Storie

di Emilia Flocchini

Riccardo Ferrigato racconta l’azione del Papa che provò a salvare la vita di Aldo Moro

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

In una situazione d’immobilità come quella legata al sequestro e all’uccisione di Aldo Moro, l’unico a essersi effettivamente impegnato per salvarlo è stato papa Paolo VI. Questa è la tesi contenuta in «Non doveva morire – Come Paolo VI cercò di salvare Aldo Moro», appena pubblicato dalle edizioni San Paolo, a firma di Riccardo Ferrigato. Dovrebbe essere un fatto assodato, ma molto spesso viene celato sotto quell’immagine di mestizia e sofferenza con tratti di pessimismo che, nonostante l’impegno degli storici, risulta prevalente riguardo al prossimo Papa santo.

Grazie al contributo di monsignor Leonardo Sapienza, Reggente della Prefettura della Casa Pontificia e autore a sua volta di libri su vari aspetti del pontificato montiniano, Ferrigato ha potuto aver accesso a documenti rimasti riservati fino a oggi. Su tutti spicca la bozza, rinvenuta in fotocopia, della lettera agli uomini delle Brigate Rosse, pubblicata il 22 aprile 1978. A correzioni operate dallo stesso Paolo VI si affiancano cancellature e altri interventi che non sono affatto di sua mano. L’ipotesi di Ferrigato è che l’autore materiale sia monsignor Pasquale Macchi, segretario particolare del Papa, ma che siano state suggerite da monsignor Agostino Casaroli, all’epoca segretario del Consiglio per gli Affari pubblici della Santa Sede.

La più evidente riguarda la frase che fece discutere particolarmente la stampa e gli stessi familiari di Moro: «Vi prego in ginocchio, liberate l’onorevole Aldo Moro, semplicemente, senza condizioni». Quell’espressione per decenni è stata considerata segno di forte chiusura, ma nella bozza era riportata come «senza alcuna imbarazzante condizione». Il cambiamento, afferma l’autore, è stato dovuto al fatto che la trattativa messa in atto da Montini doveva restare segreta. Compromettersi con i terroristi e annunciarlo tramite un messaggio pubblico avrebbe comportato far saltare tutto quello che era stato costruito fino ad allora.

I documenti e le testimonianze, queste ultime tratte in maggioranza dalle audizioni della Commissione Moro, presentano infatti il lavoro nascosto che il Papa aveva attuato tramite alcuni collaboratori. Anzitutto, monsignor Cesare Curioni, ispettore centrale dei cappellani carcerari italiani, che dovette cercare di aprire un canale per arrivare ai brigatisti e pagare un forte riscatto (nell’ordine di decine di migliaia di lire).

Poi il cardinal Ugo Poletti, Vicario di Sua Santità per la città di Roma. Sotto il pretesto di portare conforto alla famiglia dell’onorevole, come effettivamente faceva, riferiva a sua moglie Eleonora che l’impegno per salvarlo non era solo a parole. Lo dimostra uno dei documenti inediti, la relazione che lo stesso Poletti stese per riferire al Papa l’incontro del 6 aprile 1978 con la famiglia del prigioniero. Quindi don Antonello Mennini, viceparroco della parrocchia di Santa Lucia a Roma, a cui fu dato il compito di recapitare al Papa una delle tre missive fatte trovare, il 19 aprile 1978, dietro un cartellone pubblicitario. Infine, il già citato monsignor Casaroli, incaricato di mediare con Giulio Andreotti, presidente del Consiglio dei Ministri della Repubblica Italiana.

Il volume riporta i documenti sia in trascrizione, sia con riproduzioni il più possibile fedeli all’originale. Lo stile dell’autore non dà troppe concessioni alla retorica, salvo prendere accenti dolorosi quando riporta le sofferenze sia di Moro sia di Montini. Le ultime sessanta pagine costituiscono l’appendice dove Ferrigato espone le zone d’ombra riguardo a don Curioni e a don Mennini, presentando alcune ipotesi a riguardo.

Al termine della lettura viene da pensare che Moro si fosse sbagliato nello scrivere: «Il Papa ha fatto pochino e forse ne avrà scrupolo». Lui, però, non poteva sapere tutto quello che in realtà accadeva, visto che nella sua prigione le notizie erano filtrate dai carcerieri. Chi legge questo libro, invece, capisce che i tentativi sono stati ben più di pochi, anche se non hanno avuto esito.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

09/05/2018
1602/2019
Sant'Onesimo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Marco Tarquinio parliamone….

Caro Marco, ci conosciamo da un quarto di secolo e i miei primi anni di vita professionale li ho condotti apprezzando le tue doti di collega accorto e ligio, aiutando credo in maniera decisiva la tua scalata alla direzione di Avvenire. Mi permetterò dunque la franchezza per una volta spoglia dalle ipocrisie del cattolichese, a cui il tuo giornale quotidianamente ci abitua. Il riferimento è alla lettera di Valeria Fedeli e alla tua risposta pubblicate il 20 dicembre 2016 sotto il titolo “Fedeli: il mio impegno per educare alla parità tra uomo e donna”. Il Popolo della Famiglia, movimento che presiedo, non chiama la signora ministro o ministra o che dir si voglia, è indegnamente seduta a viale Trastevere avendo mentito sui suoi titoli di studio, millantato una laurea mai posseduta, addirittura non ha mai sostenuto neanche l’esame di maturità. Abbiamo dimostrato questi fatti con evidenza, colei che noi chiamiamo “pinocchia” li ha candidamente ammessi, con arroganza non ha presentato le dimissioni che sarebbero state considerate naturali e ovvie in qualsiasi paese del mondo. Anzi, cerca legittimazione venendo a scrivere una lettera densa di bugie proprio al direttore di Avvenire, che non ritiene di menzionare l’incidente del titolo di studio inventato (per non dover menzionare il Popolo della Famiglia), mentre nello scritto della signora riscontra “lineare chiarezza

Leggi tutto

Storie

La lezione di un piccolo borgo

Il modello politico del Popolo della Famiglia si consolida e, dopo le arrembanti esperienze delle amministrative 2016, si è confermato maturato a quelle del 2017. Mirko De Carli ha sfiorato la soglia del 15% a Riolo Terme: questo e altri risultati elettorali dimostrano che là dove il PdF non sia irretito da inadeguatezza di mezzi comunicativi, ovvero dove lo si riesca a vedere, il popolo lo premia.

Leggi tutto

Politica

La 5 ragioni per votate PDF a Roma X (e non solo)

Ci sono cinque ragioni fondamentali per votare domenica per il Popolo della Famiglia, facendo una croce sul nostro bellissimo simbolo e vado ad elencarle. Mutatis mutandis, sono ragioni valide non solo al municipio Roma X, ma credo valide per motivare il voto al Pdf in ogni contrada d’Italia anche alle prossime politiche.

Leggi tutto

Storie

San Paolo ed il gender

Durante un convegno di Gianfranco Amato e Silvana De Mari a Bagheria il professor Luciano Sesta, docente cattolico di antropologia filosofica e
bioetica all’Università di Palermo, ha voluto prendere la parola, dichiarando a sorpresa che a suo avviso il primo manifesto “gender” si troverebbe
nella lettera ai Galati di san Paolo. Si trattò di una provocazione, che però merita di essere sviscerata adeguatamente e in modo esaustivo

Leggi tutto

Politica

I politici che incedono come l’infida seppia

Uno dei problemi dei cattolici è che per (de)formazione scambiano l’acquiescenza per mitezza evangelica.

Leggi tutto

Società

Andrebbero processati i circoli Mario Mieli

Silvana De Mari è a processo per diffamazione – visto che non esiste ancora il reato di “istigazione all’odio omofobico” – e la parte lesa sarebbe il circolo Mario Mieli di Roma. Una rapida scorsa dei testi dell’omosessualista cui è intestato il circolo dovrebbe però bastare a giudicare chi veramente non dovrebbe avere diritto di cittadinanza in un Paese civile.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano