Media

di Claudia Cirami

Andrea Torquato “Papà senza controllo.O dell’essere padri e non padreterni”

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Ogni volta – e sono già sette – un libro di Andrea Torquato Giovanoli è un’occasione da non perdere. Perché serve a rinfrancarsi, per sorridere, talvolta anche a commuoversi. È utile a fare il punto, a mettere a fuoco, a ritornare sui propri passi. “Papà senza controllo. O dell’essere padri e non padreterni” (Berica Editrice, pagine 154, euro 14,00) esce per la collana UOMOVIVO, ormai una garanzia per chi ama letture serie ma non seriose, divertenti ma non insulse, piacevoli ma senza compromessi con le ideologie di questo tempo.

La presentazione dell’autore sarebbe ormai superflua. È opportuno, però, ricordare ancora una volta che questo “ragioniere di studi, artigiano di mestiere e scrittore di carriera” – così nella quarta di copertina – è un felice marito e un papà. Ha una moglie (ancora la stessa, perché il matrimonio è risposta ad una vocazione, non un abito usa e getta) e sette figli: alcuni in cielo, altri che rallegrano e movimentano le sue giornate. Sulla paternità Giovanoli può certamente dire la sua (e lo fa egregiamente). In altri libri, lo scrittore ha trattato più volte il tema, ma essere padre è come un tesoro che non si esaurisce. Della paternità il nostro riesce a cogliere ormai ogni sfumatura, senza dimenticare di intersecarla con altri temi.

In Papà senza controllo, lo scrittore milanese riflette su aspetti della paternità e della vita, ma soprattutto sul modo in cui Dio entra in relazione con l’uomo. Lo fa partendo dalla quotidianità, dal rapporto con i figli e con la moglie, da quelle scene ordinarie, a volte serie, a volte comiche, tipiche di una famiglia dei nostri giorni. È proprio lì, tuttavia, che si nasconde il codice per capire quello che è essenziale. Tra un giro al negozio di giocattoli e uno specchio rotto, tra maccheroni e passeggiate, Giovanoli riesce a comprendere il modo in cui relazionarsi con i figli perché imparino la vita senza scorciatoie. Nelle stesse occasioni, tuttavia, sostando in riflessione, intuisce anche la maniera in cui Dio Padre ci educa perché anche noi impariamo, come i bambini della famiglia Giovanoli, a vivere senza accontentarsi di vivacchiare. In queste pagine – segnate da piccole storie in cui si intravede la bellezza della trama progettuale di Dio, intessuta per ognuno di noi – l’alternativa è tra fare da sé e affidarsi. Solo se ci affidiamo, riusciamo a cogliere almeno in parte la preziosità della Paternità con la maiuscola, quella di Dio, che non ci opprime ma non ci lascia andare alla deriva.

Lo scrittore ci ricorda una verità che fatichiamo ad accettare: «siamo zoppi sul sentiero e tendiamo continuamente a sbandare se ci ostiniamo a camminare da soli, perciò conviene farci un bagno di umiltà e tornare consapevoli di essere soltanto creature» (p.135). Il passaggio da essere padri a sentirsi padreterni è rapido, ma – confessiamolo – è in fondo lo stesso che può capitare anche a chi non è padre e nemmeno madre. La tentazione di fare a meno di Dio per costruire il nostro mondo finendo per auto-idolatrarci è sempre in agguato. Non è questione di mettere in discussione la libertà che Dio stesso ci ha donato, ma di comprendere che questa non è un assoluto: si tratta di una libertà in relazione ad un Altro che ci trascende, l’autentico Signore della vita, della storia, del creato. Solo se ci riposizioniamo al nostro posto – l’unico che ci compete, quello di creature, amate sì, ma sempre tali – possiamo trovare il vero significato delle nostre vite.

Giovanoli, pagina dopo pagina, ci conduce a meditare sul mistero grande di un Dio che è Padre e può insegnare, con la sua divina pedagogia, ai padri di «oggi più che mai» a «riscoprirsi adatti ad incarnare davanti ai loro figli anche la parte dell’“uomo dei no”, pur controcorrente al mainstream di una contemporaneità che non nega più niente a nessuno, poiché in realtà non sa più amare veramente» (p.95). Se il Padre è Colui che non soddisfa tutti i nostri desideri perché ci vuole salvi, anche i padri sono chiamati ad indicare ai loro nati un bene superiore. Anche e soprattutto quando le madri, per loro natura pronte a giustificare, tenderebbero a lasciar correre.

Ma il libro di Giovanoli è anche occasione per leggere la società odierna, le sue derive, la cultura di morte che vi aleggia. È anche momento di riflessione sul dato evangelico, sulla necessità di predicare ancora i Novissimi, su Maria e il suo amore materno. Non è un libro esclusivamente per padri. È per tutti quelli – uomini e donne – che vogliono sostare un attimo per contemplare, attraverso le maglie della quotidianità, la bellezza del disegno di Dio. È per tutti quelli che non vogliono fermarsi solo al livello di un mondo che appare confuso, inselvatichito perché preda di passioni non più frenate (nonostante l’etichetta di “civile”). Di questo mondo, del contesto in cui viviamo, potrebbe sfuggirci facilmente l’essenziale, travolti come siamo da proposte che vanno in senso contrario al messaggio evangelico.

Di una bellezza toccante è l’ultimo capitolo – dovrebbe essere il decimo, ma è lo stesso Giovanoli a preferire la dicitura “ultimo” – perché è dedicato ad un dolore familiare antico, che è stato conservato nell’incarto della rabbia. Un dolore che, sebbene in parte attutito dal tempo, ha però lasciato un solco dentro il cuore. A questa remota sofferenza – non così rara – lo scrittore cerca di portare una consolazione ben radicata nella fede cristiana. Può farlo perché anch’egli ha conosciuto il dolore e, come testimone credibile, ci indica una prospettiva che va oltre, la stessa che lui ha sperimentato: «la tua esperienza – dice alla persona che custodisce quel dolore – non è più solo un’esperienza umana, ma la vera partecipazione all’esperienza divina» (p.150).

Con una scrittura gradevole e ricercata, incarnata e venata di umorismo, Giovanoli si è conquistato un suo pubblico, che lo segue non soltanto nelle sue fatiche editoriali, ma anche sul suo blog omonimo. Con il libro precedente, La Sindrome del Panda. Manuale di maschilismo reazionario (edito da Gribaudi), ha oltrepassato i confini nazionali, approdando in Francia (Le syndrome du panda. Petit manuel de survie pour les hommes d’aujourd’hui, Editions des Béatitudes). Con Papà senza controllo. O dell’essere padri e non padreterni, per Berica Editrice, ad Andrea auguriamo una platea ancora più vasta. La paternità autentica è uno dei bisogni più impellenti di un’epoca senza coordinate, tante incertezze, altrettante contraddizioni: la nostra.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

31/05/2018
1711/2019
Santa Elisabetta di Ungheria

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Matrimonio, 30 casi di discriminazioni

Se difendi la famiglia naturale e l’istituto delle nozze uomo-donna vieni discriminato, un rapporto raccoglie trenta clamorosi casi

Leggi tutto

Politica

Ora estirpiamo le colonie del male

Non ci piace essere velleitari, l’Unar è istituito da legge dello Stato in recepimento di una direttiva comunitaria, non può essere chiuso. Va sterilizzata la sua funzione di stanziatore di denaro pubblico a favore della lobby lgbt. Dopo la vicenda di Francesco Spano per qualche tempo si asterrà dal farlo, ma dobbiamo tenere la vigilanza alta. E spiegare alla Boschi e a Gentiloni perché non devono più neanche lontanamente immaginare di finanziare con i quattrini delle famiglie italiane quelle associazioni con circoli dove si pratica la prostituzione e si spaccia droga, truffando lo Stato anche sul piano fiscale.

Leggi tutto

Politica

Il Popolo della Famiglia ed il voto

Il riepilogo dei risultati del 2016 ci ricorda che abbiamo superato lo sbarramento solo a Cordenons. L’obiettivo di queste elezioni del 2017 per il Popolo della Famiglia è intanto quello di superare lo sbarramento in più di un comune, oltre a quello di raddoppiare almeno la media nazionale del nostro consenso. Avere un Pdf che possa contare su altri eletti nelle amministrazioni locali, con una percentuale di voto nazionale oscillante tra il 2% e il 3% sarebbe un ottimo viatico per lo sforzo finale in vista delle politiche. In termini assoluti ai 52.824 voti raccolti dai candidati sindaco del Popolo della Famiglia nel 2016, ne vorremmo aggiungere altrettanti nonostante i votanti di questa tornata siano molti di meno e sia prevista anche un affluenza non altissima. Ma lo sforzo delle nostre candidate sindaco donne come Lucianella Presta e Manuela Ponti, dei nostri candidati sindaco brillanti come Lorenzo Damiano e Luca Grossi, come Maurizio Schininà e Mirko Ghirlanda, come Zecchinato Gallo e Pietro Marcazzan sarà premiato oltre le attese. Altri cinquantamila voti significherebbe avere costruito una forza politica che può contare, sugli appena 35 comuni in cui ha testato la propria presenza, su centomila simpatizzanti. Vi

Leggi tutto

Politica

Gli sfregi di Laura Boldrini alla Conferenza sulla famiglia

A metà tra la spaesatezza e la provocazione, il surreale intervento della “Presidenta”

Leggi tutto

Chiesa

L’altra faccia del convegno vaticano sull’eutanasia

E’ balzata alla ribalta dell’attenzione nazionale la notizia del WMA European Region Meeting on End-of-Life Questions che coinvolgerà una trentina di specialisti della materia in una due-giorni ospitata in Vaticano. L’evento non sembra studiato per far discutere, ma semmai per pura accademia

Leggi tutto

Società

NICOLA DI MATTEO: GIUSTE LE AGGRAVANTI PER CHI ATTACCA LE FORZE DELL’ORDINE

In questi giorni abbiamo dovuto assistere (nostro malgrado) a fatti di violenza privi di qualsiasi giustificazione. La gravità di quanto accaduto è stata enfatizzata dall’essere stata rivolta verso i tutori dell’ordine, uomini e donne che quotidianamente rischiano la vita per la sicurezza dei cittadini. Necessarie leggi severe per assicurare alla giustizia chi si rende reo di fatti gravi come quelli avvenuti a Piacenza.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano