Politica

di AA. VV.

Verso il 4 Marzo: frenare la deriva

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

La legislatura che si è appena conclusa, peggiorando la situazione sociale e legislativa del nostro Paese, ha condotto l’Italia sull’orlo del baratro, soprattutto con l’approvazione di leggi non solo inconciliabili con il Magistero della Chiesa, ma contrarie al retto uso di ragione e, perciò oggettivamente dannose per la cittadinanza. Dal cosiddetto “divorzio breve” del 2014 (con il sì di tutti i gruppi politici, appena 19 voti contrari alla Camera su 630 deputati) al cosiddetto “biotestamento” del dicembre 2017 (37 voti contrari), passando per la pessima legge Cirinnà del 2016 sulle unioni omosessuali.

Le norme sui cosiddetti “nuovi diritti” hanno di fatto impresso all’ordinamento giuridico italiano una spinta violenta, ma non irreversibile, contro la vita e contro la famiglia, contro l’uomo e perciò contro Dio. Ora, a ridosso delle elezioni politiche, è tempo di parlare con chiarezza, altrimenti la prossima legislatura sarà quella del “matrimonio omosessuale egualitario”, dell’utero in affitto, dell’eutanasia e del suicidio assistito, della droga libera: tutte “sciagure umane”, falsi miti di progresso, proposti agli elettori come simboli di avanzamento e scelte di civiltà.
Noi, come italiani, cittadini, Sacerdoti, Religiosi e Religiose sentiamo la responsabilità di questo momento storico riteniamo l’offerta politica che si ripresenta, da troppo tempo, sempre uguale a se stessa, incapace di rispondere ad una crisi sociale, culturale, esistenziale e valoriale, che ormai è sempre più evidente.
Le vie della Provvidenza hanno però messo in campo, nella competizione elettorale del 4 marzo prossimo, il Popolo della Famiglia: un raggruppamento di ispirazione cristiana che si fonda esplicitamente sulla dottrina sociale della Chiesa, con un programma denso di soluzioni che puntano ad investire sulla famiglia naturale (maschio e femmina li creò) e sulla vita, come valore indisponibile, senza lasciare spazio alla “cultura dello scarto” e contrastando l’ideologia gender. Chiediamo ai credenti ed a tutti gli uomini di buona volonta di tenere in considerazione la possibilità di sostenere il Popolo della Famiglia. Un’affermazione importante del Popolo della Famiglia sarebbe l’unico segnale di autentica novità, ed è per questo che il radicalismo di massa tanto lo teme, per far vivere e rappresentare fedelmente in parlamento la speranza nata con i Family Day, di cui il PdF è conseguenza politica, dopo il clamoroso tradimento operato dai vecchi partiti (da sinistra a destra) ai danni di quelle piazze.
Noi Sacerdoti, Religiosi e Religiose, firmatari di questo appello, pregando ed amando il nostro Paese, incoraggiamo tutti i nostri concittadini italiani a conoscere il Popolo della Famiglia e, nel discernimento, ad offrire ogni possibile sostegno, il prossimo 4 marzo, per porre almeno un freno a questa evidente deriva, che vorrebbe “farla finita con l’uomo”.
(sacerdoti, religiosi e religiose che volessero aggiungere la propria firma a questo appello devono semplicemente scrivere a [email protected] indicano oltre a nome e cognome il luogo dove operano)
Albano don Salvatore - Ventimiglia

Antenucci don Antonio - Guardialfiera (CB)

Armaudo don Giuseppe - Torino

Baldino suor Francesca - Guardistallo (PI)

Baran Suor Teofila - C.S.F.N. Roma

Barbaro fra Giovanni - Reggio Calabria

Barbay don Roland - Buttigliera d’Asti (To)

Barbiero don Francesco - Venezia

Baronio don Ottorino - Vicomoscano (CR)

Basile suor Michelina - Savona

Bergamaschi don Giuseppe - Mantova

Bertone don Alessandro - Ventimiglia

Bertoia don Roberto - Pescara

Bertoldi suor Ida

Bertolotto suor Mirella Laura

Bettinelli don Mattia - Albenga (IM)

Bianchi don Mirco - Gatteo (FC)

Biffi suor Chiara

Borioli don Simone - Milano

Bortelli diacono Claudio - Trieste

Borriello suor Luciana - Negrar (VR)

Brachetto suor Giuseppa Pia

Bresciani suor Patrizia - Borgomanero (NO)

Bretti don Gian Paolo - Caluso (TO)

Brizzi don Pasquale - Crotone

Brunello suor Rosina - Torino

Burato diacono Massimo - Reggio Emilia

Buzzagarin padre Benito - Belluno

Cardona suor Carla - Savigliano (CN)

Caridi diacono Mario - Torino

Carobello don Michele - Pinerolo (TO)

Carollo suor Rosalia - Guardistallo (PI)

Carolo suor Valeria - Guardistallo (PI)

Carlucci don Marco - Benevento

Caprile don Stefano - Andora (SV)

Caprillo don Valerio - S. Maria la Longa (UD)

Casati suor Maria Benedetta - Guardistallo (PI)

Cau suor Antonietta

Cauti diacono Pietro - Roma

Cavallaro don Damiano - Torino

Canzano don Delfino - Teramo

Cecchetti suor Chiara - Negrar (VR)

Celentano Suor Lidia - S.C.I.C. Roma

Cernuto don Salvatore - Roma

Cervellini don Aleandro - Civitella del Tronto (TE)

Cevoli suor Valentina - Guardistallo (PI)

Chizzolini don Angelo - Verzì di Loano (SV)

Ciervo suor Elena

Cocciolo Suor Liberatina

Colamonaco don Francesco - Acquaviva della Fonti (Ba)

Colombo don Giuseppe - Seregno (MI)

Comerlati suor Carmela

Costantino don Danilo - S.Giovanni Valdarno

Cotroneo don Filippo - Campo Calabro (RC)

Croatto suor Carla - Guardistallo (PI)

Crosta don Daniele - Plesio (CO)

Cuneo don Giancarlo - Albenga (IM)

Cutuli don Pietro - Mileto (VV)

Dallago suor Claudia - Guardistallo (PI)

Dallapiccola suor Olga

De Angelis don Lio - Poirino (TO)

De Matteis don Silvano – Albenga

Delai don Renzo - Brescia

D’Emidio don Florindo - S. Egidio alla Vibrata

De Carli suor Renata

De Nora fra’ Emanuele - Zagarolo (RM)

De Petri don Livio - Poggiridenti (SO)

De Vivo suor Luisa - Perugia

Della Volpe madre Monica - Guardistallo (PI)

Dettori suor Francesca - Guardistallo (PI)

Di Lorenzo Suor Anna - S.C.I.C. Roma

Diaz suor Maria Luisa - Guardistallo (PI)

Djon Limay don Andre Marie - Roma

Dordoni suor Maria Annunciata - Guardistallo (PI)

Facchin suor Daniela - Lonato del Garda (BS)

Fantuzzi frate Guglielmo - Sansepolcro (AR)

Falconi suor Alessandra - Sassoferrato (AN)

Favero padre Armando - Ivrea

Fierro diacono Alfonso - Benevento

Formica suor Nunzia - Melfi (PZ)

Frigerio padre Giancarlo - Roma

Frontali padre Luca - Roma

Gaino suor Giuliana

Galluzzi suor Anna Maria - Guardistallo (PI)

Gatta suor Lucia - Melfi (PZ)

Gentile suor Angela - Melfi (PZ)

Ghersi don Simone - Albenga

Gianella suor Flavia - Carmagnola (TO)

Giliberti suor Fatima - Guardistallo (PI)

Giorda don Mauro - Torino

Giovenzana don Fabio - Milano

Giuliano don Salvatore - Napoli

Giuliano don Gaetano – Benevento

Glielmo suor Elena - Istituto Maria Santissima Annunziata (Roma)

Goldin don Luigi - Teolo (PD)

Gottardi suor Renza - Guardistallo (PI)

Gusso don Carlo - Borbiago di Mira (VE)

Iacono don Stefano - Civitella del Tronto (TE)

Iacono Suor Raffaella - C.S.F.N. Roma

Invidia Suor Vanda - S.C.I.C. Roma

La Rocca suor Benigna - Roma

Lacandia Suor Lucia - S.C.I.C. Roma

Lamonea don Carmine - Potenza

Lanciano Suor Anna - S.C.I.C. Roma

Lapponi don Massimo OSB - Farfa (Ri)

Larosa don Giuseppe - San Nicola in Zungri (VV)

Lavorato don Giuseppe - Controguerra (Te)

Lazzarin suor Maria - Negrar (VR)

Le Bourhis don Thomas – Ventimiglia

Litani suor Caterina - Guardistallo (PI)

Loiodice Suor Vittoria - S.C.I.C. Roma

Locatelli don Zeno - San Lorenzo al mare

Loffredi suor Carolina - Sassoferrato (AN)

Luise diacono Giuseppe - Salerno

Luison suor Gemma

Macchi Suor Maria Claudia (C.S.F.N.)

Machaj Suor Maria - C.S.F.N. Roma

Maddonini suor Lidia

Maione don Giuseppe - Pescara

Magnani don Michele – Torino

Malgorzata Suor Krystyna Golonka - C.S.F.N. Roma

Mantovani don Eligio - Alba (CN)

Manzati suor Maria

Marchesini suor Franca - Guardistallo (PI)

Massali don Gianni - Villarbasse (TO)

Matta suor Maria Luisa - Guardistallo (PI)

Mautone don Stefano - Lucinasco (IM)

Mazzali don Gianni - Torino

Meloni fratel Luciano Maria - Fraternità cattolica sentinelle della speranza - Roma

Milani suor Luigina

Missaglia suor Graziella

Montanaro padre Fabiano - Perugia

Montesano Suor Celina

Morella don Maurizio - Rivarolo (TO)

Mozzillo suor Elena - Benevento

Mucelli suor Rosanna - Guardistallo (PI)

Muth suor Giulia Maria - Guardistallo (PI)

Negri suor Redenta - Roma

Negro suor Anna - Sassoferrato (AN)

Negro suor Ida - Roma

Nemyamva suor Inacia - Guardistallo (PI)

Ndaishimiye don Audace - Roma

Olian suor Roseli - Roma

Pagano don Enrico - Salerno

Paris suor Milva - Negrar (VR)

Pasanisi fra’ Paolo - Fauglia (PI)

Pasquarelli Suor Ines - S.C.I.C. Roma

Passeri don Mario - Genova

Pavarelli suor Chiara - Guardistallo (PI)

Pedroncelli suor Lucia - Sondrio

Pegorin don Stefano SDB - Udine

Petri suor Maria Grazia - Guardistallo (PI)

Pianosi don Alberto - Ancona

Picone suor Giusi - Guardistallo (PI)

Pieri suor Maria Chiara - Guardistallo (PI)

Pierosara don Gino - Fabriano

Pini suor Virginia - Guardistallo (PI)

Podwalska Suor Dorota - C.S.F.N. Roma

Pucci diacono Marco Luigi - Carraia (Fi)

Pucci Bralla padre Enea - Roma

Putzu don Pierpaolo - Cagliari

Quattrocchi don Bruno - Fabriano

Raimondo don Claudio - Salerno

Ramella don Francesco - Laigueglia (SV)

Ramello padre Mario M.I. - Verona

Rasoarimalala suor Germaine

Razafiarisoa suor

Resta suor Agata - Melfi (PZ)

Righi suor Maria Francesca - Guardistallo (PI)

Rocco Suor Concetta - S.C.I.C. Roma

Rossi Zanetti suor Maria Laura - Guardistallo (PI)

Rovaris don Roberto - Ciliverghe Mazzano (BS)

Sabato suor Umbertina - Roma

Sacco don Alessandro - Volvero (To)

Sacco don Leonardo - Pietrabbondante (IS)

Sallantin padre Emmanuel - Sciacca (AG)

Scano padre Antonello - Torino

Scarano suor Carmela

Scarpellini diacono Leonardo - Cesena (FC)

Scarpina don Luciano - Lecce

Scripcaru don Gabriel - Leinì (TO)

Spagnolo suor Erminia - Sassoferrato (AN)

Spataro suor Giuseppa

Senatore fra Gennaro - Noto (SR)

Sieroszewska Suor Lucyna Janina - C.S.F.N. Roma

Sofia don Tiziano - Loreto (AN)

Squicciarini suor Maria Lucia - Guardistallo (PI)

Suppa don Rocco - Mileto (VV)

Tacconi suor Maria Teresa

Tacconi suor Rosa Margherita

Talpo Suor Egidia

Tartaglia suor Angelina - Roma

Teisa don Stefano - Lombardore (TO)

Tiso don Luciano - Cirié (TO)

Tonghini suor Benedicta - Guardistallo (PI)

Tosetto Suor Pierangela

Tozzi Suor Angela Anna - S.C.I.C. Roma

Triglione padre Michele - Monza

Troccoli suor Antonia - Sassoferrato (AN)

Vacca don Valerio - Ventimiglia

Vaccari Suor Francesca

Vanni suor Virna - Guardistallo (PI)

Vasco da Silva suor Aurora - Guardistallo (PI)

Villa don Antonio - Tarcento (UD)

Vinciguerra don Jean Pierre - Civezza (IM)

Vitiello don Salvatore - Torino

Zambuto don Fabrizio Maria - Agrigento

Zappino don Roberto - Asti

Zucatti suor Evanise - Roma

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

07/02/2018
1709/2019
S. Roberto Bellarmino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

I risultati del Popolo della Famiglia

Tutti i numeri del Pdf alle amministrative del 5 giugno

Leggi tutto

Chiesa

Viganò diffida dall’esegesi del Papa eretico

Quando Francesco disse – affacciandosi sulla piazza quella prima sera del suo pontificato – di venire dalla fine del mondo, certo non avrebbe immaginato, né lo immaginavano i fedeli, quale difficoltà avrebbe comportato la traduzione quotidiana di questa provenienza da un luogo e da una mentalità differente da quella europea. Ma è accaduto e, pian piano, anche gli addetti alla comunicazione in Vaticano ne stanno prendendo atto. Papa Francesco va compreso in quelle che sono le specificità del proprio modo di comunicare e poi va opportunamente raccontato: questo è il messaggio che arriva da mons. Viganò. C’è dunque un altro passo avanti: nelle parole del Monsignore si riscontra sì la necessità di dire che devono essere evitare “letture eretiche”, ma – al tempo stesso – c’è l’ammissione indiretta che gli equivoci non nascono soltanto dalla malafede, ma da un realistico ostacolo, per la mentalità europea/occidentale, di raccontare il pontificato di Papa Francesco. Perché il Papa non viene da un altro pianeta, ma per il nostro modo di pensare, ragionare, anche catalogare, a volte è stato come se fosse stato così.

Leggi tutto

Chiesa

Il Papa ringrazia per don Milani

Il vero motivo del viaggio a Barbiana, dalle parole stesse del Pontefice, è quello di dare finalmente una risposta alla richiesta di don Milani al suo vescovo, cui chiedeva «un qualsiasi atto solenne», perché altrimenti il suo apostolato sarebbe «apparso come un fatto privato». Sì, concede il Papa, dal Cardinale Silvano Piovanelli in poi, gli arcivescovi di Firenze hanno dato riconoscimento a don Lorenzo ma, ieri, lui lo ha fatto come vescovo di Roma e, questo, «non cancella le amarezze che hanno accompagnato la vita di don Milani – non si tratta di cancellare la storia o di negarla, bensì di comprenderne circostanze e umanità in gioco –, ma dice che la Chiesa riconosce in quella vita un modo esemplare di servire il Vangelo, i poveri e la Chiesa stessa».

Leggi tutto

Chiesa

Lo Spirito e la spiritualità evangelica nella riforma della Chiesa

Presentazione del libro di monsignor Marchetto

Leggi tutto

Politica

Il Popolo della Famiglia: presente e futuro

La prospettiva indicata dal Popolo della Famiglia al di là delle contingenze è quella di un soggetto unitario dei cattolici. Il tempo dei “cattolici nei partiti” si è concluso perché dimostratosi fallimentare e ha condannato in pochi anni i cattolici all’irrilevanza, con il paradosso che le peggiori leggi contro la vita e contro la famiglia sono state varate con cattolici, eletti nel centrodestra e nel centrosinistra, che detenevano tutte le leve del potere. Ovviamente servirà tempo, la Chiesa dovrà rendersi conto di questa necessità e fidarsi della responsabilità dei laici cristiani impegnati nel progetto, senza pretendere di tornare alla stagione dei vescovi-pilota, a cui peraltro si sottrassero sia Sturzo che De Gasperi (finendo il primo in esilio, il secondo in un clima di ostilità con Pio XII per tutta la fase finale della sua vita). Ma il futuro del cattolicesimo politico è in un soggetto il più possibile unitario dei cattolici, autonomo e libero da vincoli coalizionali, accettabili solo se della coalizione si detiene la piena condizionabilità o l’egemonia. Ad alcuni questo traguardo pare inarrivabile, il Popolo della Famiglia si è attrezzato per la traversata del deserto dando appuntamento a molti al compimento della stessa, quando la visione chi indichiamo sarà a tutti più nitida.

Leggi tutto

Società

Droga: al via i congressi pisani

La cittadina toscana si prepara ad aprire i battenti, nel prossimo fine settimana, di una rassegna che con un poco di ironia si potrebbe dire “ricreativa”: il paradiso artificiale passato fugacemente dai pusher sarà intronizzato in bella mostra per tre giorni. Dolci, gelati, vini, birre e caffè alla “cannabis light”. E pazienza se il Consiglio Superiore di Sanità ha detto che non esistono droghe leggere…

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano