Storie

di Davide Vairani

Il futuro di Vincent

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Due ore e trenta minuti. L’ennesima udienza per l’affaire Vincent Lambert - fissata ieri presso il tribunale amministrativo di Châlons en Champagne - si è consumata rapidamente. Le parti hanno esposto le proprie tesi, il giudice ha ascoltato ed entro la fine di questa giornata (venerdì 20 aprile 2018) molto probabilmente si esprimerà. Fine delle trasmissioni.

Triste. Fuori dall’aula di tribunale non ci sono manifestanti e neppure dentro. In un anonimo salone in tutto forse dieci o quindici persone in tutto. Non ci sono giornalisti. I media francesi non lanciano dirette web, non leggi alcun lancio di agenzia. Il silenzio. Un solo giornale, l’”Union”, un quotidiano locale, passa una stringata rassegna di tweet dell’unico giornalista che dal social network invia brevi cinguettii di cronaca dell’udienza e accende la telecamera per filmare quanto avviene: G. Amir-Tahmasseb (@AmirTahmasseb ). Triste vedere in quel perimetro sedersi da un lato Viviane e Pierre Lambert – i genitori di Vincent – vicino ai loro tre avvocati e nell’angolo opposto Rachel, la moglie di Vincent, con il suo avvocato. Evitano accuratamente di sfiorarsi e di incrociare anche per sbaglio i loro sguardi. Vincent ovviamente non c’è, ma è forse la presenza che più si respira: una presenza che provoca e che urta. Basta guardare i visi tirati di tutti i familiari del giovane 42enne ex infermiere in stato di semi-coscienza a causa dei postumi di un incidente stradale nel lontano 2008. Dieci anni di incomprensioni, di lotte e di battaglie legali per decidere se Vincent debba morire oppure vivere. Il resto è solo misera e triste cronaca di una mattina che si consuma in schermaglie, accuse, attacchi.

L’udienza inizia puntuale: ore 09.30. Per primi gli avvocati richiedenti. Gli interventi dei tre avvocati di Vivianne e Pierre Lambert durano quasi due ore. La linea è chiara. Il primo accusa l’ospedale di Reims - dove Vincent è ricoverato - di “violare il diritto fondamentale di tutela del miglior interesse delle persone adulte in situazioni protette” che non possono esprimere la propria volontà. La decisione del 09 aprile 2018 presa dalla quinta riunione collegiale dell’ospedale di Reims di sospendere i trattamenti a Vincent non è stata presa nel suo vero interesse. Per sostenere questa tesi, l’avvocato mette anzitutto in discussione la neutralità di Rachel Lambert, sua moglie e tutore, nonché la competenza del dott. Sanchez, primario del dipartimento dell’ospedale di Reims, nel valutare sul piano medico la condizione di Vincent. Rachel è l’unica persona autorizzata legalmente ad esprimere e proporre soluzioni per Vincent. “Da sempre si è schierata a favore della sospensione a Vincent dell’alimentazione e dell’idratazione, non può essere imparziale, non può quindi essere in grado di prendere la decisione giusta per il bene di suo marito”.

Il secondo avvocato prosegue lungo la linea tracciata dal proprio collega. Deve dimostrare che il primario dell’ospedale di Reims non è nelle condizioni di esprimere un giudizio clinico adeguato. “Ci sono 24 specialisti del settore pronti a prendersi cura di Vincent Lambert” - attacca. E aggiunge: “Questa è la prima volta che un ospedale sta cercando in tutti i modi di provocare la morte di un proprio paziente e si rifiuta di accettare elementi medici e valutazioni portati da altri esperti”. I video prodotti e consegnati al giudice durante l’udienza provano che Vincent può deglutire “ma l’ospedale e il dott. Sanchez si rifiutano di prenderli in considerazione”. “Tutti gli specialisti – aggiunge – constatano che Vincent ha fatto enormi progressi in questi anni” e che “non si trova in una condizione di stato vegetativo, ma di coscienza minimale”. “Le menzogne e la scandalosa manipolazione della realtà da parte del Dr. Sanchez” – conclude l’esposizione – hanno impedito di vedere il fatto che Vincent “n’est pas un corps en souffrance mais un homme apaisé”. Per questi motivi, Vincent Lambert non è tutelato nei suoi diritti e libertà fondamentali.

È il turno del terzo avvocato di Viviane e Pierre Lambert. “Vincent Lambert non ha niente a che fare con una unità di cure palliative. Vincent non è in una situazione di ‘fine vita’”. “Chiediamo pertanto che venga trasferito in una struttura specializzata in grado di prendersi cura davvero di una persona che ha bisogno di un piano di recupero delle autonomie di vita” oppure che venga almeno “allontanato dalla diretta gestione del Dr. Sanchez”: “descendre de deux étages au CHU dans le service de médecine physique et de réadaptation”. “Chiedo, vostro onore, di restituire Vincent a coloro che sanno come prendersene cura, non a un reparto di geriatria. Se così avverrà, non esisterà più un ‘caso’ Vincent Lambert”.

Dopo due ore di audizione, il resto si consuma in poche decine di minuti. Prima il turno dell’avvocato dell’ospedale universitario di Reims, Demarais. Denuncia “una strumentalizzazione della giustizia, della legge e dell’opinione pubblica” da parte dei genitori di Vincent Lambert e dei loro avvocati. Ricorda le pressioni subite dall’ospedale e dai medici (addirittura denunce penali). Pochi minuti. Arriva il turno dell’avvocato di Rachel Lambert, verso mezzogiorno. Denuncia la pressione indebita che i genitori di Vincent stanno conducendo da anni: “Vincent Lambert è tenuto in ostaggio. Volete capire che è in stato vegetativo da dieci anni e che da almeno cinque di questi assistiamo ad una irragionevole ostinazione a tenerlo in vita?”.

Arriva di corsa l’avvocato di François Lambert, il nipote, da sempre vicino alla moglie Rachel. Quattro minuti d’orologio di intervento. “Quand la passion est présente seul le droit est là pour trancher”. In questa situazione, “on essaye de déplacer le débat juridiqque“. Il punto è uno e uno solo : sapere se la decisione del Dr. Sanchez rispetti o meno la legge Lionetti (la legge francese in materia di ‘fine vita’ ndr). “C’est le cas ici. La décision est motivée, respecte la jurisprudence”. Fine dell’udienza.

Viene voglia di uscire. E andare via, lontano. Lontano dalle aule giudiziarie chiamate a decidere la sorte terrena di una persona che non può parlare e né scrivere. Lontano. Forse lo vorresti anche tu Vincent: andare lontano e finalmente in pace. Alzarti ed andare. Uscire da quell’ospedale. Ricominciare a vivere.

“Via via

Vieni via di qui

Niente più ti lega a questi luoghi

Neanche questi fiori azzurri

Via via

Neanche questo tempo grigio

It’s wonderful

It’s wonderful

It’s wonderful

Good luck my baby

It’s wonderful

It’s wonderful

It’s wonderful

I dream of you”

20/04/2018
2205/2018
Santa Rita da Cascia

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Adesso pure la “locura” dell’eutanasia

Un gruppo di volti televisivi dai nomi altisonanti, sono stati utilizzati dai radicali dell’Associazione Luca Coscioni per un video che chiede l’approvazione della legge di iniziativa popolare che legalizzerebbe l’eutanasia depenalizzando la soppressione di malati che, a sentire Veronesi, avviene sistematicamente e silenziosamente negli ospedali italiani.

Leggi tutto

Chiesa

Dal Sinodo parole chiare, non collaboriamo con chi vuole distruggere la Chiesa

Le interpretazioni dei giornali, purtroppo talvolta affidate a cattolici, sono interessate e fuorvianti. Basta leggere la relazione finale

Leggi tutto

Politica

Francia: tutti i volti ed i programmi dei candidati presidenti

François Fillon, Jean-Luc Mélenchon, Emmanuel Macron, Marine Le Pen, Benoît Hamon: chi sono e che cosa propongono? Ecco una rassegna ragionata delle loro promesse elettorali su tematiche importanti e divisive quali immigrazione, istruzione, laicità, ecologia, sicurezza, orario di

Leggi tutto

Storie

Charlie Gard e quei decisivi ritardi nelle cure

I team medici sarebbero stati ancora disponibili a tentare la terapia. Compromessi comunque i muscoli

Leggi tutto

Politica

Lo stato non ci pensa e lo farà la Chiesa

La diocesi di Brescia finanzia bandi diocesani per borse di studio in favore di famiglie a basso reddito che optano con i loro figli per le paritarie. Giusto ma, alla lunga, pericoloso… Il Rapporto 2017 sulla
scuola cattolica, infatti, certifica la deresponsabilizzazione dello Stato nei confronti dell’esercizio di un diritto-dovere dei genitori costituzionalmente (e internazionalmente) sancito

Leggi tutto

Società

La povera famiglia italiana

I dati Istat certificano che le famiglie sono sempre più lasciate sole, in Italia e in Europa: una su quattro vive un forte disagio economico

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2018 La Croce Quotidiano