Politica

di Mario Adinolfi

Per arrivare con metodo al 5 Marzo

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Luigi Amicone ha inviato ieri a tutti i suoi contatti Whatsapp un calembour giocato sui termini amico-amicone per pubblicizzare la sua candidatura in Forza Italia alla Camera nel listino capitanato dalla Bernini. Tra i contatti ci sono anch’io, gli ho risposto spiegando perché non l’avrei votato (le ambiguità di Berlusconi, la Bernini che ha votato a favore del divorzio breve e si è assentata sulle Dat ecc.) e perché voto Popolo della Famiglia. A sua volta Amicone mi ha risposto ribadendo le sue ragioni e ci siamo salutati con un in bocca al lupo reciproco. Siamo in campagna elettorale, le differenti opinioni sono legittime ed è giusto che Amicone usi i suoi contatti whatsapp per far circolare un messaggio di propaganda in positivo a sostegno della propria candidatura. Gli si risponde con civiltà e amicizia, ricordandoci tutti che dopo il 4 marzo esiste il 5 marzo.

Maurizio Lupi e Noi con l’Italia, la quarta gamba, stanno provando a compiere analoga impresa: convincere i cattolici il 4 marzo a votare per loro nonostante il mastodontico cedimento sui temi etici. Lupi ha prodotto una giustificazione sotto forma di manifestino elettorale (“eravamo 40 contro 500, non potevamo fare altro”) che io contesto politicamente (potevano far saltare il governo e non avremmo avuto la legge Cirinnà, potevano minacciare di andare all’esercizio provvisorio e non avremmo avuto le Dat), ma è campagna elettorale. Capisco il loro tentativo. Lo trovo legittimo. Sbagliato, ma legittimo.

Quello che apre la strada ad un clima avvelenato, che in queste due settimane va evitato perché dopo il 4 marzo c’è il 5 marzo, è l’ossessiva campagna “contro” di alcuni. Contro il Popolo della Famiglia, con un livello di odio che farà sfociare queste due settimane in un Vietnam che noi vogliamo a tutti i costi evitare. Abbiamo già risposto ai documenti anonimi di ogni foggia scritti solo per scoraggiare il voto al Pdf e fatti circolare via whatsapp. Abbiamo già spiegato al campaign director di Citizen Go che non può scrivere una email di cinquanta righe per dire di non votare Pdf ad una capolista del Pdf che piuttosto ingenuamente cerca peraltro una sinergia Citizen Go-Pdf (per poi in questi giorni cercare i candidati del Pdf per andare a fare la claque al pullman con cui si cercano di raccattare “eroi” a cui spillare 35 euro al mese di donazione). Abbiamo offerto la mano tesa e un metodo: non attaccheremo come Pdf mai per primi, risponderemo se l’attacco sarà eccessivamente insultante.

A questo punto la proposta di metodo la rivolgo direttamente a Massimo Gandolfini. Caro Massimo, ho letto la tua intervista su un’edizione locale del Resto del Carlino. Utilizzi metà del poco spazio che ti viene riservato per invitare a non votare Popolo della Famiglia. Lo stesso fai con un intero articolo oggi su La Verità. Il figlio della tua segretaria personale, Elia Buizza, scrive ai nostri con il tono più sprezzante immaginabile: “Io prego il Signore che il 4 marzo prendiate una batosta di quelle che tornate dal padrone Mario con la coda tra le gambe” e altre piacevolezze che per proteggere le sue personali fragilità non ti cito. Un tuo amico che conosci bene fa messaggi da tre minuti con l’inconfondibile accento bresciano da far circolare su whatsapp solo per “non far votare Popolo della Famiglia”, anche qui condendo il tutto con insulti personali al sottoscritto e chiudendo l’audiomessaggio con l’appello a votare Lega perché così “vuole Gandolfini” per far eleggere il suo “collaboratore” Simone Pillon.

Caro Massimo, la mia proposta è di metodo. Come fa Amicone, come fa Lupi, come fanno tutte le persone serie in campagna elettorale spiega perché bisogna votare Lega il 4 marzo. Va bene pure omettere che avete accettato un posto da quarto in lista in una lista capeggiata da Giulia Bongiorno, nemica esplicita del Family Day e fruitrice delll’eterologa per un figlio a cui è negato il diritto ad avere un papà. Ormai ho capito che per ragioni di livore personale non darai indicazione di voto per tre membri del Dnf che con te hanno organizzato i due Family Day oggi candidati nel Popolo della Famiglia, ma per il solo posto che sei riuscito ad ottenere, da ineleggibile, nella lista il cui leader è esplicitamente ostile al Papa e annuncia come primo provvedimento da approvare la statalizzazione della prostituzione con relativa partita Iva, secondo le indicazioni del trans turco Efe Bal. Va bene, scelta legittima. Il tuo amico bresciano nell’audiomessaggio dice che per far contento te e Pillon bisogna votare Lega e allora fate campagna elettorale per la Lega. Nessuno di noi protesterà. Siamo adulti e ormai disincantati. Amareggiati, forse. Ma conosciamo le miserie umane.

Facciamo, caro Massimo, una leale campagna elettorale su posizioni distinte. Ma facciamo cessare immediatamente ogni campagna “contro”: sia nelle interviste che nel territorio informale delle email e della campagna whatsapp o social. Prendiamo l’igienica abitudine di parlare a favore della opzione prescelta, non contro quella prossima. Io personalmente sarei lieto se Simone fosse eletto, non ho ragioni per preferirgli altri. Immagino che tu, Massimo, non ti auguri la nostra elezione, preferiresti chiunque altro. Ma ora è il tempo di non darlo a vedere. Non attaccheremo mai per primi, ma risponderemo alle provocazioni e espliciteremo le azioni dei vigliacchi: renderemo pubblici messaggi privati, documenti anonimi, audio whatsapp e ogni materiale costruito esplicitamente contro il Popolo della Famiglia, perché questa ossessione deve finire. Ora si faccia ognuno campagna per le proprie buone ragioni, se ne esistono. Rifugiarsi nella denigrazione di chi ti fu amico è, peraltro, segno di estrema debolezza.

Questa è la mia proposta di metodo per arrivare al 4 marzo ricordandosi che c’è il 5 marzo. Un futuro, cioè, in cui sarà bello trovare le forme per tornare a lavorare insieme.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

20/02/2018
1809/2019
S. Giuseppe da Copertino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Che spreco terribile è questo popolo che si disperde

Oggi più che mai siamo tutti chiamati ad essere i nuovi intellettuali, ad esercitare cioè la libertà di ragione e di coscienza, contribuendo tutti a ricostruire un pensiero pubblico che sappia e odori di umano. Non siamo chiamati a giocare tra chi pensa di essere il depositario esclusivo della Verità: siamo chiamati a metterci sulle spalle la croce della pazienza, della sapienza e della lungimiranza. Abbandonando le aspirazioni personali, le pretese e tutto ciò che fa parte del fardello dell’uomo fragile.

Leggi tutto

Storie

LETTERA A J-AX, “ITALIANO MEDIO”

Però ho qualcosa da dirti: non farti fregare, il conformismo è una malattia orrenda da cui non si guarisce facendo una battuta sulla mia obesità, uguale a milioni che mi sono state fatte per decenni. Trova in questa mia risposta un’occasione per una riflessione più complessa, caro Alessandro.

Leggi tutto

Storie

Per Asia Bibi un futuro tutto da scoprire

L’ordine di rilascio dalla prigione di Multan - nel centro del Pakistan, dove era detenuta – viene vincolato dal governo: il portavoce del ministero degli Esteri, Muhammad Faisal, ha dichiarato che Asia Bibi “si trova in un luogo sicuro e che è ancora in Pakistan”, smentendo le notizie di una partenza della donna per l’estero. Come di concluderà questa interminabile vicenda?

Leggi tutto

Politica

Prospettive per il Popolo della Famiglia: come procedere col radicamento

Leggi tutto

Storie

Un trans non può fare la tata

Non si può affidare la crescita di un bambino di pochi mesi a un trans. Dalla email si capisce che la transizione da un sesso all’altro non si è compiuta, l’Inps ha ancora tutti i documenti al maschile, quindi Alessandro è a tutti gli effetti Alessandro anche se “si sente” Alessandra. Siamo davanti dunque ad una persona che non si accetta per come è, che in questo percorso di transizione deve affrontare prove psicologiche e fisiche molto pesanti con l’assunzione continua di farmaci, che dal punto di vista fisico sostiene un iter di trasformazione molto doloroso e che fa tendere all’instabilità emotiva. Un bambino di pochi mesi può essere affidato a chiunque tranne che a persone con queste caratteristiche di instabilità. L’approdo alla diversa sessualità riconosciuta, quello che porterebbe il soggetto in questione ad avere i documenti in regola con il nome Alessandra, passa poi attraverso fasi di demolizione dei genitali maschili e di costruzione di forme genitali all’apparenza femminili che sono mediamente faticosissime da molti punti di vista, sia fisici che psicologici. Il ricorso al consumo di forti quantità di alcool e di droghe per ovviare all’inevitabile disturbo di personalità che accompagna ogni evoluzione dalla disforia di genere accertata all’approdo ad una diversa conformazione dei propri genitali, è comprovato in tutti i testi scientifici, così come la più alta propensione al suicidio dei transessuali rispetto alle altre persone.

Leggi tutto

Società

Ospedali, quale destino nell’era postcristiana

La mutazione degli ospedali da luoghi di cura e di sostegno al malato in spazi fisici in cui si uccide la speranza è solo l’ultimo atto di una cultura che ha totalmente dimenticato le proprie radici cristiane. L’impressione è che l’operato dei medici britannici sia, in fondo, considerato legittimo da molti altri loro colleghi nel mondo. Al loro posto, in tanti avrebbero fatto lo stesso. Ci fa piacere che si siano mossi il Bambin Gesù di Roma e il Presbyterian Hospital di New York, ma è davvero triste costatare che non c’è stata una gara tra gli altri ospedali ad accogliere Charlie. Il caso è certo difficile, ma una risposta compatta delle strutture ospedaliere mondiali avrebbe forse fatto traballare ulteriormente i convincimenti dei medici del Gosh. Eppure, gli ospedali sono nati per alleviare le sofferenze. San Camillo de Lellis, di cui oggi facciamo memoria liturgica, fondò un Ordine religioso appositamente per aiutare gli ammalati. Volle che i suoi confratelli – come fece egli stesso – servissero i sofferenti «con quella carità e amorevolezza che sono solite avere le madri verso i propri figli infermi». Il fondatore dei Camilliani ha indicato dunque una precisa figura, la madre, come esempio per aiutare chi soffre: Connie che, senza alzare la voce, “grida” il suo amore e la sua speranza per il figlio, che gli resta accanto osservando ogni piccolo mutamento, è quel modello che chiunque sia avvicina ad un ammalato per curarlo dovrebbe coltivare dentro di sé, sperando di esserne sempre più degno. Ancora, Camillo de Lellis sentiva il cuore spezzarsi ogni volta che non poteva portare il soccorso che avrebbe voluto. È questo il sentire che ci rimandano oggi molte figure di medici? Camillo de Lellis – come l’altro grande sostegno degli ammalati, Giovanni di Dio, che voleva per gli infermi che assisteva condizioni igieniche migliori e cure specifiche – ci ha testimoniato che curare chi è sofferente è un compito altissimo da assolvere senza cercare la via più semplice. Grazie a lui, a Giovanni di Dio e ad altri cristiani, gli ospedali sono diventati nei secoli quei luoghi di speranza e di cura a cui fino all’altro ieri guardavano con fiducia.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano