Media

di Claudia Cirami

Andrea Torquato “Papà senza controllo.O dell’essere padri e non padreterni”

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Ogni volta – e sono già sette – un libro di Andrea Torquato Giovanoli è un’occasione da non perdere. Perché serve a rinfrancarsi, per sorridere, talvolta anche a commuoversi. È utile a fare il punto, a mettere a fuoco, a ritornare sui propri passi. “Papà senza controllo. O dell’essere padri e non padreterni” (Berica Editrice, pagine 154, euro 14,00) esce per la collana UOMOVIVO, ormai una garanzia per chi ama letture serie ma non seriose, divertenti ma non insulse, piacevoli ma senza compromessi con le ideologie di questo tempo.

La presentazione dell’autore sarebbe ormai superflua. È opportuno, però, ricordare ancora una volta che questo “ragioniere di studi, artigiano di mestiere e scrittore di carriera” – così nella quarta di copertina – è un felice marito e un papà. Ha una moglie (ancora la stessa, perché il matrimonio è risposta ad una vocazione, non un abito usa e getta) e sette figli: alcuni in cielo, altri che rallegrano e movimentano le sue giornate. Sulla paternità Giovanoli può certamente dire la sua (e lo fa egregiamente). In altri libri, lo scrittore ha trattato più volte il tema, ma essere padre è come un tesoro che non si esaurisce. Della paternità il nostro riesce a cogliere ormai ogni sfumatura, senza dimenticare di intersecarla con altri temi.

In Papà senza controllo, lo scrittore milanese riflette su aspetti della paternità e della vita, ma soprattutto sul modo in cui Dio entra in relazione con l’uomo. Lo fa partendo dalla quotidianità, dal rapporto con i figli e con la moglie, da quelle scene ordinarie, a volte serie, a volte comiche, tipiche di una famiglia dei nostri giorni. È proprio lì, tuttavia, che si nasconde il codice per capire quello che è essenziale. Tra un giro al negozio di giocattoli e uno specchio rotto, tra maccheroni e passeggiate, Giovanoli riesce a comprendere il modo in cui relazionarsi con i figli perché imparino la vita senza scorciatoie. Nelle stesse occasioni, tuttavia, sostando in riflessione, intuisce anche la maniera in cui Dio Padre ci educa perché anche noi impariamo, come i bambini della famiglia Giovanoli, a vivere senza accontentarsi di vivacchiare. In queste pagine – segnate da piccole storie in cui si intravede la bellezza della trama progettuale di Dio, intessuta per ognuno di noi – l’alternativa è tra fare da sé e affidarsi. Solo se ci affidiamo, riusciamo a cogliere almeno in parte la preziosità della Paternità con la maiuscola, quella di Dio, che non ci opprime ma non ci lascia andare alla deriva.

Lo scrittore ci ricorda una verità che fatichiamo ad accettare: «siamo zoppi sul sentiero e tendiamo continuamente a sbandare se ci ostiniamo a camminare da soli, perciò conviene farci un bagno di umiltà e tornare consapevoli di essere soltanto creature» (p.135). Il passaggio da essere padri a sentirsi padreterni è rapido, ma – confessiamolo – è in fondo lo stesso che può capitare anche a chi non è padre e nemmeno madre. La tentazione di fare a meno di Dio per costruire il nostro mondo finendo per auto-idolatrarci è sempre in agguato. Non è questione di mettere in discussione la libertà che Dio stesso ci ha donato, ma di comprendere che questa non è un assoluto: si tratta di una libertà in relazione ad un Altro che ci trascende, l’autentico Signore della vita, della storia, del creato. Solo se ci riposizioniamo al nostro posto – l’unico che ci compete, quello di creature, amate sì, ma sempre tali – possiamo trovare il vero significato delle nostre vite.

Giovanoli, pagina dopo pagina, ci conduce a meditare sul mistero grande di un Dio che è Padre e può insegnare, con la sua divina pedagogia, ai padri di «oggi più che mai» a «riscoprirsi adatti ad incarnare davanti ai loro figli anche la parte dell’“uomo dei no”, pur controcorrente al mainstream di una contemporaneità che non nega più niente a nessuno, poiché in realtà non sa più amare veramente» (p.95). Se il Padre è Colui che non soddisfa tutti i nostri desideri perché ci vuole salvi, anche i padri sono chiamati ad indicare ai loro nati un bene superiore. Anche e soprattutto quando le madri, per loro natura pronte a giustificare, tenderebbero a lasciar correre.

Ma il libro di Giovanoli è anche occasione per leggere la società odierna, le sue derive, la cultura di morte che vi aleggia. È anche momento di riflessione sul dato evangelico, sulla necessità di predicare ancora i Novissimi, su Maria e il suo amore materno. Non è un libro esclusivamente per padri. È per tutti quelli – uomini e donne – che vogliono sostare un attimo per contemplare, attraverso le maglie della quotidianità, la bellezza del disegno di Dio. È per tutti quelli che non vogliono fermarsi solo al livello di un mondo che appare confuso, inselvatichito perché preda di passioni non più frenate (nonostante l’etichetta di “civile”). Di questo mondo, del contesto in cui viviamo, potrebbe sfuggirci facilmente l’essenziale, travolti come siamo da proposte che vanno in senso contrario al messaggio evangelico.

Di una bellezza toccante è l’ultimo capitolo – dovrebbe essere il decimo, ma è lo stesso Giovanoli a preferire la dicitura “ultimo” – perché è dedicato ad un dolore familiare antico, che è stato conservato nell’incarto della rabbia. Un dolore che, sebbene in parte attutito dal tempo, ha però lasciato un solco dentro il cuore. A questa remota sofferenza – non così rara – lo scrittore cerca di portare una consolazione ben radicata nella fede cristiana. Può farlo perché anch’egli ha conosciuto il dolore e, come testimone credibile, ci indica una prospettiva che va oltre, la stessa che lui ha sperimentato: «la tua esperienza – dice alla persona che custodisce quel dolore – non è più solo un’esperienza umana, ma la vera partecipazione all’esperienza divina» (p.150).

Con una scrittura gradevole e ricercata, incarnata e venata di umorismo, Giovanoli si è conquistato un suo pubblico, che lo segue non soltanto nelle sue fatiche editoriali, ma anche sul suo blog omonimo. Con il libro precedente, La Sindrome del Panda. Manuale di maschilismo reazionario (edito da Gribaudi), ha oltrepassato i confini nazionali, approdando in Francia (Le syndrome du panda. Petit manuel de survie pour les hommes d’aujourd’hui, Editions des Béatitudes). Con Papà senza controllo. O dell’essere padri e non padreterni, per Berica Editrice, ad Andrea auguriamo una platea ancora più vasta. La paternità autentica è uno dei bisogni più impellenti di un’epoca senza coordinate, tante incertezze, altrettante contraddizioni: la nostra.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

31/05/2018
2307/2019
Santa Brigida

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Libero Stato in libera Chiesa

Pare che il tema sia questo: i giorni che ci separano dal 30 e dalla manifestazione di uno smisurato orgoglio popolare, forte e tenero come mamma e papà per i loro bambini, saranno minati da una capillare campagna di delegittimazione (di chi di quel popolo si è ritrovato ad essere voce e parola) e da un parallelo tentativo di addomesticare il cuore indomito di quella piazza. Soltanto tra una settimana si potrà sapere chi avrà vinto, o se avranno perso tutti.

Leggi tutto

Storie

La Brazzale va incontro ai dipendenti che fanno figli

Di sicuro ci vuole coraggio. E così mentre parliamo della desolante situazione attuale sui temi scottanti degli ultimi tempi tiene a smentire un passaggio erroneamente riportato dal quotidiano La Repubblica in cui avrebbe parlato di Dat ed eutanasia. Il passo riporta: “Il ritardo del nostro parlamento nel regolare il diritto di morire con dignità è uno scandalo”. L’imprenditore senza esitazioni ne respinge l’attribuzione e corregge il tiro: “Nella fattispecie il tema del fine vita si è sovrapposto nella cronaca a quello della crisi delle nascite. Quelli dell’eutanasia o del suicidio assistito sono dilemmi che sbattono la nostra coscienza al muro ed ogni scelta si adotti non ci potrà che lacerare interiormente. Non da una prospettiva religiosa, dalla quale il dubbio non si pone, ma da cittadino, mi sento molto vicino a chi vive questi drammi ma non riesco ad abbandonare l’idea di una difesa ad oltranza della vita anche oltre ogni ragionevole obiezione”.

Leggi tutto

Politica

Due anni dopo

Chi è interessato a dare continuità operativa alla mobilitazione avviata due anni fa, per uscire dalla dimensione di quella che sarà altrimenti una sconfitta continua, deve battersi politicamente sul territorio al fianco del Popolo della Famiglia. Un milione di voti alle elezioni politiche che si terranno tra qualche mese, dopo che avremo raccolto le centocinquantamila firme necessarie per presentarci in tutti e cento i collegi in cui il territorio nazionale è suddiviso dalla nuova legge elettorale (almeno 1.500 firme a collegio), rappresentano un traguardo assolutamente a portata di mano. Unisciti subito a noi diventando un tesserato del Pdf. L’iscrizione al Popolo della Famiglia costa 50 euro per il 2017 - liberi di fare donazioni superiori, chi versa almeno 500 euro è socio sostenitore e ottiene in regalo l’abbonamento annuale digitale al quotidiano La Croce - e si regolarizza con un bonifico al conto intestato a POPOLO DELLA FAMIGLIA che ha il seguente IBAN: IT88M0103003241000000354618 del Monte Paschi Siena, agenzia Roma 41. Si può in alternativa inviare un vaglia postale a POPOLO DELLA FAMIGLIA piazza del Gesù 47 00186 Roma. L’avvenuta iscrizione deve essere comunicata al sempre più decisivo coordinatore nazionale Nicola Di Matteo con una email a [email protected] che provvederà all’invio materiale della tessera).

Leggi tutto

Società

Scialpi divorzia dal suo finto marito

Si parla spesso delle tragedie che degenerano in farse – e in questo cliché Giovanni Scialpi si è prodotto più volte (l’ultima durante il ricovero) – ma stavolta è la farsa che tenta l’impennata drammatica: il teatrino è finito, ilm“marito” non è più tale (non lo era mai stato) e il bacio del vero amore non regge

Leggi tutto

Politica

Da Maroni e Lega via libera al DDL Scalfarotto

La prova provata (se qualcuno ne avvertisse il bisogno) della totale irrilevanza dei cattolici per le valutazioni della politica nazionale

Leggi tutto

Chiesa

I diritti si fondano su una natura umana oggettiva

La Santa Sede ribadisce la ferma «persuasione che le eventuali controversie tra i popoli non debbono essere risolte con il ricorso alle armi; ma invece attraverso il negoziato». D’altra parte, proprio la continua produzione di armi sempre più avanzate e “perfezionate” e il protrarsi di numerosi focolai di conflitto – di quella che più volte ho chiamato “terza guerra mondiale a pezzi” – non può che farci ripetere con forza le parole del mio santo Predecessore: «Riesce quasi impossibile pensare che nell’era atomica la guerra possa essere utilizzata come strumento di giustizia. È lecito tuttavia sperare che gli uomini, incontrandosi e negoziando, abbiano a scoprire meglio i vincoli che li legano, provenienti dalla loro comune umanità e abbiano pure a scoprire che una fra le più profonde esigenze della loro comune umanità è che tra essi e tra i rispettivi popoli regni non il timore, ma l’amore: il quale tende ad esprimersi nella collaborazione leale, multiforme, apportatrice di molti beni».

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano