Storie

di Giuseppe Brienza

The shout of Ireland: “Let Them Live!”. Interview with Emily Faulkner

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

A group of American

pro-lifers, guided by Emily
Faulkner (23) and Nathan Berning (25), travelled from the US to lend
their support to the anti-abortion cause in the referendum on the 8th
Amendment that will take place in Ireland on
May 25th. The group is called “Let ThemLive.org” and
is connected to “The Leadership
Institute”, a conservative organisation founded in Virginia in 1979 by the
Republican leader Morton C. Blackwell. Emily Faulkner has released an exclusive
interview to “La Croce quotidiano” explaining why “Let ThemLive” came to Ireland and why they wanted to influence the
referendum.

Emily, When
and Why did you become a prolife activist?

I became a pro-life activist when I was in my second year in college.
Although I grew up in a pro-life family, I never fully understood what it meant
to be pro-life. I started a pro-life
group at Colorado State University where I went to college. That is how I got
into pro-life activism. I am pro-life because I did a lot of research on the
issue and decided that human life begins at conception. My background is in biology and science
supports the pro-life position, so it was pretty logical to be pro-life!

Could you explain us what do you mean when you say
that the anti-abortion stance is not primarily based on religious faith but rather on science?

I definitely believe that a lot of religious people are anti-abortion
because of their faith. I am a Catholic and that also shapes my beliefs. I
believe biology and embryology are just a great way to show when life begins
and to show that even the unborn child in the womb is a human being with equal
rights.

Why did “LetThemLive.org” decide to travel from the US
to Ireland in the imminence of the May 25th referendum?

Abortion is an international human rights issue and so it was an easy
decision to make to come to Ireland to share our knowledge of abortion.

Do you think that all the anti-abortion organisations
of the West should collaborate to support the cause of the integrity and
Sanctity of Innocent Human Life?

I fully believe all pro-life organizations should come together to defend
the unborn. We are all fighting to protect the right to life of the unborn and
the pro-life movement could be very, very strong if we all collaborated.

In Ireland leading clinicians say that Eighth Amendment
has created legal uncertainty. What do you reply them?

Physicians worldwide are supposed to provide lifesaving care. As someone
who wants to become a doctor, I believe I will have the responsibility to save
lives and never take lives. The 8th
Amendment has never prevented leading obstetricians and gynaecologists from
practicing medicine and caring for women. There was a statement released by 5
obstetricians and gynaecologists who are all former chairmen of the Institute
of Obstetricians and Gynaecologists that said they have never been prevented
from providing care. I have attached
that statement for you!

Less than 3 weeks left, a new poll by Millward Brown
shows that the NO abortion vote has risen by 10%, while the YES vote has fallen
by a massive 18%. What about the situation now? Do you think we really can “Savethe8th”!

I think everyone is doing everything they can at this point in regards to
the pro-life movement in Ireland. I believe Ireland is a pro-life nation that
will continues to protect the unborn in the womb!

Could you tell us an anecdote from your prolife campaign
in Dublin?

My team and I were passing out literature about when life begins and some
characteristics of an unborn fetus at 12 weeks and I had really great
interactions with the Irish people. They
are very eager to learn about the development of the fetus in the womb and are
surprised that a fetus at 12 weeks has detectable brain waves and can even
hiccup!

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

17/05/2018
0202/2023
Presentazione del Signore

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Unar, ecco perché i famosi libretti

Ora che tutta Italia ha visto dove va a parare l’oziosa tarantella del bullismo, degli atti omofobici e via dicendo, si può capire anche perché – da un lato – gli stessi interessati a vendere droga e
prostituzione si prodigassero tanto nell’assuefare i giovanissimi a un modello di sessualità rapace e consumistico; e si capisce pure – dall’altro – perché il Popolo della Famiglia si opponga al degrado

Leggi tutto

Politica

Residenza permanente USA per Charlie Gard

L’azione politica degli USA, cioè la concessione della residenza permanente, potrebbe rappresentare l’ultima spinta per convincere i soggetti coinvolti dell’opportunità di una soluzione del contenzioso a favore della famiglia Gard, ma potrebbe anche essere accolta dagli inglesi come un’indebita ingerenza nei propri affari interni, esacerbando ancora di più gli avvocati e il giudice Francis, inducendoli a non cedere alle nuove evidenze per il solo motivo di mostrare al mondo la superiorità del loro sistema legislativo. Francis ha già dichiarato alla seduta della settimana scorsa che è suo preciso dovere perseguire il bene del bambino e applicare la legge indipendentemente dalle ingerenze politiche e mediatiche.

Leggi tutto

Media

La nostra risposta: fare 5 cose

Contro il Popolo della Famiglia e i suoi dirigenti, invece, c’è una furia feroce che probabilmente è degna di miglior causa. Per la lobby che noi apertamente sfidiamo, per la sua politica contro la vita e contro la famiglia, per la visione del mondo che vuole trasformare le persone in cose, c’è un solo nemico da attaccare con tutte le energie fino a zittirlo: il Pdf. Torniamo alla domanda. Perché? Perché siamo ostinati e organizzati. Due fattori molto temuti: ostinazione e organizzazione. Sanno che ormai in ogni angolo del Paese c’è un nucleo territoriale organizzato del Popolo della Famiglia. Si tratta del frutto di due anni di lavoro casa per casa, compiuto dal Pdf attraverso l’esperienza di ben tre tornate amministrative ma anche con la presenza quotidiana e fattiva di monitoraggio di quel che accade. E così ogni settimana in Italia ci sono almeno dieci iniziative con dirigenti del Popolo della Famiglia che incontrano persone sul territorio, più di cinquecento all’anno. Ci sono gli iscritti, ci sono le liste, ci sono i candidati, ci sono 48.750 firme da raccogliere che saranno agevolmente raccolte, ci sono centinaia di migliaia di voti che certamente i nostri militanti otterranno alle prossime politiche sui 945 coraggiosi che candidandosi alla Camera e al Senato diranno: fate una croce sul simbolo del Popolo della Famiglia, tutto il resto l’abbiamo già sperimentato e ha portato al disastro attuale.

Leggi tutto

Storie

Gabriele Kuby, “impavida guerriera” antigender

È stato da poco tradotto in italiano l’ultimo saggio della già fortunata autrice di “Gender Revolution. Relativismo in azione”. La saggista e giornalista tedesca ha mietuto eccellenti consensi, con i suoi lavori, tra cui primeggia quello del Papa Emerito, il quale l’ha qualificata di «impavida guerriera». Nel suo “La rivoluzione sessuale globale” non ci si contenta di un’analisi superficiale, ma si produce anzi una diagnosi radicale dei fenomeni. Introduzione di Caffarra.

Leggi tutto

Politica

Riflessioni a mente fredda

Ora la domanda è: perché? Perché passano i giorni e ancora sembra essere ossessiva l’attenzione nei nostri confronti, nei confronti del nostro risultato? Se fosse stato così trascurabile come qualcuno a caldo ha provato a dire, non saremmo finiti subito nel dimenticatoio con una prece e un fiore sulla tomba? Riflettendo a mente fredda possiamo provare a darci alcune spiegazioni.

Leggi tutto

Media

Come si fa a giudicare la santità in tribunale?

Abbiamo incontrato Lodovica Maria Zanet, che oltre a essere un’autrice di libri di materia teologica e spirituale e una docente presso l’università salesiana di Torino, è pure una “postulatrice”, ossia uno degli attori principali dei processi per le “cause dei santi”. A lei dunque non potevamo che porre molte domande su come “si fanno” i santi (e anche su come non si fanno).

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano