Politica

di Mario Adinolfi

Come può uno scoglio arginare il mare?

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Ieri sera a Vitulazio una indegna gazzarra ha tentato di impedire la presentazione di OCOM. Mentre arrivavo nella cittadina del Casertano anche per radicare nel nord della Campania il Popolo della Famiglia, al telefono rispondevo alle domande del Resto del Carlino su quel vescovo che vuole impedire l’accesso del Pdf alle sale parrocchiali del Ferrarese chiedendo a sua eccellenza se conosce tutti i legami a doppio filo di parte del clero della sua diocesi con il Pd e il suo potere stratificato e se ritenesse corretto che dall’altare potessero parlare la Bonino, la Boldrini o Renzi e a noi dovesse essere vietato persino l’accesso in una piccola sala di pertinenza della parrocchia in un comune della provincia, quando quei politici parlano dagli altari delle cattedrali. Mi è sembrato così di scorgere tra le barbette tutte omologate dei contestatori liberticidi di Vitulazio il profilo di mons. Perego dietro il cartello violento che ci veniva innalzato contro con il vecchio slogan degli anni di piombo (“pagherete caro, pagherete tutto”). Lo scatto che ritrae la canizza di Vituliano è caravaggesco, con lo sguardo sincero e stranito di un’anziana signora davanti ai manifestanti che pare chiedersi: “Ma si è rivoltato il mondo?”. Ha ragione signora, siamo nel mondo all’incontrario. Ma poi la ragionevolezza vince e a Vitulazio è bastato l’arrivo di una volante a disperdere quei vili e noi la presentazione di OCOM l’abbiamo fatta in una sala affollata fino all’inverosimile, messa a disposizione dalle suore caro vescovo Perego, così come prossime iniziative sono previste in sale parrocchiali e alcune (più d’una) addirittura con il vescovo accanto sul palco. Perché questo popolo non sarà fermato da una saldatura tra i vescovi ideologici che vogliono fare politica prostrandosi al potere piddino costituito e ragazzini inconsapevoli che ripetono slogan pericolosi di mezzo secolo fa e vogliono bruciare i libri di cui non approvano le idee. Questo popolo continua a crescere impetuosamente e se ci negherete le sale parleremo nelle piazze semplicemente ripetendo che due più due fa quattro e le relazioni causa-effetto fanno sì che si debbano indagare razionalmente le cause per non dover piangere le conseguenze di reiterati effetti nefasti. Diciamo banalità e davvero non capisco perché facciano tanta paura a prelati politicizzati e giovani liberticidi, o meglio lo capisco e bene ma non mi ci rassegno. Continueremo a parlare (anche in tv come ieri a La7 questo il link https://youtu.be/sE3-FfqElKk e lunedì replichiamo a Canale 5) a presentare le 207 pagine di O capiamo o moriamo (lunedì alle 18 a Milano al Palazzo delle Stelline) e a far crescere un popolo che si chiama Popolo della Famiglia. Come può uno scoglio (o un vescovo politicizzato o un gruppuscolo di perditempo o persino un’aggressione sul palco come quella di Novara) arginare questo mare?

11/11/2017
2411/2017
San Colombano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

I figli non si pagano, gli uteri non si affittano

Raccogliamo firme “fisiche” per una moratoria Onu sull’utero in affitto che blocchi a livello mondiale questa pratica barbara

Leggi tutto

Chiesa

Tre giorni di Fede e sport in Vaticano

Si è aperta ieri la conferenza globale su fede e sport che vedrà, in Vaticano, per tre giorni (dal 5 al 7 Ottobre) riunirsi atleti e rappresentati di fede per parlare e testimoniare i principi su cui dovrebbe basarsi lo sport e su cui, in un modo profondo, può innestarsi l’esperienza di fede di ogni singolo sportivo, qualsiasi essa sia.

Leggi tutto

Politica

Tutti in difesa del ministro Fedeli

Loro mentono sistematicamente agli italiani, ma se ne tocchi uno scattano uniti nell’autodifesa: Valeria Fedeli è stata fatta oggetto di un manifesto non violento né volgare, ma che semplicemente ricordava i suoi demeriti. Come un sol uomo scattano a difesa del ministro che ha millantato titoli di studio inesistenti Pd, Forza Italia e sindacati. Citazione a parte per il giuda Renato Schifani che veniva ai Family Day. Ricordarselo quando vi chiederanno di votare Forza Italia, sì, Schifani dopo il viaggetto con Ncd è tornato lì. Controvento, come sempre, solo il Popolo della Famiglia.

Leggi tutto

Politica

La proposta del PDF, il reddito di maternità

Noi facciamo politica per cambiare concretamente la vita delle persone e per dare un pugno al piano inclinato che vede le normative orientarsi tutte contro i diritti della famiglia naturale. Essere militanti del Popolo della Famiglia, essere sostenitori di questo progetto, significa battersi per dare alle donne la piena libertà di scelta: il reddito di maternità è questo, una fondamentale battaglia per la libertà della donna. Si può concretamente portare a casa questo risultato se il Popolo della Famiglia, fin dalle prossime elezioni amministrative, avrà livelli di consenso tali da far capire che il traguardo dell’ingresso in Parlamento non è una chimera ma un reale obiettivo politico perseguibile che cambierà radicalmente gli equilibri dei rapporti di forza nel Paese, dando voce a quelle ragioni che attualmente voce non hanno. Se c’è un motivo per dedicarsi alla lotta politica, ora questo motivo c’è: salvare la famiglia, proteggere i nostri figli, liberare davvero le donne. Perseguilo insieme a noi, vota Popolo della Famiglia, rendi concreto il progetto del reddito di maternità.

Leggi tutto

Politica

Chi lavora non sia più una riga del bilancio

Questo il tenore del messaggio di Papa Francesco, che apre la 48esima giornata sociale dei Cattolici italiani a Cagliari. “Il lavoro che vogliamo. Libero, creativo, partecipativo e solidale” è il tema della giornata sociale, ispirata alla proposta della Evangelii Gaudium. La Cei prende il La dal Papa e si cala nel vissuto quotidiano del Paese. Resta da vedere se la politica ascolterà.

Leggi tutto

Chiesa

Preoccupazioni prive di azioni

Le conclusioni dell’assemblea generale della Cei indicano una serie di problemi, osservano l’avanzata di un’offensiva legislativa contro la famiglia, ma non offrono risposte operative

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2017 La Croce Quotidiano