Storie

di Marie Christine Jeannenot

Se questo è un uomo ed il diritto alla vita

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il “J’accuse” d’Emile Zola un grido dell’anima di fronte al dramma, potrebbe essere usato in molti casi nelle nostre società moderne…soprattutto quando si parla dei diritti dei più deboli e in questo caso dei piccoli, dei bambini.

In special modo di alcuni bambini, quelli più deboli ed indifesi come Charlie, Ishai, Alfie…e tanti altri facendo però attenzione a non cadere nella trappola di suscitare una banalizzazione del male come direbbe Bauman in una società come quella attuale ‘liquida’ in cui la coscienza si inibisce; (tale azione infatti potrebbe essere la “zona grigia” di collaborazione al male di cui Primo Levi parlava).

Non dobbiamo girare lo sguardo altrove…succede adesso ai nostri vicini della porta accanto (domani potrebbe succedere a noi).

Oggi sta succedendo a Alfie Evans, un bambino di due anni affetto da una malattia degenerativa del sistema nervoso, a Liverpool in Inghilterra….Per noi Alfie è il nostro vicino della porta accanto.

Era stata annunciata, pochi giorni fa, (su sentenza del giudice dell’Alta Corte di Londra Anthony Paul Hayden) che la spina dei macchinari sarebbe stata staccata venerdì 13 aprile 2018.
Nel frattempo, l’ospedale “Alder Hey Children’s Hospital” (dove il bimbo è ricoverato) aiutato dallo Stato ha deciso di togliere la potestà ai genitori che lottano da tempo per il loro figlio e per il suo diritto alla vita.

Ieri sera Tom e Kate ( i genitori) hanno provato a portare via il loro figlio dal nosocomio di Liverpool ma sono stati bloccati dalla polizia. Sono seguite delle trattative con il legale dei genitori in ospedale in quanto la famiglia è forte di un documento che attesta il diritto e la legittimità dei genitori di fare uscire Alfie con una Equipe medicale e un aereo pronti ad aspettarlo.

Al momento i genitori sono ancora in ospedale con il bambino e una folla di sostenitori si è radunata davanti al nosocomio inglese.

Ma ditemi “se questo è un uomo”…. quali uomini e donne vogliamo che divengano le generazioni future? (con questi esempi ed insegnamenti negativi).

Continueremo a far finta di nulla mentre dei giudici continueranno ad ergersi a Dio e porteranno via Alfie e prima di lui Charlie e tanti altri innocenti? Verso che futuro ci vogliamo dirigere? Avremo ancora il coraggio di guardarci allo specchio?

Certamente lo specchio ci farà vedere il meglio di noi se scegliamo e sceglieremo sempre di combattere la buona battaglia ma non rimandandola a domani, il futuro è già oggi.

Oggi dobbiamo impegnarci e lottare contro la cultura dello scarto, della morte, della soppressione dei più deboli e Papa Francesco è con noi!

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

13/04/2018
0702/2023
San Riccardo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

La riforma della scuola è legge, ora un milione di sentinelle

Il gender entra in classe, la risposta deve essere dei genitori, lo strumento è quello del “consenso informato”: no alla colonizzazione ideologica, giù le mani dai nostri figli

Leggi tutto

Politica

Scuola, Appendino ideologica e autoritaria

L’assessore alla Scuola Federica Patti, per cercare di limitare il clamore suscitato dalla decisione della giunta – quella di spezzare le reni agli istituti paritari – ha rilasciato un’intervista a Paola Pintus che appare la classica toppa peggiore dello strappo. Patti si esibisce allora in una serie di omissioni e di manipolazioni della legge Berlinguer 62/2000 che solo alla disonestà o all’impreparazione può attribuirsi

Leggi tutto

Storie

La storia di Joan bimbo da tutelare

Era stato brandito come la “mascotte” dell’Umbria Pride, il bambino a cui Chiara e Laura hanno deliberatamente negato la possibilità di avere una vita normale a contatto con l’uomo da cui discende, e in più gli hanno scientemente parcellizzato la figura materna, poiché una ha dato l’utero, l’altra l’ovulo con cui il bambino è stato fabbricato. Ora la trascrizione dell’atto di nascita.

Leggi tutto

Società

L’aborto non è un diritto

Monica Cirinnà ha istericamente attaccato il manifesto prolife dell’associazione di Antonio Brandi. Tracotanza infinita. Ma noi non ci fermiamo perchè le battaglie siamo abituati a vincerle!

Leggi tutto

Politica

Sette buone ragioni per andare a firmare la proposta del PdF

Il conservatore guarda indietro per andare avanti» (Prezzolini). Ecco perché tornare alla famiglia

Leggi tutto

Politica

VALUTAZIONI POLITICHE SU VERONA

Finalmente si può parlare del Congresso di Verona potendo commentare le parole effettivamente pronunciate, lasciando da parte i sentito dire, ed è un bel sollievo: basta dietrologie e spazio alla valutazioni su quanto si è affermato.  Il Popolo della Famiglia come si sa non partecipa al Congresso di Verona proprio per il legame evidente e troppo stretto che si è voluto creare con un governo la cui azione è giudicata molto negativamente

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano