{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} Pietro Bartolo e la sua visione sui migranti

Società

di Elisabetta Pittino

Pietro Bartolo e la sua visione sui migranti

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Ti accolgo sì, ti accolgo no, ti accolgo forse…”la questione migranti è al centro del dibattito, fa notizia,soprattutto fa litigare, ci si offende tra Stati, tra muri e cittadinanza, e politici infuocati, l’Europa di fronte “all’emergenza” migranti che dura, più o meno, da vent’anni non sa cosa fare.

In mezzo ci sono le persone: i migranti, uomini, donne bambini in carne ed ossa, con lacrime e sale, gioia e rabbia…, poi tutti quelli che li accolgono, che vedono il dramma degli arrivi, poi le persone che, mentre gli Stati litigano, si devono confrontare con lo “straniero “, il “diverso”. Uomo a uomo, donna a donna.

In un’Europa che non sa accogliere i suoi figli, che preferisce abortirli o non farli più, è certamente un miracolo l’accoglienza.

Un miracolo possibile secondo il Dr Pietro Bartolo, Direttore dell’Asl di Lampedusa quello che ha accolto e accoglie i migranti a Lampedusa, quello di Fuocammare e l’autore di Lacrime di sale, che è ormai un esperto.

“Non è un’invasione” spiega Bartolo “Noi dobbiamo capire questo e reagire nel modo giusto: trattarli come esseri umani che hanno sofferto fin dalla nascita e continuano a soffrire, anche qui, dove pensavano di vivere in un mondo migliore, mentre continuano a d’essere i mostri, gli alieni e i diversi”.

“Non è un’invasione perché di 181 mila arrivati nel 2016, -l’anno con più migranti mentre dal 2017 gli arrivi sono diminuiti- rispetto ai 60 milioni di abitanti in Italia ... i migranti Sarebbero 2,5 per ogni 1000 abitanti! Dov’è l’invasione? Se poi li distribuiamo in Europa…” riprende l’autore di Lacrime di sale.

Secondo il Direttore Asl i centri di accoglienza sarebbero da “chiudere” e bisognerebbe “dare il denaro ai sindaci perché siano messi in grado di accogliere “.

“Ai migranti non tocca nulla -chiarisce il medico- perché i soldi vanno all’ente gestore, alle associazioni, per pasti e pernottamenti”.

Da qui la proposta di Bartolo “potremmo dare i soldi ai sindaci per incentivarli ad accogliere i migranti, distribuendoli in Italia. Attualmente sono solo 2000 comuni su 6000 ad ospitarli; quindi una grossa concentrazione che crea problema a chi li accoglie”.

“Se noi dessimo ai sindaci un numero di migranti limitati, tipo 15 migranti per Comune con 30 mila euro, sufficienti per accoglierli, dando loro un lavoro, socialmente utile, pagandoli con uno stipendio buono di 1500€, in modo da poter pagare affitto, tasse, ecc., si farebbe del bene sia ai migranti che a noi che accogliamo” continua il medico.

“Verrebbero tolti dai centri dove sono tenuti senza fare nulla e verrebbero inseriti, con numeri limitati, nei comuni,in modo tale da diventare produttivi per il comune stesso”. Un’integrazione possibile.

“C’è stata una riduzione importante negli arrivi, sia per una riduzione nei paesi di origine, sia per gli accordi presi dall’Italia con i sedicenti governanti libici.

Se questo è per togliere dalle grinfie dei trafficanti queste persone e fare in modo che non vengano torturate e violentate ma che vengano accolte dalle ONG che dovrebbero garantire i diritti umani, bene…ma la mia perplessità è che non è chiara la situazione, anche perché in Libia Non c’è un governo…”.

Nei lager libici, racconta Il medico di Lampedusa, i migranti “sostano in attesa di trasferimento, e vengono torturati, seviziati, dopo essere stati privati della dignità”.

“Bisogna cambiare registro… fare corridoi umanitari, per non mettere a rischio la vita di queste persone e garantire il diritto principe che è il diritto alla vita” afferma Bartolo.

Chi ha “diritto” a venire in Europa? Bartolo non ha dubbi:

“coloro che scappano dalle guerre e dalle persecuzione, ma anche quelli che scappano dalla fame dalla morte certa”.

L’anno scorso, verso luglio-agosto, ricorda il protagonista di Fuocammare, “arrivò un ragazzino di 13 anni circa,tanto sofferente, tenuto in un lager nella Libia, con una situazione disastrosa dal punto di vista organico. Ciò che mi impressionò fu che avevano tentato di scuoiarlo appendendolo per i piedi e partendo dalle gambe. Lo abbiamo curato e trasferito a Palermo.Torture gratuite fatte dai libici, cioè dalle organizzazione che gestiscono il traffico di esseri umani, sul ragazzino perché era nero. Un essere umano non può fare queste cose”.

“Affrontare queste situazioni ti fa sentire tanto male, impotente, ti fa venire dubbi…perché devo vedere queste sofferenze? Poi ci ragiono in famiglia e capisco che è giusto, lo faccio perché sono un uomo. Mi sentirei un traditore se non lo facessi, in considerazione del fatto che sono un medico, e tutti quelli che con me operano, lo fanno perché hanno capito che la nostra è una missione, indipendente dall’essere medico, volontario, militare ...bisogna aiutare chi ha bisogno” conclude Pietro Bartolo.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

26/06/2018
1809/2018
S. Giuseppe da Copertino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Un ultimo sforzo

L’ultimo sforzo che dobbiamo produrre in vista delle elezioni amministrative del 10 giugno serve proprio a questo: dimostrare una ulteriore capacità di raccolta del consenso, che dia un segnale di crescita rispetto allo 0.7% ottenuto alle politiche del 4 marzo. Se tre mesi dopo dovessimo farci trovare in buona salute elettorale, aumentando significativamente la nostra percentuale di voti, sarebbe la conferma che tutto questo colossale lavoro compiuto a mani nude sta pagando e con ulteriore costanza otterremo in futuro risultati ancora migliori, soprattutto quando spunterà la inevitabile disillusione verso l’azione del governo a trazione grillina.

Leggi tutto

Società

Senza bambini non si cresce

Il vescovo Negri dice che sei milioni di aborti hanno contribuito alla crisi del Paese e ha ragione

Leggi tutto

Società

La Cassazione contro il matrimonio

Non ci sarà più obbligo di mantenere la controparte del contratto nuziale, una volta che sia stata verificata l’abilità di quest’ultima a lavorare. Incredibile silenzio delle femministe, a fronte di una legge che abolisce alcune tutele per le donne impegnate nella cura della casa e dell’educazione primaria. L’effetto sarà l’aumento del numero dei divorzî, dell’impegno sano e generoso dei carismi.

Leggi tutto

Storie

LGBT, come ti “proteggo” l’abusato

La Yorkshire Mesmac è ufficialmente un’associazione filantropica del terziario dedicata alla protezione di quanti hanno subito violenze sessuali e/o hanno contratto malattie sessualmente trasmissibili. Il caso scoppia perché viene fuori che la policy dell’associazione non sa dire una parola chiara sui rapporti sessuali tra i propri volontari e i propri utenti. Insomma, in tempo di guerra…

Leggi tutto

Società

Come cambia il volantone di Comunione e Liberazione

Non è ancora stato pubblicato sui siti ufficiali di Comunione e Liberazione, ma poiché pare che il nuovo “volantone” sia stato presentato all’ultima scuola di comunità da don Julián Carrón non ci si aspettano (ulteriori sorprese): l’immagine scelta non poteva che sollevare un polverone, in quanto rappresenta una famiglia di migranti in atteggiamento e contesto che ricordano quelli della Sacra Famiglia. E insorgono ex ciellini. Difficile mantenere l’equilibrio.

Leggi tutto

Politica

I politici che incedono come l’infida seppia

Uno dei problemi dei cattolici è che per (de)formazione scambiano l’acquiescenza per mitezza evangelica.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2018 La Croce Quotidiano