Politica

di Nicola Di Matteo

A Camaldoli per il bene comune

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Manca veramente poco alla festa del nostro giornale. Il 22 e il 23 Settembre, due giorni per incontrarci. Due giorni per riflettere e studiare azioni concrete per un cambiamento quanto mai necessario.

Due giorni a Camaldoli

Due giorni per il Popolo della Famiglia. Il Codice di Camaldoli continua ad insegnarci – dopo settant’anni – che, per preparare e costruire bene il futuro, occorre pensare e agire secondo i tempi lunghi della vita sociale e politica, essendo però attivi e sapendo operare efficacemente rispetto alle necessità di oggi. Abbiamo bisogno dell’anima di Camaldoli in un’età, la nostra, stagnante e precaria perché sempre più poco equa. L’azione e la responsabilità politica deve iniziare subito con la stagione del proprio profondo rinnovamento. Don Luigi Sturzo ripartì dalle amministrazioni locali con la sua proposta politica popolare e molti dei nostri politici più validi fin dal secondo dopoguerra sono cresciuti dal basso - provenendo da associazioni, parrocchie, movimenti - e sono stati prima amministratori locali e poi parlamentari. Erano persone profondamente immerse nella realtà popolare, nella quale hanno imparato a rispondere a bisogni collettivi e concreti, sentendo come il sacerdote di Caltagirone «la vita politica come un dovere e il dovere dice speranza» (Don Luigi Sturzo).

L’assemblea di Camaldoli può dunque e deve essere un banco di prova per far ripartire la politica dal basso e per coinvolgere di nuovo il Popolo intorno ad essa. Il mondo va avanti e il passato, se è ancora utile, serve per rafforzare la politica del presente e quella del futuro, favorendo un grande impegno comune, dove possano trovare posto tutti coloro che amano il loro Paese e vogliono fare qualcosa di buono per renderlo sempre migliore. Lo ha detto il Santo Padre in un discorso rivolto proprio a noi Italiani: «il fare memoria di un passato ricco di conquiste ci chiama a un rinnovato senso di responsabilità per l’oggi e per il domani. Il passato è la radice, la storia diventa radice di nuovi slanci, radice delle sfide presenti, e radici di un futuro, di un andare avanti!» (Papa Francesco, Un servizio alla verità, un servizio alla bontà e un servizio alla bellezza, Città del Vaticano 18 gennaio 2014).

La Politica è da prendere sul serio, perché in essa, e con essa, si costruisce il bene di tutti e di ciascuno, il futuro delle famiglie e dei giovani, la cura del creato, la dignità delle persone. La Politica deve stare lontana dagli interessi estranei e non deve piegarsi alle logiche mafiose, che tutto fanno, tranne che perseguire il bene della Comunità.

La nostra sfida sta nel creare consenso intorno a valori comuni

Il politico vero è colui che guarda non all’interno della sua “bottega” o agli interessi dei suoi amici, ma all’esterno, alle periferie umane ed esistenziali, come sostiene un articolo del Codice di Camaldoli: «Fine dello Stato è la promozione del bene comune, ciò a cui possono partecipare tutti i cittadini in rispondenza alle loro attitudini e condizioni; bene che i singoli e le famiglie non sono in grado di attuar, giacché lo Stato non deve sostituirsi ai singoli e alle famiglie (Rer. Nov. 28); bene conforme alla natura dell’uomo, essere formato di corpo e di spirito e preordinato a Dio (Pio XI, Mit Brennender, 8)» (“Il fine e i doveri dello Stato”, 6).

La politica che persegue il bene comune e cerca di tutelare valori fondamentali, quali la vita, l’integrità della famiglia, il lavoro, la salute. È urgente una inversione di tendenza e di marcia in questi delicatissimi ambiti della vita individuale e collettiva. È urgente puntare a un vero e duraturo rinnovamento politico, basato su un forte recupero di legalità e moralità pubblica.

Di fronte alla crisi attuale della nostra società occorre coltivare la speranza per non essere vinti dal pessimismo ma lavorare e rafforzare il nostro lavoro nel territorio.

Verso Camaldoli per essere testimoni della bellezza di un movimento che vuole e deve puntare al vero bene. Un bene politico che vorremmo perseguire all’insegna della nostra più bella eredità, che da Italiani fa riferimento soprattutto al “movimento” cattolico, e non a singoli partiti o esperienze del passato che vanno studiate e magari meglio conosciute ed apprezzate ma che, ormai, vanno consegnate alla storia. Come insegna lo stesso Papa Francesco, occorre che il futuro «ci trovi con la radice della nostra storia» ma «andando sempre avanti», volti ad offrire come movimento di Popolo «un servizio alla verità, un servizio alla bontà e un servizio alla bellezza» (Papa Francesco, Un servizio alla verità…, cit.).

Verso Camaldoli per essere testimoni della bellezza di un movimento che vuole e deve puntare al vero bene.

“Ho sentito la vita politica come un dovere e il dovere dice speranza” (Don Luigi Sturzo)

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

20/09/2018
0412/2019
S.Giovanni Damasceno

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Se i cattolici votano Grillo

La vittoria alle amministrative dei grillini è frutto anche del voto di molti cattolici in funzione antirenziana. Ma dalla padella si passerebbe alla brace. Occorre rafforzare il Popolo della Famiglia

Leggi tutto

Storie

STORIA DI UN AMORE, SBECCATO MA UTILE A TUTTI

Dopo aver ri-costruito attraverso questo percorso davvero tortuoso una mia condizione familiare, Dio ha voluto che spendessi tutto me stesso per testimoniare la bellezza della famiglia e anche di questo devo dire grazie a Silvia. Voglio La Mamma nasce nel 2013 perché ho visto Clara con Silvia e Silvia con Clara. Da ragazzino quando nacque Livia, la mia carissima primogenita, ero troppo preso da me per avere lo sguardo davvero sull’altro, poi intervennero subito tragedie da togliere il fiato e nessuna bellezza poteva essere anche solo immaginata dal mio sguardo. Vent’anni dopo la oggettiva e prepotente bellezza di Silvia riverberata in Clara sembra essere immagine stessa della bellezza della condizione familiare. Dentro questa parola (“bellezza”) io inserisco anche l’enorme fatica dell’essere famiglia, i vincoli che impone, i limiti dell’altro che devi imparare ad accettare e Silvia ne ha, cavoli se ne ha, ma i miei sono infinitamente maggiori e talvolta davvero insopportabili, quindi ho imparato quell’indulgenza che è anticamera necessaria dell’amore.

Leggi tutto

Politica

Ops, l’odiato Trump vince ancora

Trump che fa? Il misogino Trump, il riccastro Trump come risponde? Candida una donna ma stanzia un budget di appena quattro milioni di dollari. Oddio, ho scritto appena, ma per una elezione distrettuale è comunque una montagna di danaro. Certo, paragonata ai cinquanta milioni in dote al candidato dei democrats sembra un topolino. Ma la donna è coriacea, sa di doversi battere, in quel distretto di Atlanta alle presidenziali Trump ha vinto sì, ma per pochissimi voti e ora tutti dicono che l’inquilino della Casa Bianca è odiatissimo, che ha vinto solo per il bizzarro sistema elettorale americano ma in realtà ha preso meno voti di Hillary Clinton e insomma il 29enne democratico è praticamente certo di diventare deputato, ha il sostegno di tutta la stampa e di tutte le star dello spettacolo e delle principali televisioni. Con quei cinquanta milioni di dollari si è potuto comprare undicimila spot televisivi che hanno bombardato i cittadini di Atlanta notte e dì, spiegando come fosse importante dal punto di vista simbolico quella elezioni, che di lì l’America sarebbe ripartita alla riscossa e menate del genere.

Leggi tutto

Media

Franco Di Mare offende i cattolici polacchi a spese pubbliche

Tra i tanti denigratori degli innumerevoli polacchi che hanno voluto pacificamente circondare la loro nazione con la loro preghiera abbiamo dovuto
annoverare anche il popolare conduttore di UnoMattina, che si è prodotto in lunghissimi minuti di propaganda di regime laicista e radical chic

Leggi tutto

Storie

In un attimo l’infinito di Carlotta Nobile

Ricordo che quando ero felice – scrive la giovane riandando all’infanzia – i miei fogli erano prevalentemente gialli. Quando ero triste arancioni. Non c’era così tanta differenza tra la mia gioia e il dolore. Solo un po’ di rosso in meno» (p.27). Il cancro ha messo alla prova queste parole mostrandole che gioia e dolore, nella sequela del Cristo Crocifisso, sono affratellati. Nella luce che promana dalla Croce c’è solo, come direbbe lei, «un po’ di rosso in meno».

Leggi tutto

Società

Adesso puntano al poliamore

Mentre il computo dei femminicidi, delle depressioni, dei padri sul lastrico e dei figli ridotti a mezzo di offesa dell’ex partner sale ben oltre i livelli di guardia, Repubblica torna a spiegarci che la soluzione starebbe in un tanto semplice quanto nominalistico smettere di deprecare l’infedeltà e l’instabilità. Con un gioco di parole vorrebbero mettere nel sacco la domanda del cuore umano.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano