Politica

di Mario Adinolfi

Prima le mamme

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Il ddl Pillon, così come la proposta dei patti prematrimoniali del ministro Fontana, è un testo che non può essere sostenuto da chi crede nel principio della distinzione chiara dei ruoli tra paternità e maternità, tendendo a sbilanciare il complesso equilibrio familiare a favore della figura maschile. Il mondo cattolico che ha gridato “voglio la mamma”, sa che nel momento in cui una famiglia è ferita dal dramma del divorzio il miglior interesse del minore è mantenere una condizione di stabilità e di unità spazio-temporale, nella prima infanzia e non solo questo miglior interesse è garantito da un rapporto stabile con la figura materna.

Chi scrive è un papà che ha conosciuto il dramma del divorzio con una bimba piccola. Ogni sera tornavo a casa dalla ex moglie, con cui il clima non era certo idilliaco, per garantire a mia figlia un’idea di casa “sua”, unica. Non ho mai preteso “il 50% del tempo” calcolato con il bilancino e prima di portarla anche una sola volta nella casa dove vivevo io ho fatto trascorrere anni e anni, essendo certo che potesse capire che c’era casa sua con la mamma e “anche” casa di papà. Conosco il dramma dei padri separati, ma non mi piacciono le lobby e il ddl Pillon è evidentemente emerso dalle posizioni di quella lobby.

Esistono le madri arpie che negano ai padri di poter vedere i figli e vanno limitate nelle loro prepotenze. Ma nella stragrande maggioranza dei casi di divorzio, che ormai riguardano purtroppo un matrimonio su tre, è bene che i minori stiano stabilmente con la mamma e che venga compiuto ogni sforzo per tutelarli anche economicamente in quella condizione, perché il ruolo materno non è uguale o interscambiabile con quello paterno, altrimenti ha ragione chi parla di genitore 1 e genitore 2. Contro quella idea e per difendere la specificità di ruolo materno e paterno scendemmo in piazza in nome della famiglia naturale. La Lega ha un approccio economicista e maschilista al tema familiare, lo dimostra il ddl Pillon e lo dimostra la proposta di Fontana dei prenup (che servono a tutelare prevalentemente i soldi del maschio), così come lo dimostra l’assenza di qualsiasi seria politica a favore della maternità. Noi proponiamo i mille euro al mese alle mamme, Salvini vuole spendere il quintuplo di quei soldi per mandare la gente in pensione a 62 anni con 38 anni di contributi, facendo saltare i conti pubblici. Sbagliato. Prima la famiglia, prima le mamme, se vuoi far ripartire l’Italia.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

12/09/2018
1507/2019
San Bonaventura cardinale

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

La povera famiglia italiana

I dati Istat certificano che le famiglie sono sempre più lasciate sole, in Italia e in Europa: una su quattro vive un forte disagio economico

Leggi tutto

Politica

PdF unica alternativa praticabile

Il Pd renziano prova a silurare il governo stesso con la speranza di veder tornare il proprio Napoleone dall’isola d’Elba. Direttamente da Sant’Elena fa capolino la voce di Berlusconi, al contempo
Napoleone del centrodestra disfatto e convitato di pietra che ripropone nei salotti italiani discorsi e slogan da 1992. La vera novità sostanziale si dà solo nel movimento che sorge dai Family Day

Leggi tutto

Società

Postano foto dei figli online: multati

10mila euro di multa per la madre, che nei tira e molla concomitanti alla separazione ha utilizzato le vie social per rivendicare psicologici primati nei confronti dell’ex coniuge. Il figlio sedicenne ha
provato a esternare le sue rimostranze e, inascoltato, s’è rivolto al tribunale che ha sanzionato la genitrice. Un caso-limite che però ha il merito di evidenziare un limite quotidiano del mondo social.

Leggi tutto

Società

Almeno i nonni

“Croce e delizia” ammette più di quanto pensi di dire: la gajezza senile (come molte altre) non è un dato naturale, bensì una moda che sconfina nell’ideologia. Per alcuni è professione, per chi tira
le fila è ossessione. Balza agli occhi nella sua evidenza come l’omosessualismo sia un gioco di società mentre l’orientamento maggioritario – e normale – della popolazione è ciò che costruisce il Paese.

Leggi tutto

Politica

Matrimonio, 30 casi di discriminazioni

Se difendi la famiglia naturale e l’istituto delle nozze uomo-donna vieni discriminato, un rapporto raccoglie trenta clamorosi casi

Leggi tutto

Politica

I traguardi e gli obiettivi

Conclusa questa fase e la necessaria pausa estiva, a settembre una nuova assemblea nazionale di tutti gli iscritti al Popolo della Famiglia determinerà le decisioni che riguarderanno il traguardo elettorale del marzo 2018, quando superando lo sbarramento del 3% grazie al fatto che si potrà votare Pdf non in 35 comuni ma in tutti gli oltre ottomila comuni d’Italia, i “quattro gatti” (come sprezzantemente alcuni ci definivano) già trasformatisi in centomila gatti nei citati 35 comuni, diventeranno almeno un milione di gatti in tutta Italia. Chi ha paura del fatto che il Popolo della Famiglia raggiunga il suo obiettivo e possa con decine di parlamentari bloccare davvero ogni ulteriore legge contro la vita e contro la famiglia naturale, proponendo invece la straordinaria rivoluzione del reddito di maternità, del quoziente familiare, del diritto universale a nascere e ad essere curati, contrapposto al terribile nichilismo mortifero dei falsi diritti all’aborto e all’eutanasia? Perché considerare un male il Pdf, battersi con tutte le forze contro di esso, se si dice di condividerne le stesse ragioni ideali? Mistero misterioso. O forse neanche tanto, le miserie umane di chi si era promesso a questo o a quel partito con addosso la maglietta del Family Day appartengono all’inevitabile. Rafforzano la nostra determinazione, sappiamo di dover combattere censure e danni procurati di ogni tipo, così chi si mette in battaglia al nostro fianco arriva preparato e ben presto si corazza. E rivolge ai cecchini del fuoco amico la domanda fatidica: ci sparate addosso per conto di chi, l’alternativa al Popolo della Famiglia qual è, una legislatura come quella appena passata? La proposta unitaria rimane per noi sul tavolo: ritroviamoci tutti nel Popolo della Famiglia, che ha porte aperte e finestre spalancate, ha memoria utilmente corta se serve e non serba rancore. Uniti potremmo davvero strappare l’Italia alla cultura di morte che la ghermisce. Tutti iscritti al Pdf, facciamo la storia, come è scritto sulla nostra tessera 2017. Facciamola insieme, si può sul serio.
Noi comunque proseguiamo per la nostra strada, pregando e agendo. Che lo sguardo benevolo di Maria Vergine protegga tutti noi, che Dio benedica l’Italia, che Dio benedica il Popolo della Famiglia.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano