Politica

di Mario Adinolfi

La supercazzola chiamata PD

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Sono passati dieci anni dalla fondazione del Pd, tra poco saranno 11, ci candidammo in cinque a guidarlo e oggi ne stiamo tutti lontani: Veltroni fa il regista, la Bindi si è ritirata a vita privata, Letta è in esilio a Parigi, io l’ho abbandonato ormai quasi sei anni fa e Gawronsky non so cosa faccia. Quel progetto è drammaticamente fallito perché ha deciso di abbandonare quel che poteva essere, un partito popolare di massa, per trasformarsi in partito delle élites, di quelli che conducono e guardano Otto e Mezzo, Propaganda Live, Piazza Pulita, Di Martedì, Carta Bianca più quelli che leggono Repubblica. Ovviamente tutti costoro fingono di essere contro le élites, persino contro le élites del Pd, ma poi le votano e ne dipendono (qualche volta si candidano e ne fanno parte, fino a quando si accorgono che economicamente non conviene, si prende di più lamentandosene). Quando mi candidai a guidarlo proposi la quota 100 per le pensioni, investimenti sulle giovani famiglie e sui ragazzi che volevano fare impresa. Eravamo un gruppo di giovani, ci chiamavamo Generazione U, ci diedero addosso dicendo che eravamo eretici. Si decise di far sventolare bandiere desuete e di ricorrere alla piattaforma della Bonino: “matrimonio” gay, cannabis libera, divorzio breve, testamento biologico. In aggiunta a questo, taglio radicale dei diritti (cancellazione articolo 18) e iscrizione al Partito socialista europeo, moribondo in tutta Europa. Ora leggo un Orfini che propone di “sciogliere il Pd e di rifondarlo, senza cambiare nome” e ovviamente senza privarsi del decisivo apporto di Orfini. In pratica, una supercazzola. Si dilanieranno tra renziani e zingarettiani, poi Renzi farà l’accordo con Zingaretti e tutto a posto, Richetti mugugnerà un po’ e dirà che il problema sono quelli che stanno a Roma senza capire che tra quelli che stanno a Roma ci sta pure lui, da anni. Si spartiranno un po’ di potere, sempre meno. E sarà una fine ingloriosa. Da partito della Bonino, stesse percentuali. Se la giocheranno con il PdF. Solo che noi abbiamo un’anima e dunque siamo piccoli ma destinati a crescere. Loro l’anima l’hanno venduta a banchieri, grandi giornali e euroburocrati. Con l’anima venduta puoi solo appassire, come un fiore reciso. Dieci anni di sopravvivenza sono pure troppi.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

17/09/2018
1907/2019
Sant'Arsenio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Perchè il PDF serve ancora di più

Il centrodestra ha convenuto che sarà il M5S a esprimere il presidente della Camera (Roberto Fico), mentre toccherà a Forza Italia la seconda carica dello Stato (candidata probabile Anna maria Bernini). Giorgia Meloni è ridotta al ruolo di comparsa dopo aver accarezzato il sogno di diventare presidente della Camera nel solco di Fini. Si apre una stagione in cui per i cattolici ci sarà spazio solo nel segno di un’autonomia politica valoriale.

Leggi tutto

Società

Eutanasia made in UK: i morti di Jane Barton

Vengono alla luce molti processi (alcuni alle azioni della dottoressa e altre agli insabbiamenti dei suddetti) per “morti sospette”.

Leggi tutto

Società

Almeno i nonni

“Croce e delizia” ammette più di quanto pensi di dire: la gajezza senile (come molte altre) non è un dato naturale, bensì una moda che sconfina nell’ideologia. Per alcuni è professione, per chi tira
le fila è ossessione. Balza agli occhi nella sua evidenza come l’omosessualismo sia un gioco di società mentre l’orientamento maggioritario – e normale – della popolazione è ciò che costruisce il Paese.

Leggi tutto

Politica

Ursula, non sei il mio presidente

Leggi tutto

Politica

Per non finire dalla padella piddina nella brace grillina

Renzi perde contro tutti, ma ha comunque accumulato un credito personale enormemente più grande di quello di qualunque oppositore singolo. Resta la fluttuante variabile dei cattolici italiani

Leggi tutto

Società

Riguardo a donne e discriminazione

Molto più fecondamente che appellandosi all’incomprensibile nozione di “omofobia”, si contrasterebbe il bullismo stigmatizzando e perseguendo legalmente l’ipotetico reato di “androfobia” e “ginecofobia”: è nel rifiuto della realtà umana così come si dà che si annida il germe dell’odio che poi esplode negli atti di violenza verbale, psichica e/o fisica

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano