Chiesa

di Lucia Scozzoli

Cosa accade veramente nella curia di Modena

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

I giornalisti certe volte mostrano guizzi di genialità comunicativa, specie quando inventano espressioni o appellativi tranchant che poi vengono copiati da tutti i colleghi per sintetizzare situazioni ed eventi complessi: è questo il caso dell’“editto di Modena”, partorito da una nota testata online, per descrivere il contenuto dell’editoriale dal titolo pastorale “Discernere per essere veramente ecclesia” che l’arcivescovo di Modena, don Erio Castellucci, ha scritto per il settimanale “Nostro Tempo”, supplemento domenicale di Avvenire, e pubblicato il 22 ottobre scorso.

In questo pacato editoriale, il vescovo esortava a non invitare nelle parrocchie «veggenti, carismatici, giornalisti e intellettuali che manifestano un dissenso “sottile o aperto” verso la Chiesa ufficiale e soprattutto verso Papa Francesco», ma piuttosto di organizzare tali eventuali incontri in luoghi che non dessero adito ad una sottintesa legittimazione da pare della Chiesa dei contenuti veicolati, per non creare confusione tra i fedeli. Pare infatti che nella diocesi di Modena fossero avvenuti alcuni eventi un po’ inquietanti, tipo conferenze tenute da esorcisti non autorizzati, dal tenore tanto angosciante da provocare addirittura qualche malore.

Dal desiderio di prendersi cura dei fedeli, in particolar modo dei più fragili e sensibili, è nata la decisione da parte del vescovo di divulgare la lettera, la quale non aveva affatto il tono dell’editto, quanto piuttosto dell’omelia che invita al discernimento: «Chi ha bisogno di rivelazioni “private” (che siano di derivazione mistica o intellettuale) rispetto alla rivelazione pubblica della Scrittura, manifesta una debolezza. Il cristiano non è obbligato a credere nelle rivelazioni private, neppure in quelle stabilite come autentiche dalla Chiesa: figuriamoci in quelle ancora in fase di discernimento». E poi, «se la gente cerca cose straordinarie rispetto a quelle che il Signore ci offre quotidianamente, non sarà perché fatichiamo a rendere attraenti i suoi doni ordinari?» A chiusura del suo intervento l’arcivescovo riflette sulle critiche ai Papi: «Continuo a pensare che lo Spirito Santo agisca sul successore di Pietro con maggiore intensità che non sui giornalisti, sui veggenti, sui carismatici e sugli intellettuali».

Davvero non è chiaro dove fosse lo scandalo sotteso a queste linee guida: prima di invitare chicchessia a parlare in una parrocchia, è il caso di informarsi sui contenuti che verranno divulgati e domandarsi se essi siano o meno in accordo con il magistero. Per la libera professione di tutte le libere idee esistono tutti gli altri palchi laici di questo mondo. Queste linee guida pastorali sono di tale buonsenso che le abbiamo invocate tutti quando abbiamo visto salire sul pulpito di chiese addirittura abortisti come la Bonino o Viale, o politici eticamente spregiudicati, come Renzi e la sua combriccola del PD, non si capisce perché facciano tanto scalpore a Modena.

In realtà a scatenare la furia di taluni giornalisti è stata, almeno formalmente, l’espressione “Chiesa ufficiale”, perché aprirebbe la questione non da poco di definire cosa sia e, soprattutto, chi ne faccia parte e chi no: ad esempio, i promotori dei famosi dubia a papa Francesco sono Chiesa ufficiale? O i famosi 62 firmatari della lettera di dissenso al pontefice, sono Chiesa ufficiale?

La risposta non si è fatta attendere molto, ci hanno pensato gli eventi a classificare tali soggetti. Infatti dopo la pubblicazione delle raccomandazioni del vescovo, nelle parrocchie hanno iniziato ad essere più attenti e a verificare, come suggerito dal loro pastore, la provenienza dei personaggi coinvolti in iniziative e conferenze, e così una signora che aveva organizzato un incontro pubblico con monsignor Antonio Livi si è resa conto di aver invitato proprio un personaggio piuttosto in vista tra i gli aperti contestatori a papa Francesco. Presa dal dubbio, si è confrontata col vescovo, il quale le ha suggerito, per pastorale prudenza, semplicemente di spostare l’incontro dai locali parrocchiali ad un teatro comunale o privato, cosa che la signora, in perfetto accordo con don Castellucci, ha cercato di fare, comunicando il cambiamento a Livi. A questo punto, però, ha ricevuto in risposta un’espressione alquanto inquietante: «O in una parrocchia, o niente». E poi Livi è corso a rilasciare a “La fede quotidiana” un’intervista dove, tra una critica alla Chiesa ed una al Papa, infila pure questa incredibile dichiarazione: «Purtroppo devo denunciare una persecuzione contro di me e contro tutti quelli che come me non si allineano alla “dittatura del relativismo”, che sembra il pensiero dominante, non solo in politica ma anche in teologia. In una parrocchia di Modena mi avevano invitato a parlare dei problemi pastorali derivanti dall’ideologia del relativismo, ma ho dovuto cancellare la conferenza su ordine del Vescovo».

Peccato che non sia affatto vero, ma tanto è bastato per scatenare l’appetito delle solite testate online anti bergogliane per gridare all’applicazione della censura da Soviet.

Non paghe di ciò, le truppe cammellate a caccia di nemici immaginari hanno imbastito un ricco film anche su un’altra vicenda, che questa volta li riguardava da vicino: il centro culturale Il Faro ha ottenuto da parte del vescovo il riconoscimento di piena ecclesialità, con l’assegnazione di un assistente diocesano. Ma tale associazione nel suo statuto, all’art.2.2.b, riporta testualmente come obiettivo:

«Orientare i soci e il pubblico nel campo dell’editoria e in merito a pubblicazioni di loro interesse; in particolare, collaborando con la rivista “Il Timone” ed essendo parte della rete dei centri culturali riuniti sotto il nome di “amici del Timone”. Assume particolare importanza l’impegno a promuovere la diffusione di tale rivista».

Ora è inutile nascondersi dietro un dito: la brillante invenzione giornalistica del caso “editto di Modena” è da ascrivere al direttore del Timone, sebbene attraverso l’articolo su un’altra testata. Quindi il vescovo ha domandato al centro culturale di dichiarare da che parte stavano in questo contenzioso mediatico sollevato giustappunto dal direttore suddetto. E l’associazione ha scelto senza indugio di rinnegare Cascioli stampando una bella paginata di presa di distanza dalle elucubrazioni infamanti di cui sopra per restare aderenti alle linee guida del proprio pastore.

È facile immaginare che costui se la sia un po’ presa, ma accusare il vescovo addirittura di aver scritto sms minatori ad un suo giornalista, con la minaccia paradossale “*avviso per la Curia di Modena: li abbiamo conservati tutti*” ci pare francamente eccessivo. Avviso per la Testata: anche la curia di Modena li ha conservati tutti.

Io credo che fare il vescovo sia un lavoro davvero faticoso, che richiede secchiate di Spirito Santo e dosi di incredibile pazienza: da una parte ti tocca ricevere gli strali dei progressisti che si arrabbiano perché ritiri l’assistente diocesano al gruppo scout che pretende di nominare educatore un uomo che si è unito civilmente con un altro uomo (anche questo accade a Modena, se non lo sapete), e dall’altra ricevi 300 email di insulti da parte di ignari lettori di testate che fomentano un’ostilità ingiustificata per un’azione pastorale condivisibilissima, anzi, in altre situazioni addirittura auspicata (vedi Renzi dal pulpito di della basilica di Pæstum).

Mettetevi d’accordo: il vescovo è progressista o conservatore? Si diceva “molti nemici molto onore”, o qualcosa del genere. Ma sarebbe meglio sostenere i pastori, non demolirli, o almeno alzare il telefono e verificare una notizia prima di indire guerre sante.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

22/11/2017
1407/2019
San Camillo de Lellis

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Il viso espressivo di monsignor Castellucci

Mons. Castellucci non è nuovo per la mobilitazione pubblica e personale in favore della vita umana nascente. Nello scorso aprile ha partecipato ad esempio alla grande mobilitazione prolife organizzata nel centro di Modena con un corteo e un momento di preghiera che ha coinvolto oltre 350. Quando la proposta gli è giunta alle orecchie, subito il vescovo, non se l’è lasciata sfuggire, tanto più in occasione del Giubileo della Misericordia. «Può essere un segno - ha spiegato l’arcivescovo - e un modo per dire che la vita vale sempre. La Misericordia si manifesta fin dall’inizio. Ci sono tre elementi deboli nella vita umana: l’origine, l’esposizione e la fine. Non sempre si dà attenzione al livello normativo e culturale». Se la vita vale in quanto tale, i cristiani sono chiamati a un compito. «Dobbiamo avere uno sguardo più profondo», sostiene quindi mons. Castellucci, che si ottiene «guardando ai più piccoli, come fatto da Gesù Cristo: per essere grandi siate come i bambini».

Leggi tutto

Chiesa

Il Papa: l’eutanasia mai ammissibile

Papa Francesco manda il proprio saluto al Meeting della World Medical Association sulle questioni del fine-vita, che termina oggi in Vaticano. Il testo è stato divorato e divulgato, dai media, come “il Papa contro l’accanimento terapeutico” (intendendo con ciò “il Papa per l’eutanasia”). In realtà il Santo Padre ha usato parole adamantine per riaffermare la dottrina cattolica tradizionale e negare ogni liceità alla pratica dell’uccisione del malato.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco e gli esercizi spirituali ad Ariccia

“Come possiamo aiutare i cristiani del nostro tempo a non perdere la fede, a riprendere coscienza della propria fede, quella di cui si parla nel Nuovo testamento, la fede gioiosa, totalizzante, l’adesione alla persona di Gesù, come possiamo fare perché non avvengano più questi suicidi?”.

Leggi tutto

Chiesa

Gnosticismo e pelagianesimo: le ideologie che mutilano il Vangelo

La sintesi della trasmissione di ieri su Radio Mater “Temi di Dottrina sociale della Chiesa”. Dedicata alla terza Esortazione apostolica di Papa Francesco

Leggi tutto

Chiesa

Arborelius primo cardinale svedese

Il vescovo carmelitano di Stoccolma è stato indicato tra i nomi di quanti verranno creati cardinali nel prossimo concistoro del 28 giugno. Se già nell’attuale collegio cardinalizio stupiscono le nomine
dei prelati europei, quella di Anders Arborelius colpisce anche perché si tratta del primo svedese che si fregia della porpora romana; e si tratta di un convertito dal luteranesimo; ed è il giubileo luterano

Leggi tutto

Chiesa

Il dramma della grazia onnipotente cui resistiamo

Per comprendere fino in fondo le implicazioni dell’omelia del Santo Padre, partiamo dalla definizione di Grazia. Per il Catechismo della Chiesa Cattolica, la Grazia è «il favore, il soccorso gratuito che Dio ci dà perché rispondiamo al suo invito: diventare figli di Dio» (n. 1996); è «una partecipazione alla vita di Dio; ci introduce nell’intimità della vita trinitaria» (n.1997) e l’ingresso nella vita di Grazia avviene con il Battesimo. Nell’Antico Testamento, non esiste un termine univoco per definirla: del resto, Israele – nelle Sacre Scritture – non offre una riflessione sistematica sulla Grazia, ma sperimenta la misericordia, la benevolenza, l’amicizia, la fedeltà di Dio negli eventi di cui si compone la storia della salvezza, definendo questo agire di Dio in suo favore con diversi termini, tra cui hesed. La Grazia di Dio ha origine nella libera e gratuita iniziativa di Dio. Lo vediamo, per esempio, in Abramo: quando è chiamato in scena, nella Storia della Salvezza, di lui non ci viene detto nulla. Non sappiamo del suo carattere, non sappiamo il motivo per cui Dio lo ha scelto. Sappiamo soltanto che riceve una chiamata inattesa e una benedizione che andrà al di là di quello che egli avrebbe potuto sperare: «Farò di te un grande popolo e ti benedirò, renderò grande il tuo nome e diventerai una benedizione. Benedirò coloro che ti benediranno e coloro che ti malediranno maledirò e in te si diranno benedette tutte le famiglie della terra» (Gen 12, 2-3).

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano