Chiesa

di Claudia Cirami

A 25 anni dal primo duro anatema alla mafia

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

La diocesi di Agrigento avrebbe ricordato quella visita storica, 25 anni fa, anche se non fosse accaduto nulla di particolare. Era la prima volta di un Papa nella bistrattata e martoriata terra di San Calogero e San Gerlando, di Pirandello e Sciascia, di Rosario Livatino e Antonino Saetta, arsa dal sole in estate e assetata di pace e giustizia per tutto l’anno. «Sapevamo che era un’ora straordinaria di grazia», ha commentato in questi giorni Mons. Carmelo Ferraro, arcivescovo di Agrigento all’epoca della visita. Chi è stato testimone oculare di quei giorni eccezionali ricorda quella sensazione di gioia interiore, che faceva superare qualsiasi difficoltà organizzativa e logistica. Conserva l’ebbrezza di un presentimento di benedizione nell’aria, fin dai giorni precedenti. Accarezza mentalmente quell’incontrarsi, per strada, mentre ci si recava nei luoghi della visita, felici di poter abbracciare, non solo idealmente, quell’uomo vestito di bianco, dal sorriso aperto e dalla parola disarmante. Per Agrigento anche soltanto quel volto e quello sguardo, quella figura e quel passo sarebbero stati una benedizione. Ma quello che è accaduto può essere espresso con l’espressione di Paolo: «dove ha abbondato il peccato, ha sovrabbondato la Grazia». Perché Dio non si risparmia in generosità.

Non era possibile prevedere, invece, che, in un pontificato che ha avuto per estremità i 4 angoli della terra, anche tanti altri, in diverse parti d’Italia e del mondo, avrebbero conservato nella memoria il ricordo di quella visita. Per quel grido e quell’indice sollevato che incendiò il Piano San Gregorio e tutta la Valle dei Templi. Per quella forza emotiva che, proveniente dall’interno, si irradiò in tutta la persona del pontefice. Per quelle parole, scolpite, gravi, sicure, che a distanza di tempo non hanno perso una virgola del loro valore in tutti i luoghi del pianeta in cui la vita umana è minacciata, calpestata, distrutta dai locali signori della morte. Per quel discorso, al tempo stesso così profondamente permeato di riferimenti all’humus siciliano, che perde la sua connotazione generica per divenire “carne e sangue” in una terra percossa dalle frustate della mafia. Per quel Papa – in un ben determinato momento della storia – così pienamente umano e, al tempo stesso, così intimamente ricolmo di Spirito Santo.

La Chiesa agrigentina, insieme a tutta la Chiesa siciliana, oggi fa memoria del 25°mo anniversario della visita di San Giovanni Paolo II. Arrivò e rimase nella Valle dei Templi l’8 e il 9 Maggio del 1993 e, per ricordare quei due giorni in cui il Signore ha benedetto la terra siciliana proprio attraverso la persona del pontefice, tutti i vescovi siciliani si ritroveranno oggi, alle 18:00, a concelebrare una Santa Messa al Tempio della Concordia. Sarà anche possibile seguire l’evento in diretta televisiva su Tv2000. Una lettera dei vescovi siciliani sigillerà il ricordo di questo venticinquesimo anniversario. Il luogo della celebrazione eucaristica ovviamente non è scelto a caso. Nell’indimenticabile passaggio conclusivo della S. Messa a Piano San Gregorio, Giovanni Paolo II citò anche quel tempio (una delle più belle testimonianze della grecità in terra agrigentina), il cui nome, “Concordia”, meritava una più attenta considerazione proprio in relazione agli eventi luttuosi che stavano funestando l’isola. «Sia questo nome profetico. Vi sia concordia in questa vostra terra – tuonò il santo polacco – Una concordia senza morti, senza assassinati, senza paure, senza minacce, senza vittime. Che sia concordia. Sia la pace a cui aspira ogni popolo, ogni persona umana, ogni famiglia».

Il 2 Maggio la diocesi di Agrigento ha già vissuto un momento di riflessione su questo avvenimento. Nella Chiesa dedicata a San Pietro è stato tenuto un incontro che ha visto la partecipazione sia del Cardinale Francesco Montenegro, sia di mons. Ferraro. Nell’occasione è stata ricordata anche la visita che Papa Francesco ha compiuto a Lampedusa, l’8 Luglio del 2013, rinnovando l’attenzione dei Vicari di Cristo per terre spesso dimenticate dalle cronache, se non quando salgono alla ribalta per situazioni problematiche o drammatiche. Anche altre parrocchie di Agrigento, negli stessi giorni, hanno preparato momenti di riflessione e di preghiera. Perché questa data di oggi non trascorresse invano.

La mafia in Sicilia esiste ancora come un filone sotterraneo di cattivo metallo. Meno violenta ma non meno pervasiva. Di fronte all’ennesimo arresto o ad un’inchiesta, siamo tentati di richiamare alla memoria un’altra parola: “Non hai riconosciuto il tempo in cui sei stata visitata”. Gesù nel Vangelo fa il suo lamento su Gerusalemme, mettendola davanti, dolorosamente, alle conseguenze di questo mancato riconoscimento. Potremmo dire: Agrigento e Sicilia tutta – come Gerusalemme – non sei riuscita a far tesoro della Grazia che hai avuto in dono. Non hai colto il passaggio di Dio in mezzo al suo popolo, non hai compreso la necessità di un cambiamento. Ma questa non sarebbe tutta la verità.

Chi ha vissuto e respirato in quegli anni e in quelle contrade siciliane ricorda quel senso di sgomento e di sfiducia, quella mestizia profonda, nutrita dall’ennesimo omicidio, quel sentimento di sottomissione al corso degli eventi, che permeava persino il cuore dei giovanissimi. Giovanni Paolo II non pronunciò parole magiche ma rinnovatrici e latrici di speranza. Capaci di trapassare l’oggi dell’uomo – che spesso vede solo problemi e drammi, delusioni e fallimenti – per indicare il giorno di Dio. Per sottolineare che la presunta invincibilità di alcuni aveva i giorni contati perché il giudizio divino sarebbe arrivato prima o poi. Per orientare verso l’unica possibilità che abbiamo di riportare una vita rovinata e perniciosa alla bellezza originaria di quel “Facciamo l’uomo a nostra immagine, a nostra somiglianza”: la conversione. Il suo “Convertitevi”, scandito senza lentezza e con una precisione straordinaria, maturato nell’incontro con una mater dolorosa, la madre di Rosario Livatino, esplode in un preciso momento e si consolida nel tempo come un invito a tutti gli uomini apparentemente perduti perché cambino il loro sguardo sulla vita. Perché tornino a quel Dio Amore che non li ha creati per delinquere, uccidere, spezzare i sogni degli altri. Se oggi nell’isola si spera ancora, è anche grazie a quel grido che si levò potente dalla Valle dei Templi. Se l’oggi siciliano può credere ancora in un domani migliore, ignorando la sua fatica quotidiana, la stasi, gli intoppi e le brutture, è per quelle parole che hanno aperto una fenditura in un muro di rassegnazione, da cui è passato – finalmente – il raggio della speranza. In un modo difficile da definire per la pochezza di qualsiasi vocabolario, qualsiasi iniziativa di bene in questi 25 anni ha trovato la sua forza, il suo input proprio nel breve ma penetrante discorso di San Giovanni Paolo II. Ricordando quei giorni, mons. Ferraro ha detto: «Ci ha parlato col cuore». In una terra che non riusciva più a percepire i battiti del suo è stato come rinascere.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

09/05/2018
0512/2019
San Giulio martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Un abbonamento per il Papa

Papa Francesco dice in un’intervista che legge “solo Repubblica”. Noi gli offriamo un abbonamento gratuito a La Croce.

Leggi tutto

Chiesa

Perdono, genocidio e misericordia

San Giovanni Paolo II, più volte, aveva parlato prima delle tensioni nel paese e, fin dall’Aprile del 1994, non mancò di appellarsi al ritorno della pace: «Le tragiche notizie che giungono dal Ruanda suscitano nell’animo di tutti noi una grande sofferenza. Un nuovo indicibile dramma: l’assassinio dei capi di Stato di Ruanda e Burundi e del seguito; il capo del Governo ruandese e la sua famiglia trucidati; sacerdoti, religiosi e religiose uccisi. Ovunque odio, vendette, sangue fraterno versato. In nome di Cristo, vi supplico, deponete le armi, non rendete vano il prezzo della Redenzione, aprite il cuore all’imperativo di pace del Risorto! Rivolgo il mio appello a tutti i responsabili, anche della comunità internazionale, perché non desistano dal cercare ogni via che possa porre argine a tanta distruzione e morte» (Regina Coeli 10 Aprile 1994). Qualche settimana dopo, la voce del Papa si fa ancora più sofferente e vibrante: «Vi invito accoratamente, ad una preghiera sofferta e fervorosa per il Ruanda. La tragedia di quelle popolazioni sembra non voler arrestarsi: barbarie, vendette, uccisioni, sangue innocente versato, ovunque orrore e morte. Invito quanti detengono responsabilità ad una azione generosa ed efficace perché si arresti questo genocidio. È l’ora della fraternità! È l’ora della riconciliazione!» (Udienza Generale 27 aprile 1994).

Leggi tutto

Chiesa

Il Papa ad Ariccia medita sull’ultima cena

Padre Giulio Michelini ha esposto al Santo Padre Francesco la terza meditazione del suo corso di esercizî quaresimali: il tema erano il pane e il vino consacrati da Cristo nell’ultima cena (e dalla Chiesa nell’Eucaristia). «Il sangue di Cristo viene versato per molti per la remissione dei peccati. Così chi legge il Vangelo scopre cosa significa il nome di Gesù – il Signore salva»

Leggi tutto

Politica

Precisando alcuni dati del PDF

La risposta al successo della tornata amministrativa dell’11 giugno è stata un crescendo di interventi polemici evidentemente rabbiosi e addirittura la nascita di un fantomatico gruppo di “delusi dal Popolo della Famiglia”, ovviamente presente in forma anonima con una pagina su Facebook. Questa pagina raccoglie anche alcuni articoli del quotidiano La Croce, firmati da Mirko De Carli, tratti da pagine di agenzie di stampa come Asianews e altre, in alcuni casi riportate integralmente. L’attacco a Mirko De Carli non è casuale, visto il risultato eccezionale ottenuto da questo dirigente del Popolo della Famiglia della prima ora, che ha portato il nostro simbolo a sfiorare il 15% in una terra rossa da settant’anni come Riolo Terme in Romagna. La pagina riporta fatti dell’anno scorso che guarda caso sono finiti su Facebook a due giorni dal voto, con una viltà degna dei vermi peggiori.

Leggi tutto

Politica

Alternative für Deutschland: lezioni da imparare

Il “giornalista collettivo” non ha ancora imparato la lezione: in tempo di analfabetismo sociopolitico e di malcontento diffuso attaccare un partito rampante con l’epiteto di “populista” si rivela controproducente. Il partito fondato da Frauke Petry e oggi diretto da Alice Weidel deve invece interpellare a fondo l’anima popolare d’Europa (i punti guadagnati da AfD sono quelli persi da CDU): non mancano le ambiguità e le contraddizioni, ma vanno studiate.

Leggi tutto

Politica

PDF le cinque cose da fare subito

L’assemblea nazionale ha incaricato due commissioni (presiedute da Nicola Di Matteo e Fabio Torriero) di indicare candidati e programma del Popolo della Famiglia per le prossime elezioni politiche

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano