Politica

di Gianfranco Amato

IL MONDO SA DEL PATTO GIÀ SCRITTO

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Ho conservato negli anni la sana abitudine di leggere la stampa straniera. Posso farlo anche perché il buon Dio ha voluto generosamente compensare i miei innumerevoli difetti con il dono delle lingue. In particolare le due lingue più parlate in Occidente: l’idioma di Shakespeare e il nobile castigliano. In realtà è una sana abitudine leggere quello che gli altri scrivono di noi italiani. Primo perché ci aiuta ad alzare la testa dal pollaio provinciale di casa nostra, secondo perché consente di percepire la visione distaccata e oggettiva di chi guarda le cose da fuori. È sempre utile. Così, mantenendo la sana abitudine, mi sono imbattuto nella lettura di due articoli tratti da altrettanti quotidiani annoverati tra i più prestigiosi del mondo anglosassone. Il primo è un pezzo che porta la firma di Jason Horowitz, pubblicato sul “New York Time”. Titolo: «Berlusconi Is Back. Again. This Time, as Italy’s “Nonno”». Traduzione: «Berlusconi è tornato. Di nuovo. Questa volta come il “Nonno” d’Italia». È un lunghissimo articolo in cui Horowitz spiega che Silvio non è più considerato «the joke of European politics», la barzelletta di Bruxelles, ma ha ormai acquisito presso l’establishment europeo l’immagine del «wise and moderate statesman», ovvero del saggio e moderato statista. L’unico che può tenere a bada la deriva dei suoi alleati, poco elegantemente definiti come «antiimmigrant, racially motivated and post-fascist forces»: xenofobi, razzisti e post-fascisti. In realtà nelle 1708 parole che compongono il lungo articolo, Salvini e la Meloni non vengono nominati nemmeno una volta. Vengono semplicemente liquidati come «mutinous partners», partner riottosi, che solo nonno Silvio sarebbe capace di rabbonire. In compenso Matteo Renzi viene citato ben tre volte. A questo punto, secondo il New York Times la soluzione che si profila è quella della «broad coalition with Mr. Renzi». Eccola la parola magica: «broad coalition», rande coalizione, larghe intese, Grande Inciucio, chiamatelo come volete ma il concetto è il medesimo. Ad ulteriore rassicurazione dei Poteri Europei, Horowitz cita nel suo articolo la testimonianza di Alan Friedman, l’autore della biografia di Berlusconi, relativa al fatto che il Cavaliere continui a marcare la propria distanza dal Presidente degli USA Donald Trump. «I’m more moderate than Trump», «io sono più moderato di Trump» continua a ripetere il Cavaliere a tutti quelli che tentano di paragonarlo al tycoon americano. E lo fa, precisa Horowitz, «grumpily», in maniera risentita e scocciata. Anche questa decisa presa di posizione di Berlusconi è assai ben vista a Bruxelles e rafforza il suo accreditamento come «wise and moderate stateman». Silvio pare ormai aver definitivamente ceduto ai poteri forti, i quali ormai lo considerano «another person». Da qui l’ineludibile epilogo delle larghe intese col PD, la «broad coalition with Mr. Renzi». La conferma viene pure dal “Wall Street Journal”, il secondo giornale che mi è capitato di leggere. Traspare già dal titolo del pezzo di Simon Nixon: I poteri forti in Italia puntano alla grande coalizione. Scrive, infatti, Nixon che le «Italian elite» hanno deciso di optare su una «grand centrist coalition between the Democratic Party and Forza Italia, most likely under the leadership of current Prime Minister Paolo Gentiloni». Grande Inciucio con un probabile Gentiloni bis. Non dovrebbero esserci grossi problemi per la «populist euroskeptic Lega» di Salvini o i «fascist Brothers of Italy» della Meloni. Berlusconi offrirà loro un ministero, magari all’Intero e alla Difesa, nel governo delle larghe intese, lasciandoli eventualmente strepitare all’opposizione nel caso non dovessero accettare. In Spagna, forse perché sono più vicini a noi, avevano già capito tutto ad ottobre del 2017. Ricordo, infatti, che “El País” titolava: «Renzi, Berlusconi y la vuelta al “pacto del azareno”», mentre “ La Vanguardia ” era ancora più esplicita: «Italia prepara una gran coalición». Non credo necessiti di traduzione. Il giornalista di “ La Vanguardia”, Eusebio Val, scriveva una cosa che oggi abbiamo sotto gli occhi: «i protagonisti evitano accuratamente di dirlo in maniera aperta, ma tutti lo intuiscono e lo temono». Cosa temono? Lo spiega sempre Val: «Matteo Renzi y Silvio Berlusconi están dispuestos a formar una gran coalición en Italia». Lo stesso giornalista rivela, poi, la motivazione che verrà adottata dopo le elezioni per giustificare il governo delle larghe intese: «Es la única alternativa para frenar la llegada al poder del Movimiento 5 Estrellas (M5E), el partido de protesta fundado por el cómico genovés Beppe Grillo». Anche in questo caso non penso siano necessarie traduzioni. Pure in Spagna, peraltro, i “ragazzi riottosi” di nonno Silvio non sembrano preoccupare. Berlusconi viene considerato, infatti, come uno statista in grado di gestire e dominare l’«impulsivo líder de laLiga Norte, Matteo Salvini» e «Giorgia Meloni, de la ormación posfascista Hermanos de Italia». Altro che patti anti-inciucio: il destino della grande coalizione PD-Forza Italia è già scritto. Lo sa tutto il mondo.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

06/02/2018
1602/2019
Sant'Onesimo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Cosa c’è dopo Welby, Eluana e Fabo

Tra pochi giorni il Parlamento discuterà il ddl sulle Dichiarazioni anticipate di trattamento,
ovvero sul cosiddetto “biotestamento”. Il quale non sarà che un piede di porco per introdurre subito
dopo una vera e propria legge sull’eutanasia, grazie alla quale il diritto italico regredirà di quasi
venti secoli. Dalla Chiesa ci si aspetterebbe una militanza più incisiva, ma non è detta l’ultima parola

Leggi tutto

Politica

I traguardi e gli obiettivi

Conclusa questa fase e la necessaria pausa estiva, a settembre una nuova assemblea nazionale di tutti gli iscritti al Popolo della Famiglia determinerà le decisioni che riguarderanno il traguardo elettorale del marzo 2018, quando superando lo sbarramento del 3% grazie al fatto che si potrà votare Pdf non in 35 comuni ma in tutti gli oltre ottomila comuni d’Italia, i “quattro gatti” (come sprezzantemente alcuni ci definivano) già trasformatisi in centomila gatti nei citati 35 comuni, diventeranno almeno un milione di gatti in tutta Italia. Chi ha paura del fatto che il Popolo della Famiglia raggiunga il suo obiettivo e possa con decine di parlamentari bloccare davvero ogni ulteriore legge contro la vita e contro la famiglia naturale, proponendo invece la straordinaria rivoluzione del reddito di maternità, del quoziente familiare, del diritto universale a nascere e ad essere curati, contrapposto al terribile nichilismo mortifero dei falsi diritti all’aborto e all’eutanasia? Perché considerare un male il Pdf, battersi con tutte le forze contro di esso, se si dice di condividerne le stesse ragioni ideali? Mistero misterioso. O forse neanche tanto, le miserie umane di chi si era promesso a questo o a quel partito con addosso la maglietta del Family Day appartengono all’inevitabile. Rafforzano la nostra determinazione, sappiamo di dover combattere censure e danni procurati di ogni tipo, così chi si mette in battaglia al nostro fianco arriva preparato e ben presto si corazza. E rivolge ai cecchini del fuoco amico la domanda fatidica: ci sparate addosso per conto di chi, l’alternativa al Popolo della Famiglia qual è, una legislatura come quella appena passata? La proposta unitaria rimane per noi sul tavolo: ritroviamoci tutti nel Popolo della Famiglia, che ha porte aperte e finestre spalancate, ha memoria utilmente corta se serve e non serba rancore. Uniti potremmo davvero strappare l’Italia alla cultura di morte che la ghermisce. Tutti iscritti al Pdf, facciamo la storia, come è scritto sulla nostra tessera 2017. Facciamola insieme, si può sul serio.
Noi comunque proseguiamo per la nostra strada, pregando e agendo. Che lo sguardo benevolo di Maria Vergine protegga tutti noi, che Dio benedica l’Italia, che Dio benedica il Popolo della Famiglia.

Leggi tutto

Chiesa

Obbedienza e virtù

La nostra civiltà complessa è fatta di corpi intermedi che si reggono sul principio di autorità. E ciò esige che le decisioni siano centralizzate, e che la struttura organizzativa abbia una funzione esecutiva. Ma per eseguire non occorre pensare. Per fabbricare bombe al fosforo non occorre pensare. Basta eseguire i compiti assegnati. Sicché, se Eichmann fu colpevole, furono colpevoli allo stesso modo tutti coloro che resero possibili, con la loro obbedienza acritica, quelli e/o altri crimini.

Leggi tutto

Società

Come cambia il volantone di Comunione e Liberazione

Non è ancora stato pubblicato sui siti ufficiali di Comunione e Liberazione, ma poiché pare che il nuovo “volantone” sia stato presentato all’ultima scuola di comunità da don Julián Carrón non ci si aspettano (ulteriori sorprese): l’immagine scelta non poteva che sollevare un polverone, in quanto rappresenta una famiglia di migranti in atteggiamento e contesto che ricordano quelli della Sacra Famiglia. E insorgono ex ciellini. Difficile mantenere l’equilibrio.

Leggi tutto

Chiesa

C’è un solo modo di riformare davvero la Chiesa

Quando si parla di “disputa felice” bisogna avere il coraggio e la forza di confrontarsi con persone come mons. Agostino Marchetto. Armato “solo” di enorme competenza e di altrettanta umiltà, il famoso storico del “Magno Sinodo” che fu il Vaticano II ha offerto un contributo importante a una miscellanea di grido, sì, ma dalle numerose aporie. L’opera segna la strada per quanto ancora resta da fare in ordine all’assimilazione del Concilio. Ne parliamo con lui.

Leggi tutto

Storie

101 VERBI - COSE FATTE E SUGGERIMENTI (2)

101-verbi-cose-fatte-e-suggerimenti continua con la sua seconda parte tutta da leggere e sulla quale riflettere…..

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano