Politica

di Mario Adinolfi

Famiglia vuol dire lavoro

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Davanti ai dati Eurostat che dicono che più di un giovane italiano su quattro (25.7% contro una media europea del 14%) tra i 18 e i 24 anni non fa assolutamente niente, non studia e non lavora, mi prende davvero lo sconforto: il modello Di Maio vince. Abbiamo avuto il ministro dell’Università che non era mai andata all’università, ora abbiamo il ministro del Lavoro che non ha mai lavorato. I ragazzi italiani assumono le indicazioni che le istituzioni propongono e capiscono che in Italia meglio non studiare, meglio non lavorare. Meglio attendere il colpo di fortuna, nell’attesa tanto arriva il reddito di cittadinanza. Sconfortante, paradossale, ma non così distante dal vero.

Con la paghetta di papà e una mancetta dalla pensione di nonna, il giovane italiano si forma in un contesto deresponsabilizzante in cui la politica sta dando il colpo di grazia: puoi fare il premier a caso raccolto per strada in una riffa, il vicepremier senza uno straccio di laurea che ti chiedono ormai pure per fare l’impiegato di quinto livello, spiegare agli studenti come affrontare l’esame di maturità senza aver mai fatto manco l’esame di maturità. In campagna elettorale ti prometto ottocento euro al mese per il tuo non fare niente e io gioco è fatto, l’area territoriale del Paese dove c’è il 47% di disoccupazione giovanile ti darà il 47% dei voti.

La politica dovrebbe invece essere anche pedagogica nelle proposte che formula, ispirare serietà e responsabilità. Noi come Popolo della Famiglia abbiamo detto che il Paese si rialza se investiamo sulla famiglia naturale e la nostra proposta più evidente era il reddito di maternità. Costa un centesimo del reddito di cittadinanza e ha il pregio di generare lavoro e assunzione di responsabilità. Quando ci sono i figli, dal divano ci si alza, per forza. In più, il reddito di maternità riconosce in termini valoriali il ruolo femminile all’interno della famiglia come vero ruolo da lavoratrice, attribuendo il relativo reddito. Il risultato in termini pratici è abbattimento dei numeri della disoccupazione giovanile, crescita di Pil, ripresa dei consumi e della domanda interna, più giovani con le maniche rimboccate a creare impresa, innovazione, lavoro per il bene dei propri figli. L’opposto della proposta deresponsabilizzante del reddito di cittadinanza, che costerebbe cento volte di più del reddito di maternità.

Quando ho accennato via Twitter il mio scoraggiamento per i dati Eurostat, subito sono partiti gli insulti e le domande: tu a 18 anni cosa facevi? Io a diciotto anni compilavo la mia prima dichiarazione dei redditi e mi preparavo a sostenere la maturità con il massimo dei voti. A ventuno anni ero sposato, a ventiquattro ero padre. Avere responsabilità familiari ha fatto sì che quando proprio non trovavo giornali che pubblicassero i miei articoli, finivo a fare il cameriere nei fast food. Compattavo montagne di rifiuti in un Macdonald della stazione Termini, nel sotterraneo. Non piacevolissimo, ma era necessario e si faceva. Mai chiesto una lira ai miei genitori. Ho messo tutto me stesso nel lavoro e sono arrivato poi a condurre programmi radiofonici e televisivi, a scrivere libri che qualcuno ha letto, a giocare a poker arrivando fino ai tavoli finali Wpt dove mai nessun italiano era arrivato prima, a fare politica e giungere fino in Parlamento, primo “blogger” ad essere eletto, a poter rifiutare montagne di denaro per non essere devastato da un reality show e ad accettarne per essere ospite di trasmissioni dove potevo dire la mia. Ma se fosse necessario, potrei tornare a compattare rifiuti nella puzza dei locali sotterranei della stazione Termini. Perché? Perché ho famiglia e la famiglia comporta responsabilità.

E mia figlia Livia di cui sono orgoglioso a ventuno anni fa lo stesso. Sta per laurearsi in Scienze Politiche ma contemporaneamente lavora per investire sul suo futuro. E questo con Silvia insegneremo a Clara e a Joanna quando nascerà, che spero possano essere fruitrici del reddito di maternità quando il Popolo della Famiglia andrà al governo. Tanto prima o poi ci andrà e rialzerà l’Italia da questo stato di depressa prostrazione generata dal collasso valoriale di cui siamo tutti vittime. I giovani più di ogni altro, anche per colpa di una politica figlia di questo collasso che genera mostri e imbecilli.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

15/06/2018
1809/2018
S. Giuseppe da Copertino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

A Milano per parlare di famiglia

Miriano, Adinolfi, padre Botta e Scicchitano rispondono alle polemiche sul convegno in Regione Lombardia

Leggi tutto

Società

Pornodipendenza: uscirne si può. Ecco come

Pornotossina è un libro estremamente asettico e oggettivo, ma nasce da un coinvolgimento personalissimo. Nella prefazione si trova la confessione di Morra: «Il mio passato mi ha portato a combattere, da credente e non credente, contro la pornografia ai limiti della dipendenza

Leggi tutto

Società

Se arrivano a volerci in galera

La violenza di chi l’ha denunciata è sotto gli occhi di tutti, la clamorosa dimensione della discriminazione di cui è fatto oggetto chi non la pensa come il coro dominante sul tema dei “nuovi diritti” dovrebbe far saltare in piedi l’Italia intera a difesa di Silvana De Mari. Invece in piedi insieme a lei ci siamo noi e pochi altri amici. Non un opinionista di un importante quotidiano, non una trasmissione televisiva che gridi allo scandalo, alla lesione importante di un fondamentale diritto alla libertà di opinione, non un collega giornalista che rivendichi persino per noi la libertà di stampa e l’articolo 21 della Costituzione. No, quell’articolo è invocato solo se l’opinione è quella “giusta”, cioè quella dominante.
In un’Italia così sarà motivo d’orgoglio essere radiati dagli Ordini e mandati in carcere. Quando poi il fascismo finì, fu chi subì quei provvedimenti a poter dire: io ho resistito.

Leggi tutto

Storie

I figli sono figli

Lui si arrabbia quando sente castronerie e luoghi comuni sulle adozioni. Ne ha passate troppe per starsene quieto, e poi e toscano. Lei è toscana quanto lui, e tra figli naturali e adottivi ne ha passate almeno altrettante, ma spesso
lo calma e lo riporta a miti consigli. Insieme offrono una bella testimonianza – informata, formativa e performante – sulla sfida di avere bimbi oggi

Leggi tutto

Società

Impiccherano Charlie con una corda d’oro

Abbiamo promesso a Charlie ogni giorno che lo avremmo portato a casa. Sembra veramente sconvolgente, dopo tutto quello che abbiamo passato, vederci negato anche questo». Così Connie Yates ha implorato dal mondo il soccorso che possa frapporsi tra loro e l’ultimo sfregio dello spietato nosocomio cui va imputata la morte del bambino. Francis ha stabilito data e ora di morte di Charlie

Leggi tutto

Società

Scialpi divorzia dal suo finto marito

Si parla spesso delle tragedie che degenerano in farse – e in questo cliché Giovanni Scialpi si è prodotto più volte (l’ultima durante il ricovero) – ma stavolta è la farsa che tenta l’impennata drammatica: il teatrino è finito, ilm“marito” non è più tale (non lo era mai stato) e il bacio del vero amore non regge

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2018 La Croce Quotidiano