Politica

di Mario Adinolfi

Da Maroni e Lega via libera al DDL Scalfarotto

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Su La Croce da alcuni giorni scriviamo con Bruno Volpe della vergognosa legge regionale di Michele Emiliano in Puglia ricalcata sulla legge Scalfarotto, quella che inventando il reato di “istigazione all’odio omofobico” e consegnandolo alla discrezionalità dei magistrati renderebbe impossibile dire no al matrimonio tra omosessuali o gridare allo schifo davanti alla pratica vendoliana dell’utero in affitto. Analoga legge è stata approvata in Umbria, con la decisiva astensione di Forza Italia. Ora al carro si aggrega anche la Lega con il suo presidente di Regione più prestigioso, Roberto Maroni, che proprio con Michele Emiliano ha inventato un vergognoso baratto: tu dai l’autonomia a me, io offro la legge sull’omofobia a te.

Ecco, noi del Popolo della Famiglia parliamo sempre di “principi non negoziabili”, riprendendo una nota definizione. Su questi principi nel centrodestra tutti, ma proprio tutti, fanno negozio: centocinquanta eletti nel centrodestra sono stati decisivi tra Camera e Senato per approvare la legge Cirinnà, sul divorzio breve tutti ma proprio tutti hanno votato a favore (solo 11 voti contrari al Senato), sull’eutanasia il centrodestra ha dato libertà di coscienza e alcuni leghisti di peso come Zaia si sono detti esplicitamente favorevoli con il risultato che i voti contrari alla Camera sono stati appena 37 su 630 aventi diritto a votare. Eppure alcuni amici che dovrebbero essersi scottati parecchio dall’aver affidato i Family Day politicamente a mani sbagliate come quelle dei traditori Alfano e Lupi continuano a dire che faranno votare per i partiti del centrodestra chiedendo in cambio “alcune candidature nelle liste in posizione eleggibile”. Insomma, hanno aperto anche loro il negozio.

Crediamo sempre più nettamente che chi era presente a San Giovanni e al Circo Massimo abbia una sola scelta possibile, per difendere veramente quei valori: non solo votare, ma sostenere fattivamente e anche candidarsi con il Popolo della Famiglia. Altrimenti la prima legge che sarà approvata nella prossima legislatura a suggello di inevitabili larghe intese sarà la legge Scalfarotto con il voto favorevole barattato anche della Lega e di Forza Italia, che ce lo hanno scritto nero su bianco di essere disponibili a negoziare sul punto. Il Popolo della Famiglia no.

L’unica forza politica totalmente nata dal basso e cristianamente ispirata a patti non ci scende, sui principi non negoziabili non negozia, i baratti non li ha nel dna e lo ha dimostrato rinunciando a accordi e accordicchi che ci sono stati offerti al secondo turno di tutte le elezioni amministrative, fino a quelle di Ostia, dove c’è chi ha provato a correre sul carro di chi credeva vincitore (sbagliando ancora una volta clamorosamente la lettura politica dei fatti) mentre al nostro Giovanni Fiori ogni proposta di abboccamento per trattare poltrone e poltroncine ha trovato un fermo rifiuto come già era accaduto in altre piccole e grandi città. Se Lega e Forza Italia collaboreranno, come hanno già fatto e dichiarato di voler fare, al varo di una legge sull’omofobia in un paese come il nostro dove l’omofobia non esiste usandola come merce di scambio per alcuni loro interessi, la storia dei movimenti prolife sul piano pubblico e della capacità di rappresentanza si chiuderà, dovremo entrare in clandestinità. Già oggi riceviamo tutti querele intimiditatorie, che per fortuna si chiudono sempre (quasi sempre, alcuni sono imprudenti e inesperti, non sanno usare bene le parole) con l’archiviazione da parte della magistratura senza neanche arrivare al rinvio a giudizio. Nessun dirigente del Popolo della Famiglia è mai stato processato anche solo per diffamazione, perché stiamo attenti a non offendere mai nessuno.

Con la legge sull’omofobia e il fantomatico reato di “istigazione all’odio omofobico”, privo di qualsiasi contorno definito, ci ritroveremmo sommersi di denunce ad ogni passo e basterebbe un giudice di sinistra ideologizzato (che dite, ce ne sono?) a veder comminata il massimo della pena: sei anni di carcere. Ovviamente in un contesto del genere l’Italia diventerebbe quel che adesso è Facebook, dove una piccola lobby con le sue “segnalazioni” organizzate sta impedendo il diritto di parola ai vertici del Popolo della Famiglia. Denunce mirate otterrebbero lo stesso effetto, sul ben più pesante piano giudiziario. Maroni e la Lega si sono dette d’accordo con Emiliano per costruire questi effetti. Perché il Popolo della Famiglia ormai è diventato un soggetto politico pericoloso e da abbattere.

Sostenete l’ultima possibilità per far vivere la mobilitazione dei Family Day, per far contare davvero un popolo, impedite il varo di leggi liberticide che farebbero da preludio a altre leggi contro la vita e contro la famiglia. Unitevi alle migliaia di militanti del Pdf sul territorio, contribuite in questi quattro mesi alla campagna che può portare il Popolo della Famiglia oltra l’asticella del milione di voti e dunque con una forte rappresentanza in Parlamento. Facciamo la storia, insieme e battiamo insieme i nemici della verità e i soliti vecchi politici barattatori e senza principi che non siano i loro sporchi interessi. Facciamo vincere il popolo, facciamo vincere la verità. Andiamo in battaglia. A noi la battaglia, a Dio la vittoria e gli insipienti sostenitori dei barattori si vergognino davanti a Lui come già si sono dovuti vergognare quando hanno venduto colui che chiamavano amico e maestro.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

22/11/2017
2107/2019
San Lorenzo da Brindisi

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Il programma del Popolo della Famiglia: 26 punti di orientamento

Il Popolo della Famiglia ha «un programma nutrito ed esaustivo di ben 319 pagine! Si chiama Compendio della Dottrina Sociale della Chiesa» (G. Amato). Abbiamo prodotto, con ingente sforzo di sintesi, queste 26 parole riassuntive dell’idea che muove il PdF: non esaustive e certamente perfettibili, esprimono però il nostro orientamento

Leggi tutto

Media

Manifesti non gender nelle scuole

Contrariamente a quanto si creda, le amministrazioni comunali possono fare molto per arrestare i tentativi – molto spesso subdoli e surrettizi – di introdurre l’ideologia gender nell’insegnamento scolastico. Non dimentichiamo mai che il Comitato Difendiamo i Nostri Figli, di cui mi onoro di essere stato un cofondatore, esordì con la spettacolare e indimenticabile mobilitazione pubblica di Piazza San Giovanni a Roma, il 20 giugno 2015, proprio sul delicato tema della libertà d’educazione dei genitori. Le prossime elezioni amministrative rappresentano un ottimo banco di prova per tornare a rivendicare le ragioni profonde che hanno generato la straordinaria esperienza dei Family Day. E il Popolo della Famiglia è nato proprio per questo scopo. Non dimentichiamocene quando, nel segreto dell’urna, saremo chiamati ad esprimere chi dovrà rappresentare nelle istituzioni tutte quelle famiglie che non hanno avuto paura di sfidare il Potere in una delle più grandi manifestazioni pubbliche che il nostro Paese abbia mai visto dal dopoguerra ad oggi. Sì, mi riferisco proprio al Family Day del Circo Massimo. Quel popolo non può essere tradito un’altra volta.

Leggi tutto

Politica

Volete o non volete cambiare il Paese?

Il Popolo della Famiglia lancia la proposta a tutti gli uomini e le donne “liberi e forti” d’Italia: ora impegnarsi in prima persona

Leggi tutto

Chiesa

I diritti si fondano su una natura umana oggettiva

La Santa Sede ribadisce la ferma «persuasione che le eventuali controversie tra i popoli non debbono essere risolte con il ricorso alle armi; ma invece attraverso il negoziato». D’altra parte, proprio la continua produzione di armi sempre più avanzate e “perfezionate” e il protrarsi di numerosi focolai di conflitto – di quella che più volte ho chiamato “terza guerra mondiale a pezzi” – non può che farci ripetere con forza le parole del mio santo Predecessore: «Riesce quasi impossibile pensare che nell’era atomica la guerra possa essere utilizzata come strumento di giustizia. È lecito tuttavia sperare che gli uomini, incontrandosi e negoziando, abbiano a scoprire meglio i vincoli che li legano, provenienti dalla loro comune umanità e abbiano pure a scoprire che una fra le più profonde esigenze della loro comune umanità è che tra essi e tra i rispettivi popoli regni non il timore, ma l’amore: il quale tende ad esprimersi nella collaborazione leale, multiforme, apportatrice di molti beni».

Leggi tutto

Politica

Un uomo in cammino riflette

Con tempismo che ben denota l’insipienza politica (proprio quella mattina da Forza Italia si levavano auspici per un futuro esecutivo a conduzione Bonino), Massimo Gandolfini ha diramato
una surreale lettera ai neocatecumenali di Emilia-Romagna per chiedere espressamente di non votare Popolo della Famiglia. Alla clamorosa ingerenza risponde uno dei destinatari della lettera.

Leggi tutto

Chiesa

Gnosticismo e pelagianesimo: le ideologie che mutilano il Vangelo

La sintesi della trasmissione di ieri su Radio Mater “Temi di Dottrina sociale della Chiesa”. Dedicata alla terza Esortazione apostolica di Papa Francesco

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano