Politica

di Mario Adinolfi

La politica che lucra sulle dipendenze

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Ho scelto personalmente di candidarmi in tre aree geografiche per sostenere la battaglia del Popolo della Famiglia: a casa mia, Roma, con la sfida simultanea a Emma Bonino nel collegio senatoriale uninominale e a Monica Cirinnà nel collegio plurinominale, credo che le ragioni siano ovvie; al Sud in Sardegna perché del meridione è la terra più lontana e più dimenticata, pochi ne parlano e nessuno fa, infatti neanche uno tra i leader nazionali (tutti con cinque pluricandidature) ha scelto la Sardegna come luogo della sua sfida, anche perché l’isola è attraversata da una crisi economica devastante che ha mandato gambe all’aria tutti i settori della sua economia; al Nord ho scelto il collegio senatoriale plurinominale di Bergamo-Brescia insieme roccaforte leghista e culla di radicalismi chic, oltre che terra natìa di San Giovanni XXIII (il Papa di mio papà, chi ha letto O capiamo o moriamo sa perché) e il prossimo santo Paolo VI (il Papa della mia infanzia, che m’ha insegnato che “la politica è la forma più alta di carità”).

Trovo incredibile dovermi confrontare a Bergamo come a Brescia con leader politici che, dimentichi forse della radice popolare e cattolica degli abitanti di questa terra, stanno facendo la campagna elettorale tutta su una propaganda al male che lascia il sapore di una politica amorale. A sinistra c’è Pippo Civati, personaggio mite che conosco bene, che però si fa ritrarre in questi manifesti pro-droga, a favore dello Stato spacciatore per “creare 300mila posti di lavoro” e lucrare miliardi di euro sulla pelle dei poveri ragazzi che andranno a drogarsi massacrandosi il cervello. A destra la Lega invece propone l’altra liberalizzazione, quella del papponaggio di Stato con le prostitute a Partita Iva, sempre affacciando l’ipotesi di mirabolanti guadagni per la collettività.

La sinistre e le destre “tradizionali” propongono ricette che sono due facce della stessa medaglia: droga libera, puttane professioniste, soldi per tutti. La mestizia che si prova nel leggere classi dirigenti ridotte così fa spavento. A Bergamo e Brescia, culla di un cattolicesimo lombardo rigoroso e insieme estremamente produttivo, sembra incredibile questa deriva amorale presa dai seguaci di Laura Boldrini e Matteo Salvini, che sembrano tanto diversi ma in realtà non lo sono: entrambi sono privi di approccio etico alle questioni, scelgono un pragmatismo che appare opposto ma essendo disinteressato alla dimensione spirituale ha inevitabilmente aspetto di grevità. Se non guardi mai il cielo, rimarrai imprigionato tra canne e ghiande.

La proposta del Popolo della Famiglia è opposta, la incarno volentieri insieme a tutta la squadra dei candidati di Bergamo e Brescia, per significare che la ricchezza vera scatta solo se si torna ad investire sulla famiglia (reddito di maternità e riforma fiscale del quoziente familiare servono a questo) dando anche gli strumenti valoriali e morali per poter agire presso i figli. Perché se Giuseppe Civati intanto spiega loro che possono liberamente drogarsi e Matteo Salvini spiega loro che prostituirsi è una delle tante libere professioni che si possono scegliere per far quattrini, basta pagare l’Iva, allora il ruolo genitoriale va a farsi benedire. Anche per questo, a Bergamo e Brescia come in tutta Italia, il 4 marzo è utile scegliere il voto al Popolo della Famiglia. Si onorano così la memoria e il lascito di due grandi papi recenti, così vivi nella nostra memoria collettiva, come Giovanni XXIII e Paolo VI.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

20/02/2018
1609/2019
Ss. Cornelio e Cipriano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Matrimonio, 30 casi di discriminazioni

Se difendi la famiglia naturale e l’istituto delle nozze uomo-donna vieni discriminato, un rapporto raccoglie trenta clamorosi casi

Leggi tutto

Media

Il gesuita James Martin ed il suo nuovo libro

Quello che è giusto è giusto: le risposte del gesuita, nel contesto di questa sola intervista, sono intelligenti, moderate e condivisibili. Desta più perplessità il tono di alcune domande del solerte articolista del quotidiano diretto da Mauro Calabresi: davvero viene da chiedersi se Paolo Rodari si ascolti o si rilegga, quando parla de “la destra cattolica” come di quelli che non sono d’accordo con Repubblica, e quindi con lui – e che (va da sé) hanno torto. Eppure non sono lontani i tempi in cui su Il Foglio lo leggevamo perplessi menar di mazza e durlindana contro la musica da discoteca (!), che infiniti addurrebbe lutti all’integrità spirituale dei giovani.

Leggi tutto

Storie

LGBT, come ti “proteggo” l’abusato

La Yorkshire Mesmac è ufficialmente un’associazione filantropica del terziario dedicata alla protezione di quanti hanno subito violenze sessuali e/o hanno contratto malattie sessualmente trasmissibili. Il caso scoppia perché viene fuori che la policy dell’associazione non sa dire una parola chiara sui rapporti sessuali tra i propri volontari e i propri utenti. Insomma, in tempo di guerra…

Leggi tutto

Storie

Gabriele Kuby, “impavida guerriera” antigender

È stato da poco tradotto in italiano l’ultimo saggio della già fortunata autrice di “Gender Revolution. Relativismo in azione”. La saggista e giornalista tedesca ha mietuto eccellenti consensi, con i suoi lavori, tra cui primeggia quello del Papa Emerito, il quale l’ha qualificata di «impavida guerriera». Nel suo “La rivoluzione sessuale globale” non ci si contenta di un’analisi superficiale, ma si produce anzi una diagnosi radicale dei fenomeni. Introduzione di Caffarra.

Leggi tutto

Società

Avanza la pratica dell’utero in affitto

La Corte di Appello di Parigi, per la prima volta, ha accettato che una coppia di omosessuali possa adottare “di pieno diritto” (quindi senza il consenso della madre biologica) una coppia di gemelli acquistati tramite la brutale pratica dell’utero in affitto. In pratica con l’istituto della «adoption plénière», vengono tagliati in radice, anche giuridicamente, i legami dei due piccoli sventurati con la loro mamma

Leggi tutto

Società

La storia di Flora Gualdani una vita per il prossimo

La vita di Flora Gualdani è stata una continua silenziosissima tessitura di una tela che protegge donne e bambini. Donne che la società e la cultura avrebbero voluto veder interrompere la gravidanza, ma che sono state aiutate a guardare la disperazione negli occhi e, coraggiosamente, sostenute a non compiere l’errore più grande della loro vita. Verrebbe da chiedersi, automaticamente, che n’è delle donne che, invece, quell’errore l’hanno compiuto, e poi hanno incontrato Flora: «Con quelle che hanno abortito – dice Flora – ho cercato di amarle un pochino di più, perché erano donne che erano segnate da un dolore. Ho cercato di dire loro che certo, distruggere una vita non è una cosa da nulla, ma tu –dice rivolgendosi direttamente a ognuna di loro – hai ucciso un corpo, il ginecologo ha operato sul corpo del tuo bambino, ma non ha distrutto la persona, che è molto di più. Quell’anima eterna che gli è stata infusa (al bambino) nel momento del concepimento, dov’è intervenuto lo Spirito Santo, è un’anima che nessuno può distruggere. Il tuo bambino vive, riconciliati con lui: ricongiungi questo cordone. (Glielo dico) perché altrimenti non trovano pace». Non basterebbero mille parole per esprimere gratitudine nei confronti di chi avvolge le braccia intorno a ogni donna distrutta da quel dolore: giustificarle e dire che non debbono sentirsi in colpa sarebbe solo un modo per sminuire la loro sofferenza, ma accoglierle e dire loro che non sono sole nel dolore, è un modo molto dolce per responsabilizzarle e risollevare il loro animo.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano