Media

di Mario Adinolfi

La settimana che porta a Camaldoli

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Cosa accadrà tra una settimana a Camaldoli, per le terza festa nazionale de La Croce? Ce lo chiedono in molti, alcuni sono curiosi, altri sinceramente interessati. Trascorrereremo il 22 e 23 settembre insieme a interrogarci su un titolo piuttosto chiaro: “Passato e presente dei cristiani in politica”. Fabio Torriero ha già pronta la clessidra, perché sul tema prenderanno la parola in tanti, per dare la loro indicazione su come procedere su questa strada. A Camaldoli in pieno regime fascista, con l’Italia in guerra, una cinquantina di pensatori cattolici si incontrarono per immaginare il domani, era il luglio 1943 e i drammi del presente erano terribili, eppure loro costruirono il futuro. La Costituzione repubblicana deve molto al Codice di Camaldoli scritto da una quindicina di quei militanti politici (c’erano i giovanissimi Andreotti, Moro, La Pira) che allora vivevano la fatica della clandestinità del loro credo. I partiti erano sciolti ormai da quasi vent’anni e persino il ricordo del Partito popolare di don Sturzo era svanito, dopo la scissione che lo aveva ridotto della metà per via di quelli che si fecero attrarre dal governo forte di Benito Mussolini e accettarono di essere candidati nel 1924 al Parlamento all’interno del listone fascista, ma soprattutto dopo l’arresto di Alcide De Gasperi, il successore alla guida del Ppi di un don Sturzo mandato in esilio.

Pensate fu facile ricostruire una presenza politica dei cattolici in Italia, in quelle condizioni di tragedia? Noi a Camaldoli saremo più di cinquanta, tanto che nei saloni dell’eremo non c’entravamo e gli incontri pubblici li abbiamo dovuti spostare al comune di Poppi, domenica pomeriggio saremo guidati alla visita dell’eremo dai monaci stessi che ci faranno vedere l’originale del Codice. Speriamo sia di ispirazione per tutti, perché c’è molto da lavorare. C’è da rispondere alla domanda che si posero a Camaldoli, la stessa che si pose Sturzo all’inizio del secolo: ha senso una presenza politica autonoma e organizzata dei cristiani in politica oppure bisogna affidarsi ai partiti esistenti? La risposta, anche in tempi più difficili dei nostri, è che non solo ha senso ma è necessaria una forte presenza organizzata autonomamente dei cristiani in politica. E quando nella storia patria questa presenza ha detenuto il potere ai massimi livelli (ininterrottamente alla presidenza del Consiglio dal 1948 al 1981), l’Italia ha vissuto la condizione di massimo sviluppo e benessere economico, tenendo i conti sotto controllo. Dopo la perdita di Palazzo Chigi, con i “laici” a capo del governo (da Spadolini a Craxi, da Amato a Ciampi, da Berlusconi a Prodi, da Dini a Monti, da Renzi a Gentiloni fino a Conte) l’Italia si è accartocciata in una spirale di record continui del debito pubblico, disoccupazione, recessione, crollo della produttività, cancellazione di interi comparti industriali, crisi del welfare.

La presenza cristiana in Italia fa bene all’Italia. Questo dirò ai militanti del Popolo della Famiglia riuniti per la III festa nazionale de La Croce. Dunque dobbiamo organizzarla e farla crescere ben oltre i 220mila italiani che già il 4 marzo scorso ci hanno dato la loro fiducia nell’urna. Come? Con una crescita dell’elaborazione politica e culturale, sviluppata giornalmente con il quotidiano La Croce; con una crescita organizzativa e dunque una ramificazione in tutte le aree del Paese; con una crescita delle risorse da impiegare, dunque spingendo sul tesseramento e sulle forme di militanza a sostengo della diffusione del PdF.

Poi, a differenza delle finte associazioncine ad personam da venti persone che servono solo ad alimentare la sterile convegnite cattolica, noi abbiamo dei compiti precisi da svolgere, ognuno sul proprio territorio, con precise ricadute politiche. Per essere certi di portare a termine ovunque questi compiti, saranno nominati 220 membri di un coordinamento nazionale che affiancherà la presidenza nella guida del movimento, che una successiva assemblea nazionale del Popolo della Famiglia ratificherà. Ovviamente questo soggetto si occuperà di tutti i passaggi elettorali previsti nei prossimi mesi: ottobre in Trentino, febbraio in Sardegna, marzo in Basilicata e Abruzzo, infine il 26 maggio le elezioni europee per presentarci alle quali occorre raccogliere centocinquantamila firme in sei mesi, dunque partiremo da novembre.

Camaldoli sarà soprattutto una festa e un’occasione seria di incontro e confronto. Ne usciremo con un documento politico vincolante per tutti i militanti, che farà da base ai lavori della successiva assemblea nazionale. Poi avanti a testuggine, scommettendo sul fatto (vedi verbo 25 dei 101 verbi) che il Popolo della Famiglia può essere solo destinato a crescere. Sette milioni di italiani vanno a messa tutte le domeniche, sono cattolici praticanti. Da decenni non si riescono ad avere politiche a favore della vita e a favore della famiglia, si oscilla tra chiacchiere e leggi apertamente contrarie ai valori non negoziabili. Il PdF intende offrire ai cristiani un’opportunità di spendere bene il loro voto. Da Camaldoli la nostra traversata del deserto riparte, con un piano di lavoro preciso e una serie di sorprese che ci aiuteranno, che solo a Camaldoli saranno rivelate. Seguiteci, non sarà tempo perso.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

17/09/2018
0602/2023
Ss. Paolo Miki e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Bloccare per legge i siti porno

Thérèse Hargot nel suo “Una gioventù sessualmente liberata (o quasi)” spiega i danni che l’industria della pornografia produce sui nostri figli. Già nella pre-adolescenza grazie al consumo gratuito via web l’immaginario sessuale dei nostri figli si forma su stereotipi dettati da quell’industria

Leggi tutto

Politica

Don Giussani e la politica

Ogni comunità cristiana, per il fatto di essere storicamente collocata in un determinato ambito civile – nel nostro caso, un Comune −, non può non avere uno sguardo sui bisogni e le urgenze più grandi che emergono in quel luogo. Per questo implicarsi con le prossime elezioni amministrative è una possibilità a portata di mano di tutti, nessuno può sentirsi escluso. Chi avrà accettato la sfida potrà giudicare se l’essersi implicato in questa circostanza, che non abbiamo deciso noi, gli è servito per verificare quello che dicevamo all’inizio, cioè se quello che abbiamo incontrato serve per affrontare tutto, perfino nel clima di sfiducia dal quale ci sentiamo circondati. Noi non possiamo essere definiti da questo clima, né possiamo lasciare che altri riempiano gli spazi di presenza che noi, per pigrizia, non riempiamo. Allora ciascuno nel proprio ambito potrà vedere se quello che ci diciamo è un fatto vivo – come è stato per quei nostri amici − o se è semplicemente un modo di dire che non c’entra con le urgenze della vita. Mi sembra che abbiamo davanti una bellissima opportunità per verificare tutti, ma proprio tutti, non solo coloro che s’impegnano direttamente in politica o che hanno deciso di candidarsi, se siamo veramente impegnati per realizzare quel ‘bene comune’ di cui parliamo sempre”.

Leggi tutto

Politica

Per un recupero radicale della nostra identità

I temi che il libro affronta sono tanti, e tutti rilevanti per chi ha ancora a cuore le sorti del mondo: aborto, eutanasia, ideologia gender, legalizzazione delle droghe leggere (ma anche pesanti), pedofilia, prostituzione e altro ancora. L’ultimo libro del direttore di questo giornale ha sorpreso gli osservatori

Leggi tutto

Politica

Eppure Péguy aveva seppellito per sempre il moderatismo….

Il “moderatista” avversa quella grandezza d’animo che è il solo distintivo della vera nobiltà.

Leggi tutto

Società

La morte vince sulla giustizia?

Il processo a Marco Cappato si sta rivelando per la passerella di radicali che a suo tempo annunciammo. Fummo facili profeti: ieri il PM Tiziana Siciliano ha chiesto l’assoluzione per Marco Cappato, addirittura arrivando a dire che «oggi lo Stato è Marco Cappato», e torcendo nella sua arringa le parole di Primo Levi e di Thomas More. L’alternativa è rivedere direttamente l’art. 580.

Leggi tutto

Politica

Cattolici: quantità e qualità

I due studi più recenti (Ipsos e Eurispes) concordano su un dato: si definiscono “cattolici” oltre il 70% degli italiani, per Ipsos sono il 74.4%, per Eurispes il 71.1%. Stiamo parlando di circa 45 milioni di persone, una enormità. E infatti se andiamo a cercare i dati sulla pratica religiosa, i cattolici praticanti, quelli che vanno alla messa domenicale sono molti di meno: circa un quarto degli italiani. Ipsos fa una interessante distinzione: l’11.2% lo definisce “cattolico impegnato”, cioè va a messa ed è attivo in parrocchia o nell’associazionismo; poi c’è un 15.8% di “assidui scarsamente impegnati” che dunque vanno a messa una o due volte al mese o anche tutte le settimane ma comunque non avvertono un coinvolgimento né nella dimensione ecclesiale né nell’associazionismo. Il rapporto Ipsos è del novembre 2017, dunque i dati sono recentissimi e sembrano fotografare una condizione di realtà. Volendo fare riferimento ai soli cattolici impegnati, stiamo parlando comunque di un popolo di poco inferiore ai sette milioni di italiani.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano