Storie

di Lucia Scozzoli

E’ un diritto di ogni uomo essere anche donna seppur non lo sia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI

QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Il 17 gennaio scorso il collegio della seconda sezione civile del Tribunale di Pavia ha pronunciato una sentenza con cui riconosce ad un 29enne la facoltà di cambiare anagraficamente sesso, da maschile a femminile, anche senza l’intervento di riassegnazione previsto dalla legge, poiché il soggetto in questione si trova in uno stato di obesità che ne pregiudica la salute e rende impossibile eseguire l’intervento senza sopportare rischi eccessivi. Il suo legale, Francesco Longiu, ha spiegato al tribunale che il suo assistito sarebbe nato «con indole femminile» e che già dal 2011 ha cercato di rivolgersi a un chirurgo per il cambio di sesso, ma egli «esprimeva parere negativo all’effettuazione dell’intervento e, successivamente, nel 2016, perdurando la problematica dell’obesità, ne certificava l’assoluta controindicazione, onde evitare di esporlo a elevati rischi per la propria incolumità nel corso dell’intervento, oltre a complicanze post - operatorie».

Il tribunale di Pavia riconosce ora che «la libertà di autodeterminazione dell’individuo nel decidere di avvalersi di tale intervento rappresenta un diritto inviolabile della persona, che non mette in discussione la serietà del percorso soggettivo intrapreso, qualora la persona decida di non sottoporsi al trattamento medico - chirurgico».

Era già successo nel luglio scorso: con la sentenza 180 del 13 luglio 2017 la Corte Costituzionale aveva escluso la necessità di interventi chirurgici per ottenere l’ufficializzazione del genere a cui un individuo si sente di appartenere, in spregio ad ogni verificabile realtà biologica, aprendo la strada alla riassegnazione anagrafica del genere, anziché del sesso.

La transizione, che comincia con le cure ormonali e che dovrebbe approdare all’intervento chirurgico di asportazione dei genitali originari e ricostruzione di nuove imitazioni di organi, può essere ora ufficialmente sostituita dall’intervento di un giudice sufficientemente convinto dell’irreversibilità della disforia di genere del soggetto, del tutto a prescindere dall’anatomia, dalla biologia e anche dalla storia clinica, psicologica e familiare della persona.

La scienza, che parla di cromosomi e geni, oggettivamente verificabili, è accantonata in un angolo, superata dal predominio del mito all’autodeterminazione. E ancora andiamo bene: infatti il punto dirimente della sentenza è la valutazione dell’irreversibilità della disforia, ma solo per il momento. Non sappiamo quanto durerà, questo flebile argine, a reggere all’urto dirompente della follia collettiva sbarcata nelle aule dei tribunali: perché mai dovrei avere il diritto di cambiare l’indicazione del sesso anagrafico solo una volta? Se oggi mi sento donna, l’anno prossimo uomo, e poi mi pento e voglio tornare donna? E poi magari di nuovo uomo? Venuto a mancare completamente il criterio dell’oggettività scientifica, entrati a piè pari nel principio di irrealtà, non si capisce perché si debba prevedere una sola riassegnazione.

Infatti in Canada si possono già iscrivere all’anagrafe bambini senza l’indicazione del sesso, cosicché possano deciderlo da grandi in tutta libertà.

Il passo ulteriore sarà l’eliminazione dell’informazione del sesso dai documenti di identità in generale, per proteggere una minoranza esigua di disforici indecisi, nonché preservare le istituzioni dal vespaio di incongruenze giuridiche in cui si sta andando a cacciare con queste sentenze creative, piegate al progressismo individualista.

Secoli di statistica finiranno nel bidone del politically correct: gli studi medici dettagliati per sesso, le ricerche sociologiche, pure la più futile disciplina del marketing dovranno fare a meno di un’informazione che non è mai stata velleitaria, né superflua, essendo maschi e femmine profondamente diversi dal punto di vista fisico, psicologico e comportamentale. Una grande madornale masochistica zappata sui piedi. Chissà a vantaggio di chi.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

25/01/2018
0612/2022
San Nicola vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

L’avvenimento cristiano com-porta valori

Nel continuo dibattito intraecclesiale circa le “tematiche essenziali” sembra talvolta che si tratteggino dinamiche analoghe a quelle tra interventisti e non interventisti alla vigilia di una guerra. Sarebbe una visione ben riduttiva. Bisogna invece ricordare che quel cristianesimo che non si propone, anzitutto, come un sistema etico, ne porta però in sé il bagaglio, e feconda la società

Leggi tutto

Chiesa

Francesco secondo Valli, vaticanista inquieto

A sorpresa, Aldo Maria Valli ha dato alle stampe un libro su Papa Bergoglio che ha spiazzato tutti: il numero uno di Rai Vaticano, storico martiniano e già entusiasta sostenitore del papato argentino, cambia idea. I media ostili al Pontefice enfatizzano “266.” come un trofeo. Ciò che sembra di evincere dalla dolorosa confessione raccolta nel libro è che il pontificato si avvia a un declino che potrebbe forse sfociare in una dura restaurazione. Ne parliamo con lui

Leggi tutto

Società

Il fallimento delle unioni civili

Credo che i Family Day abbiano ottenuto concretamente lo stralcio della stepchild adoption, lo stop alla legalizzazione di fatto dell’utero in affitto e abbiano anche reso evidente la presenza di un popolo pronto a dare battaglia politicamente, cosa che si è verificata poi con la nascita del Popolo della Famiglia. Le manifestazioni Lgbt hanno portato a casa una brutta legge che non piace neanche a chi si è battuto per averla, peraltro con una mancanza di soggettività politica reale. Sbaglierò ma vedo il mondo Lgbt frastagliato in mille sigle e siglette tra loro anche in conflitto aspro. Esiste poi una dimensione lobbistica in cui invece credo che siete un passo avanti a noi.

Leggi tutto

Storie

The shout of Ireland: “Let Them Live!”. Interview with Emily Faulkner

A group of American pro-lifers travelled from the US to lend their support to the anti-abortion referendum on the Eight Amendment

Leggi tutto

Politica

Le ragioni di un popolo che si è messo in cammino

Lunga intervista in presa diretta con il direttore del nostro quotidiano, nella veste politica di fondatore e presidente del Popolo della Famiglia: a porgli le domande e raccogliere le risposte è Paul Freeman, il coordinatore dell’Associazione Culturale Cattolica Zammeru Maskil, editrice del noto sito “ilcattolico.it”. La conversazione spazia dalle motivazioni che hanno portato alla fondazione del movimento politico alle ragioni che ne suggeriscono il suo assetto attuale. Il PdF si rifà a un’eredità politica e culturale in cui l’era del personalismo dei leader era ancora di là da venire.

Leggi tutto

Storie

Giù le mani dai bambini

Signor Guadagno io glielo dico da madre, non menta ai bambini. Lei non ha il diritto di farlo. Né chi glielo consente ha il diritto di farglielo fare. I bambini sono detentori di tutti i diritti e hanno il diritto di vedere la felicità che c’è nella forza di chi ha preso la propria sofferenza e ne ha fatto un miracolo di bellezza. Io non La critico, signor Guadagno, perché nessuno può permettersi di farlo senza conoscere una persona in modo confidenziale, per ciò Le chiedo solo un favore: lasci stare i bambini. Loro devono giocare e devono poter sognare tutta la bellezza della loro vita. Non devono essere tediati da chi racconta sofferenze a meno che non si tratti di qualcuno che ha trovato, nella propria condizione ingiusta, un modo per fare del bene e per tendere al bene.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano