Politica

di Mario Adinolfi

La supercazzola chiamata PD

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Sono passati dieci anni dalla fondazione del Pd, tra poco saranno 11, ci candidammo in cinque a guidarlo e oggi ne stiamo tutti lontani: Veltroni fa il regista, la Bindi si è ritirata a vita privata, Letta è in esilio a Parigi, io l’ho abbandonato ormai quasi sei anni fa e Gawronsky non so cosa faccia. Quel progetto è drammaticamente fallito perché ha deciso di abbandonare quel che poteva essere, un partito popolare di massa, per trasformarsi in partito delle élites, di quelli che conducono e guardano Otto e Mezzo, Propaganda Live, Piazza Pulita, Di Martedì, Carta Bianca più quelli che leggono Repubblica. Ovviamente tutti costoro fingono di essere contro le élites, persino contro le élites del Pd, ma poi le votano e ne dipendono (qualche volta si candidano e ne fanno parte, fino a quando si accorgono che economicamente non conviene, si prende di più lamentandosene). Quando mi candidai a guidarlo proposi la quota 100 per le pensioni, investimenti sulle giovani famiglie e sui ragazzi che volevano fare impresa. Eravamo un gruppo di giovani, ci chiamavamo Generazione U, ci diedero addosso dicendo che eravamo eretici. Si decise di far sventolare bandiere desuete e di ricorrere alla piattaforma della Bonino: “matrimonio” gay, cannabis libera, divorzio breve, testamento biologico. In aggiunta a questo, taglio radicale dei diritti (cancellazione articolo 18) e iscrizione al Partito socialista europeo, moribondo in tutta Europa. Ora leggo un Orfini che propone di “sciogliere il Pd e di rifondarlo, senza cambiare nome” e ovviamente senza privarsi del decisivo apporto di Orfini. In pratica, una supercazzola. Si dilanieranno tra renziani e zingarettiani, poi Renzi farà l’accordo con Zingaretti e tutto a posto, Richetti mugugnerà un po’ e dirà che il problema sono quelli che stanno a Roma senza capire che tra quelli che stanno a Roma ci sta pure lui, da anni. Si spartiranno un po’ di potere, sempre meno. E sarà una fine ingloriosa. Da partito della Bonino, stesse percentuali. Se la giocheranno con il PdF. Solo che noi abbiamo un’anima e dunque siamo piccoli ma destinati a crescere. Loro l’anima l’hanno venduta a banchieri, grandi giornali e euroburocrati. Con l’anima venduta puoi solo appassire, come un fiore reciso. Dieci anni di sopravvivenza sono pure troppi.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

17/09/2018
0706/2020
Sant'Antonio Maria Giannelli

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Perchè tanti non vanno a Verona

Lo schiacciamento delle istanze pro-life e pro-family operato dagli organizzatori del WCF2019 – quell’insieme di “modalità” cui diplomaticamente alludeva Parolin, prendendone le distanze –ha reso le stesse impresentabili in un dibattito civile. Non andare alla manifestazione significa per molti semplicemente tenere aperte le strade di un dialogo possibile sui temi di vita e famiglia.

Leggi tutto

Media

A Sanremo il gotha dei locatori di uteri

Propagandare in Italia la pratica dell’utero in affitto, anche solo pubblicizzarla, è reato passibile di due anni di carcere e un milione di euro di multa. Caro Carlo, tienilo come promemoria.

Leggi tutto

Politica

Scuola, Appendino ideologica e autoritaria

L’assessore alla Scuola Federica Patti, per cercare di limitare il clamore suscitato dalla decisione della giunta – quella di spezzare le reni agli istituti paritari – ha rilasciato un’intervista a Paola Pintus che appare la classica toppa peggiore dello strappo. Patti si esibisce allora in una serie di omissioni e di manipolazioni della legge Berlinguer 62/2000 che solo alla disonestà o all’impreparazione può attribuirsi

Leggi tutto

Società

Spiegare a Vauro ciò che non gli è chiaro

Il guaio grosso è che i genitori sostengono che l’ospedale menta sulle reali condizioni del bambino, quindi dalle cartelle cliniche non c’è da aspettarsi grandi novità: non ci vuole molto a ritoccare la misura della circonferenza cranica, ad esempio, per dimostrare che Charlie non è cresciuto negli ultimi mesi. *Marwa** *Bouchenafa tre mesi fa si è trovata in una situazione del tutto analoga a quella di Charlie: i dottori francesi volevano sospenderle la ventilazione e i genitori invece volevano mantenerla e, per il momento, è ancora viva grazie ad una decisione (sempre in bilico) dei giudici francesi. La sua famiglia, quando ha visto che aria tirava in ospedale, ha cominciato a presidiare la stanza e a filmare ogni giorno la piccola, a misurarla per conto proprio, cioè a radunare evidenze scientifiche sul suo stato di salute indipendenti dall’ospedale. E grazie a questo lavoro meticoloso sono riusciti a strappare ai giudici la sentenza favorevole.

Leggi tutto

Società

Molestie Sessuali ed impresentabili

Possiamo dirlo solo sommessamente, ma quanto alla voragine mediatica che si è aperta con il caso Weinstein e l’hashtag virale #MeToo, il vero problema non è il potere femminile, che qualcuno presume essere insufficiente. Il problema non verte neppure sulla sudditanza psicologica di questa o quella fanciulla. Il vero problema è che senza un’etica diffusa e condivisa la vita sociale sarà sempre affetta da squilibri gravi.

Leggi tutto

Politica

IL MONDO SA DEL PATTO GIÀ SCRITTO

La conferma viene pure dal “Wall Street Journal”. Traspare già dal titolo del pezzo di Simon Nixon: I poteri forti in Italia puntano alla grande coalizione. Scrive, infatti, Nixon che le «Italian elite» hanno deciso di optare su una «grand centrist coalition between the Democratic Party and Forza Italia, most likely under the leadership of current Prime Minister Paolo Gentiloni». Grande Inciucio con un probabile Gentiloni bis.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2020 La Croce Quotidiano