Società

di Silvio Rossi

Cani contro bimbi 3-2

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Giorni fa sono andato in un supermercato della mia zona per qualche acquisto. Entrando ho visto due cani legati fuori che aspettavano i loro padroni. Ho fatto i miei giri, comperato alcune cose che servivano e altre che – come sempre capita – non servivano, ma il potere del marketing a volte è irresistibile… Uscendo dal supermercato ho visto entrare un altro cliente, sempre con un cane. Ho avuto un’illuminazione statistico-demografica: per tutto il tempo che sono stato nel negozio ho visto ben tre cani, ma nessun bambino. Nessuno nonostante l’orario fosse semplicemente pomeridiano, non piovesse e non ci fossero particolari motivi per non incontrarli. Mi ha preso un attimo di vertigine. Il problema di un Paese in cui non nascono più figli, di un paese sempre più vecchio e disperato, di un paese in cui la relazione affettiva la si cerca in un animale piuttosto che nella famiglia. Tutto ciò si è palesato con una chiarezza cristallina. Stavo andando verso la macchina con questi pensieri quando all’orizzonte ho visto un papà con due figli che si avviava all’interno del supermercato. Abbiamo evitato un tre a zero a tavolino, i cani hanno vinto per 3 a 2, forse non tutto – allora – è perduto. Però la situazione è davvero penosa. Ieri una paziente mi raccontava di un ragazzo di circa 25 anni che diceva: «Figli? Per carità, se arriva un figlio io scappo in Messico, non voglio figli, mi impedirebbero di viaggiare». Una risposta del genere dimostra in maniera inequivocabile il fallimento di una generazione. Ragazzi che barattano la gioia della paternità, una vita piena, la realizzazione della propria virilità, un futuro di relazioni, per un biglietto aereo. Cercano i viaggi senza capire che il viaggio più entusiasmante è la vita stessa quando è vissuta nell’amore, nella condivisione e nella realizzazione di sé attraverso il dono Temono i figli perché non si sono mai liberati del loro ruolo di figli, non sono diventati grandi ed allenati ad amare. Si danno un tono parlando di partire per il mondo, ma hanno paura di uscire da loro stessi e da casa dei genitori. Canne al vento, in tutti i sensi… In questo panorama sociale desertificato il governo Lega/Cinque Stelle pubblicizza la pillola dei cinque giorni dopo (per ammazzare i bambini, non i cani), apre al farmaco per bloccare lo sviluppo sessuale per dar modo a bambini di 11/12 anni di poter decidere se essere maschio o femmina, promuove tutta una serie di provvedimenti diabolici per distruggere un popolo rendendolo sterile, stupido, incapace di riprodursi, ipotecare una vecchiaia in solitudine e una morte per iniezione statale. La mia esperienza clinica si arricchisce di nuovi dati: uomini e donne che fino a 40/45 anni hanno voluto “Viaggiare” si ricordano quando è troppo tardi di desiderare un figlio. Si riconoscono subito: genitori non più giovani con coppie di gemelli al seguito, una percentuale altissima di disturbi dell’apprendimento o patologie correlate, anche serie. Ma nessuna istituzione statale indagherà sui possibili effetti collaterali fisici e psicologici delle pratiche che forzano la natura. Tanto lo scopo non è quello di dare un figlio, ma di demolire quel che resta di un grande popolo. In una situazione così compromessa scommettere sulla famiglia e sulla vita sembra persa in partenza, ma non ci sono alternative. La sostituzione etnica è inevitabile se non si inverte il processo. E certamente il blocco delle navi non è “la” risposta. La soluzione più semplice e ovvia è far ripartire la natalità, sostenere le famiglie, incoraggiare i giovani a sposarsi, dare priorità assoluta ad una politica di fiducia e sostegno alla famiglia naturale. Ma a volte bisogna fare le cose ovvie per ottenere vittorie straordinarie.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

20/09/2018
1602/2019
Sant'Onesimo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Per una vera femminilità

In vista della Festa della Donna dell’8 marzo anticipiamo un documento importante: la Dichiarazione delle Donne del Mondo contro l’ideologia gender e l’utero in affitto: “Vogliamo essere femminili, vogliamo essere e amare il nostro essere madri”

Leggi tutto

Storie

Anna mamma coraggio

Generalmente l’assistenza viene fornita nelle sedi dei CAMSP, strutture multidisciplinari dove diversi professionisti (neurologi, psicologi, psicomotricisti, logopedisti, fisioterapisti, ecc.) possono seguire direttamente i bambini. Solo nel caso in cui la famiglia del bambino disabile risieda troppo lontano da una sede del centro il CAMSP ricorre a professionisti esterni. Fino ad ora queste spese venivano rimborsate dalla Sécurité sociale. Ma ora in alcuni dipartimenti i rimborsi sono stati sospesi. «Questa evoluzione normativa, frutto di una interpretazione restrittiva dei testi legislativi, è legale dal punto sul piano formale. Ma ci sembra scandalosa se pensiamo che non si tratta di creare nuove voci di spesa», attacca Hartmann.

Leggi tutto

Chiesa

Un disperato bisogno di padri

La figura paterna è un pilastro educativo che va sempre accompagnato al suo naturale complemento – quella materna. Dalla rivoluzione industriale in qua si è verificata una inedita scollatura tra le due – da allora le madri hanno esortato i figli a essere “meglio” e “più” dei padri – nella quale le mogli “castravano” (simbolicamente) i mariti e questi si vendicavano nell’apatia e/o nella violenza. Ecco un equilibrio che deve essere ristabilito quanto prima

Leggi tutto

Politica

Matrimonio, 30 casi di discriminazioni

Se difendi la famiglia naturale e l’istituto delle nozze uomo-donna vieni discriminato, un rapporto raccoglie trenta clamorosi casi

Leggi tutto

Politica

Scuola, Appendino ideologica e autoritaria

L’assessore alla Scuola Federica Patti, per cercare di limitare il clamore suscitato dalla decisione della giunta – quella di spezzare le reni agli istituti paritari – ha rilasciato un’intervista a Paola Pintus che appare la classica toppa peggiore dello strappo. Patti si esibisce allora in una serie di omissioni e di manipolazioni della legge Berlinguer 62/2000 che solo alla disonestà o all’impreparazione può attribuirsi

Leggi tutto

Società

Famiglia, natura o cultura?

Gianfranco Amato, Costanza Miriano, Franco Nembrini: questo il tridente dell’evento culturale che l’associazione Sunodia schiererà sul palco del Centro Convegni Cavour domani. A tema la questione fondamentale di tutto il diritto familista: se la famiglia sia o non sia una società naturale, dunque unica ed esistente da sempre. L’appuntamento è dunque a Roma nella Sala delle Carte Geografiche, in zona Termini, a partire dalle 10:30 del mattino

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano