Politica

di Mario Adinolfi

La politica che lucra sulle dipendenze

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Ho scelto personalmente di candidarmi in tre aree geografiche per sostenere la battaglia del Popolo della Famiglia: a casa mia, Roma, con la sfida simultanea a Emma Bonino nel collegio senatoriale uninominale e a Monica Cirinnà nel collegio plurinominale, credo che le ragioni siano ovvie; al Sud in Sardegna perché del meridione è la terra più lontana e più dimenticata, pochi ne parlano e nessuno fa, infatti neanche uno tra i leader nazionali (tutti con cinque pluricandidature) ha scelto la Sardegna come luogo della sua sfida, anche perché l’isola è attraversata da una crisi economica devastante che ha mandato gambe all’aria tutti i settori della sua economia; al Nord ho scelto il collegio senatoriale plurinominale di Bergamo-Brescia insieme roccaforte leghista e culla di radicalismi chic, oltre che terra natìa di San Giovanni XXIII (il Papa di mio papà, chi ha letto O capiamo o moriamo sa perché) e il prossimo santo Paolo VI (il Papa della mia infanzia, che m’ha insegnato che “la politica è la forma più alta di carità”).

Trovo incredibile dovermi confrontare a Bergamo come a Brescia con leader politici che, dimentichi forse della radice popolare e cattolica degli abitanti di questa terra, stanno facendo la campagna elettorale tutta su una propaganda al male che lascia il sapore di una politica amorale. A sinistra c’è Pippo Civati, personaggio mite che conosco bene, che però si fa ritrarre in questi manifesti pro-droga, a favore dello Stato spacciatore per “creare 300mila posti di lavoro” e lucrare miliardi di euro sulla pelle dei poveri ragazzi che andranno a drogarsi massacrandosi il cervello. A destra la Lega invece propone l’altra liberalizzazione, quella del papponaggio di Stato con le prostitute a Partita Iva, sempre affacciando l’ipotesi di mirabolanti guadagni per la collettività.

La sinistre e le destre “tradizionali” propongono ricette che sono due facce della stessa medaglia: droga libera, puttane professioniste, soldi per tutti. La mestizia che si prova nel leggere classi dirigenti ridotte così fa spavento. A Bergamo e Brescia, culla di un cattolicesimo lombardo rigoroso e insieme estremamente produttivo, sembra incredibile questa deriva amorale presa dai seguaci di Laura Boldrini e Matteo Salvini, che sembrano tanto diversi ma in realtà non lo sono: entrambi sono privi di approccio etico alle questioni, scelgono un pragmatismo che appare opposto ma essendo disinteressato alla dimensione spirituale ha inevitabilmente aspetto di grevità. Se non guardi mai il cielo, rimarrai imprigionato tra canne e ghiande.

La proposta del Popolo della Famiglia è opposta, la incarno volentieri insieme a tutta la squadra dei candidati di Bergamo e Brescia, per significare che la ricchezza vera scatta solo se si torna ad investire sulla famiglia (reddito di maternità e riforma fiscale del quoziente familiare servono a questo) dando anche gli strumenti valoriali e morali per poter agire presso i figli. Perché se Giuseppe Civati intanto spiega loro che possono liberamente drogarsi e Matteo Salvini spiega loro che prostituirsi è una delle tante libere professioni che si possono scegliere per far quattrini, basta pagare l’Iva, allora il ruolo genitoriale va a farsi benedire. Anche per questo, a Bergamo e Brescia come in tutta Italia, il 4 marzo è utile scegliere il voto al Popolo della Famiglia. Si onorano così la memoria e il lascito di due grandi papi recenti, così vivi nella nostra memoria collettiva, come Giovanni XXIII e Paolo VI.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

20/02/2018
0702/2023
San Riccardo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Un bambino al minuto colpito da malnutrizione acuta grave

Dall’inizio dell’anno, ogni giorno, 1 bambino al minuto è stato colpito da malnutrizione acuta grave”. Il duro impatto della crisi globale della nutrizione si sta facendo vedere con la rapida crescita del numero di bambini sotto i 5 anni che soffrono di malnutrizione.

Leggi tutto

Società

Turchia: cresce la censura di Erdogan

Al voto in Parlamento una legge voluta dal partito di governo sulla “disinformazione”, che per i critici è “liberticida

Leggi tutto

Società

La Russia corre ai ripari contro la denatalità

Agli interpellati viene chiesto se ritengono più opportuno il sostegno economico e contributi agli affitti, l’aumento delle vacanze o il regime di lavoro a distanza.

Leggi tutto

Società

Francesco lo chiede, noi non diserteremo

Eccoci, noi della Croce di certo non disertiamo. Di questo non possiamo essere accusati.

Leggi tutto

Chiesa

Aborto, Chiesa e misericordia

Si è scatenato un polverone mediatico che riduce la Lettera apostolica di Papa Francesco alla
(presunta) abolizione del peccato di aborto. Nella scia di questa declinazione disonesta si sono
inseriti gli opportunismi politici e culturali di Monica Cirinnà e Roberto Saviano. La Lettera rischia
di essere vanificata dalle consuete dinamiche propagandistiche. Attacco all’obiezione di coscienza

Leggi tutto

Società

Fedez e J-AX, attenti al gorilla

Siamo dalle parti di Fabrizio De André che traduce George Brassens perché non gli piacevano le sentenze contra legem di alcuni giudici. Si intitola Attenti al gorilla. Ripassate i fondamentali del mestiere, comunisti col Rolex. State cantando nel coro recitando la parte più comoda con testi che vi scrivono altri. Il vostro insulto cialtrone è la prova che stiamo facendo bene, perché stiamo dall’altra parte della barricata rispetto alla vostra superficialità.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano