Media

di Claudia Cirami

Andrea Torquato “Papà senza controllo.O dell’essere padri e non padreterni”

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Ogni volta – e sono già sette – un libro di Andrea Torquato Giovanoli è un’occasione da non perdere. Perché serve a rinfrancarsi, per sorridere, talvolta anche a commuoversi. È utile a fare il punto, a mettere a fuoco, a ritornare sui propri passi. “Papà senza controllo. O dell’essere padri e non padreterni” (Berica Editrice, pagine 154, euro 14,00) esce per la collana UOMOVIVO, ormai una garanzia per chi ama letture serie ma non seriose, divertenti ma non insulse, piacevoli ma senza compromessi con le ideologie di questo tempo.

La presentazione dell’autore sarebbe ormai superflua. È opportuno, però, ricordare ancora una volta che questo “ragioniere di studi, artigiano di mestiere e scrittore di carriera” – così nella quarta di copertina – è un felice marito e un papà. Ha una moglie (ancora la stessa, perché il matrimonio è risposta ad una vocazione, non un abito usa e getta) e sette figli: alcuni in cielo, altri che rallegrano e movimentano le sue giornate. Sulla paternità Giovanoli può certamente dire la sua (e lo fa egregiamente). In altri libri, lo scrittore ha trattato più volte il tema, ma essere padre è come un tesoro che non si esaurisce. Della paternità il nostro riesce a cogliere ormai ogni sfumatura, senza dimenticare di intersecarla con altri temi.

In Papà senza controllo, lo scrittore milanese riflette su aspetti della paternità e della vita, ma soprattutto sul modo in cui Dio entra in relazione con l’uomo. Lo fa partendo dalla quotidianità, dal rapporto con i figli e con la moglie, da quelle scene ordinarie, a volte serie, a volte comiche, tipiche di una famiglia dei nostri giorni. È proprio lì, tuttavia, che si nasconde il codice per capire quello che è essenziale. Tra un giro al negozio di giocattoli e uno specchio rotto, tra maccheroni e passeggiate, Giovanoli riesce a comprendere il modo in cui relazionarsi con i figli perché imparino la vita senza scorciatoie. Nelle stesse occasioni, tuttavia, sostando in riflessione, intuisce anche la maniera in cui Dio Padre ci educa perché anche noi impariamo, come i bambini della famiglia Giovanoli, a vivere senza accontentarsi di vivacchiare. In queste pagine – segnate da piccole storie in cui si intravede la bellezza della trama progettuale di Dio, intessuta per ognuno di noi – l’alternativa è tra fare da sé e affidarsi. Solo se ci affidiamo, riusciamo a cogliere almeno in parte la preziosità della Paternità con la maiuscola, quella di Dio, che non ci opprime ma non ci lascia andare alla deriva.

Lo scrittore ci ricorda una verità che fatichiamo ad accettare: «siamo zoppi sul sentiero e tendiamo continuamente a sbandare se ci ostiniamo a camminare da soli, perciò conviene farci un bagno di umiltà e tornare consapevoli di essere soltanto creature» (p.135). Il passaggio da essere padri a sentirsi padreterni è rapido, ma – confessiamolo – è in fondo lo stesso che può capitare anche a chi non è padre e nemmeno madre. La tentazione di fare a meno di Dio per costruire il nostro mondo finendo per auto-idolatrarci è sempre in agguato. Non è questione di mettere in discussione la libertà che Dio stesso ci ha donato, ma di comprendere che questa non è un assoluto: si tratta di una libertà in relazione ad un Altro che ci trascende, l’autentico Signore della vita, della storia, del creato. Solo se ci riposizioniamo al nostro posto – l’unico che ci compete, quello di creature, amate sì, ma sempre tali – possiamo trovare il vero significato delle nostre vite.

Giovanoli, pagina dopo pagina, ci conduce a meditare sul mistero grande di un Dio che è Padre e può insegnare, con la sua divina pedagogia, ai padri di «oggi più che mai» a «riscoprirsi adatti ad incarnare davanti ai loro figli anche la parte dell’“uomo dei no”, pur controcorrente al mainstream di una contemporaneità che non nega più niente a nessuno, poiché in realtà non sa più amare veramente» (p.95). Se il Padre è Colui che non soddisfa tutti i nostri desideri perché ci vuole salvi, anche i padri sono chiamati ad indicare ai loro nati un bene superiore. Anche e soprattutto quando le madri, per loro natura pronte a giustificare, tenderebbero a lasciar correre.

Ma il libro di Giovanoli è anche occasione per leggere la società odierna, le sue derive, la cultura di morte che vi aleggia. È anche momento di riflessione sul dato evangelico, sulla necessità di predicare ancora i Novissimi, su Maria e il suo amore materno. Non è un libro esclusivamente per padri. È per tutti quelli – uomini e donne – che vogliono sostare un attimo per contemplare, attraverso le maglie della quotidianità, la bellezza del disegno di Dio. È per tutti quelli che non vogliono fermarsi solo al livello di un mondo che appare confuso, inselvatichito perché preda di passioni non più frenate (nonostante l’etichetta di “civile”). Di questo mondo, del contesto in cui viviamo, potrebbe sfuggirci facilmente l’essenziale, travolti come siamo da proposte che vanno in senso contrario al messaggio evangelico.

Di una bellezza toccante è l’ultimo capitolo – dovrebbe essere il decimo, ma è lo stesso Giovanoli a preferire la dicitura “ultimo” – perché è dedicato ad un dolore familiare antico, che è stato conservato nell’incarto della rabbia. Un dolore che, sebbene in parte attutito dal tempo, ha però lasciato un solco dentro il cuore. A questa remota sofferenza – non così rara – lo scrittore cerca di portare una consolazione ben radicata nella fede cristiana. Può farlo perché anch’egli ha conosciuto il dolore e, come testimone credibile, ci indica una prospettiva che va oltre, la stessa che lui ha sperimentato: «la tua esperienza – dice alla persona che custodisce quel dolore – non è più solo un’esperienza umana, ma la vera partecipazione all’esperienza divina» (p.150).

Con una scrittura gradevole e ricercata, incarnata e venata di umorismo, Giovanoli si è conquistato un suo pubblico, che lo segue non soltanto nelle sue fatiche editoriali, ma anche sul suo blog omonimo. Con il libro precedente, La Sindrome del Panda. Manuale di maschilismo reazionario (edito da Gribaudi), ha oltrepassato i confini nazionali, approdando in Francia (Le syndrome du panda. Petit manuel de survie pour les hommes d’aujourd’hui, Editions des Béatitudes). Con Papà senza controllo. O dell’essere padri e non padreterni, per Berica Editrice, ad Andrea auguriamo una platea ancora più vasta. La paternità autentica è uno dei bisogni più impellenti di un’epoca senza coordinate, tante incertezze, altrettante contraddizioni: la nostra.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

31/05/2018
2105/2019
Santa Caterina da Genova

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

La povera famiglia italiana

I dati Istat certificano che le famiglie sono sempre più lasciate sole, in Italia e in Europa: una su quattro vive un forte disagio economico

Leggi tutto

Società

La famiglia nel nord Europa

Stando alle statistiche citate, sembra dunque che ciò da cui devono essere in primo luogo protetti i bambini siano i loro genitori. Per meglio distruggere la famiglia bisogna far passare il messaggio che sempre più spesso i genitori sono inadeguati, che i bambini devono innanzi tutto vivere in uno “spazio nel quale sviluppano la loro personalità e vi trovano protezione” e che questo “spazio” corrisponde sempre meno alla famiglia naturale. A tal fine è stato sufficiente introdurre il discorso sull’omosessualità e sul “diritto” degli omosessuali ad avere dei figli. Poiché gli omosessuali non sono in grado di procreare (ci stanno lavorando, ma per ora, né due uomini né due donne sono in grado di dare inizio ad una nuova vita), proteggere questo loro presunto diritto significa necessariamente passare per la negazione dell’importanza di tutto quanto fino ad oggi era parso indiscutibile: l’amore di papà e mamma, ma anche il valore della gestazione, dell’allattamento e di ciò che rappresentano i genitori (di diverso sesso), ugualmente importanti, ma fondamentalmente diversi, proprio perché diverse sono le necessità del bambino. Usando gli omosessuali – il verbo “usare” non è stato scelto a caso - in questa maniera è molto più facile mettere a tacere qualsiasi discorso discostante, perché si accuserà di omofobia chiunque la pensi diversamente. Addirittura molti omosessuali, favorevoli alla famiglia naturale, vengono pesantemente tacciati di omofobia e messi a tacere.

Leggi tutto

Chiesa

La sussidiarietà nella Dottrina sociale della Chiesa

Il 18 maggio si terrà a Roma il secondo appuntamento della “Scuola di Dottrina sociale della Chiesa per dirigenti e iscritti del Popolo della Famiglia”. Oltre a Giovanni Marcotullio e Fabio Torriero, che parleranno rispettivamente di “Corretta laicità della politica” e “Comunicazione efficace dei principi non negoziabili”, Giuseppe Brienza terrà una relazione sul tema “L’articolazione sussidiaria del potere politico”, che qui anticipiamo in sintesi. L’incontro di questa settimana sarà seguito da altre tre sessioni con termine del corso 28 giugno

Leggi tutto

Storie

Un pomeriggio a tu per tu con Rita Coruzzi

Non è facile raccontare in poche parole, chi sono. Lo hai visto, mi piace parlare, rischierei di non finire più! Vedrò di sintetizzare. Potrei iniziare narrando le gioie, i dolori, i desideri realizzati, i rimpianti, i sogni. Potrei dire che sono una ragazza come tante altre della mia età, ma non è così. Racconterò la mia storia dall’inizio. Era una giornata piovosa, quella del 2 giugno del 1986, quando volli nascere a tutti i costi, anche se era ancora troppo presto per farlo. Mia madre era ricoverata da tre giorni in ospedale, dove i medici cercavano di fermare le contrazioni. Già ti ho detto, che io ho sempre fretta a fare le cose, anche per nascere ho avuto fretta, cosi alla trentaquattresima settimana, ho deciso di venire al mondo. Io ho sempre fretta di fare tutto e subito, è la mia caratteristica.

Leggi tutto

Politica

In politica pazienti come i contadini: il seme del PDF è germogliato

Il Segretario nazionale del Popolo della Famiglia racconta la propria riflessione mentre si consolidava il positivo risultato elettorale di Ostia: «Mi è capitato tra le mani uno scritto di don Giussani che spiega che il fare non deve avere limiti di tempo preventivati e qualsiasi gesto impegna tutta la persona come tale. Occorre una pazienza di sviluppo lunga come la pazienza del Signore»

Leggi tutto

Chiesa

L’esempio del Papa: i poveri invitati a pranzo

Anche dell’iniziativa di Francesco, che ha voluto pranzare con 500 persone in stato di bisogno, si è parlato ieri sera su Radio Mater

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano