Storie

di Lucia Scozzoli

Clochard morto in un rogo: fatalità?

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Un barbone (straniero) morto carbonizzato nell’auto in cui viveva e due minorenni (stranieri) indagati. Questa è la storia di degrado emersa dall’inchiesta sul rogo avvenuto nel dicembre scorso a Santa Maria di Zevio (Verona).

Ahamed Fdil, un marocchino di 64 anni, era rimasto senza lavoro e aveva fatto dell’auto la propria casa. Era spesso importunato dai ragazzi del quartiere, i quali a volte gli lanciavano contro pure dei petardi. Quelli del paese lo chiamavano Gary “il buono”, segno che il suo semplice augurare buona giornata a chi incrociava, quando chiedeva l’elemosina, aveva lasciato un’impressione positiva. Gary era un clochard vero, di quelli che hanno il disagio economico solo come scusa sottesa alla propria scelta di vita: Ahamed aveva alle spalle una famiglia benestante (un nipote a Barcellona ed altri parenti ad Oslo), ma aveva preferito accomodarsi nel paesello vivendo così, di briciole, senza pretese.

Il 13 dicembre, nella sera di santa Lucia, sarebbe avvenuto l’incidente, classificato dapprima come tragica fatalità, magari dovuta ad un mozzicone di sigaretta e all’alcool. Ma le indagini hanno condotto il Tribunale dei Minori di Venezia a formulare l’ipotesi di omicidio a carico di due giovanissimi, di 13 e 17 anni, di origine straniera (uno nordafricano e l’altro dell’Est Europa).

“Gioco perverso”, “scherzo finito male”, “legge del branco”, “bullismo”. In realtà omicidio, non si sa ancora se volontario o preterintenzionale. Saranno gli esiti definitivi dell’autopsia a stabilirlo, chiarendo se Ahamed è morto per le fiamme, o per il fumo, o magari se era stato in precedenza colpito e tramortito. In ogni caso la sua fine è stata atroce: infatti è stato ritrovato incastrato nell’auto mentre cercava di uscire dal finestrino della vettura in fiamme.

Come si può bruciare un uomo? O non soccorrerlo in una situazione tanto grave? Questa è la domanda che tutti ci facciamo.

La nazionalità dei presunti aggressori risparmia il popolo italiano dall’accusa di razzismo e almeno questa è una magra consolazione. Però la loro giovane età mette sul banco degli imputati anche il nostro sistema scolastico, che nelle intenzioni dovrebbe creare integrazione e soprattutto tolleranza, ma pare essere assai poco incisivo su questo. Resta l’incognita sulle famiglie di origine dei due ragazzi: qual è il substrato culturale di provenienza? La coesione affettiva? I valori insegnati?

In Italia la povertà sta avanzando: ci sono 7,2 milioni di poveri, 50mila senza tetto. La maggioranza vive nelle grandi città, soprattutto a Roma e Milano, ma stanno aumentando anche nelle zone di provincia. L’85,7% sono uomini, il 58,2% sono stranieri, il 75,8% ha meno di 54 anni. Solo l’8% si ritrova a condividere la situazione di precarietà totale con un partner o un figlio, segno che in qualche modo questo è anche un dramma della solitudine affettiva. Addirittura il 14,1% degli intervistati per la rilevazione statistica ha avuto difficoltà ad interagire con gli operatori, per problemi di comprensione linguistica (29,7%) ma soprattutto per problemi legati a limitazioni fisiche o a disabilità evidenti (insufficienze, malattie o disturbi mentali) e/o dipendenze.

Quindi in mezzo al popolo dei senza tetto c’è tantissimo disagio psicologico e sociale, non solo un problema economico. Per questo appaiono spregevoli le ordinanze che alcuni sindaci d’Italia hanno emesso per ridare decoro alle città, come montare sulle panchine dei parchi dei separatori di posto che impediscano alle persone di stendersi. Inoltre si dice che i clochard devono rifugiarsi nelle strutture preposte, ma queste strutture non sempre ci sono e soprattutto sono quasi esclusivamente della Caritas (e numericamente in calo), segno che lo stato sta facendo poco o nulla a riguardo.

Solo il 60% dei senza tetto è riuscito a dormire almeno una volta al mese in una struttura di accoglienza notturna.

È difficile non provare diffidenza verso chi sta letteralmente ai margini delle strade, come anche distinguere gli accattoni di professione dai bisognosi veri, ma nel caso di Ahamed non sussistevano dubbi in merito e l’azione di bullismo violento messo in atto di ragazzi del paese è senza senso, è puro sadismo sul più debole, incapacità di riconoscere nel barbone un uomo.

Da una inchiesta realizzata qualche anno fa dalla Società italiana di Pediatria su circa tremila ragazzi italiani tra gli 11 e i 14 anni, i motivi che spingono a fare il bullo sono i seguenti: essere ammirato all’interno del gruppo degli amici (84%), diventare il leader del gruppo (79%), essere attraente per le ragazze (70%), non essere emarginato (61%), essere temuto (58%), solo per divertirsi un po’ (45%). Questi sono i motivi consapevoli, ma naturalmente ce ne sono anche di inconsapevoli: la frustrazione per i brutti voti a scuola, sfogata magari su un compagno più esile; essere a propria volta vittima o assistere a violenza fisica o verbale in famiglia; esorcizzare la paura di diventare a propria volta vittime.

Per quanto riguarda la consapevolezza di fare del male, alcuni ce l’hanno e aggrediscono di proposito, qualche volta per vendetta, altre volte per “divertirsi” a spese di un soggetto percepito come debole, oppure antipatico, sgradevole ecc. Altri invece pensano che siccome loro si divertono il loro comportamento non sia grave.

I comportamenti violenti nei giovanissimi dipendono dunque da molti fattori, ma principalmente dalle condizioni di vita, da come i giovani vengono allevati, dal loro livello di soddisfazione e di inserimento nel contesto familiare, scolastico e sociale. In ognuno di noi c’è un certo quantitativo di aggressività, indispensabile per sopravvivere e difenderci, ma essa certo va incanalata verso obiettivi costruttivi e non trasformarsi in violenza gratuita. È l’educazione che permette questo processo. Subire o assistere a violenze in famiglia, essere sottoposti a insegnamenti espliciti o impliciti violenti; provare frustrazioni, insuccessi, senso di vergogna, ricerca di attenzione, carenze affettive, assenza di disciplina e di un codice morale; sono tutti fattori incidenti importanti, che si innestano su una fragilità emotiva dell’individuo.

Inoltre le famiglie, più o meno disastrate, più o meno in difficoltà, si trovano a vivere in contesti in cui non si parla più esplicitamente di bene e di male, ma tutto è immerso in un relativismo etico il cui unico principio valido è farsi gli affari propri, per cui il fatto stesso di non rischiare una sanzione, un rimprovero, una punizione, spinge i ragazzi a dare il peggio di sé, a patto di non essere scoperti. Il forte prevale sul debole e il debole non ha diritto a nessuna pietà.

Che dignità ha un barbone? Che diritti? Egli è come un cane randagio, fatto oggetto delle più malevole angherie, perché tanto non c’è nessun padrone che verrà a difenderlo.

Più che il razzismo dovuto ad una differente etnia, è pericolosa la discriminazione compiuta con criteri economici e sociali: il povero e l’emarginato sono meritevoli di disprezzo e ostracismo, non di cura o di semplice umano rispetto. Il rischio grave che corriamo in Italia è di far convergere l’intolleranza verso i poveri con l’intolleranza per gli stranieri, creando un mix esplosivo di rabbia e violenza. Ma non è un rischio che corrono specificatamente gli italiani, quanto piuttosto gli abitanti dell’Italia, stranieri compresi: nella guerra tra poveri, il povero sa essere incredibilmente più crudele del ricco.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

15/01/2018
2503/2019
Annunciazione del Signore

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

La presenza politica dei cattolici secondo Torriero

Dopo avere ascoltato, ascoltato e ancora ascoltato Fabio Torriero, sento confermati i pensieri nati in questi mesi di attività politica con il Popolo della Famiglia. Ciascuno di noi, come cattolico e come cittadino, ha il dovere di attivarsi nella polis, a favore della comunità, per il bene comune, secondo le proprie possibilità, i propri talenti, i propri impegni. Ma deve farlo. Non c’è più tempo. Il nostro disimpegno ha creato un vuoto che altri hanno riempito, attraverso l’imposizione di una nuova antropologia. Si può, si deve coniugare preghiera ed azione: la prima sia carburante per le nostre mani, le nostre gambe, la nostra mente. Ma, perché l’impegno dei cattolici in politica si traduca in attività proficue ed efficaci, non si può prescindere da una formazione strutturata, organizzata, che coinvolga tutto il Popolo della Famiglia. È importante comunicare bene agli altri - cattolici e non - perché siamo nati, in che direzione andiamo e quali sono le nostre battaglie.

Leggi tutto

Politica

Da oggi si marcia verso le politiche

Il risultato conseguito dal Popolo della Famiglia a Ostia testimonia di una crescita costante e lenta, ma decisa: il risultato di Giovanni Fiori e della sua squadra permette di lasciarsi alle spalle la “sindrome dello zerovirgola”, ma il mandato che questi fatti offrono ai militanti è una serie di accorgimenti per essere ancora più incisivi nel radicare fattivamente la proposta del PdF

Leggi tutto

Media

Il nuovo libro di Paola Belletti ‘Siamo Donne’

Anche questo secondo libro, di Paola Belletti “Siamo Donne” arricchito dalla brillante prefazione di Annalisa Sereni, non è tanto un saggio quanto un insieme di prose filosofiche, poetiche, narrative, giornalistiche attraverso cui Paola, col suo inconfondibile stile, propone una lettura in chiave femminile di quella ecologia integrale a cui papa Francesco ha consacrato una intera enciclica.

Leggi tutto

Politica

Alcune puntualizzazioni sulla liceità della lettera di sostegno al Popolo della Famiglia

Dati i nervosismi tra non pochi detrattori del movimento politico sorto dalle ceneri dei Family Day, occorre ribadire alcune direttrici fondamentali

Leggi tutto

Storie

Se questo è un uomo ed il diritto alla vita

Ci troviamo ancora una volta davanti ad un sopruso mascherato da legge. Lo Stato vuole uccidere un bambino che i genitori vogliono provare a salvare. A Liverpool si vuole togliere la vita ad un bimbo usando un vero e proprio abuso di potere. Ricordiamoci che ‘sbagliato è sbagliato’ anche se l’errore è mascherato da una legge!

Leggi tutto

Politica

Ragionare sulla disfatta a sinistra

Noi come Popolo della Famiglia lo abbiamo promesso e siamo stati conseguenti: la sinistra principale responsabile delle leggi contro il matrimonio, contro la vita, contro la famiglia stessa andava abbattuta democraticamente e così è stato. Abbiamo dato il nostro contributo a questo risultato con i 219.645 voti raccolti il 4 marzo sul simbolo del PdF e siamo stati parte attiva anche nelle vittorie ai ballottaggi di domenica 24 giugno, a Imperia e a Terni, a Massa e in qualche modo anche a Imola, dove il nostro candidato autonomo alla carica di sindaco lo abbiamo tolto al Pd, provocando l’avvio della frana che dopo tre quarti di secolo ha chiuso una storia che è stata, appunto, di pensiero unico.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano