Politica

di Mario Adinolfi

Come può uno scoglio arginare il mare?

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Ieri sera a Vitulazio una indegna gazzarra ha tentato di impedire la presentazione di OCOM. Mentre arrivavo nella cittadina del Casertano anche per radicare nel nord della Campania il Popolo della Famiglia, al telefono rispondevo alle domande del Resto del Carlino su quel vescovo che vuole impedire l’accesso del Pdf alle sale parrocchiali del Ferrarese chiedendo a sua eccellenza se conosce tutti i legami a doppio filo di parte del clero della sua diocesi con il Pd e il suo potere stratificato e se ritenesse corretto che dall’altare potessero parlare la Bonino, la Boldrini o Renzi e a noi dovesse essere vietato persino l’accesso in una piccola sala di pertinenza della parrocchia in un comune della provincia, quando quei politici parlano dagli altari delle cattedrali. Mi è sembrato così di scorgere tra le barbette tutte omologate dei contestatori liberticidi di Vitulazio il profilo di mons. Perego dietro il cartello violento che ci veniva innalzato contro con il vecchio slogan degli anni di piombo (“pagherete caro, pagherete tutto”). Lo scatto che ritrae la canizza di Vituliano è caravaggesco, con lo sguardo sincero e stranito di un’anziana signora davanti ai manifestanti che pare chiedersi: “Ma si è rivoltato il mondo?”. Ha ragione signora, siamo nel mondo all’incontrario. Ma poi la ragionevolezza vince e a Vitulazio è bastato l’arrivo di una volante a disperdere quei vili e noi la presentazione di OCOM l’abbiamo fatta in una sala affollata fino all’inverosimile, messa a disposizione dalle suore caro vescovo Perego, così come prossime iniziative sono previste in sale parrocchiali e alcune (più d’una) addirittura con il vescovo accanto sul palco. Perché questo popolo non sarà fermato da una saldatura tra i vescovi ideologici che vogliono fare politica prostrandosi al potere piddino costituito e ragazzini inconsapevoli che ripetono slogan pericolosi di mezzo secolo fa e vogliono bruciare i libri di cui non approvano le idee. Questo popolo continua a crescere impetuosamente e se ci negherete le sale parleremo nelle piazze semplicemente ripetendo che due più due fa quattro e le relazioni causa-effetto fanno sì che si debbano indagare razionalmente le cause per non dover piangere le conseguenze di reiterati effetti nefasti. Diciamo banalità e davvero non capisco perché facciano tanta paura a prelati politicizzati e giovani liberticidi, o meglio lo capisco e bene ma non mi ci rassegno. Continueremo a parlare (anche in tv come ieri a La7 questo il link https://youtu.be/sE3-FfqElKk e lunedì replichiamo a Canale 5) a presentare le 207 pagine di O capiamo o moriamo (lunedì alle 18 a Milano al Palazzo delle Stelline) e a far crescere un popolo che si chiama Popolo della Famiglia. Come può uno scoglio (o un vescovo politicizzato o un gruppuscolo di perditempo o persino un’aggressione sul palco come quella di Novara) arginare questo mare?

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

11/11/2017
2007/2019
Sant'Elia profeta

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

L’addio a Michele Santoro

L’impressione è che non si sia trattato di un arrivederci, la formula dell’intrattenimento politico fazioso in tv è logora

Leggi tutto

Politica

Cosa succede il 5 Dicembre

Il 5 dicembre ed il referendum spiegati da Mario Adinolfi

Leggi tutto

Chiesa

Sacerdoti oggi

Vi sembrerà impossibile, lo so. Anche a me oggi, a 45 anni, fa ancora lo stesso effetto. A volte mi sveglio di notte da incubi spaventosi e mi domando: ma è stato tutto vero o me lo sono inventato io? Durante l’esperienza del liceo e poi dell’università ci ho provato a staccarmi. Per fortuna allora non esistevano i cellulari. Ma vi posso assicurare che la sua presenza era totalizzante anche a distanza. Non esagero se vi dico che ci sono state settimane e mesi nelle quali mi arrivano non meno di trenta telefonate al giorno tutte sue. Ero suo e non era immaginabile che io prendessi il volo per sempre. Mi controllava. Durante la fase della tesi di laurea ho iniziato a soffrire di attacchi di panico. Quest’anno festeggio i 22 anni di convivenza con questa brutta bestia che ti schianta il cuore e il fisico. La vita è sempre stata una vista passata a scappare. A fare non-scelte. Compresa quella di entrare in seminario dopo la laurea in filosofia. E ne ero convinto in un certo senso, ero convinto di avere la vocazione. In realtà non era così: scappavo ancora una volta dal mostro. A venticinque anni che cosa potevo fare nella vita? Non ero capace di fare niente. E allora perché non entrare in seminario? Il prete sapevo farlo, figuriamoci, con tutta l’esperienza di anni e anni passata a fare ogni cosa in parrocchia ed in oratorio! E poi, forse, se fossi diventato prete avrei finalmente avuto la scusa giusta per allontanarmi dal mostro. Il Vescovo mi avrebbe spedito a chilometri di distanza dal prete-mostro e allora la mia prigione sarebbe finita. In seminario ci sono restato 9 mesi. Il periodo più importante e decisivo per la mia vita. Decisivo per affrontare di petto per la prima volta chi ero davvero e che cosa volevo davvero diventare.

Leggi tutto

Politica

Il quadriennio di Donald Trump

Doveva perdere e invece riporta una sostanziale vittoria: contro i media e contro i finanziatori di tutto il Paese, il macchiettistico inquilino della Casa Bianca rafforza la propria posizione politica nelle elezioni di midterm. Se si vuole comprendere come sia possibile tanta forza politica si deve mettere da parte l’ideologia e guardare ai dati. Gli Usa di Trump hanno un’accelerazione formidabile.

Leggi tutto

Società

Il CAV e l’ombra dell’aborto: il curioso caso di Bergamo

Escluso dal tavolo dei relatori di sabato il presidente FederVita Paolo Picco. La difesa del PdF locale. A Bergamo si è consumato un vergognoso assalto totalitario, in cui un gruppo di pressione ha disposto a proprio piacimento di un organo del Consiglio Comunale, con la connivenza dell’amministrazione Gori, che non si è fatta problemi ad accettare la proposta di sostituzione di Paolo Picco con l’assessore alla Coesione Sociale Maria Carolina Marchesi.

Leggi tutto

Chiesa

Suor Serena: “nulla di quello che avevo chiesto è accaduto, eppure sono pienamente felice”

Ho deciso d’intervistare Suor Serena perché il suo sorriso è contagioso. No, non è uno scherzo. Lei ride. Ride alla vita. I suoi occhi scintillanti guardano il viso dei suoi giovani e raggiungono il loro cuore. Fu la mia bambina che, quando la vide, disse proprio: “Quella suora mi fa ridere il cuore!”, era fuor di dubbio che io avrei voluto sapere tutto, di lei. Questo è il racconto della sua vita, “impastata e stesa” da Dio.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano