Politica

di Mario Adinolfi

Nessuno dividerà il Popolo della Famiglia

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LACROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

L’ossessione per il PdF (più precisamente per la mia persona) del blog Libertà e Persona, cioè di una persona sola, continua. Stizzito per il fatto che il Popolo della Famiglia anche in questa tornata amministrativa continua ad essere protagonista, prova a inventarsi la divisione dottrina Adinolfi-dottrina Amato. Sostiene come al solito l’argomento con dati totalmente falsi: in Molise avremmo preso lo 0.4 perché siamo andati da soli (fake news: eravamo in coalizione con il centrodestra), la “dottrina Amato” sarebbe andare finalmente in coalizione con il centrodestra come facciamo a Brescia, mentre io sarei portatore “molto intelligente ma politicamente poco capace” di un isolazionismo del Pdf. Fake news. La verità è che noi fin dalle prime elezioni amministrative del 2016 abbiamo accettato di fare coalizione non “con chi ci stava”, ma con chi accetta le nostre condizioni. E la nostra storia è dunque piena di coalizioni costruite per governare le città. Dove non è stato possibile siamo andati da soli. Sempre, fin dal 2016 e anche oggi. C’è poi la storia di Verona, anche qui raccontata con il cattivo Adinolfi da contrapporre al buono Amato e a un Grigolini che sarebbe stato costretto a rifiutare l’assessorato alla famiglia. Per scrivere di Pdf, consiglio di conoscere il Pdf: siamo un partito dove vige un vero principio di sussidiarietà, il potere risiede il più vicino possibile al cittadino-militante. E a Verona hanno sempre e solo deciso i dirigenti pidieffini veronesi, su tutto. Io ho appoggiato le loro decisioni, con Gianfranco. Un consiglio a tutti gli ossessionati: non provateci. Il Pdf non lo dividerete mai, andremo avanti a testuggine, come sempre. Capisco la necessità di dover distrarre le persone dal fatto che il vostro voto è servito a farci sentire oggi il discorso di un presidente del Consiglio grillino e ai vostri rappresentanti tocca pure votargli la fiducia. Complimenti, bel capolavoro con la vostra logica del voto utile. È stato utilissimo a Di Maio. Il PdF sarà all’opposizione del grillismo di governo, unito come non mai. Sarete voi presto a dover scegliere e, credo, a dover chiedere scusa quando vi accorgerete del danno che avete fatto. Un consiglio però: la campagna elettorale è finita. Continuare a vivere nell’ossessione del Pdf (e della mia persona) si configura ormai come problema psichiatrico. Il terremoto ce l’avete nella vostra testa perché sapete di aver spacciato come problema politico quello che era solo un problema personale, cioè una idiosincrasia nei miei confronti. Vi informo: rassegnatevi perché non mollo il colpo. Resto convinto che il Pdf sia lo strumento fondamentale per raggruppare i dispersi che ora non contano nulla e si ritrovano ad aver consegnato dieci ministeri fondamentali e la presidenza del Consiglio a quelli che registrano nei comuni i figli di due mamme, a quelli che vogliono l’utero in affitto, a quelli che smantellano i manifesti dei prolife. L’alternativa è solo in un soggetto politico autonomo di ispirazione cristiana che si chiama Popolo della Famiglia che è stato fondato da Gianfranco Amato, Nicola Di Matteo e anche da Mario Adinolfi. Rassegnatevi: non ci dividerete mai, perché la divisione sarebbe la morte del Pdf e io presidierò il Pdf affinché chi vuole dividerci non abbia il minimo spazio per poter anche solo tentare di farlo. Il 10 giugno accadrà una sola cosa: il PdF crescerà. È proseguirà la nostra traversata del deserto. Voi che vi siete accomodati sulle sei poltrone di governo che vi hanno lasciato i grillini, vedete di fare bene. E se farete bene noi, che non siamo ossessionati come voi, vi applaudiremo e vi sosterremo. Ma la stampella al governo Conte, mi dispiace, il Pdf non la fa. E con questa nettezza andiamo avanti. Il 10 giugno vota Popolo della Famiglia.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

07/06/2018
1610/2018
S. Margherita M. Alacoque. S. Edvige

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

L’Italia ha bisogno dei cattolici

Nasce il Popolo della Famiglia, soggetto politico che si presenterà alle elezioni amministrative di primavera per rappresentare le istanze emerse dal Family Day e tradite dai parlamentari cattolici

Leggi tutto

Società

Riguardo a donne e discriminazione

Molto più fecondamente che appellandosi all’incomprensibile nozione di “omofobia”, si contrasterebbe il bullismo stigmatizzando e perseguendo legalmente l’ipotetico reato di “androfobia” e “ginecofobia”: è nel rifiuto della realtà umana così come si dà che si annida il germe dell’odio che poi esplode negli atti di violenza verbale, psichica e/o fisica

Leggi tutto

Politica

In estrema sintesi

La sfida del 3% nazionale è a portata di mano e sbaglia chi torna a riproporre lo schema vecchio delle candidature di bandiera del Family Day all’interno dei partiti del centrodestra, è lo schema che ci ha portato al disastro attuale. Bisogna prenderne atto: Forza Italia ha dato libertà di voto sull’eutanasia e si è astenuta sulla legge su gender e omofobia in Umbria; leghisti importanti come Zaia sono addirittura apertamente a favore dell’eutanasia e insieme a Fratelli d’Italia propongono la legalizzazione della prostituzione; il divorzio breve è stato votato da tutti i gruppi politici con appena 11 voti contrari al Senato, mentre alla Camera sull’eutanasia i contrari sono stati 37.

Leggi tutto

Politica

Verdini butta la maschera: «Sono io il regista di tutto»

L’ex braccio destro di Berlusconi rivendica come proprio merito anche le unioni civili

Leggi tutto

Società

Il primo diritto è quello a NON emigrare

La Commissione Episcopale per le Migrazioni (organo della Cei) ha emanato un documento che prende posizione sui migranti.

Leggi tutto

Chiesa

La forza della parola dei vescovi toscani

La Conferenza episcopale della Toscana ha appena pubblicato La forza della parola. Lettera su comunicazione e formazione a 50 anni dalla morte di don Lorenzo Milani” (EDB, Bologna 2018, pp. 88, € 4,50) è un importante appello a non dimenticare il lascito del sacerdote fiorentino nell’ambito del percorso educativo. Qui il ricorso alla parola e alla ricchezza del linguaggio costituiscono appunto alcuni dei principali strumenti che rendono possibile l’espressione della cultura e della comunicazione umana.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2018 La Croce Quotidiano