Politica

di Mario Adinolfi

Come può uno scoglio arginare il mare?

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Ieri sera a Vitulazio una indegna gazzarra ha tentato di impedire la presentazione di OCOM. Mentre arrivavo nella cittadina del Casertano anche per radicare nel nord della Campania il Popolo della Famiglia, al telefono rispondevo alle domande del Resto del Carlino su quel vescovo che vuole impedire l’accesso del Pdf alle sale parrocchiali del Ferrarese chiedendo a sua eccellenza se conosce tutti i legami a doppio filo di parte del clero della sua diocesi con il Pd e il suo potere stratificato e se ritenesse corretto che dall’altare potessero parlare la Bonino, la Boldrini o Renzi e a noi dovesse essere vietato persino l’accesso in una piccola sala di pertinenza della parrocchia in un comune della provincia, quando quei politici parlano dagli altari delle cattedrali. Mi è sembrato così di scorgere tra le barbette tutte omologate dei contestatori liberticidi di Vitulazio il profilo di mons. Perego dietro il cartello violento che ci veniva innalzato contro con il vecchio slogan degli anni di piombo (“pagherete caro, pagherete tutto”). Lo scatto che ritrae la canizza di Vituliano è caravaggesco, con lo sguardo sincero e stranito di un’anziana signora davanti ai manifestanti che pare chiedersi: “Ma si è rivoltato il mondo?”. Ha ragione signora, siamo nel mondo all’incontrario. Ma poi la ragionevolezza vince e a Vitulazio è bastato l’arrivo di una volante a disperdere quei vili e noi la presentazione di OCOM l’abbiamo fatta in una sala affollata fino all’inverosimile, messa a disposizione dalle suore caro vescovo Perego, così come prossime iniziative sono previste in sale parrocchiali e alcune (più d’una) addirittura con il vescovo accanto sul palco. Perché questo popolo non sarà fermato da una saldatura tra i vescovi ideologici che vogliono fare politica prostrandosi al potere piddino costituito e ragazzini inconsapevoli che ripetono slogan pericolosi di mezzo secolo fa e vogliono bruciare i libri di cui non approvano le idee. Questo popolo continua a crescere impetuosamente e se ci negherete le sale parleremo nelle piazze semplicemente ripetendo che due più due fa quattro e le relazioni causa-effetto fanno sì che si debbano indagare razionalmente le cause per non dover piangere le conseguenze di reiterati effetti nefasti. Diciamo banalità e davvero non capisco perché facciano tanta paura a prelati politicizzati e giovani liberticidi, o meglio lo capisco e bene ma non mi ci rassegno. Continueremo a parlare (anche in tv come ieri a La7 questo il link https://youtu.be/sE3-FfqElKk e lunedì replichiamo a Canale 5) a presentare le 207 pagine di O capiamo o moriamo (lunedì alle 18 a Milano al Palazzo delle Stelline) e a far crescere un popolo che si chiama Popolo della Famiglia. Come può uno scoglio (o un vescovo politicizzato o un gruppuscolo di perditempo o persino un’aggressione sul palco come quella di Novara) arginare questo mare?

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

11/11/2017
1904/2019
Santa Emma

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Cassero, il delirio continua: “La Chiesa inquina con la sua ortodossia”

Replica delirante e unitaria di tutte le associazioni LGBT a difesa della vergognosa iniziativa blasfema del circolo gay di Bologna

Leggi tutto

Chiesa

51 anni di Dei Verbum

Sono passati 51 anni ma questo documento ha ancora molto da dirci. Curiosamente non è nemmeno tra i più commentati: eppure, anche per la difficoltà che costò ai Padri Conciliari, sarebbe importante riprenderlo in mano e poterlo meditare. Convincendosi, una volta per tutte, che il Concilio, quello vero, non ha responsabilità alcuna nelle crisi ecclesiali odierne, vere e presunte.

Leggi tutto

Storie

STORIA DI UN AMORE, SBECCATO MA UTILE A TUTTI

Dopo aver ri-costruito attraverso questo percorso davvero tortuoso una mia condizione familiare, Dio ha voluto che spendessi tutto me stesso per testimoniare la bellezza della famiglia e anche di questo devo dire grazie a Silvia. Voglio La Mamma nasce nel 2013 perché ho visto Clara con Silvia e Silvia con Clara. Da ragazzino quando nacque Livia, la mia carissima primogenita, ero troppo preso da me per avere lo sguardo davvero sull’altro, poi intervennero subito tragedie da togliere il fiato e nessuna bellezza poteva essere anche solo immaginata dal mio sguardo. Vent’anni dopo la oggettiva e prepotente bellezza di Silvia riverberata in Clara sembra essere immagine stessa della bellezza della condizione familiare. Dentro questa parola (“bellezza”) io inserisco anche l’enorme fatica dell’essere famiglia, i vincoli che impone, i limiti dell’altro che devi imparare ad accettare e Silvia ne ha, cavoli se ne ha, ma i miei sono infinitamente maggiori e talvolta davvero insopportabili, quindi ho imparato quell’indulgenza che è anticamera necessaria dell’amore.

Leggi tutto

Chiesa

Io prete disabile e felice

Un parto prematuro, una paresi spastica alle gambe, un handicap evidente e per certi versi umiliante. Così comincia la vita di quello che oggi è un sacerdote cattolico felice di poter dare la gioiosa testimonianza di una vita redenta. «Sono stato un girovago tra tante amarezze e false consolazioni», dice di sé, e «il Signore ha fatto di me un uomo nuovo». Come? Un po’ come con Mosè, la cui forza veniva da un bastone in cui si ricordavano le promesse

Leggi tutto

Storie

Addio a Stephen, genio disabile

È morto all’età di 76 anni Stephen Hawking, uno dei più grandi scienziati del pianeta e sicuramente il più noto fra quelli contemporanei. La sua disabilità, combinata con una determinazione indomabile, ne ha fatto
un’icona d’ispirazione per molti. Inafferrabile in ogni schema, dotato di fine umorismo e provato da una vita personale non sempre rosea, ci mancherà.

Leggi tutto

Storie

Vive ancora l’artigianato locale?

La domanda è più che lecita in quanto l’economia di piccole e medie imprese sul territorio soffre la concorrenza della grande distribuzione. Ma dove sta la vera “convenienza” per il consumatore?

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano