Politica

di Nicola Di Matteo

Il Popolo della Famiglia è la sola alternativa

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA

CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

“Nella politica, come in tutte le sfere dell’attività umana, occorre il tempo, la pazienza, l’attesa del sole e della pioggia, il lungo preparare, il persistente lavorio, per poi, infine, arrivare a raccoglierne i frutti” Don luigi sturzo

Il Popolo della famiglia, oggi sta continuando a seminare. Oggi mette sempre al centro la buona politica: il fare per l’altro. Oggi continua sempre di più il suo operato. Ci siamo e stiamo continuando a radicarci in tutto il territorio italiano e nelle politiche del 4 Marzo, nonostante tutto e tutti ci siamo presentati in autonomia, 220mila persone hanno sbarrato il nostro simbolo. 220 mila per molti una sconfitta ma per noi, per me rappresentano un INIZIO. Alle amministrative abbiamo superato in molti comuni l’1% e non è scontato.
Oggi le dimissioni di Gianfranco Amato..

Dimissioni che arrivano da una testata “La verità”, una testata super partes. Una testata ambigua? Mario Adinolfi ed io, fondatori del movimento lo abbiamo appreso come tutti dall’articolo su “La verità”. Quanta verità in tutto questo? Quanto sta a cuore l’operato del Pdf in questa scelta? Perché non parlarne “vis a vis”? Perché questo fulmine a ciel sereno?
Sei sicuro, caro Gianfranco, che lasciare il PDF è trovare la chiave giusta che apre al vero cambiamento? Al cambiamento senza compromessi? Come si fa ad accettare la politica del “dare per ricevere”, della slealtà verso gli altri, con la ricerca di trucchi e scorciatoie?

Nonostante tutto “umiltà” è dirti grazie per il tuo, in questi due anni, spenderti per la buona battaglia.
Ma la battaglia continua.

Ci sono altri appuntamenti. Altri obiettivi. Il popolo della famiglia c’è. Abbiamo una grande responsabilità e una grande gratitudine nei confronti di tutti i militanti e dirigenti. Grazie per l’impegno. Grazie per la vostra partecipazione attiva. Grazie per il vostro lavoro. Ora più che mai serve fare squadra. Ora più che mai serve essere popolo. Ora più che mai dobbiamo essere più forti. Più forti dei dubbi. Più forti delle polemiche. Più forti degli attacchi.
Salire sul carro del vincitore è semplicissimo, ci vuole un attimo. Ma è lavorare giorno dopo giorno. Lavorare in ogni città di ogni provincia, di ogni regione è difficile ed è qui con queste difficoltà che si misura il vero amore per il cambiamento. Quel cambiamento che richiede una politica giusta lontana da qualsiasi inciucio.
“Se oggi nel quadro politico il tema famiglia non è più secondario è segno che il PDF ha fecondato. Dall’egemonia culturale a quella politica è un processo lungo e faticoso. Ma dipende solo da noi” sono parole di Fabio Torriero. Parole vere. Parole che trovano spazio in questo periodo di elezioni e di campagna elettorale. Parole che ci fanno capire che abbiamo intrapreso la strada giusta. Parole che corrispondono a grandi fatti.
Perché siamo un popolo. Perché siamo la vera alternativa. Perché possiamo fare la vera differenza. Il popolo della famiglia c’è!

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

28/06/2018
1207/2020
San Fortunato martire, San Giovanni Gualberto

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Un trans non può fare la tata

Non si può affidare la crescita di un bambino di pochi mesi a un trans. Dalla email si capisce che la transizione da un sesso all’altro non si è compiuta, l’Inps ha ancora tutti i documenti al maschile, quindi Alessandro è a tutti gli effetti Alessandro anche se “si sente” Alessandra. Siamo davanti dunque ad una persona che non si accetta per come è, che in questo percorso di transizione deve affrontare prove psicologiche e fisiche molto pesanti con l’assunzione continua di farmaci, che dal punto di vista fisico sostiene un iter di trasformazione molto doloroso e che fa tendere all’instabilità emotiva. Un bambino di pochi mesi può essere affidato a chiunque tranne che a persone con queste caratteristiche di instabilità. L’approdo alla diversa sessualità riconosciuta, quello che porterebbe il soggetto in questione ad avere i documenti in regola con il nome Alessandra, passa poi attraverso fasi di demolizione dei genitali maschili e di costruzione di forme genitali all’apparenza femminili che sono mediamente faticosissime da molti punti di vista, sia fisici che psicologici. Il ricorso al consumo di forti quantità di alcool e di droghe per ovviare all’inevitabile disturbo di personalità che accompagna ogni evoluzione dalla disforia di genere accertata all’approdo ad una diversa conformazione dei propri genitali, è comprovato in tutti i testi scientifici, così come la più alta propensione al suicidio dei transessuali rispetto alle altre persone.

Leggi tutto

Politica

Confutando Spadaro e Figueroa

Il gesuita siciliano che si accredita come frontman dei consiglieri di Papa Francesco (e che con questi crediti intasca colonne di editoriale sui giornaloni) si è lasciato andare, insieme col direttore dell’edizione argentina de L’Osservatore Romano, a un’analisi sociopolitica dell’attuale quadro Usa. Stupisce l’approssimazione del testo, evasivo sui dati e apodittico sui teoremi: si può fare meglio

Leggi tutto

Società

Molestie Sessuali ed impresentabili

Possiamo dirlo solo sommessamente, ma quanto alla voragine mediatica che si è aperta con il caso Weinstein e l’hashtag virale #MeToo, il vero problema non è il potere femminile, che qualcuno presume essere insufficiente. Il problema non verte neppure sulla sudditanza psicologica di questa o quella fanciulla. Il vero problema è che senza un’etica diffusa e condivisa la vita sociale sarà sempre affetta da squilibri gravi.

Leggi tutto

Chiesa

Beatificazione di Teresio Olivelli

«Non oscuriamo sotto il pesante moggio degli interessi conservatori la luce dei fermenti evangelici. Il nostro tempo attende un arricchimento di umanità e un approfondimento di cristianità», scriveva il nuovo Beato allo zio sacerdote. Quello che lui ha cercato di vivere, riuscendoci, vale anche per i nostri giorni.

Leggi tutto

Società

Conosciamo i nostri figli?

Le statistiche sulle dipendenze (nuove e vecchie) dei giovani e giovanissimi mostrano una morsa di fragilità che si fa sempre più impenetrabile, oltre la cortina di sostanze psicotrope e di una pornografia dilagante. L’anno del Sinodo sui Giovani può essere per la Chiesa e per la società il momento in cui si chiuda una buona volta la stagione della complicità (dis)educativa e si volti pagina

Leggi tutto

Politica

La vittoria disonorata degli anticasta

Cosa è successo in questi dieci anni? Che il sistema politico si è affidato a ogni formula possibile: governo di centrodestra, tecnico di unità nazionale, centrodestra-centrosinistra, nuovocentrodestra-Pd, gialloverde, giallorosso. Qualsiasi formula ha ripetuto lo schema del tentare di massimizzare dalla posizione di potere il proprio consenso politico, allo stesso tempo annullando completamente qualsiasi procedura democratica interna ai partiti. Insomma, i vittoriosi anticasta di quel 2007 ribollente in pochissimi anni si sono fatti casta loro stessi

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2020 La Croce Quotidiano