Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Monsignor Jean-Claude Hollerich, arcivescovo di Lussemburgo, nuovo presidente della Comece

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Monsignor Jean-Claude Hollerich, arcivescovo di Lussemburgo, è stato eletto presidente della Comece, la Commissione degli episcopati dell’Unione europea. Il presule è il successore del cardinale Reinhard Marx, che ha guidato la Comece per due mandati di tre anni ciascuno (dal 2012 al 2018). Ad eleggerlo sono stati i vescovi delegati delle Conferenze episcopali dell’Unione europea riuniti dal 7 al 9 marzo a Bruxelles per la loro Assemblea plenaria.

Secondo il nuovo Statuto - riferisce l’agenzia Sir - resterà in carica per cinque anni, dal 2018 al 2023

Subito dopo l’elezione, è stata celebrata una “Messa per l’Europa” nella chiesa Notre-Dame du Sablon a Bruxelles, con la quale è stato ufficialmente effettuato il passaggio di consegne al nuovo presidente della Comece.

I vescovi della Comece hanno anche eletto quattro vice presidenti: monsignor Noël Treanor (Irlanda), monsognor Mariano Crociata (Italia), monsignor Jan Vokal (Repubblica Ceca) e monsignor Franz-Josef Overbeck (Germania).

Ma chi è il nuovo presidente della Comece? Ricostruiamone il profilo…

Monsignor Hollerich è un gesuita. Nel 1981 è entrato nella Compagnia di Gesù e ha seguito la formazione dei gesuiti della Provincia del Belgio meridionale e del Lussemburgo. Dopo il noviziato a Namur e due anni di tirocinio pastorale in Lussemburgo dal 1983 al 1985 come insegnante al liceo francese di Vauban, è partito per il Giappone dove ha fatto gli studi di lingua e cultura giapponese e ha ripreso lo studio della teologia all’Università Sophia di Tokyo dal 1985 al 1989. Ha terminato gli studi teologici a Francoforte sul Meno con la licenza. Il 21 aprile 1990 è stato ordinato presbitero per la Compagnia di Gesù. Ha passato lunghi anni in Giappone dove dal 1994 ha insegnato all’Università Sophia di Tokyo e dal 1999 è stato cappellano degli studenti della medesima Università. Il 18 ottobre 2002 ha emesso i voti perpetui nella chiesa di Sant’Ignazio a Tokyo. Inoltre, dal 2008 è stato rettore della comunità dei Gesuiti all’Università Sophia di Tokyo e vice-rettore del medesimo ateneo per gli affari generali e studenteschi. Il 12 luglio 2011 Papa Benedetto XVI lo ha nominato arcivescovo di Lussemburgo. Mons. Hollerich è attualmente presidente della rete “Giustizia e Pace Europa” che è composta da più di trenta Commissioni nazionali e ha come scopo quello di intervenire nel dibattito pubblico su questioni relative alla giustizia sociale, alla costruzione della pace e alla protezione dell’ambiente.

Il nuovo presidente Comece, subito dopo la sua elezione ha dichiarato: “Sono pronto a lavorare con tutte le persone di buona volontà che si dedicano al rispetto e alla tutela della dignità umana”, confermando così l’impegno della Comece a porre al centro la persona umana e il bene comune nelle politiche europee.

È tempo di ritrovare speranza e coraggio”, ha aggiunto Marx: “Dio ha uno sguardo su tutta l’umanità. È Padre di tutti, credenti e non credenti, e la Chiesa è chiamata a essere uno strumento di unità” perché laddove “l’odio e la sfiducia hanno creato fossati, noi possiamo costruire ponti e favorire un’atmosfera di amicizia”.

Alla 13ª riunione annuale ad alto livello organizzata dalla Commissione, monsignor Hollerich ha affermato che le Chiese e le comunità religiose sono impegnate nel dialogo con gli attori politici per contribuire a costruire l’Europa come un progetto di pace basato sul bene comune. “I cristiani non rappresentano un gruppo di interesse, ma cittadini europei impegnati a costruire l’Europa, la nostra casa comune”.

Si respira qui a Bruxelles un’aria di grande collaborazione tra l’Ue e la Chiesa cattolica, frutto sicuramente dell’attenzione che Francesco ha rivolto a questa istituzione, fin dall’inizio del suo Pontificato. Jean-Claude Juncker, presidente della Commissione europea, ha voluto essere presente al “ricevimento di addio” organizzato dalla Comece e dalla rappresentanza dello Stato di Baviera presso l’Ue per la fine dei due mandati alla guida della Comece del cardinale Marx e per la nuova nomina si è detto certo che ci sarà comunione di intenti: “Le Chiese, la Chiesa cattolica, hanno un ruolo importante perché sono fondate sui valori come l’Unione europea”, quindi ha aggiunto: Senza i valori non c’è Europa”.

Monsignor Paul Gallagher, segretario per i rapporti con gli Stati (Segreteria di Stato della Santa Sede), ha indicato il cammino da seguire: “Credo che una parte della missione della Chiesa sia sempre quella di cercare la verità, presentare i problemi con sobrietà, conoscere le difficoltà e farlo in modo da incoraggiare e generare la speranza”. Si tratta insomma di “affrontare i veri problemi, con coraggio e senza paura, e coinvolgere tutti gli attori politici e sociali per cercare insieme le soluzioni, per creare unità e non divisioni in questo tempo”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

12/03/2018
2801/2023
San Tommaso d'Aquino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Un trans non può fare la tata

Non si può affidare la crescita di un bambino di pochi mesi a un trans. Dalla email si capisce che la transizione da un sesso all’altro non si è compiuta, l’Inps ha ancora tutti i documenti al maschile, quindi Alessandro è a tutti gli effetti Alessandro anche se “si sente” Alessandra. Siamo davanti dunque ad una persona che non si accetta per come è, che in questo percorso di transizione deve affrontare prove psicologiche e fisiche molto pesanti con l’assunzione continua di farmaci, che dal punto di vista fisico sostiene un iter di trasformazione molto doloroso e che fa tendere all’instabilità emotiva. Un bambino di pochi mesi può essere affidato a chiunque tranne che a persone con queste caratteristiche di instabilità. L’approdo alla diversa sessualità riconosciuta, quello che porterebbe il soggetto in questione ad avere i documenti in regola con il nome Alessandra, passa poi attraverso fasi di demolizione dei genitali maschili e di costruzione di forme genitali all’apparenza femminili che sono mediamente faticosissime da molti punti di vista, sia fisici che psicologici. Il ricorso al consumo di forti quantità di alcool e di droghe per ovviare all’inevitabile disturbo di personalità che accompagna ogni evoluzione dalla disforia di genere accertata all’approdo ad una diversa conformazione dei propri genitali, è comprovato in tutti i testi scientifici, così come la più alta propensione al suicidio dei transessuali rispetto alle altre persone.

Leggi tutto

Politica

Renzi copia il programma del PdF

La parola definitiva sulla televendita del redivivo dittatore democratico, di ritorno dall’Isola d’Elba, l’ha detta Makkox su Gazebo. Vogliamo però soffermarci su un “dettaglio”: mentre mette in sordina Scalfarotto e Concia, Renzi inserisce “mamma” tra le “tre parole” del suo nuovo Pd. Una rincorsa in cui il Popolo della Famiglia riconosce la difficoltà di Renzi che vuole recuperare consenso.

Leggi tutto

Società

Stupri di donne ed uomini lasciati soli

Come Mario Adinolfi ha recentemente sintetizzato spulciando i dati istat, in una classe di 25 ragazzi delle superiori statisticamente si trovano un consumatore abituale di cocaina, 2 consumatori di oppiacei o droghe sintetiche, 5 dediti alla cannabis e 7 soliti alle sbronze nei week end. Questi dati sono allarmanti e gravissimi e fotografano una realtà giovanile allo sfascio: un ragazzo annebbiato da droghe o alcool è facilmente coinvolgibile in risse, che poi finiscono sempre molto male, o può essere soggetto di violenze, se trascinato in gruppo, nonché mette a rischio la propria e altrui incolumità se si mette alla guida. Per non parlare dei danni diretti che fa alla propria salute.

Leggi tutto

Media

Il nuovo libro di Paola Belletti ‘Siamo Donne’

Anche questo secondo libro, di Paola Belletti “Siamo Donne” arricchito dalla brillante prefazione di Annalisa Sereni, non è tanto un saggio quanto un insieme di prose filosofiche, poetiche, narrative, giornalistiche attraverso cui Paola, col suo inconfondibile stile, propone una lettura in chiave femminile di quella ecologia integrale a cui papa Francesco ha consacrato una intera enciclica.

Leggi tutto

Media

La settimana che porta a Camaldoli

E’ partito il conto alla rovescia per la festa nazionale de La Croce a Camaldoli

Leggi tutto

Politica

Nel segno della resistenza alla deriva eutanasica la IV festa de La Croce da domani a Pomezia

SUICIDIO ASSISTITO: PDF, “PER I CRISTIANI E’ L’ORA DELLA RESISTENZA”. LA 4a FESTA NAZIONALE DE LA CROCE DA DOMANI 27/9 A POMEZIA (RM)

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano