Politica

di Mario Adinolfi

Per arrivare con metodo al 5 Marzo

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Luigi Amicone ha inviato ieri a tutti i suoi contatti Whatsapp un calembour giocato sui termini amico-amicone per pubblicizzare la sua candidatura in Forza Italia alla Camera nel listino capitanato dalla Bernini. Tra i contatti ci sono anch’io, gli ho risposto spiegando perché non l’avrei votato (le ambiguità di Berlusconi, la Bernini che ha votato a favore del divorzio breve e si è assentata sulle Dat ecc.) e perché voto Popolo della Famiglia. A sua volta Amicone mi ha risposto ribadendo le sue ragioni e ci siamo salutati con un in bocca al lupo reciproco. Siamo in campagna elettorale, le differenti opinioni sono legittime ed è giusto che Amicone usi i suoi contatti whatsapp per far circolare un messaggio di propaganda in positivo a sostegno della propria candidatura. Gli si risponde con civiltà e amicizia, ricordandoci tutti che dopo il 4 marzo esiste il 5 marzo.

Maurizio Lupi e Noi con l’Italia, la quarta gamba, stanno provando a compiere analoga impresa: convincere i cattolici il 4 marzo a votare per loro nonostante il mastodontico cedimento sui temi etici. Lupi ha prodotto una giustificazione sotto forma di manifestino elettorale (“eravamo 40 contro 500, non potevamo fare altro”) che io contesto politicamente (potevano far saltare il governo e non avremmo avuto la legge Cirinnà, potevano minacciare di andare all’esercizio provvisorio e non avremmo avuto le Dat), ma è campagna elettorale. Capisco il loro tentativo. Lo trovo legittimo. Sbagliato, ma legittimo.

Quello che apre la strada ad un clima avvelenato, che in queste due settimane va evitato perché dopo il 4 marzo c’è il 5 marzo, è l’ossessiva campagna “contro” di alcuni. Contro il Popolo della Famiglia, con un livello di odio che farà sfociare queste due settimane in un Vietnam che noi vogliamo a tutti i costi evitare. Abbiamo già risposto ai documenti anonimi di ogni foggia scritti solo per scoraggiare il voto al Pdf e fatti circolare via whatsapp. Abbiamo già spiegato al campaign director di Citizen Go che non può scrivere una email di cinquanta righe per dire di non votare Pdf ad una capolista del Pdf che piuttosto ingenuamente cerca peraltro una sinergia Citizen Go-Pdf (per poi in questi giorni cercare i candidati del Pdf per andare a fare la claque al pullman con cui si cercano di raccattare “eroi” a cui spillare 35 euro al mese di donazione). Abbiamo offerto la mano tesa e un metodo: non attaccheremo come Pdf mai per primi, risponderemo se l’attacco sarà eccessivamente insultante.

A questo punto la proposta di metodo la rivolgo direttamente a Massimo Gandolfini. Caro Massimo, ho letto la tua intervista su un’edizione locale del Resto del Carlino. Utilizzi metà del poco spazio che ti viene riservato per invitare a non votare Popolo della Famiglia. Lo stesso fai con un intero articolo oggi su La Verità. Il figlio della tua segretaria personale, Elia Buizza, scrive ai nostri con il tono più sprezzante immaginabile: “Io prego il Signore che il 4 marzo prendiate una batosta di quelle che tornate dal padrone Mario con la coda tra le gambe” e altre piacevolezze che per proteggere le sue personali fragilità non ti cito. Un tuo amico che conosci bene fa messaggi da tre minuti con l’inconfondibile accento bresciano da far circolare su whatsapp solo per “non far votare Popolo della Famiglia”, anche qui condendo il tutto con insulti personali al sottoscritto e chiudendo l’audiomessaggio con l’appello a votare Lega perché così “vuole Gandolfini” per far eleggere il suo “collaboratore” Simone Pillon.

Caro Massimo, la mia proposta è di metodo. Come fa Amicone, come fa Lupi, come fanno tutte le persone serie in campagna elettorale spiega perché bisogna votare Lega il 4 marzo. Va bene pure omettere che avete accettato un posto da quarto in lista in una lista capeggiata da Giulia Bongiorno, nemica esplicita del Family Day e fruitrice delll’eterologa per un figlio a cui è negato il diritto ad avere un papà. Ormai ho capito che per ragioni di livore personale non darai indicazione di voto per tre membri del Dnf che con te hanno organizzato i due Family Day oggi candidati nel Popolo della Famiglia, ma per il solo posto che sei riuscito ad ottenere, da ineleggibile, nella lista il cui leader è esplicitamente ostile al Papa e annuncia come primo provvedimento da approvare la statalizzazione della prostituzione con relativa partita Iva, secondo le indicazioni del trans turco Efe Bal. Va bene, scelta legittima. Il tuo amico bresciano nell’audiomessaggio dice che per far contento te e Pillon bisogna votare Lega e allora fate campagna elettorale per la Lega. Nessuno di noi protesterà. Siamo adulti e ormai disincantati. Amareggiati, forse. Ma conosciamo le miserie umane.

Facciamo, caro Massimo, una leale campagna elettorale su posizioni distinte. Ma facciamo cessare immediatamente ogni campagna “contro”: sia nelle interviste che nel territorio informale delle email e della campagna whatsapp o social. Prendiamo l’igienica abitudine di parlare a favore della opzione prescelta, non contro quella prossima. Io personalmente sarei lieto se Simone fosse eletto, non ho ragioni per preferirgli altri. Immagino che tu, Massimo, non ti auguri la nostra elezione, preferiresti chiunque altro. Ma ora è il tempo di non darlo a vedere. Non attaccheremo mai per primi, ma risponderemo alle provocazioni e espliciteremo le azioni dei vigliacchi: renderemo pubblici messaggi privati, documenti anonimi, audio whatsapp e ogni materiale costruito esplicitamente contro il Popolo della Famiglia, perché questa ossessione deve finire. Ora si faccia ognuno campagna per le proprie buone ragioni, se ne esistono. Rifugiarsi nella denigrazione di chi ti fu amico è, peraltro, segno di estrema debolezza.

Questa è la mia proposta di metodo per arrivare al 4 marzo ricordandosi che c’è il 5 marzo. Un futuro, cioè, in cui sarà bello trovare le forme per tornare a lavorare insieme.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

20/02/2018
2211/2019
Santa Cecilia

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Con pazienza e costanza

Il lavoro di costruzione del soggetto politico del Popolo della Famiglia prosegue

Leggi tutto

Società

Se un pediatra vendoliano un giorno

In un’importante sede istituzionale del capoluogo toscano avrà luogo, sabato 7 ottobre p.v., un convegno a senso unico e senza contraddittorio sulla nuova moda di una sinistra che ha dimenticato
il popolo, i lavoratori e i proletari, e che anzi si è rivolta alla demolizione della prole. Il pediatra vendoliano Paolo Sarti, consigliere in Regione, è l’artefice di questo spot LGBT già gravido di sciagure

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: stop agli idoli, bisogna pregare Dio

Papa Francesco, nonostante una caldissima giornata romana, ha ripreso l’appuntamento con l’udienza generale del mercoledi. Dopo la sosta programmata a Luglio il Pontefice sarà nuovamente presente, tutti i mercoledi, per l’abbraccio con i fedeli. L’appuntamento odierno ha riguardato i Comandamenti e specificatamente il Vescovo di Roma ha approfondito io tema dell’idolatria “non avrai altri dei difronte a me”.

Leggi tutto

Chiesa

Beatificazione di padre Tiburcio Arnaiz Munoz

Tiburcio Arnaiz Muñoz nacque a Valladolid, in Spagna, l’11 agosto 1865. I suoi genitori, Ezequiel e Romualda, di professione tessitori, lo portarono al fonte battesimale della parrocchia di Sant’Andrea due giorni dopo la nascita, nel giorno in cui si ricorda appunto san Tiburzio. Ad appena cinque anni, rimase orfano di padre. Sua madre, allora, cercò in ogni modo di mantenere sia lui che l’altra figlia, Gregoria, che aveva sette anni in più. Anni dopo, lui raccontò che da piccolo, una notte, ebbe un incubo: sognò di cadere all’inferno. Impaurito, chiamò sua madre, ma lei non lo sentì. Sempre più terrorizzato, invocò la Madonna Addolorata, che gli apparve dicendo: «Non cadi all’inferno né mai vi cadrai» e lo coprì col suo manto.

Leggi tutto

Storie

PLANNED PARENTHOOD FONDI A CHI INDAGA

Con la vittoria del Presidente eletto Donald Trump, l’aria in America forse sta cambiando. Pochi giorni fa, il Select Panel on Infant Lives, insediatosi in seno alla Camera dei Rappresentanti dopo la scoperta dell’affaire Planned Parenthood, ha reso nota una lista di organizzazioni che praticano aborti tardivi e commerciano parti anatomiche dei feti (una pratica che, è bene ricordarlo, le leggi federali, valide su tutto il territorio della nazione, vietano esplicitamente). L’elenco delle istituzioni che sfruttano questo business della morte comprende, tra le altre, l’Università del New Mexico, che ha acquistato tessuti provenienti da feti abortiti tardivamente in una clinica di Albuquerque; una clinica dell’Arkansas, che vendeva i resti dei bimbi non nati a StemExpress, un centro di ricerca sulle staminali con sede in California, che sul suo sito internet non ha remore a dichiarare che «i prodotti di StemExpress, derivati da tessuti umani, variano dai tessuti sani a quelli malati, da quelli dei feti a quelli degli adulti»; e poi, ancora, un’università dell’Ohio, anch’essa coinvolta in questo florido commercio; la DVBiologics, della Contea di Orange in California, che non solo trafficava parti di feti, ma non pagava nemmeno le tasse sulle transazioni; e la stessa Planned Parenthood texana, in affari con l’Università del Texas

Leggi tutto

Politica

Ops, l’odiato Trump vince ancora

Trump che fa? Il misogino Trump, il riccastro Trump come risponde? Candida una donna ma stanzia un budget di appena quattro milioni di dollari. Oddio, ho scritto appena, ma per una elezione distrettuale è comunque una montagna di danaro. Certo, paragonata ai cinquanta milioni in dote al candidato dei democrats sembra un topolino. Ma la donna è coriacea, sa di doversi battere, in quel distretto di Atlanta alle presidenziali Trump ha vinto sì, ma per pochissimi voti e ora tutti dicono che l’inquilino della Casa Bianca è odiatissimo, che ha vinto solo per il bizzarro sistema elettorale americano ma in realtà ha preso meno voti di Hillary Clinton e insomma il 29enne democratico è praticamente certo di diventare deputato, ha il sostegno di tutta la stampa e di tutte le star dello spettacolo e delle principali televisioni. Con quei cinquanta milioni di dollari si è potuto comprare undicimila spot televisivi che hanno bombardato i cittadini di Atlanta notte e dì, spiegando come fosse importante dal punto di vista simbolico quella elezioni, che di lì l’America sarebbe ripartita alla riscossa e menate del genere.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano