Politica

di Monica Boccardi

Prosegue l’abuso di propaganda di Emma Bonino

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Emma Bonino non si smentisce. Ha litigato con la legalità e non accetta i limiti imposti dalla legge ai cittadini italiani.

Anni fa affermava platealmente di aver eseguito, in violazione della legge penale che lo vietava, oltre 10.000 aborti con una pompa da bicicletta (anche se si può ritenere che il numero fosse decisamente esagerato a scopi propagandistici della immonda pratica). Non è mai stata punita perché il reato di procurato aborto previsto dal codice penale fu abrogato e sostituito dal reato di aborto punito dalla legge 194/78, che essendo fattispecie differente rispetto a quella prevista dal codice, non era applicabile retroattivamente.

Oggi, come allora, platealmente e impunemente pare continuare a violare la legge.

Stavolta però si limita all’art. 6 della Legge 04/04/1956, n.212, che vieta espressamente “ogni forma di propaganda elettorale luminosa o figurativa, a carattere fisso in luogo pubblico, escluse le insegne indicanti le sedi dei partiti. È vietato, altresì, il lancio o il getto di volantini in luogo pubblico o aperto al pubblico e ogni forma di propaganda luminosa mobile.” nei trenta giorni precedenti le competizioni elettorali.

Ed oggi, 16 febbraio 2018, ad esattamente 16 giorni dalle votazioni politiche, ancora si possono ammirare nella stazione di Roma Termini, come alle fermate degli autobus e del metrò cartelloni luminosi che alternano la foto della candidata Emma Bonino con l’invito a votare il suo partito il 4 marzo 2018.

In particolare a Roma Termini se ne trova uno di almeno m. 10 x 3.

Mi dicono che oltre ai cartelloni luminosi vi siano anche moltissimi manifesti (che rientrano nella definizione di propaganda elettorale figurativa) in giro per tutta la città.

Forse Emma non sa che il terzo comma dell’art 6 (che dichiarava punibile esclusivamente chi venisse “materialmente è colto in flagranza nell’atto di affissione” ed escludeva la solidarietà con il committente) è stato abrogato nel lontano 2007 e che dunque rischia l’arresto fino a sei mesi e con l’ammenda da lire 100.000 a lire 1.000.000.

Ci sarà qualcuno a Roma che abbia il fegato di denunciarla e di chiedere che la propaganda illegittima venga rimossa?

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

17/02/2018
0512/2019
San Giulio martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Come funziona la propaganda all’eutanasia

Tutte le tecniche dei teorici della “dolce morte”, tra manipolazione dei dati e ricorso sistematico al cavallo di troia del caso limite

Leggi tutto

Chiesa

Perchè la Chiesa tace ?

Serve che si capisca la straordinarietà di questo tempo, la rapidità dei tempi con cui tutto questo sta accadendo. Serve chi sappia organizzare una risposta netta e su ampia scala. Serve erigere una diga altrimenti saremo travolti senza neanche accorgercene e i deboli resteranno senza difesa alcuna e noi che sappiamo senza giustificazione alcuna. Ora serve fare, rispondere, combattere, spiegare. Serve non temere di poter essere irritanti. Ora l’essere accomodanti proprio non basta più.
Ora serve essere, e fino in fondo, cristiani.

Leggi tutto

Storie

La lezione di un piccolo borgo

Il modello politico del Popolo della Famiglia si consolida e, dopo le arrembanti esperienze delle amministrative 2016, si è confermato maturato a quelle del 2017. Mirko De Carli ha sfiorato la soglia del 15% a Riolo Terme: questo e altri risultati elettorali dimostrano che là dove il PdF non sia irretito da inadeguatezza di mezzi comunicativi, ovvero dove lo si riesca a vedere, il popolo lo premia.

Leggi tutto

Società

I nodi dell’alternanza scuola-lavoro

L’Occupazione di ottobre è ormai un rito (in)civile a cui le istituzioni non si sentono di sottrarsi, pena l’apparire “fasciste”. Quest’anno la scusa è data da “La buona scuola”, che ha trasformato
nominalmente tutte le scuole superiori in licei e fattivamente tutti i licei in scuole professionali.
Salvo che – per forza di cose – oltre a non insegnare più il sapere non insegnano neppure il fare.

Leggi tutto

Politica

IL COLLASSO ETICO E POLITICO DEL M5S

L’esperienza grillina, sorta nel 2018, si spegnerà entro il 2021 e insegnerà come un moralismo privo di etica sia insulso e pericoloso.

Leggi tutto

Storie

La pantomima di Severino Antinori

Il ginecologo sospeso dall’esercizio della professione medica, Severino Antinori, arrestato per aver espiantato con violenza ovuli da una ventiquattrenne spagnola dopo averla immobilizzata e sedata contro la sua volontà oltre che per essersi fregato ventottomila euro da una coppia a cui aveva promesso un figlio tramite le sue discusse procedure, sta tentando di trasformare in un bizzarro show il suo processo in corso davanti al tribunale di Milano.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano