Storie

di Marie Christine Jeannenot

Se questo è un uomo ed il diritto alla vita

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Il “J’accuse” d’Emile Zola un grido dell’anima di fronte al dramma, potrebbe essere usato in molti casi nelle nostre società moderne…soprattutto quando si parla dei diritti dei più deboli e in questo caso dei piccoli, dei bambini.

In special modo di alcuni bambini, quelli più deboli ed indifesi come Charlie, Ishai, Alfie…e tanti altri facendo però attenzione a non cadere nella trappola di suscitare una banalizzazione del male come direbbe Bauman in una società come quella attuale ‘liquida’ in cui la coscienza si inibisce; (tale azione infatti potrebbe essere la “zona grigia” di collaborazione al male di cui Primo Levi parlava).

Non dobbiamo girare lo sguardo altrove…succede adesso ai nostri vicini della porta accanto (domani potrebbe succedere a noi).

Oggi sta succedendo a Alfie Evans, un bambino di due anni affetto da una malattia degenerativa del sistema nervoso, a Liverpool in Inghilterra….Per noi Alfie è il nostro vicino della porta accanto.

Era stata annunciata, pochi giorni fa, (su sentenza del giudice dell’Alta Corte di Londra Anthony Paul Hayden) che la spina dei macchinari sarebbe stata staccata venerdì 13 aprile 2018.
Nel frattempo, l’ospedale “Alder Hey Children’s Hospital” (dove il bimbo è ricoverato) aiutato dallo Stato ha deciso di togliere la potestà ai genitori che lottano da tempo per il loro figlio e per il suo diritto alla vita.

Ieri sera Tom e Kate ( i genitori) hanno provato a portare via il loro figlio dal nosocomio di Liverpool ma sono stati bloccati dalla polizia. Sono seguite delle trattative con il legale dei genitori in ospedale in quanto la famiglia è forte di un documento che attesta il diritto e la legittimità dei genitori di fare uscire Alfie con una Equipe medicale e un aereo pronti ad aspettarlo.

Al momento i genitori sono ancora in ospedale con il bambino e una folla di sostenitori si è radunata davanti al nosocomio inglese.

Ma ditemi “se questo è un uomo”…. quali uomini e donne vogliamo che divengano le generazioni future? (con questi esempi ed insegnamenti negativi).

Continueremo a far finta di nulla mentre dei giudici continueranno ad ergersi a Dio e porteranno via Alfie e prima di lui Charlie e tanti altri innocenti? Verso che futuro ci vogliamo dirigere? Avremo ancora il coraggio di guardarci allo specchio?

Certamente lo specchio ci farà vedere il meglio di noi se scegliamo e sceglieremo sempre di combattere la buona battaglia ma non rimandandola a domani, il futuro è già oggi.

Oggi dobbiamo impegnarci e lottare contro la cultura dello scarto, della morte, della soppressione dei più deboli e Papa Francesco è con noi!

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

13/04/2018
2603/2019
San Teodoro vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Appello a una bella famiglia

Niente foglie di fico per il Sanremo di Conchita Wurst

Leggi tutto

Storie

Priorità è tornare a fare figli

L’Istat certifica inesorabilmente il lungo e strutturale declino demografico italiano. Nel 2015 sono stati iscritti all’anagrafe per nascita 485.780 bambini, quasi 17mila in meno rispetto al 2014, a conferma della tendenza alla diminuzione della natalità (-91mila nati sul 2008). E nei primi sei mesi del 2016 il trend continua inesorabile il volo in picchiata verso il basso: i nuovi nati sono diminuiti del 6%. Il triplo rispetto a un anno fa. Denatalità che ormai risulta sempre più trasversale: italiani e immigrati. I nati da coppie di genitori entrambi italiani scendono a 385.014 nel 2015 (oltre 95 mila in meno negli ultimi sette anni). Ma per il secondo anno consecutivo scende anche il numero di nati da coppie residenti in Italia con almeno un genitore straniero: sono quasi 101 mila nel 2015, pari al 20,7% del totale dei nati a livello medio nazionale (circa il 29% nel Nord e l’8% nel Mezzogiorno).

Leggi tutto

Società

La morte di Charlie punto di non ritorno

Ci siamo mancano poche ore Quondo accadrà cio’ che sembrava impossibile. Un bimbo indifeso verrà ucciso senza pietà in un ospedale inglese. I suoi genitori si oppongono fortemente ma e’ lo stato padrone che decide. Poche le voci di protesta innanzi ad un atto vile ed ingiustificabile. Stiamo toccando il fondo ma la gente continua a guardare!

Leggi tutto

Chiesa

L’altra faccia del convegno vaticano sull’eutanasia

E’ balzata alla ribalta dell’attenzione nazionale la notizia del WMA European Region Meeting on End-of-Life Questions che coinvolgerà una trentina di specialisti della materia in una due-giorni ospitata in Vaticano. L’evento non sembra studiato per far discutere, ma semmai per pura accademia

Leggi tutto

Società

L’Irlanda s’incammina sulla scia del resto dell’Europa occidentale verso la “cultura della morte”

Iil 25 maggio 2018 rappresenta un passaggio destinato a segnare un’epoca: l’Irlanda, terra di secolari radici cristiane, s’incammina sulla scia del resto dell’Europa occidentale verso la “cultura della morte”. Crediamo, però, abbia gli anticorpi per scuotersi finalmente e risalire la china.

Leggi tutto

Società

Sposatevi e figliate… spieghiamolo bene

Uno scritto privato di una nostra autrice è diventato virale sui social (addirittura venendo spacciato per “omelia di Natale” di un sacerdote). La stessa s’interroga oggi sul contenuto di quel testo che ha innescato la viralità. Non si fanno classifiche tra le madri e le non-madri, o tra le casalinghe e le donne in carriera: però la vita esige un vero impegno per la fecondità.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano