Chiesa

di Dario E. Viganò

La Riforma e le Riforme nella Chiesa

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Presentazione del volume

A. Marchetto, La Riforma e le Riforme nella Chiesa. Una risposta, Ed. LEV
Roma, Campidoglio – 25 ottobre 2017

Dario E. Viganò – Prefetto Segreteria per la Comunicazione

Rivolgo un cordiale saluto a tutti, in particolare a sua Eminenza il Signor Cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato, a Sua Eccellenza mons. Marchetto, Autore del testo, al Signor Ministro Andrea Orlando, a Giuseppe Lepore e ai Relatori, mons. Ferme e suor Mary Melone.

Come indicato direttamente dall’autore, il volume entra nel dibattito sull’interpretazione del Concilio Vaticano II, che è uno dei temi ai quali monsignor Marchetto ha dedicato una parte importante della sua vita. Cercare di comprendere meglio il Concilio significa, infatti, disporsi ad accoglierne la grazia e il dono, per la Chiesa e per il mondo.

Il Concilio Vaticano II è stato un grande dono di Dio alla Chiesa e, come tutti i doni, va rettamente compreso per potere essere valorizzato fino in fondo. Per esempio, posso regalare a un amico un computer, ma se lui non lo sa usare… è un regalo, per così dire, dimezzato. In effetti, l’interpretazione del Concilio è una questione disputata di questo nostro tempo, nella costante tensione tra i due fuochi di una medesima ellisse ermeneutica. Da un lato il fuoco della novità, dall’altro quello della tradizione, da un lato quello della riforma dall’altro quello della conservazione.

In questo orizzonte, il libro di mons. Marchetto nasce come risposta e come approfondimento. Una indagine, talora critica, nei confronti di altre pubblicazioni che anche recentemente hanno affrontato il tema sottolineando in maniera accentuata – per certi aspetti unilaterale – l’interpretazione riformatrice del Concilio, in modo particolare per quanto concerne l’aspetto dell’autorità sinodale. L’autore in questo testo cerca di riequilibrare il peso di entrambi i fuochi dell’ellisse, la sinodalità episcopale e il primato petrino.

Dal punto di vista cattolico la dialettica tra prospettive diverse si rivela feconda per il bene della Chiesa, dal momento che la ricerca della verità è uno stile di pensare nella comunione ciò che apparentemente sembra inconciliabile, nello specifico il confronto tra questi due poli che sembrano inconciliabili: la sinodalità e il primato petrino. A chi frequenta un po’ questi temi è noto che la verità cristiana è generalmente antinomica, accoglie cioè al suo interno degli enunciati apparentemente inconciliabili: Dio è uno e Trino, Cristo è vero Dio e vero uomo, Maria è vergine e madre. Queste affermazioni sembrano follia per la ratio, eppure nella fede stimolano l’intelligenza al di là di se stessa e spingono la prassi dei credenti verso un agire che è riflesso dell’agire “folle” di Dio verso di noi: la carità, la misericordia, il perdono.
In questo dibattito si inserisce il ruolo della Libreria Editrice Vaticana, la casa editrice del Santo Padre, che ha edito questo testo di mons. Marchetto. Compito della LEV, infatti, è sostenere e promuovere la riflessione credente, mostrando che la tensione intellettuale, se onesta, se è ricerca della verità, si rivela una riflessione credente, dono per la Chiesa e per il mondo.
Cartesio diceva che la conoscenza vera consiste nell’avere idee chiare e distinte. Ma la verità cristiana, mentre si esprime in formulazioni chiare e distinte, è anzitutto un esercizio ecclesiale, che consiste nell’edificazione della comunità sulla roccia del comune appello dello Spirito alla carità, alla comunione. Lo Spirito, infatti, chiama la Chiesa e ciascuno a conversione, a un cambiamento, cioè a un’accoglienza sempre più radicale e profonda dell’Altro e di chiunque altro, esprimendo, così, il volto intellettuale della carità.

Come ben sappiamo la verità cristiana è una realtà relazionale, che nasce, cresce e si afferma all’interno di un evento di comunione. Essa contiene e sostiene il confronto, non lo sopprime, anzi la trasforma in luogo teologico, nell’alveo della manifestazione di Dio come prossimo, amico degli uomini e manifestazione dell’altro come fratello. Pertanto, ogni autentico passo in avanti nella conoscenza teologica e cristiana è anche un passo in avanti verso l’Altro e verso gli altri, in una logica di rispetto e amore.

In questo senso, allora, quando si parla di riforma della Chiesa non si pensi semplicemente a una reazione a qualche forma di decadenza da superare o da cui bisogna liberarsi. La Chiesa, ci insegna la sua sapiente Tradizione, è semper reformanda; questo vuol dire che non sono i tradimenti o gli errori a rendere necessarie le riforme, ma la vita stessa della Chiesa è costante chiamata a un’adesione più grande al suo Signore e in Lui, per la potenza dello Spirito, a ogni altro uomo. Attorno a questa visione della riforma, come vocazione ecclesiale, scopriamo che i due fuochi dell’ellisse (primato e sinodalità) sono ugualmente necessari per custodire la verità in quanto cattolica, in quanto “luogo” di manifestazione della vita della Chiesa che è comunione nella diversità. La verità cristiana è ben più di un enunciato veritativo, possiamo parlare di una visione della realtà a partire dall’unità della Chiesa e per l’unità della Chiesa, cioè un conoscere insieme nell’amore, mentre si è conosciuti nell’amore.
Credo allora che sia proprio un dono per la Chiesa – che la LEV ha riconosciuto, apprezzato e sta promuovendo – la pubblicazione di questo testo di mons. Marchetto, in vista di una ricerca comunionale della verità a proposito del Concilio Vaticano II e della sua interpretazione. L’approfondimento, la ricerca seria e onesta sul suo significato e sul suo senso per la Chiesa di oggi ci aiuterà a vivere meglio e con più serenità e competenza la vocazione che è affidata a tutta la Chiesa, che è semper reformanda… sempre in cammino di conversione.

Grazie a tutti per la presenza, in particolare a mons. Marchetto per aver scelto di pubblicare con i tipi della LEV la sua ultima ricerca.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

16/01/2018
1004/2020
Santa Gemma Galgani

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Non sarà una Quaresima facile

Francesco invoca le lacrime: dalle coste libiche all’Ucraina fino al carcere italiano dove si suicida un detenuto nell’indifferenza, il male non ci lasci a ciglio asciutto

Leggi tutto

Società

Parigi-Bruxelles: solo i cristiani possono far superare lo scontro di inciviltà

Gli attentati di Bruxelles, in stretta connessione con quelli di Parigi, mettono a nudo l’impotenza dell’Europa davanti ai nemici della sua cultura. Si potrebbe tuttavia aggiungere, che essi comprovano pure come l’Occidente stesso sia il primo dei suoi stessi nemici. In questo scenario solo i cristiani possono, se lo vogliono, accompagnare il processo di una vera integrazione

Leggi tutto

Politica

IL PASSO DECISIVO DEL TEATRO ELISEO

Il Popolo della Famiglia, senza essere un soggetto politico confessionale ma davvero aperto al contributo di tutte le persone di ogni fede e di buona volontà, dice basta alla stagione della delega ad altri e si presenterà a tutti gli appuntamenti elettorali prossimi venturi chiedendo il consenso sul proprio simbolo quale soggetto politico autonomo, con le radici affondate nelle ragioni della grande mobilitazione popolare del Family Day, tradita dai politici dei partiti tradizionali che pure dicevano di volerne rappresentare le istanze. Preso atto del tradimento, la risposta è la nascita e la diffusione sempre più massiccia su tutto il territorio nazionale del Popolo della Famiglia, che dal teatro Eliseo esce con una missione da compiere: raggiungere il milione di voti che darebbero rappresentanza parlamentare in tutti e due i rami del Parlamento al Pdf, oltre che in Comuni e Regioni. L’obiettivo è andare al governo del Paese. Come ha detto sempre Amato, in prospettiva essere una forza non del 3% ma del 30% ed oltre. Il passo decisivo, il primo passo, è stato avviato al teatro Eliseo di Roma. Chi c’era ha sentito soffiare un vento che faceva capire di essere presenti ad un avvenimento di portata storica.

Leggi tutto

Storie

Io, un ingegnere che fa l’esegeta per vocazione

Figlio spirituale di padre Silvano Fausti, Roberto Fedele ha riversato la propria passione per le sacre Scritture nella stesura di un commentario al Vangelo secondo Marco. Tiene anche molto all’attività dei “gruppi di ascolto”, che restituiscono la grammatica della fede a molti lontani e a chi si riavvicina alla pratica religiosa. Per l’avvenire, rivolge uno sguardo alla missione

Leggi tutto

Politica

Confutando Spadaro e Figueroa

Il gesuita siciliano che si accredita come frontman dei consiglieri di Papa Francesco (e che con questi crediti intasca colonne di editoriale sui giornaloni) si è lasciato andare, insieme col direttore dell’edizione argentina de L’Osservatore Romano, a un’analisi sociopolitica dell’attuale quadro Usa. Stupisce l’approssimazione del testo, evasivo sui dati e apodittico sui teoremi: si può fare meglio

Leggi tutto

Politica

Elezioni decisive per tutti

Mediante le elezioni siciliane di domenica prossima si misurerà l’intensità dell’avanzata possibile del centrodestra, la tenuta del progetto di governo del Movimento Cinque Stelle, la capacità del Partito democratico di reggere ai venti di tempesta che lo stanno devastando. In gioco ci sono le tre leadership: quella pluridecennale di Silvio Berlusconi, quella appena sancita di Luigi Di Maio e infine quella usurata in pochissimi anni zeppi di errori di Matteo Renzi. Ci sono poi evidentemente altre questioni politiche interessanti che saranno rese analizzabili da questo voto amministrativo: esiste uno spazio reale alla sinistra del Pd? L’estrema destra potrà coagularsi attorno a Casa Pound? Per i cattolici identitari è tempo di un nuovo protagonismo grazie al Popolo della Famiglia? A queste tre domande si risponderà prevalentemente a Roma, mentre il tema sulle tre principali leadership si squaderna prevalentemente in Sicilia. Ma proviamo ad affrontare i punti uno per volta.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2020 La Croce Quotidiano