Politica

di Mario Adinolfi

Prima le mamme

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Il ddl Pillon, così come la proposta dei patti prematrimoniali del ministro Fontana, è un testo che non può essere sostenuto da chi crede nel principio della distinzione chiara dei ruoli tra paternità e maternità, tendendo a sbilanciare il complesso equilibrio familiare a favore della figura maschile. Il mondo cattolico che ha gridato “voglio la mamma”, sa che nel momento in cui una famiglia è ferita dal dramma del divorzio il miglior interesse del minore è mantenere una condizione di stabilità e di unità spazio-temporale, nella prima infanzia e non solo questo miglior interesse è garantito da un rapporto stabile con la figura materna.

Chi scrive è un papà che ha conosciuto il dramma del divorzio con una bimba piccola. Ogni sera tornavo a casa dalla ex moglie, con cui il clima non era certo idilliaco, per garantire a mia figlia un’idea di casa “sua”, unica. Non ho mai preteso “il 50% del tempo” calcolato con il bilancino e prima di portarla anche una sola volta nella casa dove vivevo io ho fatto trascorrere anni e anni, essendo certo che potesse capire che c’era casa sua con la mamma e “anche” casa di papà. Conosco il dramma dei padri separati, ma non mi piacciono le lobby e il ddl Pillon è evidentemente emerso dalle posizioni di quella lobby.

Esistono le madri arpie che negano ai padri di poter vedere i figli e vanno limitate nelle loro prepotenze. Ma nella stragrande maggioranza dei casi di divorzio, che ormai riguardano purtroppo un matrimonio su tre, è bene che i minori stiano stabilmente con la mamma e che venga compiuto ogni sforzo per tutelarli anche economicamente in quella condizione, perché il ruolo materno non è uguale o interscambiabile con quello paterno, altrimenti ha ragione chi parla di genitore 1 e genitore 2. Contro quella idea e per difendere la specificità di ruolo materno e paterno scendemmo in piazza in nome della famiglia naturale. La Lega ha un approccio economicista e maschilista al tema familiare, lo dimostra il ddl Pillon e lo dimostra la proposta di Fontana dei prenup (che servono a tutelare prevalentemente i soldi del maschio), così come lo dimostra l’assenza di qualsiasi seria politica a favore della maternità. Noi proponiamo i mille euro al mese alle mamme, Salvini vuole spendere il quintuplo di quei soldi per mandare la gente in pensione a 62 anni con 38 anni di contributi, facendo saltare i conti pubblici. Sbagliato. Prima la famiglia, prima le mamme, se vuoi far ripartire l’Italia.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

12/09/2018
0206/2020
Ss. Marcellino e Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

La fame di Ivan, paravento di una sconfitta politica

A proposito di due recenti apparizioni televisive del sottosegretario alle Riforme

Leggi tutto

Politica

DA GENTILONI SU FAMIGLIA SOLO PAROLE VUOTE

“Conferenza nazionale di settembre è gigantesca presa in giro”

Leggi tutto

Società

Cani contro bimbi 3-2

Le statistiche mostrano che gli adulti disposti a impegnarsi nel compito di crescere dei bambini sono meno di quelli con animali.

Leggi tutto

Politica

informarsi-e-formarsi-per-la-politica

La formazione è ciò che ha permesso al Pci di perpetuare nei decenni una classe dirigente che producesse ceto politico e che al contempo detenesse l’egemonia culturale nel Paese (perfino quando il ceto politico era all’opposizione). Essa non può tuttavia illudersi di partire dalla pubblicazione di date e corsi a cui iscriversi: occorre una selezione previa basata sull’attivismo giovanile.

Leggi tutto

Società

La famiglia nel nord Europa

Stando alle statistiche citate, sembra dunque che ciò da cui devono essere in primo luogo protetti i bambini siano i loro genitori. Per meglio distruggere la famiglia bisogna far passare il messaggio che sempre più spesso i genitori sono inadeguati, che i bambini devono innanzi tutto vivere in uno “spazio nel quale sviluppano la loro personalità e vi trovano protezione” e che questo “spazio” corrisponde sempre meno alla famiglia naturale. A tal fine è stato sufficiente introdurre il discorso sull’omosessualità e sul “diritto” degli omosessuali ad avere dei figli. Poiché gli omosessuali non sono in grado di procreare (ci stanno lavorando, ma per ora, né due uomini né due donne sono in grado di dare inizio ad una nuova vita), proteggere questo loro presunto diritto significa necessariamente passare per la negazione dell’importanza di tutto quanto fino ad oggi era parso indiscutibile: l’amore di papà e mamma, ma anche il valore della gestazione, dell’allattamento e di ciò che rappresentano i genitori (di diverso sesso), ugualmente importanti, ma fondamentalmente diversi, proprio perché diverse sono le necessità del bambino. Usando gli omosessuali – il verbo “usare” non è stato scelto a caso - in questa maniera è molto più facile mettere a tacere qualsiasi discorso discostante, perché si accuserà di omofobia chiunque la pensi diversamente. Addirittura molti omosessuali, favorevoli alla famiglia naturale, vengono pesantemente tacciati di omofobia e messi a tacere.

Leggi tutto

Società

Per far crescere l’homunculus occidentalis

Avanza e si impone, a ogni livello della società, la tipica pretesa del fanciullo viziato: ereditare senza impegno gli agi, le sicurezze e i vantaggi della civiltà, considerati come diritti acquisiti una volta per tutte e senza sforzo. Vellicare un tale impulso è una spinta ad incoraggiare i comportamenti antisociali, equivale ad assecondare le tendenze incivili che ogni sana educazione si propone, all’opposto, di arginare e di disciplinare.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2020 La Croce Quotidiano