Politica

di Giuseppe Brienza

LA FORZA DEL PERDONO, LA SPERANZA DEL FUTURO

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Era il 12 novembre del 2003 quando un camion imbottito di esplosivo varcava l’ingresso della base militare italiana in Iraq «Maestrale». L’esplosione causò la morte di 28 persone, fra le quali dodici carabinieri, cinque militari dell’Esercito e due civili.

Nell’anniversario degli attacchi terroristici scatenati contro gli Italiani in missione di pace nel sud dell’Iraq (12 novembre 2003) è stato organizzato a Sulbiate, in provincia di Monza-Brianza, un incontro-convegno per ricordare il sacrificio delle vittime civili e militari della strage e l’impegno concreto svolto dalle Forze armate nelle missioni internazionali per la pace e in favore delle vittime. Con il titolo “Nassiriya: la forza del perdono”, la conferenza vedrà gli interventi della giornalista di “Avvenire” Lucia Bellaspiga, di Margherita Caruso Coletta, vedova del brigadiere dei carabinieri Giuseppe Coletta e di Massimiliano Esposito.

Quest’ultimo, arrivato a Nassiriya il 13 ottobre 2003 come infermiere militare, un mese dopo si sarebbe trovato a vivere in una di quelle che si ricordano come le più grandi tragedie nazionali degli ultimi decenni. Dalla sua esperienza diretta, vissuta allora come caporal maggiore dell’Esercito poco più che ventenne, Esposito avrebbe «imparato ad esser forte, così forte, da non temere la morte e ad amare la vita». A promuovere l’iniziativa, che ha ricevuto il patrocinio del Comune di Sulbiate, varie associazioni fra cui “Le Radici” di Andrea Cavenaghi e la Rete dei circoli La Croce della Lombardia. Appuntamento quindi a stasera, 24 novembre, alle ore 21 a Sulbiate, presso l’Auditorium Comunale in via Donatori AVIS-AIDO (per ulteriori info: [email protected]).

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/11/2017
2709/2022
S. Vincenzo de' Paoli

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

informarsi-e-formarsi-per-la-politica

La formazione è ciò che ha permesso al Pci di perpetuare nei decenni una classe dirigente che producesse ceto politico e che al contempo detenesse l’egemonia culturale nel Paese (perfino quando il ceto politico era all’opposizione). Essa non può tuttavia illudersi di partire dalla pubblicazione di date e corsi a cui iscriversi: occorre una selezione previa basata sull’attivismo giovanile.

Leggi tutto

Chiesa

Riflessione sul cammino nella Chiesa

Vi è una strada semplice per rinnovare la vita propria, della Chiesa, del mondo, se si riceve e si trasmette, ci si scambia, questa grazia: mettersi alla sequela di Gesù come lui ci ha insegnato. Ossia tornando continuamente a meditare vissutamente, personalmente e comunitariamente, prima di tutto i vangeli. Non dando Gesù per scontato, non riducendo dunque la fede ad una morale astratta.

Leggi tutto

Politica

Bisceglie ricorda Carlo Di Trizio

A 16 anni dall’anniversario dell’attentato a Nassiriya, in Iraq, domani la città di Bisceglie, nella provincia di Barletta - Andria - Trani, ricorderà una delle quattro vittime di quell’attentato terroristico (con loro morì anche un graduato della polizia militare romena), il maresciallo capo dei carabinieri Carlo De Trizio.

Leggi tutto

Storie

Allarme malnutrizione ad Haiti

Una recrudescenza della violenza tra bande ha bloccato l’accesso ai servizi sanitari in alcune aree urbane di Haiti, lasciando che un bambino su 20 che vive a Cité Soleil - un comune di Port-au-Prince devastato dalla violenza - rischia di morire per malnutrizione acuta grave, ha avvertito oggi l’UNICEF.

Leggi tutto

Società

Il tour di Gianna fa scuola in Italia

Mentre le polemiche sull’obiezione di coscienza dei medici antiabortisti infiammano il Paese (in fondo sono buone per ogni stagione), Gianna Jessen, nota a moltissimi per la sua storia narrata in
“October Baby”, gira lo stivale. Libero dà voce all’“unico medico abortista” del Molise come a un eroe, mentre il Paese reale corre ad ascoltare la testimonianza della Jessen: il futuro passa da lì, lo sa bene

Leggi tutto

Chiesa

Tanzania - Promuovere e rafforzare le piccole comunità cristiane

Padre Alister Makubi, direttore del Dipartimento per la Pastorale dell’Arcidiocesi di Dar es Salaam e parroco di St. Peter, Oyster, intervenuto sul significato e sui principi delle SCC ha affermato che, secondo la sua esperienza, molte comunità sono impegnate piuttosto come Società di Risparmio e Cooperativa (SACO) o enti per la riscossione di contributi. “Elementi contrari ai principi fondativi delle SCC che causano spesso l’allontanamento di alcuni che vedono ridotto il tempo per pregare insieme a favore di una sensibilizzazione sulle collette.”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano