Politica

di Mario Adinolfi

I 5 STRUMENTI PER LA VOLATA FINALE DEL PDF

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Ci siamo, eccoci alle ore decisive. Anni di fatica, di lotta, per quanto mi riguarda di quattrocento convegni e comizi in ogni angolo d’Italia, adesso si riducono a tre giorni. Domenica si vota e in questo momento gli italiani stanno formando il loro convincimento: andare o non andare a votare? E, andando, per chi votare? Noi dobbiamo aiutare le persone a scegliere il Popolo della Famiglia. Spiegando prima di tutto le cose tecniche: si va al seggio con un documento e la tessera elettorale domenica 4 marzo dalle 7 alle 23. Si vota facendo una croce sul simbolo prescelto, sia alla Camera che al Senato. Questo simbolo noi chiediamo che sia il simbolo blu del Popolo della Famiglia. Perché? Lo abbiamo spiegato in questa lunga campagna elettorale. Durante la quale si sono formati gli strumenti che ora dobbiamo utilizzare per la volata finale. Quelli più efficaci sono cinque. Eccoli.

1. LA MOBILITAZIONE DI SACERDOTI, RELIGIOSI, RELIGIOSE. La novità più entusiasmante di questa campagna elettorale è stata senza dubbio avere accanto i nostri pastori. Non solo i cattolici, peraltro, un lavoro importante è stato svolto anche da evangelici e pentecostali: abbiamo realizzato nel PdF un vero ecumenismo. Dai sacerdoti cattolici e dal loro appello a discernere e sostenere il Pdf è arrivata però davvero una spinta decisiva. Il discorso di sabato 24 di don Salvatore Vitiello è stato impressionante: il ruggito della Sala Umberto stracolma all’inverosimile è la fotografia migliore della forza che si sprigiona quando un pastore parla di verità al suo popolo. Qui si trova il link, da far girare insieme alla richiesta di votare Popolo della Famiglia: https://youtu.be/iW2JOwK742c e se chiedono il perché, rispondere diventa facile. Perché la verità non divide e noi siamo il frutto maturo del laicato cattolico impegnato che immaginava il Concilio Vaticano II. Questo poi il link all’appello degli oltre duecento sacerdoti, religiosi e religiose http://www.lacrocequotidiano.it/…/verso-il-4-marzo-frenare-…che può essere ancora firmato da altri preti, frati e suore basta inviare una email a [email protected] indicando anche la località dove si opera. Qualche altro come Fratel Antonio Iannaccone, don Massimo Lapponi, don Ottorino Baronio ha espresso anche individualmente il proprio sostegno, mentre ricordo personalmente con piacere la carezza del messaggio di padre Maurizio Botta https://costanzamiriano.com/…/lettera-aperta-di-padre-maur…/pubblicato sul blog della cara amica Costanza Miriano, utile per rispondere a chi sceglie la strada dell’insulto a Mario Adinolfi per scoraggiare dal voto al PdF..

2. INTERVISTE E VIDEO. Durante questa campagna elettorale abbiamo prodotto una clamorosa mole di interviste e video, che possono essere utilizzate dai militanti in queste ore decisive. Si va dall’importante intervista di Gianfranco Amato al Sussidiario http://www.ilsussidiario.net/…/10-DOMANDE-A-Amato-P…/808419/ alla conferenza stampa integrale tenuta in Rai il 22 febbraio: quaranta minuti che hanno suscitato più di un entusiasmo. Questo il link alla versione integrale https://youtu.be/FFb2Yv7nlgo mentre esistono anche pillole più brevi per argomento. Sul reddito di maternità https://youtu.be/OZm3xupzB4I o sul posizionamento politico https://youtu.be/07sxW675gsQ o sulla specificità della nostra radice cristiana https://youtu.be/jR3D74Zh9cI e molto altro. Sulla nostra definizione di “principi non negoziabili”, architrave della nostra stessa ragion d’essere, si può ascoltare la prima domanda dell’intervista di Luca Casciani al sottoscritto a questo link https://youtu.be/y-pYAhvzYjo ed è una intervista radiofonica. Poi su Radio Radicale si trovano i documenti audiovideo integrali sia delle assemblee nazionali di inizio e fine campagna elettorale (30 dicembre 2017 al Centro Congressi Cavour, 24 febbraio 2018 Teatro Sala Umberto) che l’illustrazione del programma in un filo diretto con gli ascoltatori.

3. IL PROGRAMMA. Abbiamo il programma più bello, lo ammettono praticamente tutti, anche i nostri avversari animatori del fuoco “amico”. Siamo i soli a voler abrogare, come forza politica con esplicita dichiarazione nel programma ufficiale depositato al Viminale, legge Cirinnà e biotestamento. Lo abbiamo detto con chiarezza in prima serata Rai e questo è il video https://youtu.be/pOiJ_XTKDJE mentre il programma integrale si trova sul nostro sito ufficiale www.ilpopolodellafamiglia.it sia con la formula ampia delle 65 proposte, sia con le card graficamente accattivanti del Decalogo della Buona Battaglia. Pare del tutto evidente che chi è venuto in piazza contro la legge Cirinnà per i Family Day, ora sia conseguente e voti per chi davvero vuole abolirla. Nessun’altra forza politica (al di là della buona volontà di alcuni singoli) dichiara di volerlo fare. Al di là di questo, illustrare bene le nostre proposte programmatiche per far ripartire l’Italia facendo ripartire natalità e famiglia, dal reddito di maternità al quoziente familiare ai buoni scuola da contrapporre alla buona scuola da abolire come il biotestamento.

4. IL CONTATTO ONE-TO-ONE E I MEDIA. In queste ore il tempo della convegnistica è finito. Si proceda solo alla convocazione di un evento di chiusura campagna elettorale nella giornata di venerdì, a livello regionale, che serva per l’ultima comunicazione con i media (ovviamente fate sapere dove e quando tenete l’evento, in orario non successivo alle 16 per la piena fruizione da parte di tv e giornali). Quello che ora serve è il contatto one-to-one in strada, nell’incontro fisico, così come via whatsapp e messenger con l’invio personalizzato e non generico di un invito a votare Popolo della Famiglia con una croce sul simbolo. I messaggi siano brevi, magari accompagnati da uno dei link video che sopra abbiamo elencato, sempre assemblati al simbolo da far votare. Evitare di indicare in alcuna forma il voto alla persona, conta solo il voto al simbolo e dunque prescinde anche dalla residenza dell’interlocutore: ogni vostro contatto è un potenziale voto utile.

5. L’IDEA DEL VOTO RAZIONALE. Ci hanno provato a massacrare per tutta la campagna elettorale con il concetto del voto utile. Ma utile a chi? In queste ultime ore spieghiamo il principio del voto razionale. Lo facciamo ogni giorno sul quotidiano La Croce arrivato al numero 677 (sostenete La Croce, date una mano anche per la straordinaria mole di spese sostenute, abbonandovi o meglio ancora iscrivendovi da sostenitori al PdF tramite il marketplace www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora su cui si può richiedere la nostra tessera). Alla campagna tipica “non votate Pdf altrimenti nel collegio vince la Bonino”, spiegate con chiarezza che la Bonino non ha alcuna possibilità di vincere nel collegio, che il vero rivale del candidato del centrodestra è il pentastellato e che il Popolo della Famiglia, come dimostrato da vari sondaggi, proprio al M5S ruba più voti che a tutti. La Bonino verrà eletta se la sua lista farà il 3%. Decine di parlamentari a presidio dei principi non negoziabili saranno eletti se il Popolo della Famiglia farà il 3%. La sfida è questa e noi, nonostante la sproporzione dei mezzi anche economici in campo, siamo l’unico vero contraltare alla cultura politica incarnata dalla Bonino. Dare un milione di voti (in realtà ne basteranno anche meno, ottocentomila al Senato) al Popolo della Famiglia significa aprire una stagione del tutto nuova dopo venticinque anni consecutive di sconfitte conseguenti alla diaspora dei cattolici in politica. In prospettiva noi puntiamo ad una rinnovata unità politica dei cattolici, fondata sulla difesa della vita e della famiglia naturale. Il voto razionale oggi, in una condizione irripetibile di legge proporzionale e sbarramento basso al 3%, è cogliere questa storica opportunità e votare Popolo della Famiglia. Lo dice la ragione, lo dice la fede. Il voto disperso e inutile se non dannoso è quello che replica lo schema del 2013 e porta inevitabilmente allo stesso esito: governo di larghe intese con la Bongiorno, nemica dei nostri principi, ministro della Giustizia e magari proprio l’obliqua Bonino (eletta a legislature alterne con il centrodestra e con il centrosinistra indifferentemente) come premier. Chi vuole “novità e discontinuità” come invocato dal vescovo di Imperia Antonio Suetta nella sua nota di sostegno al PdF del quale ha voluto anche firmare le liste, può razionalmente votare solo Popolo della Famiglia il 4 marzo.

Ecco, utilizzando bene questi cinque strumenti, la volata finale condurrà a traguardi insperati il 4 marzo. Lavoriamo ventre a terra perché sono questi i giorni decisivi. Ora gli italiani decidono per chi votare. Portiamoli a votare Popolo della Famiglia, l’unica scelta razionale possibile per chi ha a cuore un’Italia fondata sulla vita e sulla famiglia, non sulla cultura nichilista e di morte che ha dominato l’ultima legislatura repubblicana.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

28/02/2018
2407/2019
Santa Cristina

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Che spreco terribile è questo popolo che si disperde

Oggi più che mai siamo tutti chiamati ad essere i nuovi intellettuali, ad esercitare cioè la libertà di ragione e di coscienza, contribuendo tutti a ricostruire un pensiero pubblico che sappia e odori di umano. Non siamo chiamati a giocare tra chi pensa di essere il depositario esclusivo della Verità: siamo chiamati a metterci sulle spalle la croce della pazienza, della sapienza e della lungimiranza. Abbandonando le aspirazioni personali, le pretese e tutto ciò che fa parte del fardello dell’uomo fragile.

Leggi tutto

Storie

LETTERA A J-AX, “ITALIANO MEDIO”

Però ho qualcosa da dirti: non farti fregare, il conformismo è una malattia orrenda da cui non si guarisce facendo una battuta sulla mia obesità, uguale a milioni che mi sono state fatte per decenni. Trova in questa mia risposta un’occasione per una riflessione più complessa, caro Alessandro.

Leggi tutto

Storie

Per Asia Bibi un futuro tutto da scoprire

L’ordine di rilascio dalla prigione di Multan - nel centro del Pakistan, dove era detenuta – viene vincolato dal governo: il portavoce del ministero degli Esteri, Muhammad Faisal, ha dichiarato che Asia Bibi “si trova in un luogo sicuro e che è ancora in Pakistan”, smentendo le notizie di una partenza della donna per l’estero. Come di concluderà questa interminabile vicenda?

Leggi tutto

Politica

Prospettive per il Popolo della Famiglia: come procedere col radicamento

Leggi tutto

Storie

Un trans non può fare la tata

Non si può affidare la crescita di un bambino di pochi mesi a un trans. Dalla email si capisce che la transizione da un sesso all’altro non si è compiuta, l’Inps ha ancora tutti i documenti al maschile, quindi Alessandro è a tutti gli effetti Alessandro anche se “si sente” Alessandra. Siamo davanti dunque ad una persona che non si accetta per come è, che in questo percorso di transizione deve affrontare prove psicologiche e fisiche molto pesanti con l’assunzione continua di farmaci, che dal punto di vista fisico sostiene un iter di trasformazione molto doloroso e che fa tendere all’instabilità emotiva. Un bambino di pochi mesi può essere affidato a chiunque tranne che a persone con queste caratteristiche di instabilità. L’approdo alla diversa sessualità riconosciuta, quello che porterebbe il soggetto in questione ad avere i documenti in regola con il nome Alessandra, passa poi attraverso fasi di demolizione dei genitali maschili e di costruzione di forme genitali all’apparenza femminili che sono mediamente faticosissime da molti punti di vista, sia fisici che psicologici. Il ricorso al consumo di forti quantità di alcool e di droghe per ovviare all’inevitabile disturbo di personalità che accompagna ogni evoluzione dalla disforia di genere accertata all’approdo ad una diversa conformazione dei propri genitali, è comprovato in tutti i testi scientifici, così come la più alta propensione al suicidio dei transessuali rispetto alle altre persone.

Leggi tutto

Società

Ospedali, quale destino nell’era postcristiana

La mutazione degli ospedali da luoghi di cura e di sostegno al malato in spazi fisici in cui si uccide la speranza è solo l’ultimo atto di una cultura che ha totalmente dimenticato le proprie radici cristiane. L’impressione è che l’operato dei medici britannici sia, in fondo, considerato legittimo da molti altri loro colleghi nel mondo. Al loro posto, in tanti avrebbero fatto lo stesso. Ci fa piacere che si siano mossi il Bambin Gesù di Roma e il Presbyterian Hospital di New York, ma è davvero triste costatare che non c’è stata una gara tra gli altri ospedali ad accogliere Charlie. Il caso è certo difficile, ma una risposta compatta delle strutture ospedaliere mondiali avrebbe forse fatto traballare ulteriormente i convincimenti dei medici del Gosh. Eppure, gli ospedali sono nati per alleviare le sofferenze. San Camillo de Lellis, di cui oggi facciamo memoria liturgica, fondò un Ordine religioso appositamente per aiutare gli ammalati. Volle che i suoi confratelli – come fece egli stesso – servissero i sofferenti «con quella carità e amorevolezza che sono solite avere le madri verso i propri figli infermi». Il fondatore dei Camilliani ha indicato dunque una precisa figura, la madre, come esempio per aiutare chi soffre: Connie che, senza alzare la voce, “grida” il suo amore e la sua speranza per il figlio, che gli resta accanto osservando ogni piccolo mutamento, è quel modello che chiunque sia avvicina ad un ammalato per curarlo dovrebbe coltivare dentro di sé, sperando di esserne sempre più degno. Ancora, Camillo de Lellis sentiva il cuore spezzarsi ogni volta che non poteva portare il soccorso che avrebbe voluto. È questo il sentire che ci rimandano oggi molte figure di medici? Camillo de Lellis – come l’altro grande sostegno degli ammalati, Giovanni di Dio, che voleva per gli infermi che assisteva condizioni igieniche migliori e cure specifiche – ci ha testimoniato che curare chi è sofferente è un compito altissimo da assolvere senza cercare la via più semplice. Grazie a lui, a Giovanni di Dio e ad altri cristiani, gli ospedali sono diventati nei secoli quei luoghi di speranza e di cura a cui fino all’altro ieri guardavano con fiducia.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano