Chiesa

di Raffaele Dicembrino

I #Vescovi italiani guardano al Paese reale

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Il Papa e la Chiesa sono in ansia per i giovani ed i bisognosi (dai migranti ai terremotati). Infatti i lavori della Commissione per la tutela dei minori e delle persone vulnerabili, i giovani e la disoccupazione, i migranti, la nuova edizione del Messale Romano per una liturgia legata all’evangelizzazione: sono i temi centrali affrontati dal Consiglio episcopale permanente, riunitosi a Roma. Il Comunicato finale è stato presentato ieri dal presidente della Cei, il cardinale Bassetti, nel corso della conferenza stampa a Palazzo Pio

Il Consiglio permanente ha puntato i riflettori su diverse tematiche di attualità ma non solo. Centralità anche alla nuova edizione del Messale Romano, che i vescovi auspicano riconsegni la ricchezza della riforma liturgica: centralità della Parola di Dio, della Pasqua e della stessa Assemblea. Nell’illustrare il comunicato finale dei 30 vescovi riuniti in questi giorni a Roma nel Consiglio permanente, il presidente della Cei, il cardinale Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve, si è soffermato anche sull’importanza dell’Evangelii gaudium, di una conversione del cuore al Vangelo, che diventa misericordia. C’è attesa anche per la prossima Assemblea della Cei, che si terrà a novembre dalla quale so attendono interessanti novità.

Tra i temi centrali, i giovani, pensando al Sinodo che sta per partire e alla piaga della disoccupazione, una drammatica situazione che umilia la dignità stessa delle persone. “I vescovi - si legge nel comunicato - interpellano i responsabili della cosa pubblica, perché non si accontentino di mettere in fila promesse o dichiarazioni falsamente rassicuranti”. Una preoccupazione ripresa dallo stesso cardinale Bassetti in conferenza stampa:

Il nostro non è uno sguardo di politici né di sociologi. Il nostro è proprio lo sguardo con il cuore dei pastori. E ci preoccupano alcune situazioni particolari: la situazione drammatica dei giovani senza lavoro, che prima era un po’ a macchia di leopardo, ancora qualche anno fa, un po’ distribuita nel Paese mentre adesso è generalizzata.

Parlando dei migranti, il cardinale Bassetti ha evidenziato l’importanza di essere pastori anche qui che l’ottica adottata non è stata quella di politici, ma di pastori:

E come pastori, è chiaro che a noi interessano la solidarietà tra tutte le persone e l’integrazione. Anche se, come ha ben precisato il Papa, anche per l’accoglienza certamente ci vogliono dei criteri. Mi è piaciuto molto, su questo punto, quello che hanno detto i vescovi d’Europa, che anche noi abbiamo condiviso nella nostra riunione della Cei. Anche la Chiesa di Europa - dicono i vescovi - riconosce che non c’è alternativa alla solidarietà fatta di accoglienza, di integrazione, e che appunto possono anche esserci tante difficoltà, perché certamente il fenomeno è complesso.

Riguardo al decreto sicurezza - uscito in concomitanza con il lavoro del Consiglio - il presidente della Cei ha specificato che deve ancora approfondirlo e che comunque deve essere ancora “discusso, approfondito, deve ancora intervenire il Presidente della Repubblica”. Esprime comunque preoccupazione per l’abrogazione dei permessi di soggiorno per motivi umanitari e anche la riduzione di questi permessi “perché in questo modo si rischia di esporre tante persone a un futuro incerto come pure l’espulsione legata anche al primo grado di condanna che non sarebbe proprio in pieno con la Costituzione”.

Un’altra situazione che preoccupa è quella delle zone terremotate, nella quali è stata curata bene l’emergenza ma bisogna affrontare alcuni problemi importanti come le abitazioni provvisorie, la rimozione delle macerie, la ricostruzione.

Sul tema della tutela dei minori, altro nodo da sciogliere, è stato diramato che la Commissione pontificia si è incontrata con loro, non più di 15 giorni fa, e ha espresso soddisfazione per “quello che stiamo facendo”. La Commissione della Cei, che si occupa di questo, si è riunita più volte nel corso dell’anno, sottolinea.

Infine è stato annunciato che sarà realizzato a Bari, nel novembre del 2019, un Incontro di riflessione e spiritualità per la pace nel Mediterraneo. Attenzione rivolta anche al mondo della scuola con la necessità di promuovere un’alleanza educativa e di coniugare Vangelo e cultura. Prima d3el commiato il cardinale Bassetti ha rivolto parole di ringraziamento a monsignor Nunzio Galantino, che ha concluso il suo mandato ieri come segretario della Cei. Il 26 giugno è stato infatti nominato dal Papa presidente dell’Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica (Apsa). Per la successione, è stata presentata una lista di nominativi al Papa al quale spetta il delicato compito di indicare il porporato più indicato a questo importantissimo incarico

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

28/09/2018
1312/2018
Santa Lucia vergine

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Ora tutti in piazza

Ora il disegno è chiaro. Ora si capisce perché ieri tutte quelle paginate sulla “svolta pro gay” al Sinodo. Ve l’avevamo detto subito da queste colonne: occhio alla trappola, occhio che vogliono dividerci.

Leggi tutto

Politica

Il programma del Popolo della Famiglia: 26 punti di orientamento

Il Popolo della Famiglia ha «un programma nutrito ed esaustivo di ben 319 pagine! Si chiama Compendio della Dottrina Sociale della Chiesa» (G. Amato). Abbiamo prodotto, con ingente sforzo di sintesi, queste 26 parole riassuntive dell’idea che muove il PdF: non esaustive e certamente perfettibili, esprimono però il nostro orientamento

Leggi tutto

Società

Se arrivano a volerci in galera

La violenza di chi l’ha denunciata è sotto gli occhi di tutti, la clamorosa dimensione della discriminazione di cui è fatto oggetto chi non la pensa come il coro dominante sul tema dei “nuovi diritti” dovrebbe far saltare in piedi l’Italia intera a difesa di Silvana De Mari. Invece in piedi insieme a lei ci siamo noi e pochi altri amici. Non un opinionista di un importante quotidiano, non una trasmissione televisiva che gridi allo scandalo, alla lesione importante di un fondamentale diritto alla libertà di opinione, non un collega giornalista che rivendichi persino per noi la libertà di stampa e l’articolo 21 della Costituzione. No, quell’articolo è invocato solo se l’opinione è quella “giusta”, cioè quella dominante.
In un’Italia così sarà motivo d’orgoglio essere radiati dagli Ordini e mandati in carcere. Quando poi il fascismo finì, fu chi subì quei provvedimenti a poter dire: io ho resistito.

Leggi tutto

Politica

Le polemiche inutili

Chi ha spacciato dati diversi non ha calcolato i voti ottenuti da tutte le 19 liste, ha compiuto errori banali come conteggiare le percentuali sui votanti e non sui voti validi, ha voluto deliberatamente chiudere gli occhi su dati che hanno del miracoloso, preferendo sviluppare le odiose polemiche inutili di soggetti che possono sfogarsi solo su Facebook o sui blog. Chi ha osato criticare il fatto che calcolassimo la percentuale solo considerando i comuni in cui ci siamo presentati, poi, ha toccato vette in cui la polemica inutile sconfina nel delirio da rabbia incipiente.
E veniamo alla questione politica. Perché siamo noi il quarto polo? Semplice: perché noi ci siamo. Sa dirmi l’augusto collega dell’Espresso quanti voti in una città chiave come Verona ha preso Alternativa Popolare di Alfano e Lupi o Energie per l’Italia di Stefano Parisi? Mi dice ad Avola o a Conegliano quanti consensi ha raccolto Idea di Quagliariello e Roccella? Siamo il quarto polo per assenza di competitori. Siamo tanti, prendiamo molti voti e pazientemente sopportiamo le polemiche inutili. Meno riusciamo a sopportare la fabbrica di veleni di cui è sempre capace l’Espresso, che quando il Circo Massimo lo riempiamo noi scrive che la capienza è trentamila, quando lo riempie Sergio Cofferati sono tre milioni.

Leggi tutto

Società

Pietro Bartolo e la sua visione sui migranti

La questione sui migranti continua a dividere anche i cattolici. La maggior parte dell’opinione pubblica sta con il ministro dell’Interno ma Pietro Bartolo ci dice la sua….

Leggi tutto

Chiesa

GRILLO E AVVENIRE, ADINOLFI (PDF): M5S È OPPOSTO ALLA CHIESA

Ma cosa hanno in comune la Chiesa ed il Movimento Cinque Stelle. Divergenze di opinioni in corso.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2018 La Croce Quotidiano