Chiesa

di Claudia Cirami

Le ragioni della missione della Chiesa

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Nell’editoriale di ieri, Riccardo Cascioli, direttore de La Nuova Bussola, ha posto alcune questioni interessanti riguardanti la missione al tempo di Papa Francesco. L’analisi del direttore del quotidiano online prende il via dalle recenti dichiarazioni del pontefice nel viaggio di ritorno dal Myanmar e Bangladesh. Al cuore dell’editoriale possiamo collocare questa domanda: «la missione, così come vissuta dalla Chiesa in duemila anni, è da rottamare?».

Cascioli, pur non arrivando ad una conclusione definitiva e auspicando un dibattito che coinvolga i missionari, evidenzia due impressioni che ha ricavato dall’agire e dal parlare del Papa, non solo da questo suo ultimo viaggio. La prima è, per usare le stesse parole del direttore, «un’aperta diffidenza verso le conversioni al cattolicesimo, e a tutto ciò che sa di missione “tradizionale”». La seconda, invece, potrebbe essere definita come la riqualificazione semantica del termine evangelizzazione, che sembra essere diventato sinonimo di soccorrere il prossimo. Tanto che Cascioli sembra chiedersi, indirettamente, se l’ideale cristiano non sia diventato oggi quello di essere «buoni e bravi». Il direttore cerca anche, intelligentemente, di rispondere a possibili obiezioni a queste impressioni. Così, pur lasciando aperto il dibattito, fa intuire la sua convinzione: per Papa Bergoglio la missione ha perso il suo significato tradizionale.

Entrambe le impressioni meritano un approfondimento. Partiamo dalla prima, la presunta diffidenza del Papa nei confronti della missione così com’è stata tradizionalmente intesa. Ma qual è, in definitiva, questo senso tradizionale di missione? Per rispondere alla domanda, possiamo guardare ad alcuni testi che precedono il pontificato di Papa Bergoglio. Paolo VI, in Evangeli Nuntiandi, al n. 51, dice: «Rivelare Gesù Cristo e il suo Vangelo a quelli che non li conoscono, questo è, fin dal mattino della Pentecoste, il programma fondamentale che la Chiesa ha assunto come ricevuto dal suo Fondatore». La missione è dunque parte fondamentale dell’essere Chiesa. In Redemptoris Missio (1990), San Giovanni Paolo afferma inoltre che la missione è «l’indice esatto della nostra fede in Cristo e nel suo amore per noi». Se crediamo in Cristo, in sostanza, non possiamo esimerci dal voler (e dal fare in modo) che altri credano. La missione, allora, non è soltanto essenziale per vita della Chiesa, ma è anche il termometro dello stato di salute della fede ecclesiale.

In entrambi i documenti – posti in un’ottica conciliare sulla scia di Ad Gentes – sia Paolo VI che Giovanni Paolo II si pongono il problema del rapporto tra dialogo interreligioso e missione. Se vogliamo trovare una sintesi efficace della questione, andiamo ad un terzo testo, un messaggio di Benedetto XVI all’Urbaniana nel 2014, dove il papa tedesco, cogliendo l’occasione della presenza di tanti studenti stranieri, tratta della missione: «davvero la missione è ancora attuale? – si è chiesto, facendosi megafono delle obiezioni del mondo e di una parte dei cattolici – Non sarebbe più appropriato incontrarsi nel dialogo tra le religioni e servire insieme la causa della pace nel mondo? La contro-domanda è: il dialogo può sostituire la missione?». La convinzione a cui approdano i predecessori di Papa Bergoglio è simile: rispetto e stima per le religioni non cristiane, di cui si apprezzano testi religiosi e frutti spirituali, ma l’annuncio di Cristo deve continuare a risuonare nel mondo. Scrive ancora Benedetto XVI nello stesso messaggio: «La gioia esige di essere comunicata. L’amore esige di essere comunicato. La verità esige di essere comunicata. Chi ha ricevuto una grande gioia, non può tenerla semplicemente per sé, deve trasmetterla. Lo stesso vale per il dono dell’amore, per il dono del riconoscimento della verità che si manifesta».

Rileggendo tuttavia la risposta di Papa Francesco data in conferenza stampa alla giornalista Etienne Loraillère – che ha chiesto se occorre dare la priorità al dialogo interreligioso o all’evangelizzazione – sembra esserci in realtà solo un approfondimento di quanto affermato dai precedenti pontefici. Il Papa inizia distinguendo tra evangelizzazione e proselitismo e, citando l’esempio di un ragazzo che si pone il problema di cosa dire per convertire un amico ateo, prende le distanze non dall’annuncio, ma da quello che appare piuttosto come uno sforzo volontaristico per far cambiare vita all’altro. Francesco, in poche parole, ridona il primato alla Grazia perché troppe volte l’evangelizzazione diventa, nel sentire comune, come l’esclusivo risultato di un agire e un parlare umano. “L’ultima cosa che tu devi fare è dire qualcosa – ha consigliato il Papa al ragazzo – Tu vivi il tuo Vangelo, e se lui ti domanda perché fai questo, gli puoi spiegare perché tu lo fai. E lascia che lo Spirito Santo lo attiri”. Allo stesso modo, quando Francesco dice che la conversione «non è un convincere mentalmente con apologetiche, ragioni… no», restituendo allo Spirito quanto è suo, non sembra vanificare l’impegno di quanti, fin dai tempi del martire Giustino, hanno messo il loro intelletto a servizio della fede in Cristo, ma contrasta una mentalità che legge la missione come un “io devo”, piuttosto che un “io mi affido”: è l’uomo il collaboratore dell’agire di Dio, sembra ricordarci il Papa, non viceversa. Da qui anche la frase sulla perplessità riguardo a certe conversioni immediate, forse la più problematica della dettagliata risposta del pontefice: appare come una critica non alle conversioni in se stesse, ma a quell’impellenza di convertire che risponde più a desideri umani che non all’ardore della fede.

Andiamo alla seconda “impressione”. Ciò che sembra prospettare l’intervento di Cascioli è la fine della figura del missionario tradizionalmente inteso e la sua trasmutazione in operatore sociale (con la Chiesa in missione ridotta ad una onlus qualsiasi). Si allude dunque alla possibilità di una “missione” non più interessata a portare la verità della fede, quanto a soccorrere gli altri o a mostrarsi buoni. Eppure – ricorda argutamente il direttore – anche Santa Teresa di Calcutta affermava che «La più grande disgrazia del popolo indiano è di non conoscere Gesù Cristo», ristabilendo la priorità tra le varie dimensioni e attribuendo il primo posto alla vita spirituale. Ma occorre riflettere un attimo per non mettere in contrapposizione Madre Teresa non solo con Francesco, ma anche con chi l’ha preceduto. Sia per Paolo VI che per Giovanni Paolo II la prima via della missione è la testimonianza. Il motivo è chiaro: Gesù Cristo si testimonia con la vita più che con le parole. La stessa Teresa è stata testimone efficace dell’Amore di Dio attraverso le sue buone opere. Del resto il quotidiano online diretto da Cascioli, ci ricordava qualche giorno prima, quasi in concomitanza con la sua memoria liturgica, la vicenda umana di Charles de Foucauld, uomo “in missione per conto di Dio”, ma più con i gesti che con l’annuncio, in quella che l’autrice dell’articolo definiva una «missionarietà innovativa». Foucauld era convinto che proprio il suo modo di vivere dovesse essere la “carta di identità” del suo essere cristiano.

Ci possiamo chiedere poi perché Francesco preferisca toni più cauti rispetto a chi lo ha preceduto sul soglio petrino. La risposta è anche nel mutato contesto con cui il Papa si trova a fare i conti: l’incremento degli attentanti di matrice fondamentalista, la serrata propaganda del presunto Stato Islamico contro i “crociati”, l’esplodere del fenomeno migratorio. In una situazione simile, l’attenzione nei riguardi dei termini usati dev’essere molto alta. Se guardiamo ad un’altra risposta del Papa, sempre in conferenza stampa, quando è stata sollevata la questione dei rohingya, possiamo ricavare un’indicazione: «Per me, la cosa più importante è che il messaggio arrivi, e perciò cercare di dire le cose passo dopo passo e ascoltare le risposte, affinché arrivi il messaggio». L’ideale della comunicazione – per lui – non è quello di un adolescente che sbatte la porta in faccia all’altro, perché in questo caso il messaggio non arriva: al contrario, è proprio evitare quelle parole che diano l’impressione di una porta sbattuta in faccia. Al di là della questione specifica dei rohingya, c’è molto dello stile di Francesco in questo passaggio. Non significa scendere a compromessi con la verità, ma trovare modi più efficaci per comunicare l’annuncio. Che queste non siano elucubrazioni personali di chi scrive lo dimostra il n. 14 di Evangelii Gaudium: «rimarchiamo che l’evangelizzazione è essenzialmente connessa con la proclamazione del Vangelo a coloro che non conoscono Gesù Cristo o lo hanno sempre rifiutato […] Tutti hanno il diritto di ricevere il Vangelo. I cristiani hanno il dovere di annunciarlo senza escludere nessuno, non come chi impone un nuovo obbligo, bensì come chi condivide una gioia, segnala un orizzonte bello, offre un banchetto desiderabile. La Chiesa non cresce per proselitismo ma “per attrazione”». La spinta missionaria è ancora viva e vegeta e non tradisce il comando di Cristo.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

05/12/2017
0712/2021
Sant'Ambrogio vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Parigi-Bruxelles: solo i cristiani possono far superare lo scontro di inciviltà

Gli attentati di Bruxelles, in stretta connessione con quelli di Parigi, mettono a nudo l’impotenza dell’Europa davanti ai nemici della sua cultura. Si potrebbe tuttavia aggiungere, che essi comprovano pure come l’Occidente stesso sia il primo dei suoi stessi nemici. In questo scenario solo i cristiani possono, se lo vogliono, accompagnare il processo di una vera integrazione

Leggi tutto

Media

A Sanremo il gotha dei locatori di uteri

Propagandare in Italia la pratica dell’utero in affitto, anche solo pubblicizzarla, è reato passibile di due anni di carcere e un milione di euro di multa. Caro Carlo, tienilo come promemoria.

Leggi tutto

Media

Manifesti non gender nelle scuole

Contrariamente a quanto si creda, le amministrazioni comunali possono fare molto per arrestare i tentativi – molto spesso subdoli e surrettizi – di introdurre l’ideologia gender nell’insegnamento scolastico. Non dimentichiamo mai che il Comitato Difendiamo i Nostri Figli, di cui mi onoro di essere stato un cofondatore, esordì con la spettacolare e indimenticabile mobilitazione pubblica di Piazza San Giovanni a Roma, il 20 giugno 2015, proprio sul delicato tema della libertà d’educazione dei genitori. Le prossime elezioni amministrative rappresentano un ottimo banco di prova per tornare a rivendicare le ragioni profonde che hanno generato la straordinaria esperienza dei Family Day. E il Popolo della Famiglia è nato proprio per questo scopo. Non dimentichiamocene quando, nel segreto dell’urna, saremo chiamati ad esprimere chi dovrà rappresentare nelle istituzioni tutte quelle famiglie che non hanno avuto paura di sfidare il Potere in una delle più grandi manifestazioni pubbliche che il nostro Paese abbia mai visto dal dopoguerra ad oggi. Sì, mi riferisco proprio al Family Day del Circo Massimo. Quel popolo non può essere tradito un’altra volta.

Leggi tutto

Società

MARIO ADINOLFI intervistato dal mensile LGBT “PRIDE”

La rivista ha espresso il desiderio di rivolgere una lunga serie di domande al presidente del Popolo della Famiglia alla vigilia del test elettorale. Questo l’esito del colloquio, molto franco, firmato da Massimo Basili. Congratulazioni ad un mensile che per la prima volta ha espresso genuina curiosità intellettuale per scoprire le ragioni di un “nemico”. L’intervista è senza dubbio ben scritta, rispettosa e godibile.

Leggi tutto

Società

Per far crescere l’homunculus occidentalis

Avanza e si impone, a ogni livello della società, la tipica pretesa del fanciullo viziato: ereditare senza impegno gli agi, le sicurezze e i vantaggi della civiltà, considerati come diritti acquisiti una volta per tutte e senza sforzo. Vellicare un tale impulso è una spinta ad incoraggiare i comportamenti antisociali, equivale ad assecondare le tendenze incivili che ogni sana educazione si propone, all’opposto, di arginare e di disciplinare.

Leggi tutto

Società

Siamo obbligati a perdonare?

In Storia del Terrorismo in Italia ho preferito fare un lavoro che fino ad oggi non era mai stato compiuto. Raccogliere in un volume i nomi di tutte ma proprio tutte le centinaia e centinaia di vittime dei terroristi. E poi di scattare la fotografia dei cinquanta volti di chi ha materialmente ucciso. Affinché restino impresse almeno in un’opera la dignità di chi è morto insieme alla vigliaccheria di chi ha ammazzato, l’una al fianco dell’altra. Il capitolo sugli assassini è quello che segue e ve ne regalo la lettura gratuita oggi, in onore di Aldo Moro e di tutte le vittime del terrorismo in Italia, i cui familiari hanno tutto il mio affetto e le mie preghiere oltre alla comprensione se non vorranno subire l’obbligo del perdonismo ideologico. Gli assassini dei loro cari almeno restino in silenzio. Questi i loro nomi

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano