Politica

di Adolfo Marini

Gli italiani ed il Ministero della Pace

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Il 66% degli italiani è favorevole alla

creazione di un Ministero della Pace dedicato
a promuovere, sviluppare e coordinare
attività di prevenzione e mediazione
nonviolenta dei conflitti. È quanto
emerge da un sondaggio commissionato
dalla Comunità Papa Giovanni XXIII e realizzato
dalla Società Demetra, con la collaborazione
dell’Università di Padova.
Secondo il campione di intervistati, se da
un lato la sicurezza rimane un problema
percepito come centrale (86%), dall’altro
ritengono che sarebbe utile dotarsi di
un corpo civile nonviolento e di un vero e
proprio Dicastero che gestisca i numerosi
compiti legati alla gestione dei conflitti
sociali e armati. Un Ministero per la Pace
che sappia gestire i conflitti, promuovere
politiche di disarmo, la difesa civile e i diritti
umani, con un ruolo attivo e propositivo,
sia a livello europeo che in ambito
internazionale.
La maggior parte degli italiani sembra
quindi favorevole all’ipotesi di un Ministero
della Pace, un ruolo finora mai esistito
in Europa, ma da tempo oggetto di proposte
- come Corby in Inghilterra - e che in
Costa Rica e Nepal ha già preso corpo.
«Il nostro fondatore, don Oreste Benzi, diceva
“l’uomo da quando esiste ha sempre
organizzato la guerra, è arrivato il momento
di organizzare la pace” e propose a più
di un Presidente del Consiglio l’istituzione
di un Ministero della Pace. Oggi gli scenari
internazionali e quelli nazionali richiedono
che questa scelta non debba più essere
rimandata ed abbiamo dunque lanciato la
campagna “Ministero della Pace. Una scelta
di Governo”».
È quanto afferma Giovanni Paolo Ramonda,
Presidente della Comunità Papa Giovanni
XXIII, commentando il sondaggio.
«La risposta che abbiamo ricevuto dalla
società civile è stata sorprendente. –
continua Ramonda – Si sono uniti in questa
battaglia: Azione Cattolica, Focolari,
Sermig, Focsiv, CescProject, Movimento
Nonviolento, Centro per i Diritti umani
dell’ateneo padovano, Gigi De Palo (Forum
Associazioni Familiari) e Anna Maria Furlan
(Cisl). Ed infine, come testimonial, l’attore
Beppe Fiorello».
La necessità di formare un corpo civile
esperto. La consapevolezza che la pace
vada ricercata, promossa e sostenuta anche
con specifiche forze e competenze
emerge in diverse risposte raccolte tra gli
italiani. L’81% degli intervistati ritiene che
il nostro Paese si debba dotare di un Corpo
Civile di Pace specializzato. Nella stessa
direzione va interpretata la sostenuta adesione
al potenziamento (48%) e al mantenimento
(30%) dell’attuale esperienza
svolta dai giovani italiani che nei contesti
di conflitto mettono in atto, per conto dello
Stato, attività nonviolente di promozione
della pace e di tutela dei diritti umani

Così come va potenziata (70%) l’esperienza

dei giovani in servizio civile nazionale,
almeno tra quanti conoscono l’esistenza di
questo servizio.
Militari formati ai diritti umani e alla nonviolenza.
Il 90% degli intervistati pensa
che il metodo nonviolento e il paradigma
dei diritti umani sia utile nelle attività formative
delle forze di polizia e dei carabinieri;
così come l’89% pensa che questa
debba far parte della formazione di base
dei militari e l’86% anche della formazione
culturale degli amministratori pubblici
locali, regionali e nazionali.
Educazione alla Pace nelle scuole. Non
solo i militari ma anche gli studenti devono
apprendere i paradigmi culturali della
pace. Il 90% degli intervistati infatti si dichiara
favorevole a inserire nei programmi
scolastici dell’obbligo un insegnamento
sull’educazione alla pace, ai diritti umani
e alla nonviolenza.
Sicurezza nelle città: non solo militari. La
presenza di militari in alcune aree metropolitane
a rischio del Paese conferma un
forte consenso: il 60% è favorevole ad un
suo potenziamento, mentre il 26% e per
mantenere la misura in corso senza rafforzarla.
Dall’indagine emerge che l’adesione
alla misura di contenimento militare prevista
dai Governi nazionali va di pari passo
con la messa in campo di interventi rivolti
alla promozione del dialogo e alla composizione
dei conflitti, in un modo rispettoso
dei diritti umani. Pertanto, ben il 69% degli
italiani sarebbe favorevole alla presenza,
accanto ai militari, di civili specializzati
in pratiche di mediazione e di accompagnamento
sociale.
La Comunità Papa Giovanni XXIII promuove,
insieme ad un cartello di associazioni,
la campagna “Ministero della Pace, una
scelta di Governo”. La proposta ha l’obiettivo
di far istituire nel prossimo Governo,
per la prima volta in Europa, un Ministero
che si occupi delle politiche di Pace, sia in
Italia che all’estero. Tutte le informazioni e
gli approfondimenti sul sito www.ministerodellapace.org.
Per avere un riscontro sul livello di favore
che la proposta di istituzione di un
Ministero della Pace trova tra l’elettorato
italiano, è stata realizzata un’indagine rivolta
a un campione rappresentativo degli
elettori italiani. Agli intervistati è stato
proposto un questionario articolato in
cinque aree tematiche e composto da 38
domande. Oltre a verificare il “polso della
gente” rispetto al livello di adesione alla
proposta del nuovo ministero e delle sue
competenze, le domande hanno riguardato
anche orientamenti più generali, in
particolare: la sensibilità verso i temi della
pace, della mediazione nonviolenta e dei
diritti umani; le concezioni della guerra e
della pace nonché la fattibilità sul campo
della mediazione nonviolenta dei conflitti,
della riduzione delle spese militari e della
riconversione dell’industria delle armi; il
tema della sicurezza nelle aree metropolitane
del Paese; la valutazione sulle missioni
italiane all’estero e sull’impegno dei
Corpi civili di pace e del Servizio civile; il
giudizio sul ruolo degli attori internazionali
nella gestione e prevenzione dei conflitti
armati.
Nota metodologica
L’indagine è stata progettata e diretta dal
punto di vista scientifico dal Centro di
Ateneo per i Diritti Umani dell’Università
di Padova. La popolazione di riferimento
è costituita dalla popolazione adulta residente
in Italia in possesso di telefonia fissa,
mobile o iscritta al Panel online Opinioni.net.
Il sondaggio è stato realizzato, via
Cati, Cami e Cawi, dalla società Demetra
di Venezia tra il 30 gennaio e il 5 febbraio
2018. Il campione di intervistati di 1.024
persone (rifiuti/sostituzioni: 8.675) è rappresentativo
della popolazione di riferimento
per genere, fascia di età, zona geografica
e dimensione comunale (margine
massimo di errore al livello fiduciario del
95%: 3,05%). I dati sono stati successivamente
ponderati anche in base al titolo di
studio e sono stati trattati ed elaborati in
forma anonima. La documentazione completa
è disponibile su www.agcom.it.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

15/02/2018
2702/2024
San Gabriele dell'Addolorata

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Renzi perde, il PDF vince

I recenti riscontri elettorali hanno sancito la crisi del renzismo e la crescita del PDF. Ora è necessario andare avanti per conquistare i giusti traguardi ed esautorare chi dimostra di interessarsi soltanto a pochi a danno di molti

Leggi tutto

Chiesa

Padre Arsenio beato a Milano

«Tu vuoi morire da santo? – si chiedeva il giovane sacerdote, entrato già prete nella Compagnia di Gesù – Ebbene, vivi da santo. Fa’ da santo secondoil tuo stato di religioso. Sii santo negli sguardi, santo nei discorsi, santo nell’udito, nel tratto, nel gusto, nel tatto. In breve, sii perfetto nell’uso dei tuoi sensi. Santo nell’obbedienza, e allora, certo, morirai da santo».

Leggi tutto

Politica

Politica degli annunci e politica dei fatti

Il populismo considera la politica come “mero annuncio”, come vellicazione della pancia, eccitazione degli umori popolari dal basso. Per gli studiosi, i politici e i leader populisti “sono gli annunci che creano i fatti e fanno opinione e da qui la loro rappresentazione politica

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco e l’Angelus dell’Immacolata

8 Dicembre - da Piazza San Pietro l’Angelus di Papa Francesco in occasione di questa festività così importante. Eccomi è la parola-chiave della vita. Segna il passaggio da una vita orizzontale, centrata su di sé e sui propri bisogni, a una vita verticale, slanciata verso Dio. Eccomi è essere disponibili al Signore, è la cura per l’egoismo, è l’antidoto a una vita insoddisfatta, a cui manca sempre qualcosa. Eccomi è il rimedio contro l’invecchiamento del peccato, è la terapia per restare giovani dentro. Eccomi è credere che Dio conta più del mio io. È scegliere di scommettere sul Signore, docili alle sue sorprese. Perciò dirgli eccomi è la lode più grande che possiamo offrirgli. Perché non iniziare così le giornate, con un “eccomi, Signore”? Sarebbe bello dire ogni mattina: “Eccomi, Signore, oggi si compia in me la tua volontà”. Lo diremo nella preghiera dell’Angelus, ma possiamo ripeterlo già ora, insieme: Eccomi, Signore, oggi si compia in me la tua volontà!

Leggi tutto

Società

Greenwahing e Greta Thunberg

Il greenwashing è solo una moda, che per qualche oligarchia nasconde interessi finanziari, e certamente è impensabile che una leadership come quella di Greta Thunberg, la giovane attivista svedese, possa reggersi in piedi da sola. Tuttavia l’attacco alla sua persona è due volte miope: perché colpisce una ragazzina e perché sembra non vedere le verità indicate dalla sua voce.

Leggi tutto

Politica

DOCUMENTO FINALE DELL’ASSEMBLEA NAZIONALE DEL PDF

È stata ribadita l’appartenenza al solco del popolarismo italiano ed europeo, è stata data indicazione di dieci obiettivi precisi come progetto programmatico del PdF, è stato confermato l’orizzonte di forza politica autonoma di governo alternativa a Pd e M5S, con la priorità di crescere per numero di eletti nelle amministrazioni locali anche stringendo intese con altre forze sempre salvaguardando identità e visibilità del simbolo

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano