Storie

di Claudia Cirami

Gabriele Kuby, “impavida guerriera” antigender

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Gabriele Kuby è un’ «impavida guerriera». La definizione è di Benedetto XVI, il Papa della lotta alla dittatura del relativismo: l’apprezzamento diventa allora una medaglia al merito. Qual è la lotta in cui questa donna, che proviene dalla stessa patria del Papa emerito, si è impegnata talmente da suscitare questo prezioso complimento? In un contesto differente da quello attuale Kuby sarebbe solo una sociologa, che fa bene il suo mestiere, e una giornalista, che utilizza i media per divulgare le proprie conoscenze. In questa nostra contemporaneità, invece, ha dovuto sfoderare le armi della sua disciplina per combattere, dati e informazioni alla mano, contro la deriva antropologica attuale. Quella deriva che vorrebbe fare piazza pulita di tutte le certezze in ambito naturale e morale. È stato pubblicato in Italia negli ultimi mesi del 2017 il suo “La Rivoluzione Sessuale Globale. Distruzione della libertà in nome della libertà”, edito da Sugarco Edizioni (25, 00 euro, p. 352). Il titolo allude a quel grande cambiamento di mentalità – una rivoluzione a tutti gli effetti – che vuole ribaltare dalle fondamenta i nostri comportamenti, le nostre azioni, le nostre stesse identità. Il sottotitolo è un indizio importante per capire che ovunque si avverta la presenza nefasta di una colonizzazione ideologica, quale quella in atto, la libertà è già minacciata. Il testo della Kuby è stato tradotto in nove lingue, perché oggi i temi che l’autrice tratta sono di un’importanza capitale. L’autrice non è nuova alla trattazione di questi argomenti perché ha già scritto in precedenza un libro, pubblicato da Cantagalli nel 2008, intitolato “Gender Revolution. Relativismo in azione”.

Il saggio sulla rivoluzione sessuale globale si presenta come lettura essenziale non soltanto per quelli che ancora non hanno preso coscienza dell’indottrinamento a cui siamo continuamente sottoposti, ma anche per coloro che, avendo ben compreso la gravità degli attacchi alle identità maschile e femminile, alla vita, alla famiglia, vogliono avere sottomano un volume valido e ben documentato. Per affrontare la stessa sfida dell’autrice. Perché il mondo di oggi non avrebbe bisogno di impavidi guerrieri, magari solitari, che pagano un alto prezzo (come la Kuby o altri, spesso attaccati per le loro posizioni): avrebbe bisogno invece di tante coscienze deste, vigili e vigilanti, per opporre un secco rifiuto ai reali tentativi in atto di falsificazione e manipolazione della realtà, di decostruzione del maschile e del femminile, di smantellamento della famiglia, di spinte violente verso politiche abortiste. Quello della Kuby è un libro scritto senza fronzoli, in un linguaggio accessibile, e chiunque può facilmente orientarsi riguardo alle problematiche prese in esame dall’autrice. La traduzione italiana è di Roberta Romanello in collaborazione con Rina Ceppi-Bettosini.

La sociologa e giornalista tedesca, che è anche relatrice internazionale, non si accontenta di analizzare la situazione odierna, ma va alla radice dei problemi. Kuby rintraccia i precursori della temibile rivoluzione sessuale odierna: alcuni nomi sono già tristemente noti, altri sono meno conosciuti ma altrettanto ispiratori di pseudo libertà che lasciano solo macerie. Di questi uomini e donne, l’autrice ci spiega, nei particolari, il deleterio contributo alla creazione di una mentalità i cui effetti stiamo constatando con i nostri occhi in questi ultimi anni. Illustra il disegno occulto che tiene le fila di tutto quello che stiamo sperimentando oggi nei nostri stati occidentali (principalmente, ma non solo): dalle leggi sulle unioni (o matrimoni) omosessuali ai tentativi (più o meno andati a segno) dell’introduzione del gender nelle agenzie educative, dai rischi che minacciano la libertà religiosa all’impegno per attuare politiche a favore dell’aborto, dall’uso propagandistico dei mass media agli apparentemente incomprensibili diktat (in realtà spiegabilissimi una volta compreso il disegno nascosto) che provengono dalle istituzioni internazionali o europee. Ma l’autrice si sofferma anche sulla pornografia, questa piaga tremenda, i cui danni possiamo vedere già adesso, anche sulle nuove generazioni, e che, pur costituendo un problema di reale emergenza, non è combattuta come dovrebbe essere. Senza dimenticare di evidenziare che studi rigorosi per ogni ambito trattato o subiscono dure contestazioni o sono ignorati se si oppongono all’ideologia dominante. Così non è riconosciuta nemmeno la possibilità di aprire un dibattito serio sugli argomenti di cui gli studi si occupano. Questo inquieta: silenziare o ignorare voci che non si allineano al pensiero dominante non è un segnale di democrazia.

L’ analisi della Kuby non prescinde dalla fede cristiana, che ha abbracciato in età adulta. Se il libro è interessante per tutti gli uomini di volontà, esiste tuttavia in esso un preciso richiamo al cristianesimo professato. In un’intervista di alcuni anni fa a Tempi, la Kuby ha dichiarato: «Io appartengo alla generazione del ’68 e a quel movimento ho partecipato attivamente. Dopo la mia conversione mi sono cadute le bende dagli occhi». Questo le consente di sostenere che «Violenti e prepotenti dominatori, guerre, chierici corrotti e persino tremendi sistemi di terrore ateo del ventesimo secolo non sono riusciti a sradicare la cultura cristiana» (p.18) che ha fondato la civiltà europea, ma oggi il pericolo è ancora più grave perché «la scure è piantata alla radice» (p.19). Come è sotto gli occhi di tutti noi, l’attacco mira infatti a sovvertire tutte le certezze che abbiamo avuto per due millenni in odine antropologico e morale. Certezze che, in particolar modo dalla nascita del monachesimo in poi, hanno plasmato il cuore pulsante dell’Europa. Consapevole del prezioso patrimonio la tradizione cristiana costituisce per i popoli europei, l’autrice scrive: «Se nella storia parti della Chiesa si sono lasciate corrompere sotto i regimi totalitari, non si deve arrivare alla conclusione che una società priva di ancoraggio religioso potrebbe meglio resistere a nuove forme di totalitarismo» (p.310).

L’introduzione all’edizione italiana è del compianto cardinale Caffarra, che si è sempre esposto nella difesa di vita e famiglia. Egli considerava la lettura di questo libro come «un invito potente a uscire da quel sonno della ragione che ci sta conducendo alla perdita della libertà, cioè di noi stessi». La prefazione è invece affidata a Robert Spaemann, filosofo e teologo tedesco, che esprime la sua gratitudine per questo lavoro definito “illuminante”. Infine la postfazione è di Toni Brandi, presidente di ProVita, che spiega tutte le iniziative che l’associazione ha intrapreso in questi anni e che hanno riguardato i temi trattati dalla Kuby.

Leggendo il testo, il lettore avverte chiaramente che tutto quello di cui si parla non è un gioco: è importante capire, documentarsi, reagire. Non è un saggio che va letto per avvilirsi, credendosi solo insignificanti pedine in uno scacchiere con cui altri, a nostra insaputa, giocano la partita che desiderano. La Kuby avverte: «Dal 2013 l’opposizione cresce a tutti i livelli della società. Possiamo cambiare qualcosa! Esistono migliaia di iniziative che si pongono a difesa della dignità dell’uomo» (p. 326). Il suo è un testo che vuole far pensare e spingere verso azioni finalmente consapevoli. Perché i guerrieri impavidi non rimangano a lottare da soli, ma siano sostenuti da una maggioranza coscienziosa, che, se vuole, può invertire la pericolosissima rotta intrapresa.

11/01/2018
1901/2018
Ss. Mario, Marta, Audiface e Abaco

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

L’Italia ha bisogno dei cattolici

Nasce il Popolo della Famiglia, soggetto politico che si presenterà alle elezioni amministrative di primavera per rappresentare le istanze emerse dal Family Day e tradite dai parlamentari cattolici

Leggi tutto

Storie

La lezione di un piccolo borgo

Il modello politico del Popolo della Famiglia si consolida e, dopo le arrembanti esperienze delle amministrative 2016, si è confermato maturato a quelle del 2017. Mirko De Carli ha sfiorato la soglia del 15% a Riolo Terme: questo e altri risultati elettorali dimostrano che là dove il PdF non sia irretito da inadeguatezza di mezzi comunicativi, ovvero dove lo si riesca a vedere, il popolo lo premia.

Leggi tutto

Politica

L’occasione per fare chiarezza

Dopo il voto, molti italiani, troppi pronti a salire sul carro dei vincitori. Ecco la riflessione di Mario Adinolfi….......

Leggi tutto

Politica

Lo stato non ci pensa e lo farà la Chiesa

La diocesi di Brescia finanzia bandi diocesani per borse di studio in favore di famiglie a basso reddito che optano con i loro figli per le paritarie. Giusto ma, alla lunga, pericoloso… Il Rapporto 2017 sulla
scuola cattolica, infatti, certifica la deresponsabilizzazione dello Stato nei confronti dell’esercizio di un diritto-dovere dei genitori costituzionalmente (e internazionalmente) sancito

Leggi tutto

Politica

Una vittoria del Popolo della Famiglia

Maria Elena Boschi a Palazzo Chigi costringe alle dimissioni Francesco Spano, dopo un servizio de Le Iene che ha denunciato l’uso improprio dei fondi della Presidenza del Consiglio finiti ad associazioni
LGBT a cui fanno capo circoli nei quali si pratica la prostituzione omosessuale. Sospeso anche il bando che assegnava complessivamente 999.274euro «per effettuare le ulteriori opportune verifiche»

Leggi tutto

Società

Ospedali, quale destino nell’era postcristiana

La mutazione degli ospedali da luoghi di cura e di sostegno al malato in spazi fisici in cui si uccide la speranza è solo l’ultimo atto di una cultura che ha totalmente dimenticato le proprie radici cristiane. L’impressione è che l’operato dei medici britannici sia, in fondo, considerato legittimo da molti altri loro colleghi nel mondo. Al loro posto, in tanti avrebbero fatto lo stesso. Ci fa piacere che si siano mossi il Bambin Gesù di Roma e il Presbyterian Hospital di New York, ma è davvero triste costatare che non c’è stata una gara tra gli altri ospedali ad accogliere Charlie. Il caso è certo difficile, ma una risposta compatta delle strutture ospedaliere mondiali avrebbe forse fatto traballare ulteriormente i convincimenti dei medici del Gosh. Eppure, gli ospedali sono nati per alleviare le sofferenze. San Camillo de Lellis, di cui oggi facciamo memoria liturgica, fondò un Ordine religioso appositamente per aiutare gli ammalati. Volle che i suoi confratelli – come fece egli stesso – servissero i sofferenti «con quella carità e amorevolezza che sono solite avere le madri verso i propri figli infermi». Il fondatore dei Camilliani ha indicato dunque una precisa figura, la madre, come esempio per aiutare chi soffre: Connie che, senza alzare la voce, “grida” il suo amore e la sua speranza per il figlio, che gli resta accanto osservando ogni piccolo mutamento, è quel modello che chiunque sia avvicina ad un ammalato per curarlo dovrebbe coltivare dentro di sé, sperando di esserne sempre più degno. Ancora, Camillo de Lellis sentiva il cuore spezzarsi ogni volta che non poteva portare il soccorso che avrebbe voluto. È questo il sentire che ci rimandano oggi molte figure di medici? Camillo de Lellis – come l’altro grande sostegno degli ammalati, Giovanni di Dio, che voleva per gli infermi che assisteva condizioni igieniche migliori e cure specifiche – ci ha testimoniato che curare chi è sofferente è un compito altissimo da assolvere senza cercare la via più semplice. Grazie a lui, a Giovanni di Dio e ad altri cristiani, gli ospedali sono diventati nei secoli quei luoghi di speranza e di cura a cui fino all’altro ieri guardavano con fiducia.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2018 La Croce Quotidiano