Storie

di Marie Christine Jeannenot

Se questo è un uomo ed il diritto alla vita

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Il “J’accuse” d’Emile Zola un grido dell’anima di fronte al dramma, potrebbe essere usato in molti casi nelle nostre società moderne…soprattutto quando si parla dei diritti dei più deboli e in questo caso dei piccoli, dei bambini.

In special modo di alcuni bambini, quelli più deboli ed indifesi come Charlie, Ishai, Alfie…e tanti altri facendo però attenzione a non cadere nella trappola di suscitare una banalizzazione del male come direbbe Bauman in una società come quella attuale ‘liquida’ in cui la coscienza si inibisce; (tale azione infatti potrebbe essere la “zona grigia” di collaborazione al male di cui Primo Levi parlava).

Non dobbiamo girare lo sguardo altrove…succede adesso ai nostri vicini della porta accanto (domani potrebbe succedere a noi).

Oggi sta succedendo a Alfie Evans, un bambino di due anni affetto da una malattia degenerativa del sistema nervoso, a Liverpool in Inghilterra….Per noi Alfie è il nostro vicino della porta accanto.

Era stata annunciata, pochi giorni fa, (su sentenza del giudice dell’Alta Corte di Londra Anthony Paul Hayden) che la spina dei macchinari sarebbe stata staccata venerdì 13 aprile 2018.
Nel frattempo, l’ospedale “Alder Hey Children’s Hospital” (dove il bimbo è ricoverato) aiutato dallo Stato ha deciso di togliere la potestà ai genitori che lottano da tempo per il loro figlio e per il suo diritto alla vita.

Ieri sera Tom e Kate ( i genitori) hanno provato a portare via il loro figlio dal nosocomio di Liverpool ma sono stati bloccati dalla polizia. Sono seguite delle trattative con il legale dei genitori in ospedale in quanto la famiglia è forte di un documento che attesta il diritto e la legittimità dei genitori di fare uscire Alfie con una Equipe medicale e un aereo pronti ad aspettarlo.

Al momento i genitori sono ancora in ospedale con il bambino e una folla di sostenitori si è radunata davanti al nosocomio inglese.

Ma ditemi “se questo è un uomo”…. quali uomini e donne vogliamo che divengano le generazioni future? (con questi esempi ed insegnamenti negativi).

Continueremo a far finta di nulla mentre dei giudici continueranno ad ergersi a Dio e porteranno via Alfie e prima di lui Charlie e tanti altri innocenti? Verso che futuro ci vogliamo dirigere? Avremo ancora il coraggio di guardarci allo specchio?

Certamente lo specchio ci farà vedere il meglio di noi se scegliamo e sceglieremo sempre di combattere la buona battaglia ma non rimandandola a domani, il futuro è già oggi.

Oggi dobbiamo impegnarci e lottare contro la cultura dello scarto, della morte, della soppressione dei più deboli e Papa Francesco è con noi!

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

13/04/2018
1809/2019
S. Giuseppe da Copertino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Quarant’anni di Movimento per la Vita

Il 22 maggio del 1975 nasceva a Firenze il primo centro di aiuto alla vita, nucleo originario di un movimento che ha fatto la storia della difesa dei più deboli in Italia

Leggi tutto

Politica

Un anno di PDF: fortificati dal fuoco

Abbiamo proposto un modello organizzativo di cui andiamo orgogliosi, abbiamo steso una rete senza capi e capetti, ma dove i ruoli dirigenziali del movimento si ottengono lavorando sul territorio in armonia con gli altri (fattore decisivo, chi non è in comunione con gli altri e ha atteggiamenti divisivi viene accompagnato alla porta) e costruendo consenso. Così si sono messi in luce già decine di dirigenti del Popolo della Famiglia che saranno in grado di rappresentarne le istanze nelle assemblee elettive ad ogni livello, altri possono aggiungersi perché la caratteristica del Pdf è di essere un movimento totalmente aperto, aperto davvero con porte e finestre spalancate senza inutili burocrazie interne che ne bloccherebbero la crescita. Ognuno può essere protagonista e essere misurato sul livello di consenso che riesce a generare, proprio per questo dall’1% nazionale della nostra prima uscita alle amministrative probabilmente misureremo una percentuale più che raddoppiata a questa tornata, per poi puntare dritti allo sbarramento del 3% che è la porta che consentirebbe per la prima volta nella storia italiana ad un soggetto politico esplicitamente nato a difesa della famiglia e dei principi non negoziabili di sedere nella stanza dei bottoni.

Leggi tutto

Politica

La politica che lucra sulle dipendenze

Se il centrodestra ha Salvini che promuove la prostituzione, a sinistra Civati vanta i soldi che si farebbero con la droga. Sui nostri figli!

Leggi tutto

Società

Droga: al via i congressi pisani

La cittadina toscana si prepara ad aprire i battenti, nel prossimo fine settimana, di una rassegna che con un poco di ironia si potrebbe dire “ricreativa”: il paradiso artificiale passato fugacemente dai pusher sarà intronizzato in bella mostra per tre giorni. Dolci, gelati, vini, birre e caffè alla “cannabis light”. E pazienza se il Consiglio Superiore di Sanità ha detto che non esistono droghe leggere…

Leggi tutto

Società

Per la famiglia si paga prezzo

In migliaia a Milano a difesa dei valori, una festa gioiosa “sporcata” da un giornalismo mistificatore

Leggi tutto

Chiesa

Ha parlato il Papa, la causa è finita: la “letizia dell’amore” spinge ad aprirsi alla Grazia

Sull’esortazione apostolica postsinodale “Amoris lætitia”, pubblicata ieri, i giornali si sono spartiti la preda dei clic, dei like e degli share, al grido di “Il Papa apre a…”. Salvo poi dover ribadire già in catenaccio (e ancora di più nei testi degli articoli) che l’auspicata agendina radical chic non è stata copiata nell’agenda della Chiesa. Francesco ha però rinnovato lo slancio a giocare appieno il potere che il Vangelo ha di incendiare i cuori e disporli alle sue esigenze

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano