Storie

di Alberto Leo

Vive ancora l’artigianato locale?

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Sono un lidense “doc”, nato ad Ostia nella famosa (allora) villa del Lido detta “la Clinichetta”.

Nel 1968 (sono nato nel ’58) quando capitava accompagnavo la mia mamma a fare la spesa ed avevo modo di vedere, annusare le atmosfere e gli odori del mercato, della bottega del materassaio, del ferramenta, del falegname, del sarto e dell’emporio una sorta di Mall odierno in cui potevi trovare dallo straccio al profumo!! Ma la cosa più bella che c’era era la cordialità, l’affabilità nell’accogliere le persone nello scambio di battute, nella disponibilità verso l’altro. Non sto dicendo che era un eden, perché gli screzi e i modi bruschi fanno parte della natura umana. Ma c’era cura nel trattare le persone, si voleva accontentare il cliente, anche quello incontentabile, farlo uscire dal negozio soddisfatto dell’acquisto. Anche qui non è che le “fregature” non c’erano, ma sicuramente erano molto meno di quelle di oggi…

E va bene i vecchi tempi… Questi flashback servono per dire che si stava meglio quando si stava peggio? Si, in parte sì! E non temo per questo di essere classificato tra i nostalgici!!

Nella mia zona c’erano sarti, fabbri, materassai adesso potrei dire altrettanto? Forse ancora nei piccoli centri, ma in città come Ostia? Si fatica a trovarli! Che c’entra tutto ciò con l’artigianato? Eh beh insomma il valore aggiunto che ti poteva dare la bottega dell’artigiano nel risolverti un problema dalla ferramenta, al falegname, al fabbro ora lo devi cercare con il lanternino come Diogene! La grande distribuzione ha fagocitato inesorabile i piccoli e in modo saprofago sta fagocitando anche sé stessa. Quanti centri commerciali, i moderni santuari del consumismo, sono nati e morti soppiantati da “store” ancora più grandi e attrezzati! Anche i grandi cartelli commerciali, poi, così come le grosse “holding” della grande distribuzione cercano da tempo di sterzare verso un approccio di “customer care”. Ma la qualità del manufatto artigianale non la può mai avere il prodotto corrispondente a livello industriale! Un esempio abbastanza banale è il materasso che, qui ad Ostia, ancora lo ci si può far fare su misura,conforme alle proprie personali e, soprattutto, familiari esigenze e con ottimo materiale. Nel nostro territorio sono ancora vive delle imprese artigianali che vanno dalla produzione della birra alla falegnameria, dalla sartoria alla pasticceria e gelateria artigianali. Combattere contro i Golia del commercio è dura! Anche se Davide può sempre giocarsela con qualche buon sasso da lanciare. In primo luogo di affidabilità, serietà e competenza. Alcune cose successe nel territorio del X Municipio di Roma, fanno capire le tante difficoltà a cui la politica va incontro quando si scollega dalla realtà. Nel nostro Municipio si discute di come allietare le estati ai turisti che verranno. Intento lecito ed utile anche per il commercio, senza però che si consenta un abuso di spazi che, per esempio, trasforma uno snodo centrale come piazza Anco Marzio in una Casbah di tende o in un suk di ambulanti e chioschi più o meno autorizzati. Senza considerare oltretutto che a livello commerciale su 5 esercizi commerciali 3 chiudono e, nonostante, si facciano comunicati anti-allarmismo, le presenze sul territorio in quest’ultima estate sono diminuite di almeno il 50%. È giusto,come ha affermato proprio ieri il presidente della Confesercenti di Ostia, Ginetto Pugliè, «realizzare un evento di rivitalizzazione del territorio, soprattutto in questo molto difficile per l’intera area, ma lo stesso deve tendere alla qualificazione ed evitare che si determini una diretta concorrenza con gli esercizi presenti» (cit. in Il presidente Confesercenti sull’iniziativa a Piazza Anco Marzio a Ostia: “No al suk e alle strumentalizzazioni”, “Il Faro Online”, 27 luglio 2018). Ma è proprio una chimera pensare di recuperare quelle attività artigianali che ho conosciuto da ragazzo? C’è ancora chi ci crede e non molla. Occorre solo dargli forza politica: forza Popolo della Famiglia!

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

31/07/2018
1509/2019
Beata Vergine Maria Addolorata

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Se i cattolici votano Grillo

La vittoria alle amministrative dei grillini è frutto anche del voto di molti cattolici in funzione antirenziana. Ma dalla padella si passerebbe alla brace. Occorre rafforzare il Popolo della Famiglia

Leggi tutto

Società

MARIO ADINOLFI intervistato dal mensile LGBT “PRIDE”

La rivista ha espresso il desiderio di rivolgere una lunga serie di domande al presidente del Popolo della Famiglia alla vigilia del test elettorale. Questo l’esito del colloquio, molto franco, firmato da Massimo Basili. Congratulazioni ad un mensile che per la prima volta ha espresso genuina curiosità intellettuale per scoprire le ragioni di un “nemico”. L’intervista è senza dubbio ben scritta, rispettosa e godibile.

Leggi tutto

Società

L’infamia della giornata mondiale sull’aborto

Cos’è il “partial birth abortion”, la nuova frontiera dell’aborto “libero” che viene richiesta dalla giornata mondiale dell’aborto del 28 settembre? Semplice, è la possibilità per la donna di prendere la decisione di abortire sino alle ultime settimane di gravidanza. Ad oggi le varie legislazioni nazionali permettono l’interruzione volontaria di gravidanza fino al quinto mese in genere, l’Italia è più restrittiva e si ferma al terzo mese, anche se con il trucco dell’aborto “terapeutico” si finisce molto più in là. L’interpretazione della sentenza della Corte Suprema americana consegna però uno scenario infame secondo cui il nascituro non avrebbe diritti e sarebbe parte del corpo della donna che potrebbe farne quello che vuole fino al momento della nascita. In base a questa interpretazione la pratica dell’aborto a nascita parziale prevede l’induzione del parto anche al nono mese di gravidanza, un parto che viene indotto in posizione podalica stando attenti a mantenere la testa del nascituro all’interno del grembo della donna che non riesco a definire materno, per poi introdurre uno speciale forcipe e schiacciare la testa del bimbo per provocarne la morte completando poi il parto con l’espulsione del corpicino ormai senza vita.

Leggi tutto

Società

Partito il processo a Cappato: perderà comunque il diritto

L’esponente radicale gioca una carta win-win: o dentro o fuori sarà lui il vincitore morale del gioco

Leggi tutto

Società

Ciascuno deve scegliere per se

In realtà l’#alleanza terapeutica esiste già, in Italia, e funziona. Ecco perché il biotestamento non ha altro scopo che quello di alleggerire i parenti e lo Stato.

Leggi tutto

Politica

PDF: la discontinuità del voto

Il 4 marzo novità e discontinuità vuol dire votare Popolo della Famiglia, ogni voto a questo progetto costituisce una risposta ai violenti di tutti i colori, un sostegno ai più deboli, un investimento sul futuro possibile di un movimento di ispirazione cristiana legato alla difesa dei principi non negoziabili, alla cultura della vita e alla tutela della famiglia naturale. Centinaia di migliaia di cattolici e persone di buona volontà che volessero attestarsi su questa posizione innovativa di discontinuità aprirebbero davvero una pagina entusiasmante

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano