Società

di Giuseppe Brienza

Avanza la pratica dell’utero in affitto

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Non più “adozione del figliastro” o “Stepchild Adoption” quella dell’omosessuale unito civilmente con il suo compagno ma, d’ora in avanti, “adottante di pieno diritto”! L’ha deciso mercoledì la Corte d’appello di Parigi accogliendo il ricorso di un omosessuale che è diventato quindi, dal 19 settembre, il “secondo padre” a tutti gli effetti di due gemellini nati in Canada nel 2011 da c.d. “maternità surrogata” (cioè in pratica l’utero in affitto). La “novità” della sentenza, che conferma quanto già statuito dal Tribunale di prima istanza nel novembre 2016, sta nel fatto che le generalità della madre biologica dei neonati concepiti tramite utero in affitto saranno in questo e nei futuri analoghi cadi del tutto cancellate dai i documenti e atti di nascita, nei quali risulterà solo la menzione del “padre biologico”.

La Corte d’appello ha negato il diritto della madre biologica dei due gemellini a prestare o meno il consenso alla cancellazione anagrafica delle sue generalità, realizzando così una totale parificazione fra l’adozione normale e la Stepchild adoption. L’“adozione del figliastro”, dunque, da adozione “di serie B” (“adoption simple”) è promossa sulla base di questo pronunciamento ad adozione “di serie A” (c.d. “adoption plénière”), in nulla differente nell’ordinamento francese da quella accordata ad un uomo e una donna che, previo un lungo percorso di preparazione, abbiano acquisito l’idoneità ed abbiano potuto adottare. Da presunti discriminati, insomma, i protagonisti “Marriage pour Tous” sono divenuti come ci aspettava privilegiati e cittadini “più uguali degli altri”!

Per dirla in modo ancora più chiaro, a partire dalla sentenza 19 settembre 2018 il regime dell’adozione del figliastro in Francia è passato:

da adozione “semplice”, che non cancella l’identità biologica e, quindi, l’origine del concepito tramite “maternità surrogata”, rimanendo quindi a determinate condizioni revocabile,

ad adozione “di pieno diritto” (“plénière”), dunque irrevocabile a tutti gli effetti perché ogni legame di filiazione di tipo biologico è azzerato in via definitiva.

«La madre biologica non figura più sull’atto di nascita e, quindi, non esiste più», ha dichiarato con tono enfatico l’avvocato che ha assistito la coppia di “gay” francesi Caroline Mecary (omosessuale essa stessa e nota autrice di saggi e articoli in favore dei “diritti Lgbt”). La Mecary contro ogni logica ha pure sostenuto che la negazione in radice non solo della madre, ma della stessa conoscenza delle sue generalità da parte dei bambini concepiti con l’utero in affitto risponde in fondo «al loro interesse» (cit. in “La justice confirme l’adoption plénière d’enfants nés par GPA à un couple homosexuel”, “La Croix”, 20/09/2018). Oggi una ulteriore decisione in materia di adozione da parte di omosessuali di bimbi concepiti con “maternità surrogata” all’estero è attesa da parte della Corte di Cassazione francese. L’isitituto è conosciuto con la sigla “GPA”, che equivale a “gestation pour autrui”, surrogacy. Perché si parli propriamente di GPA, è necessario che almeno uno dei due futuri genitori sia legato geneticamente al futuro bambino. In sostanza, occorre che o l’ovocita o lo spermatozoo che formano l’embrione appartengano alla coppia. In Europa tale pratica è legale in Belgio, Paesi Bassi, Regno Unito, Danimarca, Ungheria, Russia, Ucraina, Bielorussia, Grecia, Cipro, Armenia, Georgia.

In Francia è dunque ancora vietato ricorrere a una madre “surrogata”, sebbene cominciano ad essere numerosi sono i casi di coppie omosessuali ed eterosessuali che si rivolgono a cliniche estere per dribblare il divieto della legge e, come visto, la giurisprudenza nazionale sta dando loro ragione. In tal modo, antidemocraticamente, si sta compiendo completamente fuori dal Parlamento un passo dopo l’altro nella direzione del completamento del quadro giuridico sorto a partire dai PACS e dal “Mariage pour tous” nel 2013.

In sede di revisione della legge nazionale sulla fecondazione artificiale, la c.d. “Loi Bioethique”, il “Comité Consultatif National d’Ethique”, in pratica l’organismo consultivo analogo al nostro Comitato Nazionale di Bioetica, si è già espresso contro la legittimità di qualsiasi forma di maternità surrogata “etica” e che, pertanto, la pratica dell’utero in affitto, se la Francia rimarrà uno “Stato di diritto”, dovrebbe essere vietata anche dopo questa ulteriore sentenza “creativa” della giurisprudenza francese. Lo scontro è in atto, guai però a rimanere spettatori inerti. Ne va della difesa di questi nuovi proletari: i bambini senza più una mamma né radici!

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

20/09/2018
2310/2018
S. Giovanni da Capestrano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Alea iacta est

Il Popolo della Famiglia è l’unica risposta possibile da dare nelle urne alle prossime elezioni amministrative, data l’avanzata dei progetti contrari all’istituto matrimoniale e al diritto dei più deboli

Leggi tutto

Politica

Ops, l’odiato Trump vince ancora

Trump che fa? Il misogino Trump, il riccastro Trump come risponde? Candida una donna ma stanzia un budget di appena quattro milioni di dollari. Oddio, ho scritto appena, ma per una elezione distrettuale è comunque una montagna di danaro. Certo, paragonata ai cinquanta milioni in dote al candidato dei democrats sembra un topolino. Ma la donna è coriacea, sa di doversi battere, in quel distretto di Atlanta alle presidenziali Trump ha vinto sì, ma per pochissimi voti e ora tutti dicono che l’inquilino della Casa Bianca è odiatissimo, che ha vinto solo per il bizzarro sistema elettorale americano ma in realtà ha preso meno voti di Hillary Clinton e insomma il 29enne democratico è praticamente certo di diventare deputato, ha il sostegno di tutta la stampa e di tutte le star dello spettacolo e delle principali televisioni. Con quei cinquanta milioni di dollari si è potuto comprare undicimila spot televisivi che hanno bombardato i cittadini di Atlanta notte e dì, spiegando come fosse importante dal punto di vista simbolico quella elezioni, che di lì l’America sarebbe ripartita alla riscossa e menate del genere.

Leggi tutto

Politica

Davvero fate firmare ancora gli impegni ai partiti?

Rivolgiamo un appello accorato al voto per il Popolo della Famiglia alle elezioni del 4 marzo 2018. Il tempo dell’ingenuità (speriamo sia solo quella) è finito. Se nel 2018 non si affermerà una forza politicamente con un consenso significativo sul tema della tutela reale dei diritti della famiglia naturale, della cultura della vita, della ripresa economica fondata su una forte ripresa della natalità incentivata dal reddito di maternità e dalla riforma fiscale del quoziente familiare, allora daremo mano libera per cinque anni a quei partiti che governano praticamente insieme dal 2011 avendo prodotto il disastro che è sotto gli occhi di tutti.

Leggi tutto

Storie

L’emergenza in Grecia: fra protezione civile e troika

Eccovi un’interessante presa di posizione su quanto ‘fatto’ dall’Unione Europea a favore della martoriata Grecia. Un dovere etico quello dell’Unione europea d’intervenire contro gli incendi in Grecia. Ma un dovere anche politico, cercando di porre rimedio concreto ad una situazione non creata dall’Unione, ma che la Ue ha contribuito involontariamente ad aggravare affrontando una situazione di rischio default dello Stato ellenico, ma con sistemi dei quali non c’è consenso unanime fra gli operatori. Che i conti pubblici di Atene registrino oggi dati più che confortanti non può assolutamente bilanciare una situazione complessiva di carenza della Pubblica amministrazione, di perdita del reddito nazionale di circa il 30%, di disoccupazione ad oltre il 20% e di debito pubblico in forte e costante aumento

Leggi tutto

Politica

Un anno di PDF: fortificati dal fuoco

Abbiamo proposto un modello organizzativo di cui andiamo orgogliosi, abbiamo steso una rete senza capi e capetti, ma dove i ruoli dirigenziali del movimento si ottengono lavorando sul territorio in armonia con gli altri (fattore decisivo, chi non è in comunione con gli altri e ha atteggiamenti divisivi viene accompagnato alla porta) e costruendo consenso. Così si sono messi in luce già decine di dirigenti del Popolo della Famiglia che saranno in grado di rappresentarne le istanze nelle assemblee elettive ad ogni livello, altri possono aggiungersi perché la caratteristica del Pdf è di essere un movimento totalmente aperto, aperto davvero con porte e finestre spalancate senza inutili burocrazie interne che ne bloccherebbero la crescita. Ognuno può essere protagonista e essere misurato sul livello di consenso che riesce a generare, proprio per questo dall’1% nazionale della nostra prima uscita alle amministrative probabilmente misureremo una percentuale più che raddoppiata a questa tornata, per poi puntare dritti allo sbarramento del 3% che è la porta che consentirebbe per la prima volta nella storia italiana ad un soggetto politico esplicitamente nato a difesa della famiglia e dei principi non negoziabili di sedere nella stanza dei bottoni.

Leggi tutto

Politica

Per un recupero radicale della nostra identità

I temi che il libro affronta sono tanti, e tutti rilevanti per chi ha ancora a cuore le sorti del mondo: aborto, eutanasia, ideologia gender, legalizzazione delle droghe leggere (ma anche pesanti), pedofilia, prostituzione e altro ancora. L’ultimo libro del direttore di questo giornale ha sorpreso gli osservatori

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2018 La Croce Quotidiano