Politica

di Mario Adinolfi

Il programma del PdF per te

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

CHI SIAMO

- Il Popolo della Famiglia è un soggetto politico aconfessionale e valoriale, di ispirazione cristiana (che mette al centro la dottrina sociale della Chiesa), aperto ai non credenti e alle altre confessioni religiose che condividono il suo programma in difesa dei valori “non negoziabili”: il diritto alla vita (dal concepimento alla morte naturale), la centralità della famiglia, come stabilito dall’articolo 29 della Costituzione (“la famiglia come prima comunità naturale basata sul matrimonio”), il diritto dei figli ad avere un padre e una madre; la dignità della persona, del lavoro e la sussidiarietà

- La fede cristiana, oltre ad essere una scelta spirituale individuale è il fondamento della identità storica e culturale italiana ed europea

- La famiglia (la sua storia, i suoi diritti e i suoi doveri) è la chiave delle risposte e ricette politiche del Popolo della Famiglia

- Il Pdf è erede della grande tradizione del Partito Popolare di Don Sturzo, attualizzatore della esperienza politica democratico-cristiana e figlio del Family Day (i milioni di cittadini che hanno manifestato contro il Ddl Cirinnà sulle unioni civili). Il Pdf, esaurita la strategia “dei credenti nei vari partiti”, dato il suo oggettivo fallimento in termini legislativi e sociali (non ha bloccato il processo di laicizzazione del Paese), è fermamente convinto che sia tornata l’ora di riunire tutti i credenti “in un unico soggetto politico”.

- Il Popolo della Famiglia intende costruire in Italia una grande “resistenza popolare” contro le leggi liberticide, contrarie al diritto naturale (le adozioni gay, i matrimoni egualitari, il gender nelle scuole, la liberalizzazione di qualsiasi droga, l’eutanasia etc), che i governi di centro-sinistra con la complicità dell’attuale centro-destra, hanno varato. Siamo in una Repubblica parlamentare e le cattive leggi fanno costume, incidono nella vita dei nostri figli.

- Il Pdf mira a superare i vecchi schemi destra-sinistra e le ideologie ottocentesche, non più in grado di rappresentare le aspirazioni dei popoli. Oggi la battaglia vera è tra il falso e il vero, il bene e il male, la cultura della vita e la cultura di morte; tra la visione antropologica, insomma, di chi trasforma la persona in cosa e chi continua a considerare la persona depositaria di una dignità intangibile dal momento del concepimento fino alla morte naturale. Non è un caso che un italiano su due non vota, abbiamo il 24% dei disoccupati, sette milioni di depressi, aumenta il consumo di droghe e le persone sono sempre più sole (otto milioni di single). Occorre offrire un’alternativa politica totale di civiltà

IL POPOLO DELLA FAMIGLIA PER L’ITALIA

COSA VOGLIAMO

PROGRAMMA

Preambolo

PRIMA LA FAMIGLIA

Prima la famiglia: diritto universale a nascere, diritto ad avere una mamma e un papà, diritto al sostegno dei più deboli (bambini, anziani, disabili, malati), diritto a non emigrare. Famiglia come chiave delle proposte politiche. In famiglia si vivono quei valori di protezione, sicurezza, vita, accoglienza, identità, solidarietà, sussidiarietà, che vanno difesi e affermati nella società. Puntare sulla famiglia e sui figli, significa far ripartire l’economia, creare ricchezza e lavoro. È una grande rivoluzione culturale, economica e antropologica. I principi non negoziabili vanno reintrodotti e riaffermati nel dibattito politico. Sono priorità legislative e valoriali.

Oggi la “questione antropologica” è La questione. La denatalità, certificata da tutte le statistiche, che condanna gli italiani all’estinzione, non si combatte con elemosina di Stato o con mere enunciazioni di principio. Ci vogliono soluzioni ad hoc. E idee realmente alternative all’attuale cultura di morte mascherata da pulsione amorevole e compassionevole.

PIANO NAZIONALE PER LA FAMIGLIA

“IL DECALOGO DELLA BUONA BATTAGLIA”

1) POLITICA

FAMIGLIA COME VITA

“Di mamma ce ne è una sola, di padre pure”

- Abrogazione della Legge Cirinnà

- No adozioni gay

- No utero in affitto

- No ai matrimoni egualitari

- Abrogazione della legge sul Testamento biologico (Dat)

- Riconoscimento della capacità giuridica del concepito

- Riconoscimento del “Comfort Care”, da parte del Servizio Sanitario Nazionale, in alternativa al cosiddetto aborto terapeutico

- Riconoscimento pubblico della Funzione sociale dei centri e servizi di aiuto alla vita

- Investimento sulle cure palliative e sulla terapia del dolore

- Seppellimento dei bambini non nati

2) ECONOMIA

FAMIGLIA COME IMPRESA ECONOMICA DOMESTICA E PUBBLICA

“La famiglia è un’impresa, ma ne vale la pena”

- Istituzione di una Commissione interministeriale permanente sulla famiglia

- Abrogazione dell’Unar con dirottamento dei fondi al Reddito di Maternità

- Reddito di Maternità (1000 euro al mese per le donne italiane che si dedicano in via esclusiva alla vita familiare e alla crescita dei figli)

- Reddito Complessivo Familiare, diviso per quoziente

- Partita-Iva per la Famiglia (scarico dei costi)

- Defiscalizzazione degli oneri familiari solo per Famiglie con persone non autosufficienti a carico

- Tutela fiscale e finanziaria delle Piccole e medie imprese famigliari

- Tutela del Made in Italy, etichetta “Total Made in Italy”

- Prestito d’onore per la Costituzione di nuove imprese da parte di under 35

- Defiscalizzazione delle imprese che formano e assumono nelle aree disagiate o soggette a calamità naturali

- Tutela dei risparmiatori, inasprimento delle pene per reati di usura e bancari

- Lotta all’evasione fiscale per recuperare i 132 miliardi annui sottratti all’erario

- Tutela del commercio

- Tutela dei consumatori

3) SCUOLA

FAMIGLIA COME CONOSCENZA

“… di padre in figlio”

- Contrasto all’ideologia gender in qualsiasi forma venga introdotta nei programmi scolastici

- Reale parificazione delle scuole non statali con applicazione del costo standard e dei buoni scuola

- Rivalutazione economica e professionale degli insegnanti, in primis quelli di sostegno

- Reintroduzione dell’Educazione civica come disciplina obbligatoria negli istituti medi superiori

4) INFANZIA-GIOVANI

FAMIGLIA COME BENE

“… il vero stupefacente sei tu”

- Lotta alle dipendenze. Contrasto alla ludopatia e al gioco d’azzardo

- Contrasto alla pornografia, alla pedo-pornografia e obbligo di registrazione con documento, per l’accesso ai siti pornografici

- Lotta a tutte le droghe: abolizione del concetto di lieve entità e di droghe leggere

- Pene civiche non più discrezionali per i reati di bullismo, teppismo o legati all’uso di alcol e di droghe

5) CASA

FAMIGLIA COME RADICI

“Abito quindi sono”

- Priorità per le famiglie numerose italiane nell’assegnazione di alloggi pubblici e alle giovani famiglie, con stanziamento di un Fondo di Garanzia pubblico per i mutui per le coppie sposate under 35

- Impignorabilità totale della prima casa

- Misure fiscali per favorire la residenza in prossimità del luogo di lavoro

6) LAVORO

FAMIGLIA COME SUSSIDIARIETA’ E PARTECIPAZIONE

“Il vero profitto è la dignità del lavoratore”

- Revisione integrale del Jobs Act (Riduzione dei casi di licenziabilità)

- Contrasto alle forme di precarizzazione del lavoro

- Aumento degli importi erogati e dei limiti di reddito relativi a pensioni di invalidità, accompagnamento, indennità e assegni

- Chiusura notturna e festiva degli esercizi commerciali

7) SANITA’

FAMIGLIA COME SOLIDARIETA’

“Nessuno sarà più solo”

- Libertà di cura e abrogazione della Legge Lorenzin

- Costi standard

- Investimenti per una Sanità di qualità

- Risorse a favore di anziani e disabili

- Assistenza e cura dei malati terminali

- Potenziamento dei fondi pubblici destinati alla ricerca scientifica delle malattie rare e patologie tumorali

8) IMMIGRAZIONE

FAMIGLIA COME IDENTITA’

“Diritto a non emigrare”

- Accordi bilaterali con i Paesi di provenienza dei migranti

- Accoglienza sostenibile, no Ius soli

- Riduzione drastica dei flussi migratori

- Chiusura immediata dei Centri di Assistenza Rifugiati

- Nuova Cittadinanza e integrazione di qualità

9) SICUREZZA-LEGALITA’

FAMIGLIA COME PROTEZIONE

“Intolleranza zero”

- Riqualificazione del Comparto Sicurezza e Difesa Nazionale con aumento dei salari dei componenti delle Forze dell’Ordine

- Contrasto severo alle attività della criminalità organizzata, non solo nel Meridione d’Italia

- Riconoscimento pieno della legittima difesa presunta, in caso di attacco all’abitazione familiare

- Istituzione delle Volanti fisse nei quartieri a più alta densità criminale

10) EUROPA

FAMIGLIA COME STORIA

“Un’Europa veramente a 12 stelle”

- Unione Europea come Nuova Libera Associazione di Stati indipendenti e sovrani

- Reintroduzione nel preambolo della Costituzione europea delle radici cristiane

- Ius europeo

- Sovranità nazionale ed economica

- Rifondazione della nuova Europa a partire dal diritto universale a nascere

- Valorizzazione nel prossimo Accordo di partenariato 2021-2027 (che potrà valere complessivamente circa 45 mld) di obiettivi e priorità che sostengano la famiglia, per la realizzazione di concreti interventi a favore del territorio e dei cittadini (infrastrutture, ma anche istruzione, formazione, occupabilità);

- Promozione e diffusione della progettazione europea, incentivando il partenariato tra tutte le espressioni della società civile, associazioni familiari comprese;

- Politica ambientale europea

- Istituzione delle zone franche della Sardegna previste dal decreto legislativo n.75/1998, in adempimento all’articolo 243 del codice doganale europeo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/01/2018
2201/2022
San Vincenzo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Sentinelle in piedi e palloncini gonfiati

Successo a Cesena per la veglia delle Sentinelle in Piedi, solita contromanifestazione goffa degli Lgbt con i media che raccontano numeri che non ci sono

Leggi tutto

Chiesa

Se il PDF trova la sponda della Chiesa

Questo è semplicemente avere chiara una verità che abbiamo ricevuto e che a nostra volta dobbiamo trasmettere, una verità che non possiamo tacere, una verità che sola basta a salvarci e che ci fa autenticamente liberi.

Leggi tutto

Storie

Un trans non può fare la tata

Non si può affidare la crescita di un bambino di pochi mesi a un trans. Dalla email si capisce che la transizione da un sesso all’altro non si è compiuta, l’Inps ha ancora tutti i documenti al maschile, quindi Alessandro è a tutti gli effetti Alessandro anche se “si sente” Alessandra. Siamo davanti dunque ad una persona che non si accetta per come è, che in questo percorso di transizione deve affrontare prove psicologiche e fisiche molto pesanti con l’assunzione continua di farmaci, che dal punto di vista fisico sostiene un iter di trasformazione molto doloroso e che fa tendere all’instabilità emotiva. Un bambino di pochi mesi può essere affidato a chiunque tranne che a persone con queste caratteristiche di instabilità. L’approdo alla diversa sessualità riconosciuta, quello che porterebbe il soggetto in questione ad avere i documenti in regola con il nome Alessandra, passa poi attraverso fasi di demolizione dei genitali maschili e di costruzione di forme genitali all’apparenza femminili che sono mediamente faticosissime da molti punti di vista, sia fisici che psicologici. Il ricorso al consumo di forti quantità di alcool e di droghe per ovviare all’inevitabile disturbo di personalità che accompagna ogni evoluzione dalla disforia di genere accertata all’approdo ad una diversa conformazione dei propri genitali, è comprovato in tutti i testi scientifici, così come la più alta propensione al suicidio dei transessuali rispetto alle altre persone.

Leggi tutto

Società

Riguardo a donne e discriminazione

Molto più fecondamente che appellandosi all’incomprensibile nozione di “omofobia”, si contrasterebbe il bullismo stigmatizzando e perseguendo legalmente l’ipotetico reato di “androfobia” e “ginecofobia”: è nel rifiuto della realtà umana così come si dà che si annida il germe dell’odio che poi esplode negli atti di violenza verbale, psichica e/o fisica

Leggi tutto

Società

Vita da neonato

Siamo sconvolti, raccapricciati da queste storie che ci assediano e che vedono come vittime innocenti bambini. Qualcuno (pochi a dire il vero) ha avuto l’ardire di andare sul profilo della povera Ilaria a scrivere cose assurde, tipo che si vede che non amava la figlia perché sui social non ha postato nemmeno una foto della piccola (magari questo vuol dire che l’amava così tanto da preoccuparsi seriamente della tutela della sua privacy ed ha seguito gli inviti della polizia postale di non pubblicare le foto dei figli), o che di andare dal parrucchiere non se lo sarebbe certo scordato, senza sapere niente di lei (per esempio io, ve lo confesso, non vado dal parrucchiere da ben 7 anni, quindi di me questa fesseria non potreste dirla, vi avverto già).

Leggi tutto

Società

Stupri di donne ed uomini lasciati soli

Come Mario Adinolfi ha recentemente sintetizzato spulciando i dati istat, in una classe di 25 ragazzi delle superiori statisticamente si trovano un consumatore abituale di cocaina, 2 consumatori di oppiacei o droghe sintetiche, 5 dediti alla cannabis e 7 soliti alle sbronze nei week end. Questi dati sono allarmanti e gravissimi e fotografano una realtà giovanile allo sfascio: un ragazzo annebbiato da droghe o alcool è facilmente coinvolgibile in risse, che poi finiscono sempre molto male, o può essere soggetto di violenze, se trascinato in gruppo, nonché mette a rischio la propria e altrui incolumità se si mette alla guida. Per non parlare dei danni diretti che fa alla propria salute.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano