Politica

di Mario Adinolfi

La politica che lucra sulle dipendenze

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Ho scelto personalmente di candidarmi in tre aree geografiche per sostenere la battaglia del Popolo della Famiglia: a casa mia, Roma, con la sfida simultanea a Emma Bonino nel collegio senatoriale uninominale e a Monica Cirinnà nel collegio plurinominale, credo che le ragioni siano ovvie; al Sud in Sardegna perché del meridione è la terra più lontana e più dimenticata, pochi ne parlano e nessuno fa, infatti neanche uno tra i leader nazionali (tutti con cinque pluricandidature) ha scelto la Sardegna come luogo della sua sfida, anche perché l’isola è attraversata da una crisi economica devastante che ha mandato gambe all’aria tutti i settori della sua economia; al Nord ho scelto il collegio senatoriale plurinominale di Bergamo-Brescia insieme roccaforte leghista e culla di radicalismi chic, oltre che terra natìa di San Giovanni XXIII (il Papa di mio papà, chi ha letto O capiamo o moriamo sa perché) e il prossimo santo Paolo VI (il Papa della mia infanzia, che m’ha insegnato che “la politica è la forma più alta di carità”).

Trovo incredibile dovermi confrontare a Bergamo come a Brescia con leader politici che, dimentichi forse della radice popolare e cattolica degli abitanti di questa terra, stanno facendo la campagna elettorale tutta su una propaganda al male che lascia il sapore di una politica amorale. A sinistra c’è Pippo Civati, personaggio mite che conosco bene, che però si fa ritrarre in questi manifesti pro-droga, a favore dello Stato spacciatore per “creare 300mila posti di lavoro” e lucrare miliardi di euro sulla pelle dei poveri ragazzi che andranno a drogarsi massacrandosi il cervello. A destra la Lega invece propone l’altra liberalizzazione, quella del papponaggio di Stato con le prostitute a Partita Iva, sempre affacciando l’ipotesi di mirabolanti guadagni per la collettività.

La sinistre e le destre “tradizionali” propongono ricette che sono due facce della stessa medaglia: droga libera, puttane professioniste, soldi per tutti. La mestizia che si prova nel leggere classi dirigenti ridotte così fa spavento. A Bergamo e Brescia, culla di un cattolicesimo lombardo rigoroso e insieme estremamente produttivo, sembra incredibile questa deriva amorale presa dai seguaci di Laura Boldrini e Matteo Salvini, che sembrano tanto diversi ma in realtà non lo sono: entrambi sono privi di approccio etico alle questioni, scelgono un pragmatismo che appare opposto ma essendo disinteressato alla dimensione spirituale ha inevitabilmente aspetto di grevità. Se non guardi mai il cielo, rimarrai imprigionato tra canne e ghiande.

La proposta del Popolo della Famiglia è opposta, la incarno volentieri insieme a tutta la squadra dei candidati di Bergamo e Brescia, per significare che la ricchezza vera scatta solo se si torna ad investire sulla famiglia (reddito di maternità e riforma fiscale del quoziente familiare servono a questo) dando anche gli strumenti valoriali e morali per poter agire presso i figli. Perché se Giuseppe Civati intanto spiega loro che possono liberamente drogarsi e Matteo Salvini spiega loro che prostituirsi è una delle tante libere professioni che si possono scegliere per far quattrini, basta pagare l’Iva, allora il ruolo genitoriale va a farsi benedire. Anche per questo, a Bergamo e Brescia come in tutta Italia, il 4 marzo è utile scegliere il voto al Popolo della Famiglia. Si onorano così la memoria e il lascito di due grandi papi recenti, così vivi nella nostra memoria collettiva, come Giovanni XXIII e Paolo VI.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

20/02/2018
1811/2019
Dedicazione delle Basiliche dei Ss. Pietro e Paolo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

A Milano per parlare di famiglia

Miriano, Adinolfi, padre Botta e Scicchitano rispondono alle polemiche sul convegno in Regione Lombardia

Leggi tutto

Chiesa

Ha parlato il Papa, la causa è finita: la “letizia dell’amore” spinge ad aprirsi alla Grazia

Sull’esortazione apostolica postsinodale “Amoris lætitia”, pubblicata ieri, i giornali si sono spartiti la preda dei clic, dei like e degli share, al grido di “Il Papa apre a…”. Salvo poi dover ribadire già in catenaccio (e ancora di più nei testi degli articoli) che l’auspicata agendina radical chic non è stata copiata nell’agenda della Chiesa. Francesco ha però rinnovato lo slancio a giocare appieno il potere che il Vangelo ha di incendiare i cuori e disporli alle sue esigenze

Leggi tutto

Storie

Charlie è ancora vivo

Le autorità inglesi in Italia hanno risposto e hanno dato l’e-mail dell’ospedale. [email protected]
Mandiamo migliaia di e-mail gentili ma forti tipo
Britain is a civilised country and cannot allow the killing of an innocent baby.
The day Charlie would be killed would be a very sad day for Britain and every Briton should feel ashamed,
Do not allow it, Charlie could be your son,
Le autorità inglesi in Italia hanno risposto e hanno dato l’e-mail dell’ospedale. [email protected]
Mandiamo migliaia di e-mail gentili ma forti tipo
La Gran Bretagna è un paese civile e non può permettere l’uccisione di un bambino innocente.
Il giorno in cui charlie sarebbe stato ucciso sarebbe stato un giorno molto triste per la Gran Bretagna e tutti gli inglesi avrebbero dovuto vergognarsi.
Non lo permetta, Charlie potrebbe essere suo figlio.

Leggi tutto

Chiesa

L’esempio del Papa: i poveri invitati a pranzo

Anche dell’iniziativa di Francesco, che ha voluto pranzare con 500 persone in stato di bisogno, si è parlato ieri sera su Radio Mater

Leggi tutto

Società

Presentata al Bambino Gesù la Carta dei Diritti del Bambino Inguaribile

Dopo i casi Alfie e Charlie, l’Ospedale pediatrico della Santa Sede ha messo a punto un documento per promuovere l’alleanza terapeutica e il sostegno ai bambini con malattie gravi e inguaribili. Qualcosa si può e si deve fare affinchè certi casi non si verifichino più!

Leggi tutto

Politica

Forza Orban

Orban non è un fascista e uno xenofobo, è un leader del Partito popolare europeo. Le radici del Ppe sono quelle degasperiane e sturziane, il Ppi nacque cento anni fa e fu il primo Partito popolare a essere fondato in Europa. Orban è il premier ungherese da vent’anni: i magiari lo votano perché in questi venti anni ha continuato ad avere successi clamorosi sul fronte economico, le persone in Ungheria vivono meglio grazie a Orban.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano