Società

di Lucia Scozzoli

L’aborto non è un diritto

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LACROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

In via Gregorio VII numero 58 a Roma campeggia un manifesto di 7 metri per 11 affisso da ProVita su una parete di un palazzo; raffigura un feto di 11 settimane, accompagnato da poche eloquenti parole: «Tu eri così a 11 settimane. Tutti i tuoi organi erano presenti. Il tuo cuore batteva già dalla terza settimana dopo il concepimento. Già ti succhiavi il pollice. E ora sei qui perché la tua mamma non ha abortito».

Il manifesto resterà lì fino al 15 aprile, sempre che il baccano sollevato dai soliti progressisti liberticidi non riesca a farlo rimuovere prima. La ben nota Cirinnà ha già cinguettato il suo disappunto piccato: «Vergognoso che per le strade di Roma si permettano manifesti contro una legge dello Stato e contro il diritto di scelta delle donne #rimozionesubito».

Si sa che in logica i sinistri non sono proprio ferratissimi, ma certo non è chiaro come si possa affermare che il manifesto di ProVita sia contro una legge dello stato: se si sottintende la 194 (non nominata peraltro in nessun luogo), forse conviene ricordare alla signora Cirinnà che in tale legge l’aborto non è considerato un diritto inalienabile, bensì una extrema ratio concessa in casi ben specifici, questi sì sistematicamente disattesi dalla prassi applicativa. Sarebbe ora che la legge dello stato fosse finalmente applicata per come è scritta. Ricordiamo alla Cirinnà il prologo alla legge:

“Lo Stato garantisce il diritto alla procreazione cosciente e responsabile, riconosce il valore sociale della maternità e tutela la vita umana dal suo inizio.

L’interruzione volontaria della gravidanza, di cui alla presente legge, non è mezzo per il controllo delle nascite.

Lo Stato, le regioni e gli enti locali, nell’ambito delle proprie funzioni e competenze, promuovono e sviluppano i servizi socio-sanitari, nonché altre iniziative necessarie per evitare che l’aborto sia usato ai fini della limitazione delle nascite”.

E l’articolo 2, il più ignorato di tutti, recita:

“I consultori familiari […] assistono la donna in stato di gravidanza:

a) informandola sui diritti a lei spettanti in base alla legislazione statale e regionale, e sui servizi sociali, sanitari e assistenziali concretamente offerti dalle strutture operanti nel territorio;

b) informandola sulle modalità idonee a ottenere il rispetto delle norme della legislazione sul lavoro a tutela della gestante;

c) attuando direttamente o proponendo all’ente locale competente o alle strutture sociali operanti nel territorio speciali interventi, quando la gravidanza o la maternità creino problemi per risolvere i quali risultino inadeguati i normali interventi di cui alla lettera a);

d) contribuendo a far superare le cause che potrebbero indurre la donna all’interruzione della gravidanza.”

Se qualcuno cortesemente può spiegarmi in che modo ricordare come siamo fatti a 11 settimane di gestazione costituisce una violazione della legge 194, resto ad ascoltare volentieri il volo pindarico, con relativa arrampicata sugli specchi.

L’unica cosa che mi pare lampante è la spocchia isterica della cultura abortista che grida allo scandalo perché qualcuno dice semplicemente la verità, banale, lapalissiana, logica, che anche un bambino può comprendere. Il diritto di scelta della donna, il nuovo must, è stato elevato sull’altare dei diritti inalienabili, senza però mai nominare bene quale sia il complemento oggetto in questione: non si tratta di un vestito o di un paio di scarpe, ma della vita di un altro essere umano.

Posso capire al limite le grida scomposte e mielose di chi si appella al dolore della scelta a cui alcune donne sono state “costrette” dalle circostanze complicate della loro vita (guardandosi sempre bene dallo scendere nello specifico, per non far decadere l’aurea di grigiore noir che accompagna le performance drammatiche): ricordare a chi ha abortito di aver ammazzato una persona non è gesto carino, certo. Manca di quella modernissima sensibilità che consiste nell’evitare ogni parola, frase e sospiro che possa minimamente contrariare l’interlocutore libertario progressista, il quale crede fermamente nel valore assoluto della libertà, basta che sia solo la propria.

È noto che Brandi sia un tipo ruvido, un po’ troppo semplice, che non si sa vendere in società: doveva scrivere nel manifesto almeno qualche frase di scuse, o di comprensione per le donne che hanno esercitato il loro inviolabile e sacrosanto diritto ad abortire. Non saprei, magari poteva scrivere una cosa tipo: “cara mamma, non condivido la tua scelta ma sono pronto a morire per difenderla”.

La libertà naturalmente è intesa sempre a senso unico: è impensabile per certa sinistra radicale che ancora esista gente che è contraria all’aborto, questo meraviglioso progresso della società, che ha permesso lo svilupparsi di tanto sfolgorante benessere e felicità.

Brandi, sempre irriverente e sconveniente, scrive sul suo sito: «Ma è concepibile che in un’Italia, dove solo il 38% dei malati di tumore può accedere alle cure palliative e dove circa 200.000 anziani o disabili sono rispediti a casa ogni anno dagli ospedali pubblici, per mancanza di fondi per la sanità,* *lo Stato spenda centinaia di milioni di euro di fondi pubblici per finanziare scelte individuali che causano l’eliminazione di esseri umani, e che non sono condivise da una grande fetta della popolazione?»

In effetti, se dobbiamo per forza arrenderci alla cosificazione delle persone, soprattutto nella gestione della sanità, non vedo perché una donna incinta debba avere più diritti di un malato di tumore. Vogliamo portare tutto su un piano economico? Benissimo! Allora allo stato gli aborti non convengono: mancano all’appello 6 milioni di italiani dal 78 ad oggi e nel bilancio dell’inps si vedono tutti. Allora vogliamo tornare ai sentimentalismi estetici, che sono più funzionali allo scopo? Beh in questo caso la foto di un bambino è più che lecita: se una donna in difficoltà soffre, tanto più soffre il suo bambino che rischia di finire ucciso.

Da qualunque punto di vista si prenda la questione, la realtà resta la medesima e anche la Cirinnà è costretta ad ammettere che se adesso può cinguettare isterismi su twitter è perché sua madre non l’ha abortita, come dice Brandi. In arrivo nuove figure mitologiche: gli attivisti di sinistra che si sono partoriti da soli.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

06/04/2018
2911/2022
San Saturnino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Giovanni Paolo I e l’aborto

Su Rai Storia lo speciale dedicato a Papa Luciani a cura di Paolo Mieli con la consulenza del vaticanista Andrea Tornielli

Leggi tutto

Chiesa

Libero Stato in libera Chiesa

Pare che il tema sia questo: i giorni che ci separano dal 30 e dalla manifestazione di uno smisurato orgoglio popolare, forte e tenero come mamma e papà per i loro bambini, saranno minati da una capillare campagna di delegittimazione (di chi di quel popolo si è ritrovato ad essere voce e parola) e da un parallelo tentativo di addomesticare il cuore indomito di quella piazza. Soltanto tra una settimana si potrà sapere chi avrà vinto, o se avranno perso tutti.

Leggi tutto

Politica

Perchè entrare nel PDF è come aiutarne la diffusione

L’idea di incentrare la battaglia a partire dalla difesa della famiglia, prima struttura organizzativa e società naturale, è rivoluzionaria ma, al tempo stesso, è sempre stata considerata importantissima dalla dottrina cattolica, basti ricordare San Giovanni Paolo II per il quale la famiglia rappresenta il prisma da cui interpretare e articolare tutti gli interventi nella società umana.

Leggi tutto

Storie

STORIA DI UN AMORE, SBECCATO MA UTILE A TUTTI

Dopo aver ri-costruito attraverso questo percorso davvero tortuoso una mia condizione familiare, Dio ha voluto che spendessi tutto me stesso per testimoniare la bellezza della famiglia e anche di questo devo dire grazie a Silvia. Voglio La Mamma nasce nel 2013 perché ho visto Clara con Silvia e Silvia con Clara. Da ragazzino quando nacque Livia, la mia carissima primogenita, ero troppo preso da me per avere lo sguardo davvero sull’altro, poi intervennero subito tragedie da togliere il fiato e nessuna bellezza poteva essere anche solo immaginata dal mio sguardo. Vent’anni dopo la oggettiva e prepotente bellezza di Silvia riverberata in Clara sembra essere immagine stessa della bellezza della condizione familiare. Dentro questa parola (“bellezza”) io inserisco anche l’enorme fatica dell’essere famiglia, i vincoli che impone, i limiti dell’altro che devi imparare ad accettare e Silvia ne ha, cavoli se ne ha, ma i miei sono infinitamente maggiori e talvolta davvero insopportabili, quindi ho imparato quell’indulgenza che è anticamera necessaria dell’amore.

Leggi tutto

Società

Rassegnati, Vladimiro: contro Asia e Amanda perdi anche tu

Dopo lo scontro nello studio della Berlinguer, il trans costretto a una levata di scudi senza condizioni.

Leggi tutto

Media

La settimana che porta a Camaldoli

E’ partito il conto alla rovescia per la festa nazionale de La Croce a Camaldoli

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano