con parole nette. I giornali tentano di raccontare una Chiesa “aperturista” che non esiste, per far approvare il vergognoso ddl Cirinnà

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2017 La Croce Quotidiano