Politica

di Nicola Di Matteo

A Camaldoli per il bene comune

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Manca veramente poco alla festa del nostro giornale. Il 22 e il 23 Settembre, due giorni per incontrarci. Due giorni per riflettere e studiare azioni concrete per un cambiamento quanto mai necessario.

Due giorni a Camaldoli

Due giorni per il Popolo della Famiglia. Il Codice di Camaldoli continua ad insegnarci – dopo settant’anni – che, per preparare e costruire bene il futuro, occorre pensare e agire secondo i tempi lunghi della vita sociale e politica, essendo però attivi e sapendo operare efficacemente rispetto alle necessità di oggi. Abbiamo bisogno dell’anima di Camaldoli in un’età, la nostra, stagnante e precaria perché sempre più poco equa. L’azione e la responsabilità politica deve iniziare subito con la stagione del proprio profondo rinnovamento. Don Luigi Sturzo ripartì dalle amministrazioni locali con la sua proposta politica popolare e molti dei nostri politici più validi fin dal secondo dopoguerra sono cresciuti dal basso - provenendo da associazioni, parrocchie, movimenti - e sono stati prima amministratori locali e poi parlamentari. Erano persone profondamente immerse nella realtà popolare, nella quale hanno imparato a rispondere a bisogni collettivi e concreti, sentendo come il sacerdote di Caltagirone «la vita politica come un dovere e il dovere dice speranza» (Don Luigi Sturzo).

L’assemblea di Camaldoli può dunque e deve essere un banco di prova per far ripartire la politica dal basso e per coinvolgere di nuovo il Popolo intorno ad essa. Il mondo va avanti e il passato, se è ancora utile, serve per rafforzare la politica del presente e quella del futuro, favorendo un grande impegno comune, dove possano trovare posto tutti coloro che amano il loro Paese e vogliono fare qualcosa di buono per renderlo sempre migliore. Lo ha detto il Santo Padre in un discorso rivolto proprio a noi Italiani: «il fare memoria di un passato ricco di conquiste ci chiama a un rinnovato senso di responsabilità per l’oggi e per il domani. Il passato è la radice, la storia diventa radice di nuovi slanci, radice delle sfide presenti, e radici di un futuro, di un andare avanti!» (Papa Francesco, Un servizio alla verità, un servizio alla bontà e un servizio alla bellezza, Città del Vaticano 18 gennaio 2014).

La Politica è da prendere sul serio, perché in essa, e con essa, si costruisce il bene di tutti e di ciascuno, il futuro delle famiglie e dei giovani, la cura del creato, la dignità delle persone. La Politica deve stare lontana dagli interessi estranei e non deve piegarsi alle logiche mafiose, che tutto fanno, tranne che perseguire il bene della Comunità.

La nostra sfida sta nel creare consenso intorno a valori comuni

Il politico vero è colui che guarda non all’interno della sua “bottega” o agli interessi dei suoi amici, ma all’esterno, alle periferie umane ed esistenziali, come sostiene un articolo del Codice di Camaldoli: «Fine dello Stato è la promozione del bene comune, ciò a cui possono partecipare tutti i cittadini in rispondenza alle loro attitudini e condizioni; bene che i singoli e le famiglie non sono in grado di attuar, giacché lo Stato non deve sostituirsi ai singoli e alle famiglie (Rer. Nov. 28); bene conforme alla natura dell’uomo, essere formato di corpo e di spirito e preordinato a Dio (Pio XI, Mit Brennender, 8)» (“Il fine e i doveri dello Stato”, 6).

La politica che persegue il bene comune e cerca di tutelare valori fondamentali, quali la vita, l’integrità della famiglia, il lavoro, la salute. È urgente una inversione di tendenza e di marcia in questi delicatissimi ambiti della vita individuale e collettiva. È urgente puntare a un vero e duraturo rinnovamento politico, basato su un forte recupero di legalità e moralità pubblica.

Di fronte alla crisi attuale della nostra società occorre coltivare la speranza per non essere vinti dal pessimismo ma lavorare e rafforzare il nostro lavoro nel territorio.

Verso Camaldoli per essere testimoni della bellezza di un movimento che vuole e deve puntare al vero bene. Un bene politico che vorremmo perseguire all’insegna della nostra più bella eredità, che da Italiani fa riferimento soprattutto al “movimento” cattolico, e non a singoli partiti o esperienze del passato che vanno studiate e magari meglio conosciute ed apprezzate ma che, ormai, vanno consegnate alla storia. Come insegna lo stesso Papa Francesco, occorre che il futuro «ci trovi con la radice della nostra storia» ma «andando sempre avanti», volti ad offrire come movimento di Popolo «un servizio alla verità, un servizio alla bontà e un servizio alla bellezza» (Papa Francesco, Un servizio alla verità…, cit.).

Verso Camaldoli per essere testimoni della bellezza di un movimento che vuole e deve puntare al vero bene.

“Ho sentito la vita politica come un dovere e il dovere dice speranza” (Don Luigi Sturzo)

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

20/09/2018
2906/2022
Ss. Pietro e Paolo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Il crocifisso a scuola si può esporre regolarmente

La Cassazione ei è pronunciata nell’ambito del ricorso presentato da un docente che era stato sanzionato in via disciplinare perché invocando la libertà di insegnamento e di coscienza in materia religiosa si era opposto alla circolare di un dirigente scolastico di Terni che ordinava di esporre il crocifisso in aula.

Leggi tutto

Società

Associazioni piemontesi reclamano più aborti

27 associazioni diffidano la Regione Piemonte per la mancata applicazione delle linee guida ministeriali in merito all’interruzione volontaria di gravidanza con metodo farmacologico.

Leggi tutto

Media

UNA SORPRESA? L’ULTIMO LIBRO DI DEL DEBBIO

Non so come abbia fatto Paolo a trovare il tempo per scrivere un libro ma, complice Aldo Cazzullo che l’ha raccontato intervistandolo in una paginata del Corriere della Sera, ho cercato io il tempo per leggerlo. Ed è stata una meravigliosa sorpresa. Badate bene, il lungo elenco che ho proposto sopra è di conduttori televisivi che con rarissime eccezioni hanno scritto libri a vagonate. Per contiguità lavorativa li ho sfogliati quasi tutti ed è stato tempo perso. Sempre. E più di lignaggio sono i conduttori, più il libro è pretenzioso e noioso.

Leggi tutto

Politica

Il Mattarella bis ed il Popolo della Famiglia

Adinolfi: “Mattarella non può vivere serenamente questa sua rielezione al Quirinale, perché lo costringe a mancare alla parola data e a violare le considerazioni che da costituzionalista lui stesso ha ripetutamente compiuto sull’inopportunità della rielezione del presidente della Repubblica”

Leggi tutto

Politica

PDF - Denatalità è vera pandemia sottotraccia

La maggior disponibilità di spesa nei bilanci regionali permette di indirizzare fondi alla famiglia ed alle politiche che possono far ripartire la natalità, elemento indispensabile per rendere durevole gli effetti positivi degli investimenti ed assicurare un futuro alle società», ha dichiarato Marco Sciamanna presidente del Popolo della Famiglia Umbria.

Leggi tutto

Politica

PDF Sardegna e doppio cognome

Il Popolo della Famiglia Sardegna interviene sulla vicenda di Greta (nome di fantasia), la bambina che a Sassari ha ricevuto nel gennaio 2021, dopo una sentenza del Tribunale dei minori, l’autorizzazione ad avere un secondo cognome appartenente, non alla madre biologica, ma al compagno del padre e ha concesso a quest’ultimo pari diritti sulla tutela della bambina.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano