Storie

di Alberto Leo

Vive ancora l’artigianato locale?

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Sono un lidense “doc”, nato ad Ostia nella famosa (allora) villa del Lido detta “la Clinichetta”.

Nel 1968 (sono nato nel ’58) quando capitava accompagnavo la mia mamma a fare la spesa ed avevo modo di vedere, annusare le atmosfere e gli odori del mercato, della bottega del materassaio, del ferramenta, del falegname, del sarto e dell’emporio una sorta di Mall odierno in cui potevi trovare dallo straccio al profumo!! Ma la cosa più bella che c’era era la cordialità, l’affabilità nell’accogliere le persone nello scambio di battute, nella disponibilità verso l’altro. Non sto dicendo che era un eden, perché gli screzi e i modi bruschi fanno parte della natura umana. Ma c’era cura nel trattare le persone, si voleva accontentare il cliente, anche quello incontentabile, farlo uscire dal negozio soddisfatto dell’acquisto. Anche qui non è che le “fregature” non c’erano, ma sicuramente erano molto meno di quelle di oggi…

E va bene i vecchi tempi… Questi flashback servono per dire che si stava meglio quando si stava peggio? Si, in parte sì! E non temo per questo di essere classificato tra i nostalgici!!

Nella mia zona c’erano sarti, fabbri, materassai adesso potrei dire altrettanto? Forse ancora nei piccoli centri, ma in città come Ostia? Si fatica a trovarli! Che c’entra tutto ciò con l’artigianato? Eh beh insomma il valore aggiunto che ti poteva dare la bottega dell’artigiano nel risolverti un problema dalla ferramenta, al falegname, al fabbro ora lo devi cercare con il lanternino come Diogene! La grande distribuzione ha fagocitato inesorabile i piccoli e in modo saprofago sta fagocitando anche sé stessa. Quanti centri commerciali, i moderni santuari del consumismo, sono nati e morti soppiantati da “store” ancora più grandi e attrezzati! Anche i grandi cartelli commerciali, poi, così come le grosse “holding” della grande distribuzione cercano da tempo di sterzare verso un approccio di “customer care”. Ma la qualità del manufatto artigianale non la può mai avere il prodotto corrispondente a livello industriale! Un esempio abbastanza banale è il materasso che, qui ad Ostia, ancora lo ci si può far fare su misura,conforme alle proprie personali e, soprattutto, familiari esigenze e con ottimo materiale. Nel nostro territorio sono ancora vive delle imprese artigianali che vanno dalla produzione della birra alla falegnameria, dalla sartoria alla pasticceria e gelateria artigianali. Combattere contro i Golia del commercio è dura! Anche se Davide può sempre giocarsela con qualche buon sasso da lanciare. In primo luogo di affidabilità, serietà e competenza. Alcune cose successe nel territorio del X Municipio di Roma, fanno capire le tante difficoltà a cui la politica va incontro quando si scollega dalla realtà. Nel nostro Municipio si discute di come allietare le estati ai turisti che verranno. Intento lecito ed utile anche per il commercio, senza però che si consenta un abuso di spazi che, per esempio, trasforma uno snodo centrale come piazza Anco Marzio in una Casbah di tende o in un suk di ambulanti e chioschi più o meno autorizzati. Senza considerare oltretutto che a livello commerciale su 5 esercizi commerciali 3 chiudono e, nonostante, si facciano comunicati anti-allarmismo, le presenze sul territorio in quest’ultima estate sono diminuite di almeno il 50%. È giusto,come ha affermato proprio ieri il presidente della Confesercenti di Ostia, Ginetto Pugliè, «realizzare un evento di rivitalizzazione del territorio, soprattutto in questo molto difficile per l’intera area, ma lo stesso deve tendere alla qualificazione ed evitare che si determini una diretta concorrenza con gli esercizi presenti» (cit. in Il presidente Confesercenti sull’iniziativa a Piazza Anco Marzio a Ostia: “No al suk e alle strumentalizzazioni”, “Il Faro Online”, 27 luglio 2018). Ma è proprio una chimera pensare di recuperare quelle attività artigianali che ho conosciuto da ragazzo? C’è ancora chi ci crede e non molla. Occorre solo dargli forza politica: forza Popolo della Famiglia!

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

31/07/2018
1508/2020
Assunzione della Beata Vergine Maria

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

IL PASSO DECISIVO DEL TEATRO ELISEO

Il Popolo della Famiglia, senza essere un soggetto politico confessionale ma davvero aperto al contributo di tutte le persone di ogni fede e di buona volontà, dice basta alla stagione della delega ad altri e si presenterà a tutti gli appuntamenti elettorali prossimi venturi chiedendo il consenso sul proprio simbolo quale soggetto politico autonomo, con le radici affondate nelle ragioni della grande mobilitazione popolare del Family Day, tradita dai politici dei partiti tradizionali che pure dicevano di volerne rappresentare le istanze. Preso atto del tradimento, la risposta è la nascita e la diffusione sempre più massiccia su tutto il territorio nazionale del Popolo della Famiglia, che dal teatro Eliseo esce con una missione da compiere: raggiungere il milione di voti che darebbero rappresentanza parlamentare in tutti e due i rami del Parlamento al Pdf, oltre che in Comuni e Regioni. L’obiettivo è andare al governo del Paese. Come ha detto sempre Amato, in prospettiva essere una forza non del 3% ma del 30% ed oltre. Il passo decisivo, il primo passo, è stato avviato al teatro Eliseo di Roma. Chi c’era ha sentito soffiare un vento che faceva capire di essere presenti ad un avvenimento di portata storica.

Leggi tutto

Chiesa

L’ordinario militare ci parla di Fatima

Monsignor da Silva Rodrigues Linda, prelato personale dell’ordinariato militare lusitano, oltre che presidente della commissione ecumenica della Conferenza episcopale del Portogallo, che è stato domenica in visita a Roma, ha rilasciato una intervista esclusiva per “La Croce”, in occasione delle celebrazioni del centenario della Regina del Santo Rosario

Leggi tutto

Chiesa

Il convegno di Siracusa raccontato da chi c’è stato

Oltre i soliti zelanti allarmismi di certo mondo reazionario si erge la parrhesía di Antonio Staglianò

Leggi tutto

Politica

La grande occasione di crescita

Lo scenario del governo M5S-Lega – l’unico scenario possibile a partire dai risultati del 4 marzo scorso – apre ora una decisa stagione di possibile sviluppo per il Popolo della Famiglia, a patto che si
sappia cogliere quest’occasione di crescita. L’isolamento dei pochi cattolici superstiti in Parlamento dice che è ora di restituire loro una casa comune della politica cristianamente ispirata.

Leggi tutto

Chiesa

La forza della parola dei vescovi toscani

La Conferenza episcopale della Toscana ha appena pubblicato La forza della parola. Lettera su comunicazione e formazione a 50 anni dalla morte di don Lorenzo Milani” (EDB, Bologna 2018, pp. 88, € 4,50) è un importante appello a non dimenticare il lascito del sacerdote fiorentino nell’ambito del percorso educativo. Qui il ricorso alla parola e alla ricchezza del linguaggio costituiscono appunto alcuni dei principali strumenti che rendono possibile l’espressione della cultura e della comunicazione umana.

Leggi tutto

Società

Noi giovani vogliamo amarci senza guanti

Una diciassettenne reagisce alle martellanti campagne sui profilattici che dilagano in Italia. «Ci credete incapaci», dice.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2020 La Croce Quotidiano