Politica

di Giuseppe Brienza

LA FORZA DEL PERDONO, LA SPERANZA DEL FUTURO

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Era il 12 novembre del 2003 quando un camion imbottito di esplosivo varcava l’ingresso della base militare italiana in Iraq «Maestrale». L’esplosione causò la morte di 28 persone, fra le quali dodici carabinieri, cinque militari dell’Esercito e due civili.

Nell’anniversario degli attacchi terroristici scatenati contro gli Italiani in missione di pace nel sud dell’Iraq (12 novembre 2003) è stato organizzato a Sulbiate, in provincia di Monza-Brianza, un incontro-convegno per ricordare il sacrificio delle vittime civili e militari della strage e l’impegno concreto svolto dalle Forze armate nelle missioni internazionali per la pace e in favore delle vittime. Con il titolo “Nassiriya: la forza del perdono”, la conferenza vedrà gli interventi della giornalista di “Avvenire” Lucia Bellaspiga, di Margherita Caruso Coletta, vedova del brigadiere dei carabinieri Giuseppe Coletta e di Massimiliano Esposito.

Quest’ultimo, arrivato a Nassiriya il 13 ottobre 2003 come infermiere militare, un mese dopo si sarebbe trovato a vivere in una di quelle che si ricordano come le più grandi tragedie nazionali degli ultimi decenni. Dalla sua esperienza diretta, vissuta allora come caporal maggiore dell’Esercito poco più che ventenne, Esposito avrebbe «imparato ad esser forte, così forte, da non temere la morte e ad amare la vita». A promuovere l’iniziativa, che ha ricevuto il patrocinio del Comune di Sulbiate, varie associazioni fra cui “Le Radici” di Andrea Cavenaghi e la Rete dei circoli La Croce della Lombardia. Appuntamento quindi a stasera, 24 novembre, alle ore 21 a Sulbiate, presso l’Auditorium Comunale in via Donatori AVIS-AIDO (per ulteriori info: [email protected]).

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

24/11/2017
1809/2019
S. Giuseppe da Copertino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Perchè marciamo ancora per la vita

Sì, l’edizione italiana della March for Life è ben lungi dall’eguagliare il concorso di popolo del suo modello statunitense, e tuttavia questo non diminuisce né le motivazioni per unirsi al popolo prolife del Belpaese né le
possibilità di incidenza reale nella società e nella politica. Occorre anzitutto rendere visibile la coscienza indomita di una gente che guarda al futuro vero.

Leggi tutto

Politica

La nuova #roadmap per il Popolo della Famiglia

La percentuale dello 0.7% ha creato in alcuni – devo dire in realtà pochi – una certa delusione. Ora, è ovvio che sarebbe stato meglio ottenere un risultato maggiore, ma la domanda che dobbiamo porci è un’altra: «Noi abbiamo fatto davvero tutto il possibile?». Io credo di sì. Io credo che nelle circostanze date, abbiamo fatto davvero tutto quello che era nel novero delle nostre possibilità. Ora occorre cambiare le condizioni, cominciando proprio dall’allargamento della percentuale di italiani che conoscono il Popolo della Famiglia

Leggi tutto

Politica

Francia, ha vinto un massone

Nel day after dell’elezione di Emmanuel Macron alla presidenza della Repubblica francese si commentano alcune scelte simboliche evidenti, come quella di parlare ai concittadini appena eletto,
“incastonato” nel triangolo della piramide del Louvre. Il suo strettissimo rapporto con Jacques Attali, massone e teorico del poliamore come dell’eutanasia, provoca preoccupazioni tra i cattolici

Leggi tutto

Società

Siamo obbligati a perdonare?

In Storia del Terrorismo in Italia ho preferito fare un lavoro che fino ad oggi non era mai stato compiuto. Raccogliere in un volume i nomi di tutte ma proprio tutte le centinaia e centinaia di vittime dei terroristi. E poi di scattare la fotografia dei cinquanta volti di chi ha materialmente ucciso. Affinché restino impresse almeno in un’opera la dignità di chi è morto insieme alla vigliaccheria di chi ha ammazzato, l’una al fianco dell’altra. Il capitolo sugli assassini è quello che segue e ve ne regalo la lettura gratuita oggi, in onore di Aldo Moro e di tutte le vittime del terrorismo in Italia, i cui familiari hanno tutto il mio affetto e le mie preghiere oltre alla comprensione se non vorranno subire l’obbligo del perdonismo ideologico. Gli assassini dei loro cari almeno restino in silenzio. Questi i loro nomi

Leggi tutto

Politica

Francia: Brigitte Trogneux ha vinto.

Trogneux, negli ultimi mesi, è stata incoronata regina di Francia, già prima dell’ “intronizzazione” effettiva di questi giorni. I media francesi (ma anche quelli internazionali) hanno fatto da sponda alla coppia. Di lei – che pure non era sconosciuta – abbiamo saputo tutto. Delle sue origini (figlia di cioccolatai rinomati ad Amiens), della sua professione (insegnante), del primo matrimonio (dal quale sono nati tre figli), del suo incontro con Macron (che ha mandato a lumache la sua vita di prima). Trogneux ha vinto: lo stesso Macron ha detto, ringraziandola, che non sarebbe lo stesso senza sua moglie.

Leggi tutto

Società

La famiglia, sola barriera contro la mercificazione dell’uomo

Non solo la natalità biologica, ma pure la genitorialità adottiva è in caduta libera. Vediamo perché...........................

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano