Società

di Lucia Scozzoli

La morte vince sulla giustizia?

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

La procura di Milano, anzi precisamente il pm Tiziana Siciliano ha chiesto l’assoluzione per Marco Cappato, alla sbarra con l’accusa di istigazione al suicidio di Fabiano Antoniani. «Mi rifiuto di essere l’avvocato dell’accusa - ha affermato nella requisitoria - io rappresento lo Stato e lo Stato è anche Marco Cappato».

Non si è stupito nessuno: la Siciliano aveva già chiesto l’archiviazione a maggio scorso, affermando che «le pratiche di suicidio assistito non costituiscono una violazione del diritto alla vita quando siano connesse a situazioni oggettivamente valutabili di malattia terminale o gravida di sofferenze o ritenuta intollerabile e/o indegna dal malato stesso», ma il GIP l’aveva respinta. Ora ci riprova, palesandosi apertamente a favore delle idee radicali e chiedendo di assolvere Cappato o di inviare addirittura gli atti del processo alla Corte Costituzionale per sollevare una questione di illegittimità sull’articolo 580 che prevede il reato di aiuto al suicidio.

Era esattamente quello che voleva Cappato: scardinare completamente l’idea che istigare al suicidio sia reato. In fondo, se la vita è un bene nella disponibilità della persona fino all’estrema conseguenza della morte, nessuno deve permettersi di fermare chi voglia suicidarsi e soprattutto la proposta di terminare prima del tempo la propria vita deve essere resa legale, lecita, possibile. Già Cappato si frega le mani, immaginandosi un fiorire di cliniche per la dolce morte, il lieve trapasso, l’allegra dipartita. Il business della morte, propinata soprattutto agli scarti della società, ai deboli, ai malati, ai depressi, alle persone sole, agli anziani. Il prezzo non sarà mai un problema: chi sta a lesinare per l’ultima spesa della sua vita?

Magari Cappato potrebbe pure proporre il reato di ostacolo al suicidio, giacché c’è: chiunque provi a frapporsi tra la sacra volontà della persona che vuole morire e lo scheletro con la falce in mano deve essere punito. L’idolo del libero arbitrio è issato su un dorato piedistallo di finta pietà.

Con il diritto alla vita, in tribunale è stato ieri sacrificato anche il diritto alla giustizia: un pm che si rifiuta di formulare un’accusa dopo che era stata respinta la richiesta di archiviazione dal GIP ha dell’incredibile.

Dopo l’udienza camerale, il GIP Luigi Gargiulo aveva addirittura imposto l’imputazione coatta di aiuto al suicidio, per avere accompagnato Antonioni alla clinica Svizzera, ma soprattutto per aver rafforzato il suo proposito al suicidio. E anche in questa occasione, Cappato aveva esultato, affermando: «Se dovesse arrivare una assoluzione che definisce irrilevanti le mie azioni, mentre sono stati determinanti, vi dico che preferirei una condanna. Quella motivazione paradossalmente aprirebbe la strada a qualcosa che nessuno può volere: si accetterebbe che solo chi è in grado di raggiungere la Svizzera può essere libero di scegliere. Se Fabiano fosse stato residente a Catania, non sarebbe potuto andare in Svizzera e nemmeno se non avesse avuto 12mila euro a sua disposizione».

Insomma, tutto si sta svolgendo come ha desiderato l’esponente radicale. Infatti le dichiarazioni della collega della Siciliano, Sara Arduini, sono passate sotto silenzio: «Cappato non ha avuto alcun ruolo nella fase esecutiva del suicidio assistito di Fabiano Antoniani e non ha nemmeno rafforzato la sua volontà di morire».

Non è quello che afferma Cappato e non è quello che auspica la Siciliano: questi puntano ad una modifica del codice penale per eliminare del tutto il reato di istigazione al suicidio, non vogliono affatto negare che l’istigazione ci sia stata.

La Siciliano, senza vergogna, ha chiuso la requisitoria citando Tommaso Moro «che per le sue idee, simili a quelle di Fabiani e di Cappato, venne giustiziato, 500 anni fa, per poi essere beatificato nel 1935. Speriamo che non si voglia far lo stesso per Cappato».

Povero Tommaso Moro! Si sarà rivoltato nella tomba a sentirsi citato tanto a sproposito! Forse la Siciliano ha fatto una ricerca su google un po’ troppo rapida ed è capitata su qualche passo di “Utopia”, che però – lo diciamo per la pm che fa la finta acculturata – è una finzione: l’isola in cui è ambientato il racconto si chiama Raphael Hythlodaeus, che significa “fornitore di sciocchezze”. E se è vero che Raffaele riporta l’eutanasia utopica, poi in un altro passo rifiuta il suicidio affermando: «Dio ci ha negato il diritto di prendere non solo la vita di un altro, ma anche la nostra».

Se alla Siciliano piace tanto l’utopia di Moro, in essa egli auspicava anche l’abolizione della proprietà privata: chissà se ne sarebbe altrettanto contenta. E pure l’assegnazione di cariche pubbliche solo alle persone religiose, perché gli atei sarebbero rozzi e volgari, tendenti all’immoralità.

Dire poi che Moro fu giustiziato per questo passaggio è a metà tra l’ignoranza abissale e la malafede senza vergogna.

Chissà poi perché mai la Siciliano abbia sentito la necessità di infilarci una citazione di Moro, anzi lo sappiamo perché: per chiamare in causa la Chiesa in un modo qualunque e sostenere implicitamente che essa, se già non è d’accordo con l’eutanasia, potrebbe comunque diventarlo. Francamente mi pare che il mondo sia cambiato assai negli ultimi 500 anni e si sia evoluto parecchio in termini di umanità, rifuggendo la guerra (almeno a parole), parlando di uguali diritti per tutti, indipendentemente da ceto sociale, sesso, religione, pensiero, razza, eccetera, cose che nel 1500 neanche si sognavano.

Forse che la Siciliano sogni un ritorno al medioevo? E dire che accusano sempre i cattolici, di essere medievali.

L’avevamo predetto, che questo processo sarebbe stata una passerella dei radicali, una loro vittoria mediatica e culturale, indipendentemente dalle decisioni del giudice: una grande farsa, per condurre gli italiani in tempi rapidi ad ambientarsi all’idea che l’eutanasia sia non solo il male minore, ma un’auspicabile destino per tutti.

Viva la morìa! Lo grideremo come monatti, scolando il fiasco sulla via, tra allegri festeggiamenti, mentre condurremo l’ennesimo malato all’esecuzione del destino che ha liberamente scelto, costretto dal dolore, dall’invito della società a levarsi di mezzo e dal coro di incitamento di chi lucrerà sulla sua dipartita.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

18/01/2018
1701/2019
Sant'Antonio abate

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Adesso pure la “locura” dell’eutanasia

Un gruppo di volti televisivi dai nomi altisonanti, sono stati utilizzati dai radicali dell’Associazione Luca Coscioni per un video che chiede l’approvazione della legge di iniziativa popolare che legalizzerebbe l’eutanasia depenalizzando la soppressione di malati che, a sentire Veronesi, avviene sistematicamente e silenziosamente negli ospedali italiani.

Leggi tutto

Società

Istigazione all’odio omofobico

Negli ultimi dodici mesi l’Italia è stata attraversata da un’ondata di atti efferati compiuti da omosessuali. Ovviamente costruire un filo rosso che unisca tutta questa serie di eventi per provare a suggerire con lealtà alla comunità Lgbt di analizzare il problema verrà raccontato come “istigazione all’odio omofobico” passibile di ogni pena, ma i fatti sono fatti e proverò a metterli in fila per come sono avvenuti. Poi ognuno potrà compiere le sue riflessioni.

Leggi tutto

Politica

Confutando Spadaro e Figueroa

Il gesuita siciliano che si accredita come frontman dei consiglieri di Papa Francesco (e che con questi crediti intasca colonne di editoriale sui giornaloni) si è lasciato andare, insieme col direttore dell’edizione argentina de L’Osservatore Romano, a un’analisi sociopolitica dell’attuale quadro Usa. Stupisce l’approssimazione del testo, evasivo sui dati e apodittico sui teoremi: si può fare meglio

Leggi tutto

Società

Scialpi divorzia dal suo finto marito

Si parla spesso delle tragedie che degenerano in farse – e in questo cliché Giovanni Scialpi si è prodotto più volte (l’ultima durante il ricovero) – ma stavolta è la farsa che tenta l’impennata drammatica: il teatrino è finito, ilm“marito” non è più tale (non lo era mai stato) e il bacio del vero amore non regge

Leggi tutto

Chiesa

I diritti si fondano su una natura umana oggettiva

La Santa Sede ribadisce la ferma «persuasione che le eventuali controversie tra i popoli non debbono essere risolte con il ricorso alle armi; ma invece attraverso il negoziato». D’altra parte, proprio la continua produzione di armi sempre più avanzate e “perfezionate” e il protrarsi di numerosi focolai di conflitto – di quella che più volte ho chiamato “terza guerra mondiale a pezzi” – non può che farci ripetere con forza le parole del mio santo Predecessore: «Riesce quasi impossibile pensare che nell’era atomica la guerra possa essere utilizzata come strumento di giustizia. È lecito tuttavia sperare che gli uomini, incontrandosi e negoziando, abbiano a scoprire meglio i vincoli che li legano, provenienti dalla loro comune umanità e abbiano pure a scoprire che una fra le più profonde esigenze della loro comune umanità è che tra essi e tra i rispettivi popoli regni non il timore, ma l’amore: il quale tende ad esprimersi nella collaborazione leale, multiforme, apportatrice di molti beni».

Leggi tutto

Politica

Un uomo in cammino riflette

Con tempismo che ben denota l’insipienza politica (proprio quella mattina da Forza Italia si levavano auspici per un futuro esecutivo a conduzione Bonino), Massimo Gandolfini ha diramato
una surreale lettera ai neocatecumenali di Emilia-Romagna per chiedere espressamente di non votare Popolo della Famiglia. Alla clamorosa ingerenza risponde uno dei destinatari della lettera.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano