Politica

di Nicola Di Matteo

A Camaldoli per il bene comune

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Manca veramente poco alla festa del nostro giornale. Il 22 e il 23 Settembre, due giorni per incontrarci. Due giorni per riflettere e studiare azioni concrete per un cambiamento quanto mai necessario.

Due giorni a Camaldoli

Due giorni per il Popolo della Famiglia. Il Codice di Camaldoli continua ad insegnarci – dopo settant’anni – che, per preparare e costruire bene il futuro, occorre pensare e agire secondo i tempi lunghi della vita sociale e politica, essendo però attivi e sapendo operare efficacemente rispetto alle necessità di oggi. Abbiamo bisogno dell’anima di Camaldoli in un’età, la nostra, stagnante e precaria perché sempre più poco equa. L’azione e la responsabilità politica deve iniziare subito con la stagione del proprio profondo rinnovamento. Don Luigi Sturzo ripartì dalle amministrazioni locali con la sua proposta politica popolare e molti dei nostri politici più validi fin dal secondo dopoguerra sono cresciuti dal basso - provenendo da associazioni, parrocchie, movimenti - e sono stati prima amministratori locali e poi parlamentari. Erano persone profondamente immerse nella realtà popolare, nella quale hanno imparato a rispondere a bisogni collettivi e concreti, sentendo come il sacerdote di Caltagirone «la vita politica come un dovere e il dovere dice speranza» (Don Luigi Sturzo).

L’assemblea di Camaldoli può dunque e deve essere un banco di prova per far ripartire la politica dal basso e per coinvolgere di nuovo il Popolo intorno ad essa. Il mondo va avanti e il passato, se è ancora utile, serve per rafforzare la politica del presente e quella del futuro, favorendo un grande impegno comune, dove possano trovare posto tutti coloro che amano il loro Paese e vogliono fare qualcosa di buono per renderlo sempre migliore. Lo ha detto il Santo Padre in un discorso rivolto proprio a noi Italiani: «il fare memoria di un passato ricco di conquiste ci chiama a un rinnovato senso di responsabilità per l’oggi e per il domani. Il passato è la radice, la storia diventa radice di nuovi slanci, radice delle sfide presenti, e radici di un futuro, di un andare avanti!» (Papa Francesco, Un servizio alla verità, un servizio alla bontà e un servizio alla bellezza, Città del Vaticano 18 gennaio 2014).

La Politica è da prendere sul serio, perché in essa, e con essa, si costruisce il bene di tutti e di ciascuno, il futuro delle famiglie e dei giovani, la cura del creato, la dignità delle persone. La Politica deve stare lontana dagli interessi estranei e non deve piegarsi alle logiche mafiose, che tutto fanno, tranne che perseguire il bene della Comunità.

La nostra sfida sta nel creare consenso intorno a valori comuni

Il politico vero è colui che guarda non all’interno della sua “bottega” o agli interessi dei suoi amici, ma all’esterno, alle periferie umane ed esistenziali, come sostiene un articolo del Codice di Camaldoli: «Fine dello Stato è la promozione del bene comune, ciò a cui possono partecipare tutti i cittadini in rispondenza alle loro attitudini e condizioni; bene che i singoli e le famiglie non sono in grado di attuar, giacché lo Stato non deve sostituirsi ai singoli e alle famiglie (Rer. Nov. 28); bene conforme alla natura dell’uomo, essere formato di corpo e di spirito e preordinato a Dio (Pio XI, Mit Brennender, 8)» (“Il fine e i doveri dello Stato”, 6).

La politica che persegue il bene comune e cerca di tutelare valori fondamentali, quali la vita, l’integrità della famiglia, il lavoro, la salute. È urgente una inversione di tendenza e di marcia in questi delicatissimi ambiti della vita individuale e collettiva. È urgente puntare a un vero e duraturo rinnovamento politico, basato su un forte recupero di legalità e moralità pubblica.

Di fronte alla crisi attuale della nostra società occorre coltivare la speranza per non essere vinti dal pessimismo ma lavorare e rafforzare il nostro lavoro nel territorio.

Verso Camaldoli per essere testimoni della bellezza di un movimento che vuole e deve puntare al vero bene. Un bene politico che vorremmo perseguire all’insegna della nostra più bella eredità, che da Italiani fa riferimento soprattutto al “movimento” cattolico, e non a singoli partiti o esperienze del passato che vanno studiate e magari meglio conosciute ed apprezzate ma che, ormai, vanno consegnate alla storia. Come insegna lo stesso Papa Francesco, occorre che il futuro «ci trovi con la radice della nostra storia» ma «andando sempre avanti», volti ad offrire come movimento di Popolo «un servizio alla verità, un servizio alla bontà e un servizio alla bellezza» (Papa Francesco, Un servizio alla verità…, cit.).

Verso Camaldoli per essere testimoni della bellezza di un movimento che vuole e deve puntare al vero bene.

“Ho sentito la vita politica come un dovere e il dovere dice speranza” (Don Luigi Sturzo)

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

20/09/2018
2310/2018
S. Giovanni da Capestrano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

L’Italia ha bisogno dei cattolici

Nasce il Popolo della Famiglia, soggetto politico che si presenterà alle elezioni amministrative di primavera per rappresentare le istanze emerse dal Family Day e tradite dai parlamentari cattolici

Leggi tutto

Società

Se arrivano a volerci in galera

La violenza di chi l’ha denunciata è sotto gli occhi di tutti, la clamorosa dimensione della discriminazione di cui è fatto oggetto chi non la pensa come il coro dominante sul tema dei “nuovi diritti” dovrebbe far saltare in piedi l’Italia intera a difesa di Silvana De Mari. Invece in piedi insieme a lei ci siamo noi e pochi altri amici. Non un opinionista di un importante quotidiano, non una trasmissione televisiva che gridi allo scandalo, alla lesione importante di un fondamentale diritto alla libertà di opinione, non un collega giornalista che rivendichi persino per noi la libertà di stampa e l’articolo 21 della Costituzione. No, quell’articolo è invocato solo se l’opinione è quella “giusta”, cioè quella dominante.
In un’Italia così sarà motivo d’orgoglio essere radiati dagli Ordini e mandati in carcere. Quando poi il fascismo finì, fu chi subì quei provvedimenti a poter dire: io ho resistito.

Leggi tutto

Società

Scozia e matrimoni gay

Per il nuovo “matrimonio” gay si è battuta in prima linea la Sturgeon da quando era vice-primo ministro scozzese, preparando il testo e questa sua recente uscita con alcune discusse consultazioni pubbliche che, nei mesi precedenti la “legge”, avevano accreditato il fronte dei favorevoli ai “matrimoni” gay al 64%. La reazione al suo clamoroso annuncio aveva trovato a suo tempo una reazione decisa e unitaria da parte delle Chiese e comunità cristiane scozzesi. Protestanti, evangelici e cattolici avevano infatti innalzato un fronte comune contro questo «pericoloso esperimento sociale», com’è stato definito il “matrimonio” gay. Il cardinale Keith O’Brien aveva persino intimato all’allora Governo in carica di ritornare sui suoi passi e di indire un referendum consultativo nelle land. Ma, subito, la risposta arrivata per bocca dei vari portavoce è stata senza speranza: «Niente referendum, è una questione di coscienza

Leggi tutto

Chiesa

Che piacere quella prolusione, cardinal Bassetti!

Fattore famiglia e incentivi alla maternità al centro delle preoccupazioni del nuovo presidente Cei. Ed i lavori saranno lunghi e complessi
.

Leggi tutto

Storie

La pantomima di Severino Antinori

Il ginecologo sospeso dall’esercizio della professione medica, Severino Antinori, arrestato per aver espiantato con violenza ovuli da una ventiquattrenne spagnola dopo averla immobilizzata e sedata contro la sua volontà oltre che per essersi fregato ventottomila euro da una coppia a cui aveva promesso un figlio tramite le sue discusse procedure, sta tentando di trasformare in un bizzarro show il suo processo in corso davanti al tribunale di Milano.

Leggi tutto

Politica

L’orribile appellativo

La scuola ha tanti problemi ma il ministro della pubblica istruzione italiano sembra particolarmente interessata a questioni di lana caprina…..

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2018 La Croce Quotidiano