Chiesa

di Claudia Cirami

Le ragioni della missione della Chiesa

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Nell’editoriale di ieri, Riccardo Cascioli, direttore de La Nuova Bussola, ha posto alcune questioni interessanti riguardanti la missione al tempo di Papa Francesco. L’analisi del direttore del quotidiano online prende il via dalle recenti dichiarazioni del pontefice nel viaggio di ritorno dal Myanmar e Bangladesh. Al cuore dell’editoriale possiamo collocare questa domanda: «la missione, così come vissuta dalla Chiesa in duemila anni, è da rottamare?».

Cascioli, pur non arrivando ad una conclusione definitiva e auspicando un dibattito che coinvolga i missionari, evidenzia due impressioni che ha ricavato dall’agire e dal parlare del Papa, non solo da questo suo ultimo viaggio. La prima è, per usare le stesse parole del direttore, «un’aperta diffidenza verso le conversioni al cattolicesimo, e a tutto ciò che sa di missione “tradizionale”». La seconda, invece, potrebbe essere definita come la riqualificazione semantica del termine evangelizzazione, che sembra essere diventato sinonimo di soccorrere il prossimo. Tanto che Cascioli sembra chiedersi, indirettamente, se l’ideale cristiano non sia diventato oggi quello di essere «buoni e bravi». Il direttore cerca anche, intelligentemente, di rispondere a possibili obiezioni a queste impressioni. Così, pur lasciando aperto il dibattito, fa intuire la sua convinzione: per Papa Bergoglio la missione ha perso il suo significato tradizionale.

Entrambe le impressioni meritano un approfondimento. Partiamo dalla prima, la presunta diffidenza del Papa nei confronti della missione così com’è stata tradizionalmente intesa. Ma qual è, in definitiva, questo senso tradizionale di missione? Per rispondere alla domanda, possiamo guardare ad alcuni testi che precedono il pontificato di Papa Bergoglio. Paolo VI, in Evangeli Nuntiandi, al n. 51, dice: «Rivelare Gesù Cristo e il suo Vangelo a quelli che non li conoscono, questo è, fin dal mattino della Pentecoste, il programma fondamentale che la Chiesa ha assunto come ricevuto dal suo Fondatore». La missione è dunque parte fondamentale dell’essere Chiesa. In Redemptoris Missio (1990), San Giovanni Paolo afferma inoltre che la missione è «l’indice esatto della nostra fede in Cristo e nel suo amore per noi». Se crediamo in Cristo, in sostanza, non possiamo esimerci dal voler (e dal fare in modo) che altri credano. La missione, allora, non è soltanto essenziale per vita della Chiesa, ma è anche il termometro dello stato di salute della fede ecclesiale.

In entrambi i documenti – posti in un’ottica conciliare sulla scia di Ad Gentes – sia Paolo VI che Giovanni Paolo II si pongono il problema del rapporto tra dialogo interreligioso e missione. Se vogliamo trovare una sintesi efficace della questione, andiamo ad un terzo testo, un messaggio di Benedetto XVI all’Urbaniana nel 2014, dove il papa tedesco, cogliendo l’occasione della presenza di tanti studenti stranieri, tratta della missione: «davvero la missione è ancora attuale? – si è chiesto, facendosi megafono delle obiezioni del mondo e di una parte dei cattolici – Non sarebbe più appropriato incontrarsi nel dialogo tra le religioni e servire insieme la causa della pace nel mondo? La contro-domanda è: il dialogo può sostituire la missione?». La convinzione a cui approdano i predecessori di Papa Bergoglio è simile: rispetto e stima per le religioni non cristiane, di cui si apprezzano testi religiosi e frutti spirituali, ma l’annuncio di Cristo deve continuare a risuonare nel mondo. Scrive ancora Benedetto XVI nello stesso messaggio: «La gioia esige di essere comunicata. L’amore esige di essere comunicato. La verità esige di essere comunicata. Chi ha ricevuto una grande gioia, non può tenerla semplicemente per sé, deve trasmetterla. Lo stesso vale per il dono dell’amore, per il dono del riconoscimento della verità che si manifesta».

Rileggendo tuttavia la risposta di Papa Francesco data in conferenza stampa alla giornalista Etienne Loraillère – che ha chiesto se occorre dare la priorità al dialogo interreligioso o all’evangelizzazione – sembra esserci in realtà solo un approfondimento di quanto affermato dai precedenti pontefici. Il Papa inizia distinguendo tra evangelizzazione e proselitismo e, citando l’esempio di un ragazzo che si pone il problema di cosa dire per convertire un amico ateo, prende le distanze non dall’annuncio, ma da quello che appare piuttosto come uno sforzo volontaristico per far cambiare vita all’altro. Francesco, in poche parole, ridona il primato alla Grazia perché troppe volte l’evangelizzazione diventa, nel sentire comune, come l’esclusivo risultato di un agire e un parlare umano. “L’ultima cosa che tu devi fare è dire qualcosa – ha consigliato il Papa al ragazzo – Tu vivi il tuo Vangelo, e se lui ti domanda perché fai questo, gli puoi spiegare perché tu lo fai. E lascia che lo Spirito Santo lo attiri”. Allo stesso modo, quando Francesco dice che la conversione «non è un convincere mentalmente con apologetiche, ragioni… no», restituendo allo Spirito quanto è suo, non sembra vanificare l’impegno di quanti, fin dai tempi del martire Giustino, hanno messo il loro intelletto a servizio della fede in Cristo, ma contrasta una mentalità che legge la missione come un “io devo”, piuttosto che un “io mi affido”: è l’uomo il collaboratore dell’agire di Dio, sembra ricordarci il Papa, non viceversa. Da qui anche la frase sulla perplessità riguardo a certe conversioni immediate, forse la più problematica della dettagliata risposta del pontefice: appare come una critica non alle conversioni in se stesse, ma a quell’impellenza di convertire che risponde più a desideri umani che non all’ardore della fede.

Andiamo alla seconda “impressione”. Ciò che sembra prospettare l’intervento di Cascioli è la fine della figura del missionario tradizionalmente inteso e la sua trasmutazione in operatore sociale (con la Chiesa in missione ridotta ad una onlus qualsiasi). Si allude dunque alla possibilità di una “missione” non più interessata a portare la verità della fede, quanto a soccorrere gli altri o a mostrarsi buoni. Eppure – ricorda argutamente il direttore – anche Santa Teresa di Calcutta affermava che «La più grande disgrazia del popolo indiano è di non conoscere Gesù Cristo», ristabilendo la priorità tra le varie dimensioni e attribuendo il primo posto alla vita spirituale. Ma occorre riflettere un attimo per non mettere in contrapposizione Madre Teresa non solo con Francesco, ma anche con chi l’ha preceduto. Sia per Paolo VI che per Giovanni Paolo II la prima via della missione è la testimonianza. Il motivo è chiaro: Gesù Cristo si testimonia con la vita più che con le parole. La stessa Teresa è stata testimone efficace dell’Amore di Dio attraverso le sue buone opere. Del resto il quotidiano online diretto da Cascioli, ci ricordava qualche giorno prima, quasi in concomitanza con la sua memoria liturgica, la vicenda umana di Charles de Foucauld, uomo “in missione per conto di Dio”, ma più con i gesti che con l’annuncio, in quella che l’autrice dell’articolo definiva una «missionarietà innovativa». Foucauld era convinto che proprio il suo modo di vivere dovesse essere la “carta di identità” del suo essere cristiano.

Ci possiamo chiedere poi perché Francesco preferisca toni più cauti rispetto a chi lo ha preceduto sul soglio petrino. La risposta è anche nel mutato contesto con cui il Papa si trova a fare i conti: l’incremento degli attentanti di matrice fondamentalista, la serrata propaganda del presunto Stato Islamico contro i “crociati”, l’esplodere del fenomeno migratorio. In una situazione simile, l’attenzione nei riguardi dei termini usati dev’essere molto alta. Se guardiamo ad un’altra risposta del Papa, sempre in conferenza stampa, quando è stata sollevata la questione dei rohingya, possiamo ricavare un’indicazione: «Per me, la cosa più importante è che il messaggio arrivi, e perciò cercare di dire le cose passo dopo passo e ascoltare le risposte, affinché arrivi il messaggio». L’ideale della comunicazione – per lui – non è quello di un adolescente che sbatte la porta in faccia all’altro, perché in questo caso il messaggio non arriva: al contrario, è proprio evitare quelle parole che diano l’impressione di una porta sbattuta in faccia. Al di là della questione specifica dei rohingya, c’è molto dello stile di Francesco in questo passaggio. Non significa scendere a compromessi con la verità, ma trovare modi più efficaci per comunicare l’annuncio. Che queste non siano elucubrazioni personali di chi scrive lo dimostra il n. 14 di Evangelii Gaudium: «rimarchiamo che l’evangelizzazione è essenzialmente connessa con la proclamazione del Vangelo a coloro che non conoscono Gesù Cristo o lo hanno sempre rifiutato […] Tutti hanno il diritto di ricevere il Vangelo. I cristiani hanno il dovere di annunciarlo senza escludere nessuno, non come chi impone un nuovo obbligo, bensì come chi condivide una gioia, segnala un orizzonte bello, offre un banchetto desiderabile. La Chiesa non cresce per proselitismo ma “per attrazione”». La spinta missionaria è ancora viva e vegeta e non tradisce il comando di Cristo.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

05/12/2017
1512/2019
Beata Maria Vittoria de Fornari Strata

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Omosessuale e sentinella, non eroe

Giorgio Ponte è il primo omosessuale, che ha partecipato anche all’esperienza delle Sentinelle in Piedi, a esporsi a sostegno di un’idea chiara: la Chiesa non è contro i gay. Dice: “Non siamo contro le persone, ma per la loro salvezza. E non chiamatemi eroe”

Leggi tutto

Politica

La libertè cancellata in Francia

La riforma liberticida, che dovrà ora affrontare l’esame del Senato, parte da un’iniziativa del governo di Hollande. Lo scopo che si prefiggono i socialisti è molto chiaro: spegnere la voce dei siti Internet curati da vari organismi pro-life. Una offensiva che fa il paio con la legge – approvata giusto un anno fa dalla maggioranza – che sopprimeva la settimana obbligatoria di riflessione per le donne intenzionate ad abortire. L’idea che si è voluta imporre è questa: la donna è sola arbitra della propria decisione di abortire, che da facoltà depenalizzata e concessa ad alcune condizioni si trasforma in un diritto individuale. Va dunque eliminata qualsiasi figura intermedia, va tolto di mezzo qualsiasi confronto un’istanza esterna alla propria volontà.

Leggi tutto

Chiesa

Una parrocchia ad Ostia e cinque nuovi cardinali per Papa Francesco

Fine settimana intenso per il Santo Padre, impegnato in attività comprese tra il governo della Chiesa particolare di Roma e quello della Chiesa universale. Da una parte la benedizione delle famiglie in una parrocchia di Ostia, in compagnia del parroco; dall’altra l’annuncio di un nuovo concistoro

Leggi tutto

Società

Ospedali, quale destino nell’era postcristiana

La mutazione degli ospedali da luoghi di cura e di sostegno al malato in spazi fisici in cui si uccide la speranza è solo l’ultimo atto di una cultura che ha totalmente dimenticato le proprie radici cristiane. L’impressione è che l’operato dei medici britannici sia, in fondo, considerato legittimo da molti altri loro colleghi nel mondo. Al loro posto, in tanti avrebbero fatto lo stesso. Ci fa piacere che si siano mossi il Bambin Gesù di Roma e il Presbyterian Hospital di New York, ma è davvero triste costatare che non c’è stata una gara tra gli altri ospedali ad accogliere Charlie. Il caso è certo difficile, ma una risposta compatta delle strutture ospedaliere mondiali avrebbe forse fatto traballare ulteriormente i convincimenti dei medici del Gosh. Eppure, gli ospedali sono nati per alleviare le sofferenze. San Camillo de Lellis, di cui oggi facciamo memoria liturgica, fondò un Ordine religioso appositamente per aiutare gli ammalati. Volle che i suoi confratelli – come fece egli stesso – servissero i sofferenti «con quella carità e amorevolezza che sono solite avere le madri verso i propri figli infermi». Il fondatore dei Camilliani ha indicato dunque una precisa figura, la madre, come esempio per aiutare chi soffre: Connie che, senza alzare la voce, “grida” il suo amore e la sua speranza per il figlio, che gli resta accanto osservando ogni piccolo mutamento, è quel modello che chiunque sia avvicina ad un ammalato per curarlo dovrebbe coltivare dentro di sé, sperando di esserne sempre più degno. Ancora, Camillo de Lellis sentiva il cuore spezzarsi ogni volta che non poteva portare il soccorso che avrebbe voluto. È questo il sentire che ci rimandano oggi molte figure di medici? Camillo de Lellis – come l’altro grande sostegno degli ammalati, Giovanni di Dio, che voleva per gli infermi che assisteva condizioni igieniche migliori e cure specifiche – ci ha testimoniato che curare chi è sofferente è un compito altissimo da assolvere senza cercare la via più semplice. Grazie a lui, a Giovanni di Dio e ad altri cristiani, gli ospedali sono diventati nei secoli quei luoghi di speranza e di cura a cui fino all’altro ieri guardavano con fiducia.

Leggi tutto

Politica

Un caso per riflettere sulla dignità

Neanche una domanda puntuta all’aspirante paladina dei diritti femminili fuori tempo massimo. Il caso Bianca Berlinguer, Asia Argento

Leggi tutto

Società

Cambiare veramente la storia si può solo rivolgendosi a Dio

Da queste parti ci piacciono le primizie e dunque abbiamo già letto l’ultimo libro di Costanza Miriano (Si salvi chi vuole, Sonzogno) e già visto la prima puntata di Gomorra 3. D’accordo, in ossequio all’unico comandamento condiviso del nostro tempo che è “non spoilerare” (sul “non uccidere” ormai vagano varie scuole di pensiero), non anticiperemo nulla se non qualche riga del perfetto libro di Costanza, che imposta le questioni essenziali.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano