Politica

di Nicola Di Matteo

Il Popolo della Famiglia è la sola alternativa

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA

CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

“Nella politica, come in tutte le sfere dell’attività umana, occorre il tempo, la pazienza, l’attesa del sole e della pioggia, il lungo preparare, il persistente lavorio, per poi, infine, arrivare a raccoglierne i frutti” Don luigi sturzo

Il Popolo della famiglia, oggi sta continuando a seminare. Oggi mette sempre al centro la buona politica: il fare per l’altro. Oggi continua sempre di più il suo operato. Ci siamo e stiamo continuando a radicarci in tutto il territorio italiano e nelle politiche del 4 Marzo, nonostante tutto e tutti ci siamo presentati in autonomia, 220mila persone hanno sbarrato il nostro simbolo. 220 mila per molti una sconfitta ma per noi, per me rappresentano un INIZIO. Alle amministrative abbiamo superato in molti comuni l’1% e non è scontato.
Oggi le dimissioni di Gianfranco Amato..

Dimissioni che arrivano da una testata “La verità”, una testata super partes. Una testata ambigua? Mario Adinolfi ed io, fondatori del movimento lo abbiamo appreso come tutti dall’articolo su “La verità”. Quanta verità in tutto questo? Quanto sta a cuore l’operato del Pdf in questa scelta? Perché non parlarne “vis a vis”? Perché questo fulmine a ciel sereno?
Sei sicuro, caro Gianfranco, che lasciare il PDF è trovare la chiave giusta che apre al vero cambiamento? Al cambiamento senza compromessi? Come si fa ad accettare la politica del “dare per ricevere”, della slealtà verso gli altri, con la ricerca di trucchi e scorciatoie?

Nonostante tutto “umiltà” è dirti grazie per il tuo, in questi due anni, spenderti per la buona battaglia.
Ma la battaglia continua.

Ci sono altri appuntamenti. Altri obiettivi. Il popolo della famiglia c’è. Abbiamo una grande responsabilità e una grande gratitudine nei confronti di tutti i militanti e dirigenti. Grazie per l’impegno. Grazie per la vostra partecipazione attiva. Grazie per il vostro lavoro. Ora più che mai serve fare squadra. Ora più che mai serve essere popolo. Ora più che mai dobbiamo essere più forti. Più forti dei dubbi. Più forti delle polemiche. Più forti degli attacchi.
Salire sul carro del vincitore è semplicissimo, ci vuole un attimo. Ma è lavorare giorno dopo giorno. Lavorare in ogni città di ogni provincia, di ogni regione è difficile ed è qui con queste difficoltà che si misura il vero amore per il cambiamento. Quel cambiamento che richiede una politica giusta lontana da qualsiasi inciucio.
“Se oggi nel quadro politico il tema famiglia non è più secondario è segno che il PDF ha fecondato. Dall’egemonia culturale a quella politica è un processo lungo e faticoso. Ma dipende solo da noi” sono parole di Fabio Torriero. Parole vere. Parole che trovano spazio in questo periodo di elezioni e di campagna elettorale. Parole che ci fanno capire che abbiamo intrapreso la strada giusta. Parole che corrispondono a grandi fatti.
Perché siamo un popolo. Perché siamo la vera alternativa. Perché possiamo fare la vera differenza. Il popolo della famiglia c’è!

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

28/06/2018
0704/2020
San Giovanni Battista de la Salle

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Per non finire dalla padella piddina nella brace grillina

Renzi perde contro tutti, ma ha comunque accumulato un credito personale enormemente più grande di quello di qualunque oppositore singolo. Resta la fluttuante variabile dei cattolici italiani

Leggi tutto

Politica

Perché la politica italiana sembra dover insultare i suoi giovani

Il ministro del Lavoro ci ricasca: un’altra frase infelice lascia trapelare disprezzo per i disoccupati

Leggi tutto

Media

Franco Di Mare offende i cattolici polacchi a spese pubbliche

Tra i tanti denigratori degli innumerevoli polacchi che hanno voluto pacificamente circondare la loro nazione con la loro preghiera abbiamo dovuto
annoverare anche il popolare conduttore di UnoMattina, che si è prodotto in lunghissimi minuti di propaganda di regime laicista e radical chic

Leggi tutto

Chiesa

Il Papa: l’eutanasia mai ammissibile

Papa Francesco manda il proprio saluto al Meeting della World Medical Association sulle questioni del fine-vita, che termina oggi in Vaticano. Il testo è stato divorato e divulgato, dai media, come “il Papa contro l’accanimento terapeutico” (intendendo con ciò “il Papa per l’eutanasia”). In realtà il Santo Padre ha usato parole adamantine per riaffermare la dottrina cattolica tradizionale e negare ogni liceità alla pratica dell’uccisione del malato.

Leggi tutto

Politica

I politici che incedono come l’infida seppia

Uno dei problemi dei cattolici è che per (de)formazione scambiano l’acquiescenza per mitezza evangelica.

Leggi tutto

Politica

Perchè il PDF serve ancora di più

Il centrodestra ha convenuto che sarà il M5S a esprimere il presidente della Camera (Roberto Fico), mentre toccherà a Forza Italia la seconda carica dello Stato (candidata probabile Anna maria Bernini). Giorgia Meloni è ridotta al ruolo di comparsa dopo aver accarezzato il sogno di diventare presidente della Camera nel solco di Fini. Si apre una stagione in cui per i cattolici ci sarà spazio solo nel segno di un’autonomia politica valoriale.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2020 La Croce Quotidiano