Media

di Mary Melone

La riforma e le riforme nella Chiesa. Una risposta

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Eminenze, Eccellenze, Signor Ministro, Distinti Relatori, Signore e Signori,

Non è la prima volta che mi trovo in questa bellissima sala del Campidoglio a presentare un libro di SE Mons. Agostino Marchetto. Infatti, dopo Il ‘Diario’ conciliare di Mons. Pericle Felici e relativo Addendum, le sue due più recenti pubblicazioni, ecco ora Una risposta sul tema La riforma e le riforme nella Chiesa. Con questo scritto Mons. Marchetto intende appunto fornire una “risposta” al volume dallo stesso titolo edito dalla Queriniana di Brescia, nel 2016, una raccolta di 30 saggi inediti scritti da altrettanti specialisti, a cura di Antonio Spadaro e Carlos Maria Galli.

L’Autore entra così nell’arena dell’odierna realtà ecclesiale, stimolata e ravvivata da Papa Francesco, con riferimento specialmente alla bussola del Concilio Ecumenico Vaticano II. Alla base vi sono due millenni di storia della Chiesa visti da Mons. Marchetto anche con sensibilità pastorale, missionaria ed ecumenica.

Lo spessore storico che sta dietro alla parola “riforma”, che il Papa ha congiunto a “rinnovamento” (Ecclesia semper reformanda, Ecclesia semper renovanda) (cf. Omelia S. Messa a Medellin, 9 settembre 2017), ci è stato qui ripresentato per sommi capi da Mons. Brian Ferme, con la profondità e chiarezza di analisi che gli sono abituali.

A questo riguardo il binomio chiave “primato e sinodalità” (o collegialità) da lui delineato riaffiora continuamente nelle pagine del volume che qui presentiamo. Esso è ben atto a guidare il cammino di riforma intrapreso, tema rinnovato pure nel dialogo con i nostri fratelli Ortodossi nel I e nel II Millennio.

“Primato e sinodalità” sono espressione di un binomio inseparabile. Esso ha costituito uno dei centri vitali e specifici di attenzione, discussione e decisione del Concilio Vaticano II, chiudendo il vuoto per la mancata trattazione dell’episcopato al Vaticano I.

Mons. Marchetto fa udire su questo tema la sua voce, che viene da lontano e si presenta come sintesi di tanti pensieri e studi sul “Magno Sinodo”, come lui l’ha chiamato fin dal principio. Egli è mosso da una preoccupazione di fedeltà al procedere cattolico dell’et et, come via media in grado di creare in modo originale una sempre nuova sintesi vitale, non escludendo ma inglobando le ragioni di entrambi i poli. In ogni pagina dello scritto, infatti, si avverte l’impegno a tenere sempre uniti i due distinti elementi, del “primato” e della “sinodalità-collegialità”, a farli, per così dire, viaggiare sempre insieme.

Tale modo di procedere si sostanzia di un’interpretazione del Concilio Vaticano II che propone una riforma della Chiesa capace di fare i conti con tutti gli aspetti irrinunciabili della sua stessa costituzione essenziale.

Mons.Marchetto, nel riferirsi al Concilio, lo interpreta in linea con le parole di Benedetto XVI nel suo discorso alla Curia Romana del 21 dicembre 2005, in comunione di pensiero e di giudizio con i due Papi del Concilio e con quelli del post-Concilio, fino a Papa Francesco.

Nel discorso a cui si è appena fatto cenno, Benedetto XVI presenta le ragioni di un’ermeneutica dell’assise conciliare vista come “riforma e rinnovamento nella continuità dell’unico soggetto Chiesa” e respinge conseguentemente un’ermeneutica che preferisce mettere in luce la discontinuità ed elementi di rottura rispetto al passato.

Più volte, tale espressione “riforma e rinnovamento nella continuità dell’unico soggetto Chiesa” ritorna nel corso del volume di Mons. Marchetto, per segnalare il richiamo alla continuità come elemento necessario quanto il rinnovamento.

L’autore esprime anche in questo modo la sua preoccupazione che, non ricordando e quindi in un certo senso perdendo di vista questo criterio di doverosa continuità, si possa procedere verso un rinnovamento e una riforma non realizzabili come autentica riforma cattolica. Anche in questo caso dunque, si mostrano le ragioni dell’ et et, quelle del rinnovamento necessario e della necessaria continuità.

Lo sviluppo dogmatico nella Chiesa, infatti, per essere validamene recepito, occorre che sia omogeneo. Da qui la difficoltà ad attribuire piena legittimità al termine “rivoluzione”, quando non sia utilizzato – come fatto da Papa Francesco – all’evento fontale del Cristianesimo, al Signore Gesù e al suo Vangelo.

Come ho affermato nel corso di un’intervista nel quarto anniversario del pontificato di Papa Francesco, dal titolo “La riforma? Tutto parte dal cuore” (L’Osservatore Romano, 13-14 marzo 2017): “Non sono i criteri funzionali che devono guidare questa riforma ma … più profondamente i criteri di un autentico ritorno a Dio e un’autentica manifestazione della vera natura della Chiesa”. Tutto dunque parte dal cuore, da questo centro pulsante abitato dall’amore.

E’ retta, del resto, la riforma, dalla “logica del Natale”, dalla logica dell’amore, di cui ha parlato Papa Francesco lo scorso anno durante il tradizionale scambio di auguri natalizi con la Curia romana: “Incontriamoci di nuovo, dunque, nella mangiatoia di Betlemme”, auspicava il Papa.

Questo comporta che, nella continua ricerca di nuove vie per adattare al nostro tempo, all’oggi della vita (aggiornare) strutture ecclesiali e concrete modalità d’azione, l’auspicabile riforma, debba nello stesso tempo
sempre partire dalla conversione del cuore a Cristo e salvaguardare quel “cuore”, o nucleo fondamentale che rende riconoscibile la Chiesa di Cristo lungo tutte le vicende della storia, pur nel doveroso mutare, anche vasto e incisivo, di forme, strutture e criteri organizzativi.

Questo invito, nel libro che presentiamo, si traduce specialmente nella settima sua parte dal titolo Lo Spirito e la spiritualità nella riforma evangelica della Chiesa. Se ne è fatta eco oggi qui Sr. Mary Melone, S.F.A., Rettore Magnifico della Pontificia Università Antonianum.

Nella stessa settima parte desidero rifarmi, infine, ad alcune considerazioni ivi riportate dell’Arcivescovo Victor Manuel Fernández, per il quale “il nostro atteggiamento di riforma dovrebbe essere estatico… Le nostre proposte di riforma [in effetti] non sono basate su un autocompiacimento ribelle, ma su una convinzione generosa, flessibile, in grado di lasciarsi interrogare. Implica anche umiltà … aperta alla verità che
richiede di saper accogliere altre preoccupazioni legittime … Pertanto, non sempre ogni qualvolta vi è un conflitto nella Chiesa, ciò è male, ma talora si tratta di tensioni proprie che esistono tra persone oneste e sincere, che rispondono alla volontà di Dio portando il proprio contributo a questo mondo”.

Queste parole convergono con un appello al dialogo, alla disposizione paziente e benevola nel comprendere le ragioni di posizioni e impostazioni anche lontane dalla propria, che questo libro auspica e richiede e che si traduce in ultima analisi proprio nell’impegno a compiere ogni sforzo perché non si trascuri quella logica dell’et et sopra segnalata, che può risultare a volte faticosa, ma che consente di individuare una più valida sintesi che tenga conto di tutti i valori coinvolti.

“Primato” e “collegialità-sinodalità”, “continuità” e “rinnovamento”, “et et”, sono i termini che legano tutte le pagine del volume di Mons. Marchetto, il quale sembra volerci regalare un pro-memoria da portare con noi all’inizio, nel corso e al termine del lavoro di riforma. Un pro-memoria che ha lo scopo di ricordarci che soltanto se terremo adeguatamente conto nelle riflessioni ed elaborazioni intellettuali, come di conseguenza nelle concrete proposte, della tensione feconda tra i diversi poli in gioco, potremo giungere ad individuare un nuovo, valido e duraturo equilibrio.

Di questo ne è in un certo senso prova il fatto che quando al Concilio Vaticano II venne finalmente raggiunto un consenso fra le due “ali” presenti (Mons.Marchetto le chiama semplicemente di maggioranza e minoranza), si riuscì ad approvare, sempre quasi all’unanimità, testi che pur avevano suscitato all’inizio difficoltà e tensioni. Risultò infatti che erano atti ad incarnare l’autentico spirito conciliare. Naturalmente notevole e decisiva fu, a tale proposito, l’opera dei Papi Giovanni XXIII e Paolo VI.

Quello è stato senza dubbio un impegno “di riforma e rinnovamento nella continuità dell’unico soggetto Chiesa” che dovrà certo ispirare anche l’attuale cammino di riforma.

Grazie per l’ascolto.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

18/01/2018
2107/2019
San Lorenzo da Brindisi

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Il viso espressivo di monsignor Castellucci

Mons. Castellucci non è nuovo per la mobilitazione pubblica e personale in favore della vita umana nascente. Nello scorso aprile ha partecipato ad esempio alla grande mobilitazione prolife organizzata nel centro di Modena con un corteo e un momento di preghiera che ha coinvolto oltre 350. Quando la proposta gli è giunta alle orecchie, subito il vescovo, non se l’è lasciata sfuggire, tanto più in occasione del Giubileo della Misericordia. «Può essere un segno - ha spiegato l’arcivescovo - e un modo per dire che la vita vale sempre. La Misericordia si manifesta fin dall’inizio. Ci sono tre elementi deboli nella vita umana: l’origine, l’esposizione e la fine. Non sempre si dà attenzione al livello normativo e culturale». Se la vita vale in quanto tale, i cristiani sono chiamati a un compito. «Dobbiamo avere uno sguardo più profondo», sostiene quindi mons. Castellucci, che si ottiene «guardando ai più piccoli, come fatto da Gesù Cristo: per essere grandi siate come i bambini».

Leggi tutto

Media

O capiamo o moriamo

Ho scelto una tonalità da romanzo in un saggio, in cui cerco di far comprendere che quanto affermava il cardinale Biffi sull’Europa che se non sarà ricristianizzata sarà definitivamente islamizzata è totalmente vero. L’arma non sarà il terrorismo, ma la demografia che è scienza inesorabile come la matematica: se negli ultimi due anni sono morti seicentomila italiani più di quanti ne siano nati e gli islamici con il 7% della popolazione residente hanno fatto il 25% dei figli, la fine è scritta. Saremo la generazione responsabile della fine di una civiltà (lo scrive Onfray) e la Sharia “addolcita” che sostituirà gli ordinamenti giuridici fondati sulla radice giudaico-cristiana piacerà alle élites, come profetizzato in “Sottomissione” di Houellebecq, con il suo mix di poligamia legalizzata e autoritarismo.

Leggi tutto

Storie

Monsignor Delpini entra a Milano e siede sulla cattedra di Ambrogio

Avvenuto l’ingresso solenne di monsignor Mario Delpini come nuovo arcivescovo di Milano. Il racconto di una giornata speciale per i milanesi.

Leggi tutto

Politica

Un uomo in cammino riflette

Con tempismo che ben denota l’insipienza politica (proprio quella mattina da Forza Italia si levavano auspici per un futuro esecutivo a conduzione Bonino), Massimo Gandolfini ha diramato
una surreale lettera ai neocatecumenali di Emilia-Romagna per chiedere espressamente di non votare Popolo della Famiglia. Alla clamorosa ingerenza risponde uno dei destinatari della lettera.

Leggi tutto

Chiesa

Dialogo oltre i populismi

Il discorso di Papa Francesco è andato a toccare motivi di forte contrasto politico tra le nazioni:  le parole del Pontefice hanno messo l’accento soprattutto sull’importanza della collaborazione fra le nazioni e della diplomazia multilaterale, che appare sempre più indebolita dal riemergere di tendenze nazionalistiche.

Leggi tutto

Chiesa

L’Anno Santo della Misericordia

Siamo chiamati a dare consolazione a ogni uomo e ogni donna del nostro tempo. Mi pare un compito da far tremare le vene dei polsi, ma questo è l’invito del Papa

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano