Politica

di Adolfo Marini

Gli italiani ed il Ministero della Pace

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Il 66% degli italiani è favorevole alla

creazione di un Ministero della Pace dedicato
a promuovere, sviluppare e coordinare
attività di prevenzione e mediazione
nonviolenta dei conflitti. È quanto
emerge da un sondaggio commissionato
dalla Comunità Papa Giovanni XXIII e realizzato
dalla Società Demetra, con la collaborazione
dell’Università di Padova.
Secondo il campione di intervistati, se da
un lato la sicurezza rimane un problema
percepito come centrale (86%), dall’altro
ritengono che sarebbe utile dotarsi di
un corpo civile nonviolento e di un vero e
proprio Dicastero che gestisca i numerosi
compiti legati alla gestione dei conflitti
sociali e armati. Un Ministero per la Pace
che sappia gestire i conflitti, promuovere
politiche di disarmo, la difesa civile e i diritti
umani, con un ruolo attivo e propositivo,
sia a livello europeo che in ambito
internazionale.
La maggior parte degli italiani sembra
quindi favorevole all’ipotesi di un Ministero
della Pace, un ruolo finora mai esistito
in Europa, ma da tempo oggetto di proposte
- come Corby in Inghilterra - e che in
Costa Rica e Nepal ha già preso corpo.
«Il nostro fondatore, don Oreste Benzi, diceva
“l’uomo da quando esiste ha sempre
organizzato la guerra, è arrivato il momento
di organizzare la pace” e propose a più
di un Presidente del Consiglio l’istituzione
di un Ministero della Pace. Oggi gli scenari
internazionali e quelli nazionali richiedono
che questa scelta non debba più essere
rimandata ed abbiamo dunque lanciato la
campagna “Ministero della Pace. Una scelta
di Governo”».
È quanto afferma Giovanni Paolo Ramonda,
Presidente della Comunità Papa Giovanni
XXIII, commentando il sondaggio.
«La risposta che abbiamo ricevuto dalla
società civile è stata sorprendente. –
continua Ramonda – Si sono uniti in questa
battaglia: Azione Cattolica, Focolari,
Sermig, Focsiv, CescProject, Movimento
Nonviolento, Centro per i Diritti umani
dell’ateneo padovano, Gigi De Palo (Forum
Associazioni Familiari) e Anna Maria Furlan
(Cisl). Ed infine, come testimonial, l’attore
Beppe Fiorello».
La necessità di formare un corpo civile
esperto. La consapevolezza che la pace
vada ricercata, promossa e sostenuta anche
con specifiche forze e competenze
emerge in diverse risposte raccolte tra gli
italiani. L’81% degli intervistati ritiene che
il nostro Paese si debba dotare di un Corpo
Civile di Pace specializzato. Nella stessa
direzione va interpretata la sostenuta adesione
al potenziamento (48%) e al mantenimento
(30%) dell’attuale esperienza
svolta dai giovani italiani che nei contesti
di conflitto mettono in atto, per conto dello
Stato, attività nonviolente di promozione
della pace e di tutela dei diritti umani

Così come va potenziata (70%) l’esperienza

dei giovani in servizio civile nazionale,
almeno tra quanti conoscono l’esistenza di
questo servizio.
Militari formati ai diritti umani e alla nonviolenza.
Il 90% degli intervistati pensa
che il metodo nonviolento e il paradigma
dei diritti umani sia utile nelle attività formative
delle forze di polizia e dei carabinieri;
così come l’89% pensa che questa
debba far parte della formazione di base
dei militari e l’86% anche della formazione
culturale degli amministratori pubblici
locali, regionali e nazionali.
Educazione alla Pace nelle scuole. Non
solo i militari ma anche gli studenti devono
apprendere i paradigmi culturali della
pace. Il 90% degli intervistati infatti si dichiara
favorevole a inserire nei programmi
scolastici dell’obbligo un insegnamento
sull’educazione alla pace, ai diritti umani
e alla nonviolenza.
Sicurezza nelle città: non solo militari. La
presenza di militari in alcune aree metropolitane
a rischio del Paese conferma un
forte consenso: il 60% è favorevole ad un
suo potenziamento, mentre il 26% e per
mantenere la misura in corso senza rafforzarla.
Dall’indagine emerge che l’adesione
alla misura di contenimento militare prevista
dai Governi nazionali va di pari passo
con la messa in campo di interventi rivolti
alla promozione del dialogo e alla composizione
dei conflitti, in un modo rispettoso
dei diritti umani. Pertanto, ben il 69% degli
italiani sarebbe favorevole alla presenza,
accanto ai militari, di civili specializzati
in pratiche di mediazione e di accompagnamento
sociale.
La Comunità Papa Giovanni XXIII promuove,
insieme ad un cartello di associazioni,
la campagna “Ministero della Pace, una
scelta di Governo”. La proposta ha l’obiettivo
di far istituire nel prossimo Governo,
per la prima volta in Europa, un Ministero
che si occupi delle politiche di Pace, sia in
Italia che all’estero. Tutte le informazioni e
gli approfondimenti sul sito www.ministerodellapace.org.
Per avere un riscontro sul livello di favore
che la proposta di istituzione di un
Ministero della Pace trova tra l’elettorato
italiano, è stata realizzata un’indagine rivolta
a un campione rappresentativo degli
elettori italiani. Agli intervistati è stato
proposto un questionario articolato in
cinque aree tematiche e composto da 38
domande. Oltre a verificare il “polso della
gente” rispetto al livello di adesione alla
proposta del nuovo ministero e delle sue
competenze, le domande hanno riguardato
anche orientamenti più generali, in
particolare: la sensibilità verso i temi della
pace, della mediazione nonviolenta e dei
diritti umani; le concezioni della guerra e
della pace nonché la fattibilità sul campo
della mediazione nonviolenta dei conflitti,
della riduzione delle spese militari e della
riconversione dell’industria delle armi; il
tema della sicurezza nelle aree metropolitane
del Paese; la valutazione sulle missioni
italiane all’estero e sull’impegno dei
Corpi civili di pace e del Servizio civile; il
giudizio sul ruolo degli attori internazionali
nella gestione e prevenzione dei conflitti
armati.
Nota metodologica
L’indagine è stata progettata e diretta dal
punto di vista scientifico dal Centro di
Ateneo per i Diritti Umani dell’Università
di Padova. La popolazione di riferimento
è costituita dalla popolazione adulta residente
in Italia in possesso di telefonia fissa,
mobile o iscritta al Panel online Opinioni.net.
Il sondaggio è stato realizzato, via
Cati, Cami e Cawi, dalla società Demetra
di Venezia tra il 30 gennaio e il 5 febbraio
2018. Il campione di intervistati di 1.024
persone (rifiuti/sostituzioni: 8.675) è rappresentativo
della popolazione di riferimento
per genere, fascia di età, zona geografica
e dimensione comunale (margine
massimo di errore al livello fiduciario del
95%: 3,05%). I dati sono stati successivamente
ponderati anche in base al titolo di
studio e sono stati trattati ed elaborati in
forma anonima. La documentazione completa
è disponibile su www.agcom.it.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

15/02/2018
1909/2019
S. Gennaro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Siamo alla terza guerra mondiale

Solo Papa Francesco con una sottovalutata profezia il 18 agosto 2014 aveva spiegato tutto. Il re giordano muove l’esercito e tutto precipita

Leggi tutto

Società

Sentenze, appello ai magistrati

Nichi Vendola ha un bel definire “storica” la sentenza di Trento sui “due papà”: in spregio alle leggi italiane (che i giudici dovrebbero osservare e far osservare), i magistrati hanno dichiarato che «i figli non sono di chi li fa ma di chi se li compra». Tutto per una incredibile flessibilità delle parole “genitore” e “figlio”, sulle quali la magistratura esibisce una disinvolta distorsione: urge univocità

Leggi tutto

Chiesa

Il “partito” di Pio XII ha un sostenitore eccellente Papa Francesco

Come è stato più volte ribadito in questi anni, anche la prima recezione dell’operato di Pio XII presso la comunità ebraica del tempo appare positiva. Un ebreo convertito al cattolicesimo, come il rabbino capo di Roma Israel Zolli, assume proprio il nome di Eugenio come atto di riconoscenza per quanto Papa Pacelli aveva fatto per la comunità ebraica romana. Atteggiamento diametralmente opposto rispetto alla nota congiunta firmata nel 2009 dai rappresentati dell’ebraismo italiano di allora, Il rabbino capo di Roma, Riccardo Di Segni, il presidente dell’Unione delle Comunità ebraiche italiane Renzo Gattegna e il presidente della comunità ebraica romana, Riccardo Pacifici, pubblicata in occasione della firma di Papa Ratzinger al decreto che proclamava la venerabilità di Pio XII. Nota che esprimeva la persistenza di una valutazione critica

Leggi tutto

Media

Cambridge Analytica & Facebook: pasticcio enorme

In Europa a maggio entrerà definitivamente in vigore il GDPR, cioè il nuovo regolamento sulla protezione dei dati. Esso ha come finalità quella di tutelare i dati personali delle persone fisiche, chiarendo la catena delle responsabilità nel passaggio di informazioni e ribadendo alcuni concetti chiave non da poco, come il principio della trasparenza e del rispetto delle finalità esplicite per le quali sono stati acquisiti i dati.
Certo che se continueremo a mettere spunte disinteressate su informative approssimative, senza nemmeno leggerle, e se compileremo tutti i più assurdi questionari su internet, non potremo poi versare lacrime di coccodrillo.

Leggi tutto

Storie

101 VERBI - COSE FATTE E SUGGERIMENTI

Ringraziare è anche condividere e allora vai con i 101 diversi verbi che pensavo di far diventare un nuovo libro e che invece voglio regalare a voi che mi seguite sui social, alla fine per farvi i fatti miei e allora che siano raccontate le cose fatte, in una vita che è stata anche devastata e devastante, ma ha corso al ritmo serrato di una opera rock. Nessuno si è annoiato.

Leggi tutto

Società

10 figli e molte famiglie guardano a Raffaella

È un’appassionata sostenitrice del ruolo del Consulente Familiare, è stata per sei anni presidente dell’Associazione Nazionale Famiglie Numerose e sa di cosa parla, avendo messo al mondo dieci figli. «Tutte le famiglie numerose vivono una sorta di riprovazione sociale – dice – e mancano sia riforme fiscali che incentivino la prolificità sia un giusto riconoscimento della maternità»

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano