Media

di Adolfo Marini

Quel gancio in mezzo al cielo .... anche di Sanremo

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Dal il libro biografico di Andrea Pedrinelli “Quel gancio in mezzo al Cielo. Claudio Baglioni, canzoni fra l’uomo e Dio” il noto cantautore romano si conferma un impareggiabile artista ma, allo stesso tempo, anche un vero “signore”. Dall’oratorio di Centocelle, dal quale ricevette da ragazzino i primi rudimenti di educazione cattolica e musicale, il “cantastorie” romano (ha infatti sempre cercato di evitare l’appellativo di “cantautore”) ne ha fatta di strada, arrivando quest’anno ad essere direttore artistico e conduttore della più importante kermesse musicale (glielo avevano chiesto finora ben tre volte, ma aveva sempre rimandato la proposta al mittente). Sanremo 2018 andrà in mondovisione in onda dal palco dell’Ariston dal 6 al 10 febbraio prossimo, segnando quest’anno un ulteriore riconoscimento alle doti artistiche e alla carriera di oltre mezzo secolo di Baglioni ma, contemporaneamente, anche all’uomo che ha saputo farsi strada superando le logiche commerciali e suonando in molti casi anche le corde dello spirito…. Si, il “Claudio nazionale” ha descritto infatti con i suoi testi un lungo viaggio dentro l’uomo, alla ricerca di un Senso da porre appunto quale sicuro “gancio in mezzo al cielo”, come ha cantato nell’indimenticabile brano “Strada facendo” («Strada facendo, troverai - anche tu!- un gancio in mezzo al cielo. E sentirai la strada far battere il tuo cuore. Vedrai più amore, vedrai…»). “Quel” gancio in mezzo al Cielo, ha scritto nel suo bellissimo libro il giornalista e critico musicale Andrea Pedrinelli, «ha certo la figura di un abbraccio, paterno e affidabile. Che proviene dall’alto». E, per questo, anche se nel testo baglionano citato “cielo” è al minuscolo ma,tranquillamente, potremmo scriverlo «con l’iniziale maiuscola giacché di una palese dimensione ulteriore all’uomo si tratta, ed è la prima forte presa di posizione sul Senso da parte di Baglioni» (A. Pedrinelli, Quel gancio in mezzo al Cielo, Àncora, Milano 2007, p. 77). Altrove Baglioni ci ha assicurato che, «nelle strade ci si perde, in cielo e in mare no» (“Naso di falco”, 1990). Di questa sua spiccata sensibilità spirituale, del rapporto con la religione e delle interessanti e novità e idee che sta introducendo nell’edizione 2018 del festival parleranno Angelo De Santis e Giuseppe Brienza nella trasmissione “Quel gancio in mezzo al Cielo: Claudio Baglioni & Sanremo”, che andrà in diretta questa sera, dalle 19 alle 20 dal profilo personale facebook “Joseph Brie”.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

23/12/2017
2007/2018
Sant'Elia profeta

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

TUTTI I GRADI DELLA SCALA #FAHRENHEIT – PRIMA DEL 451

Vi sono libri che, pur segnando un’epoca, superano le barriere del tempo e, pur appartenendo a un genere, ne travalicano i limiti per diventare un classico. Fahrenheit 451 è uno di essi: forse la massima espressione del genere distopico eppure ben più di questo, al punto che lettori freddi se non ostili nei riguardi della fantascienza non saprebbero non considerarlo un capolavoro. Del resto, solo di un capolavoro possono interessare le varianti o le versioni scartate: i prodromi di un libro mediocre sono mediocri scartafacci. Ecco perché, tra l’altro, dovrebbe avere valore intrinseco leggere i racconti preparatori di Fahrenheit 451 racchiusi nel volume Era una gioia appiccare il fuoco, usciti in Italia per gli Oscar Mondadori nel 2011 a seguito della raccolta americana A pleasure to burn: Fahrenheit 451 stories, edita appena l’anno precedente. Ma se l’interesse di questo libro fosse meramente filologico si potrebbe senza indugio soprassedere. Si tratta invece di schegge narrativa potentissime, capaci di condensare in poche pagine la visionarietà e la bruciante carica umanistica del messaggio di Bradbury.

Leggi tutto

Storie

L’uomo dell’istante romanzo su Soren Kierkegaard

È stato tradotto in italiano il romanzo di Stig Dalager sulla vita romantica e romanzesca (ma non eccessivamente romanzata) del filosofo danese per eccellenza. L’amore per Regina Olsen – immolato, sublimato e venerato – costituisce la spina dorsale di un uomo sospeso tra il presente e l’eternità

Leggi tutto

Chiesa

Le parole della teologia sui confini della scienza

L’incompatibilità tra fede e scienza è una questione in cui si barcamenano quanti non possono ancora accedere a Il futuro dell’universo di Francesco Brancato: qui si esplorano piuttosto le questioni lasciate aperte dalla scienza, «che deve impegnarsi ancora molto nella ricerca degli elementi fondamentali per la comprensione dell’universo, della sua origine, della sua evoluzione, del suo destino». Scienza e fede s’incontrano al crocicchio tra poesia e metafisica

Leggi tutto

Società

Partendo da un fumetto di Zerocalcare

Abbandonare l’inconsistenza. Ecco l’obiettivo che dovremmo porci, noi tutti, ogni giorno. E dopo averlo posto, sforzarci di vederlo proposto agli altri, in particolare ai giovani che altrimenti vivranno sempre in condizione sradicata, da canne esposte ad ogni vento.

Leggi tutto

Società

Mobilitazione contro l’utero in affitto

“Il solco della propaganda dei festival condotti da Carlo Conti è tracciato – spiega il comunicato -. Nel 2015, ospite della seconda serata è stato Conchita Wurst, all’anagrafe Thomas Neuwirth, uomo vestito da donna che si definisce trans e che solo per questo – senza alcun merito artistico – è stato chiamato. Sempre lo stesso anno, Conti ha dato spazio a due uomini che, in diretta sul primo canale del servizio pubblico, hanno raccontato “il loro amore”, e al duo comico Luca e Paolo che hanno “celebrato” un matrimonio al grido di “Essere gay è ok”.

Leggi tutto

Storie

Un pomeriggio a tu per tu con Rita Coruzzi

Non è facile raccontare in poche parole, chi sono. Lo hai visto, mi piace parlare, rischierei di non finire più! Vedrò di sintetizzare. Potrei iniziare narrando le gioie, i dolori, i desideri realizzati, i rimpianti, i sogni. Potrei dire che sono una ragazza come tante altre della mia età, ma non è così. Racconterò la mia storia dall’inizio. Era una giornata piovosa, quella del 2 giugno del 1986, quando volli nascere a tutti i costi, anche se era ancora troppo presto per farlo. Mia madre era ricoverata da tre giorni in ospedale, dove i medici cercavano di fermare le contrazioni. Già ti ho detto, che io ho sempre fretta a fare le cose, anche per nascere ho avuto fretta, cosi alla trentaquattresima settimana, ho deciso di venire al mondo. Io ho sempre fretta di fare tutto e subito, è la mia caratteristica.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2018 La Croce Quotidiano